Corni Bruciati, cima NE da Pra Isio

osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: Crosta da vento/Sastrugi
neve (parte inferiore gita) :: Crosta da rigelo portante
note su accesso stradale :: ghiaccio nell'ultimo tratto
quota neve m :: 1600
attrezzatura :: scialpinistica
L'imbeccata ci viene data dal nostro amico Matteo qualche giorno precedente , quindi non bisogna farsela scappare. La parte alpinistica è di tutto rispetto e appagante , oltretutto nemmeno breve. Poca la roccia in questo momento e la neve si presta bene .
Attualmente la strozzatura del secondo canale e l'uscita poco prima della cima sono i 2 punti critici ma è da fare tutta con attenzione
Neve durissima in discesa e gambe a pezzi
Da soli sulla montagna , mirata da tempo e finalmente portata a casa
Con Tiziana
Primo canale
poco sotto la cima
passaggio della strettoia
in punta

[visualizza gita completa con 4 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: Farinosa compatta
neve (parte inferiore gita) :: Crosta da rigelo portante
note su accesso stradale :: lasciata auto 15 min prima di Prati Isio per ghiaccio
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
si possono mettere gli sci a Caldenno..calcolare circa 45 min di spallaggio da dove abbiamo lasciato noi l'auto... 15 min prima di Prati Isio per tratti con ghiaccio…
Tenuti gli sci fino all’entrata del primo canale, da qui spallati e messi i ramponi… sarebbe stata utile anche un picca vista la pendenza… e sarebbe stato meglio lasciare gli sci alla base del canale..
Infatti, una volta sbucati dal canale, l’avvicinamento al secondo e’ breve.. complice la neve portante abbiamo quindi proseguito a piedi… secondo canale affrontato con 2 picche… la pendenza aumenta nella strozzatura dove c’e’ il passaggio di misto… poi pendenza sempre sostenuta fino alla sella a fianco del grosso masso…da qui si ha il tratto finale…
Noi non ci siamo tenuti a fianco alle rocce, non utilizzando ne corda ne friends..che in ogni caso avevamo in caso di necessita’… dalla sella abbiamo percorso un breve traverso verso sx per evitare il primo ripido tratto..seguendo tracce preesistenti …. Poi immediatamente ripiegato a destra riportandoci verso la cresta…
Qua, stando sempre un poco lontani dalle rocce di cresta, abbiamo percorso il pendio a tratti molto ripido, fino all’ultimo risaltino roccioso che porta in cresta… risalto che e’ stato superato senza particolari difficolta’ grazie alla neve dura dove piantare le picche e 2 punti comodi per entrambi i piedi…
Una volta sbucati in cresta la punta e’ appena sulla destra…. Piccolo ometto…
In discesa ci si rende conto delle pendenze a volte sostenute affrontate in salita… salita che e’ stata agevole grazie alla qualita’ della neve, tenuta buona grazie alle temperature basse nonostante l’esposizione, e a diverse tracce di chi ci ha preceduti….
in caso invece di neve molle, la parte alta diventerebbe pericolosa…
partiti verso le 8: 30.. abbiamo un po’ sottovalutato l’avvicinamento e ce la siamo presa comoda… in discesa abbiamo trovato neve gelata…vallone ormai in ombra da un po’… arrivati all’auto a buio…
gita completa…dislivello..lunghezza…parte alpinistica non banale…ambiente molto bello nella parte alta..panorama di prim’ordine..

Gitona con Andrea


[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: Primaverile/Trasformata
neve (parte inferiore gita) :: Crosta da rigelo portante
note su accesso stradale :: Io ho parcheggiato 100 metri sotto il parcheggio di Pra isio perché c'è ghiaccio nell'ultimo tratto, ma con le gomme da
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
Gitone bellissimo, in un vallone isolato e poco frequentato. Dal parcheggio si ha un 15 minuti di portage, fino a Caldenno, poi su mettono gli sci. Al mattino la neve è dura e quindi si procede bene. Le tracce salgono sulla riva sinistra del torrente, io in fondo alla valle ho traversato il fiume e sono salito sulla destra del torrente. Alla fine del secondo pianoro c'è un primo canale da affrontare, ma se la neve è troppo dura lo si può evitare salendo a destra. Salito alla conca superiore a quota 2300 lo spettacolo è stupendo ma si notano vari canali e varie punte e un po' non si capisce quale sia quello per la punta nordest. Bisogna percorrere la conca facendo un semicerchio verso destra, il canale giusto è sulla destra, le foto aiutano. A salire la neve mantiene la consistenza per il grip dei ramponi ma occhio all'orario di discesa perché se manca vento fa molto caldo e la neve smolla in fretta anche in quota quando bisogna ridiscendere la parte alpinistica..diciamo che all'una bisogna stare scendendo. La discesa oggi è stata bella perché il sole ha smollato bene la neve.

[visualizza gita completa con 2 foto]

Caratteristica itinerario

tipo itinerario: in canalone
difficoltà: OSA :: PD+ :: [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Sud
quota partenza (m): 1600
quota vetta/quota massima (m): 3098
dislivello totale (m): 1500

Ultime gite di sci alpinismo

22/02/20 - Beccher (Cima) da Piamprato - lchiusa
Gita con discreto sviluppo e dislivello. Nella parte bassa la neve comincia a scarseggiare, anche se abbiamo tolto gli sci solo per pochi metri in salita e ravanato 5 minuti in discesa poco sopra la s [...]
22/02/20 - Tsa (Tour de la) da Bionaz per il Versante Sud e possibile giro per il Vallone di Sassa - vik
Prima parte su sentiero estivo a tratti ghiacciato con qualche togli-metti, forse più agevole salire sci in spalla. Molto caldo e neve pesante con costante zoccolo, lasciato gli sci al colle dove in [...]
22/02/20 - Viraysse (Monte) o Cime de la Coste du Col da Saretto per il Colle Sautron - mbourcet213
Partiti sci ai piedi dalla macchina, stradina ancora ben innevata così come i primi pendii, man mano che ci si addentra nel vallone il paesaggio muta ritornando un po' più simile a quel che dovrebbe [...]
22/02/20 - Auto Vallonasso da Chialvetta - lucianeve
Consiglio di salire dal sentiero, anche se si portano gli sci per un quarto d'ora, perché dal lato dx orografico di mattina c'è il traverso ghiacciato sul fiume non tanto simpatico. Noi abbiamo calz [...]
22/02/20 - Ivertaz (Monte) da Mont Blanc - barrosismo
Neve da subito e fino in cima. Fra pochi giorni ci sarà del portage, data la poca materia prima in basso. L'ambiente dell'itinerario, soprattutto dopo il col du Lac Blanc, è selvaggio e spettacolare [...]
22/02/20 - Thabor (Monte) dalla Valle Stretta - smarchio
Gita azzeccata. La stradina è tutta coperta e la neve continua la si trova poco dopo la partenza. La temperatura di oggi ha fatto mollare la neve che da cima alla macchina è sciabilissima. Quasi tut [...]
22/02/20 - Grevasalvas (Piz) da Plaun da Lej - gianbo
Giornata molto calda, solo al colle un po’ di vento. Usati rampanti per la cresta finale. In alcuni punti incominciano a spuntare pezzi di prato. Sciata non eccezionale. In alto diverse placche ghi [...]