Monviso, Colletto Pensa Parete Ovest, diretta del triangolo

Ritorno alla Ovest dopo la discesa di fine marzo, ora c’è grande innevamento e si può scendere tutta senza togliere gli sci, trovo neve da sogno, farina assestata “a bolle”, nella parte alta e giù sino alla base del secondo nevaio in sci, ma qui devo toglierli per accedere al primo nevaio, per una colata di ghiaccio vetrato da fusione del pomeriggio precedente, tipica negli ovest e a volte insidiosa quando come oggi la temperatura rimane bassa nonostante il sole: colgo l’occasione per lasciare foto “vetrato con effetto specchio” ad indicare questo tipico fenomeno nelle pareti ovest a stagione inoltrata; lascio inoltre foto di una inflorescenza da fiaba sui Torrioni SARI. Per dirla con Albertber, quest’anno abbiamo condizioni pleistoceniche.
il Triangolo pennellato
vetrato con effetto specchio
i Torrioni SARI fioriti sul colletto Pensa
il delicato traverso per evitare il risalto sotto al Triangolo
il sole splende freddo sul secondo nevaio
neve da sogno nella parte alta

[visualizza gita completa con 6 foto]
Ore 13: sbuco sul colletto Pensa in un turbinio di vento che solleva la neve dal basso, dopo un onesto discorso con l’alpe durato circa 6 ore. È tardi ma riposo al riparo sul lato sud, la parete è alta e la salita si è rivelata impegnativa, sono salito in libera per contenere i tempi e scorrere su i due risalti di ghiaccio sottile, da trattare con sensibilità alle piccozze, buono e sicuro. Nel giugno del 1977 Romeo Isaia, attuale gestore del rifugio Savigliano, tracciò con Guido Ghigo la splendida salita “diretta al Triangolo”, su questa ovest alta circa 1000 metri, costruendo una delle più complete vie di misto nelle Alpi Sud occidentali. Oggi sono salito da solo perché penso che una eventuale chiamata in sci sulla Ovest sia solitaria: la neve può essere pericolosa, è sovente ventata, quando andò Federico Varengo nel maggio 2009 rinunciai io e rimandai dirottandomi al Brec; questa volta avevo una mezza idea di cercare un compagno ma ho anticipato la salita di un giorno causa cambiamento meteo, infatti oggi mentre scrivo queste due righe è arrivata la perturbazione, tutto della montagna cambierà ancora, le grandi valanghe che si staccano dal Triangolo pensile spazzeranno la parete.
Parto saggiando pian piano la neve, tengo le antenne dritte ed inizio con qualche virata di prova, nei primi metri c’è poca neve su fondo duro, poi l’attività di pennello si fa regolare nel magico ghiacciaio del Triangolo ora illuminato dal sole. E' ampio, la neve è perfetta, quante volte avevo sognato di sciare sul Triangolo pensile! Nella parte bassa del Triangolo traverso a sinistra e continuo per la strettoia avvicinandomi al risalto-goulotte di accesso al Triangolo medesimo: dove in salita ero passato senza l’uso di cordami e ferramenta, predispongo una piccola calata di aiuto su cordino assicurandomi intanto con le piccozze. Rimetto gli sci e continuo con curve strette e tratti di derapata nelle strettoie del secondo nevaio (il meno sciabile, magro di neve, fondo irregolare), poi l’altra interruzione nella quale disarrampico alcuni metri sotto una doccia di farina da vento, per accedere al primo nevaio, il più basso, di nuovo in sci sul primo nevaio, neve di nuovo ottima, farina ventata, morbida e pennellabile, traverso diagonale verso destra, qualche metro sci in mano per valicare la dorsale rocciosa e giù a tutta velocità sui pendii verso il lago di Vallanta. Segue un trasferimento su crosta cedevole, raccapricciante, sino a Castello. Tutto cambia e oggi nevica, anche qui diventerà bella.
P.s. attenzione avviso: se la via originaria di salita "diretta al Triangolo" effettuata con buone condizioni e basse temperature limita i pericoli oggettivi, una discesa in sci è sempre e comunque pericolosa, su nevi sovente ventate e pendii sospesi molto ripidi. Non deve mai essere sottovalutata ed è opportuno averla salita una volta senza sci!


[visualizza gita completa con 21 foto]
No non sono io... volevo notificare meritatamente (visto che non l'aveva fatto nessuno) una grande prima ripetizione della via storica di De Benedetti sulla ovest del Monviso, datata 1986, il 1 maggio 2009 ad opera di Federico Varengo in giornata da Castello.
I miei complimenti a Varengo e, con tutto il rispetto, mi vien da pensare ai materiali di De Benedetti...
Allego immagini di una linea perfetta ma effimera su di una parete fantasma... Ancora complimenti

[visualizza gita completa]

Ci sono anche stati ...

  • 25/04/13 - sborderzena
  • Caratteristica itinerario

    tipo itinerario: itinerario complesso
    difficoltà: IV :: 5.5 :: E4 :: [scala difficoltà]
    esposizione preval. in discesa: Nord-Ovest
    quota partenza (m): 1600
    quota vetta/quota massima (m): 3730
    dislivello totale (m): 2170

    Ultime gite di sci ripido

    08/03/20 - Antoroto (Monte) canale NE - ceceme
    I primi metri sono molto ripidi e purtroppo solo apparentemente ben innevati. Infatti per circa 10 /15 mt si scende praticamente sull'erba nascosta da 20 cm di neve nuova. Superato questo primo tratto [...]
    08/03/20 - Piure (Punta) Canale Nord - vik
    Saliti fino alla biforcazione sci ai piedi, poi preso il ramo di sinistra tutto intonso (8 persone nel ramo dx). Proseguito a piedi faticosamente (tanta neve) fino ad uscire al pianoro. Discesa fino a [...]
    08/03/20 - Vallette (Cima delle) Parete Est - ecooski9
    Tutto intonso... Fighissima... Slavine di superficie ma nel complesso ben sicura!!
    08/03/20 - Vallette (Cima delle) Parete Est - teo
    Bellissimo, tutto intonso!! Un attimo di riflessione e poi giù, neve ben compattata. Partiti dal frais, alla fine del canale ripellato 150 m fino al colle. Scesi poi dalla comba scura. Cult.
    08/03/20 - Quattro Sorelle (Punta) Imbuto N - giole
    Saliti da lato Poggio Tre Croci su ottima traccia (grazie!!) che saliva al colle Pissat con una bella trincea. Entrati nella conca svoltiamo a sx iniziando a tracciare l’interminabile conoide su 25 [...]
    07/03/20 - Viraysse (monte) Canale NE - Mine Vaganti - jonny_bravo
    Bella idea dei soci, io questa linea non l'avevo proprio vista, ritornati poi di nuovo in cima e scesi il canale proposto da Fiorito Garnero per recuperare il bastoncino perso da un componente del gruppo, ottime condizioni in entrambi i canali.
    07/03/20 - Bussaia (Monte) da Palanfrè e discesa su Roaschia dal canale Nord - sales93
    Era da tempo che vedendo tutti i giorni da casa queste montagna sognavamo di sciarle..canale nord del bussaia con neve a tratti ventata non il massimo poi discesa del Servantun e del Balur su ottima neve. Ambiente spettacolare compagnia top!