Nouva (Testa della) Da Campiglia per il colle dell'Arietta e la cresta sud ovest

note su accesso stradale :: Tutto a posto
Salito giusto per la curiosita' di sondare questo breve percorso di cresta che a quanto mi risulta ad ora nessuno abbia mai avuto interesse o voglia di prendere in considerazione da dire, voglio andare a ficcarci il naso..vada come vada..sara' la troppa distanza che ne separa la base dall'attacco..il troppo poco sviluppo della cresta in se..le difficolta' tutto sommato contenute II, III+ max la roccia di tipo gneiss..contrariamente a come si pensi, solida invece in questo caso..sta di fatto che per tutta una serie di ragioni..la cosa non e' che mi abbia soddisfatto gran che..indubbiamente appagante se vista in un quadro d'insieme dove e' l'escursionismo per una volta tanto a trionfare sull'alpinismo ridotto in questa sede a ben poca cosa.
Partenza come di solito nel cuore della notte..ore 3, luna gia' calata poco danno la frontale ben interviene a fare il suo dovere..meta' pianoro appena attraversato e mi vedo arrivare sparati da dietro, i fari del margaro che col camioncino sale per la mungitura..tutt'un abbaiar di cani..e' un attimo poi torna il silenzio con esso l'alba di li a poco..la fatica aumenta in misura proporzionale al numero delle svolte del sentiero di cui e' facile perderne il conto tante che sono.. oltre di poco a monte le baite Azaria la prima neve..ben compattata..ramponi subito ai pied,i e li rimarranno fino in cima anche nel breve tratto di cresta dove essi si sono rivelati utili e a dare maggior sicurezza, specie nel tratto iniziale pianeggiante della cresta mista roccia e terra immediatamente alla dx del passo..seguono una serie di tre salti netti, separati da brevi tratti di cresta aerea e accidentata. Rimanendo sul filo i passi sono valutabili attorno al III III+ non oltre..tuttavia scostandosi dal filo di poco alla sua sx le difficolta' si attenuano sensibilmente..immutata rimane comunque l'esposizione..che va attenuandosi un minimo a partire solo dalla base del terzo ed ultimo salto.. dove sulla sx su neve e' possibile sfuggire alle maggiori difficolta' che la cresta oppone prima dell'arrivo in vetta.
La discesa sul versante valdostano considerata un po' la via normale a questa montagna, quotata ma non nominata sulle mappe..tra l'altro con ottimo grip per i ramponi..ore 10 di mattino circa..comporta l'inevitabile risalita di 200 m a tornare al colle dell'Arietta, a ripercorrere a ritroso l'itinerario dell'andata..aime' con neve cedevole gia' una scarpa e sin di piu'..ecco spiegate le ragioni dell'aumentato dislivello al quale ne andrebbe aggiunto ancora un pezzettino se calcoliamo il tratto che dal colle per cresta decisamente facile in questo caso..porta in cima alla testa dell'Arietta..dove con oggi nel tempo a tre contano i passaggi su questo straordinario belvedere..da poltrona numerata sul magnifico Pian d'Azaria.
Solo escursionisti in gran numero su e giu' per il pian d'Azaria..nessuno incontrato alle quote superiori..due chiacchiere con un giovane guardiaparco..e assistito alla sailta delle mandrie per l'avvio di stagione al pascolo.

al fondo in alto il colle dell'Arietta..
la cresta..dal colle..
da sommo del primo salto della cresta..
con di fronte la Testa dell'Arietta..e dietro la Torre di Lavina..
passaggio in camino sul secondo salto III..forse III+..
terzo e ultimo salto evitabile per neve a sx..
dalla testa della Nouva..verso le cime del Gran Paradiso..
la risalita al colle dell'Arietta in alto al centro ..
la Testa della Nouva ripresa al ritorno..dalla Testa dell'Arietta..
la cresta salita come appare dal lato nord.. ripresa nella fase di risalita al colle..

[visualizza gita completa con 10 foto]

Caratteristica itinerario

difficoltà: AD- :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud-Ovest
quota partenza (m): 1650
quota vetta (m): 3031
dislivello complessivo (m): 2060

Ultime gite di alpinismo

08/03/20 - Pania della Croce Amoretti di Vestea, variante di sinistra - delchecc
un po più impegnativa della Amoretti ma a mio parere più divertente
08/03/20 - Succiso (Alpe di) Canale del Masso - davec77
Sorprendentemente le condizioni sono ottime, grazie alle recenti nevicate con sbalzi termici e nonostante le alte temperature. Innevamento non abbondante ma neve buona, con piccoli saltini in ghiacci [...]
08/03/20 - Giovo (Monte) Canale Destro - andrea lanfri
Neve non molto portante sul lago, poi abbastanza sfondosa sui pendii iniziali e nella prima parte del canale che non era tracciato. Neve accettabile soprattutto nei tratti più ripidi, con molto ghiac [...]
08/03/20 - Agnellino (Bric dell') Cresta Est o Costa dei Balzi Rossi - paoloeffe
Cresta divertente, lunga e mai difficile, un po' discontinua nella parte iniziale, la roccia è discreta anche se qualcosa si stacca ovunque. Noi abbiamo fatto tutta la salita in conserva senza fare t [...]
07/03/20 - Gran Miuls (Monte) Canalone NO - billcros
a nord oggi giornata fredda e senza vento neve al top di gamma e di ottima qualità, come ci si mette allo scoperto alzandosi di quota le creste e le cime sono senza neve .a parte qualche placcone rim [...]
07/03/20 - Gran Miuls (Monte) Canalone NO - schumy
appena arrivati capiamo subito che sara' una bella sfacchinata perche' e tutta da battere.... saliamo a dx orografica del vallone del gran muels, per le grange jacques dove di solito si scende e non s [...]
01/03/20 - Mongioie (Monte) Parete NE - Canale dx, Comino-Garelli - luc69
Bella salita in ambiente invernale e severo (dovuto al meteo capriccioso), peccato però che arrivati al salto di roccia ci siamo infilati nel canale di DX accorgendosi dello sbaglio solo quando il c [...]