Viraysse (Monte) o Cime de la Coste du Col da le Pontet per il Col de la Gipiere de l'Oronaye e la cresta SE

neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2200
Partito alle 8 da Le Pontet con -4°; la dx idr. e’ ormai quasi priva di neve, che si riesce ancora a calpestare sul sentiero estivo. Oltre i 2200m inizia la neve continua, di nuovo abbondante prima del Col Gipiere d’Oronaye, dove arrivo alle 9.10. Dopo una breve sosta mi incammino con vari saliscendi in direzione Soubeyran, ci passo sotto, scendo al Lac de la Reculaye, lo attraverso al centro e ricomincio a salire verso il primo colletto che conduce alla conca sotto la sella a quota 2700 circa, sormontata sulla dx dalla Pointe de la Reculaye (2783m). Metto i ramponi per il breve traverso su pendio ripido, facile ma in neve dura, e arrivo all’inizio della cresta finale per il Monte Viraysse; neve non sempre continua e spesso sfondosa, in vetta alle 11. Il clima è piacevole e mi concedo una bella ora di pausa prima della discesa; recupero le racchette lasciate alla sella 2700 e riprendo il lungo cammino a ritroso verso il Col Gipiere d’Oronaye dove giungo alle 14.15. Molto faticoso l’ultimo tratto verso Le Pontet, a causa della neve ormai marcia, in cui faccio grandi buchi. All’ auto alle 15.10, dove il tempo cambia repentinamente, con arrivo di bufera e rapido ingrigirsi del cielo, poco piacevole per chi era ancora sulla montagna (condizioni di white out).
Vetta
Dalla vetta: Colle Sautron, Meyna al centro, Tete/Batterie de la Viraysse a sx
Dalla vetta tutto il percorso di salita con il Col Gipiere Oronaye a dx
Discesa: sguardo indietro sul tratto sommitale finale e vetta
Lo sviluppo della gita: cresta SE, sella quota 2700, Col Gipiere d'Oronaye
Il traverso su pendio ripido verso la sella quota 2700 circa
Traverso e cresta finale visto dalla sella
Il suggestivo attraversamento del Lac de la Reculaye
Idem visto dai dossi sotto il Monte Soubeyran
Col Gipiere d'Oronaye: il Viraysse a dx della piramide della Tete de Peymian

[visualizza gita completa con 10 foto]

Caratteristica itinerario

tipo itinerario: pendii ampi
difficoltà: BR :: [scala difficoltà]
esposizione: Sud-Ovest
quota partenza (m): 1950
quota vetta/quota massima (m): 2838
dislivello totale (m): 1200

Ultime gite di racchette neve

17/02/20 - Pianard (Monte) da Palanfrè - luciano66
Partito alle 8,20 con 1 grado e nebbia fino a circa 1500m, dove si bucava ad un bel sole e vento via via in aumento. Sulla parte finale e in vetta e' stata una lotta con il vento caldo e fortissimo. I [...]
16/02/20 - Midia Soprano (Monte) da Ponte Maira per il Monte Estelletta - roberto vallarino
Dopo la salita nel ripido bosco con neve ghiacciata fino verso i 1800 che rendeva la gita deludente, le cose migliorano e sempre con le racchette saliamo dritto x dritto fino a sbucare sul Monte Estel [...]
16/02/20 - Bianca (Rocca) da Indiritti - rccs
La poderale che porta agli ex-capannoni delle miniere a quota 2000 è larga e facilmente percorribile. Purtroppo a causa della scarsità di precipitazioni delle settimane scorse, la neve in questo tra [...]
16/02/20 - Piana (Cima) o Mont de Panaz da Mont Blanc - benoit
Bella cima con panorama stupendo su Cervino e Rosa – peccato che ieri era grigio. Anche l’innevamento non era il massimo: neve molle sotto e dura in cima. Almeno era sicura. Confermo che la part [...]
16/02/20 - Cornour (Punta) da Giordano per cresta NE - laitbrusc
Condizioni della neve ideali per una salita in sicurezza e senza fatica eccessiva. Poca rispetto alla stagione (condizioni primaverili) e sempre ben portante grazie alle velature che hanno evitato lo [...]
16/02/20 - Fournier (Cima) da Bousson - margherita dolcevita
Dal lago nero in su la traccia è su farina (non tanta, ma quanto basta per rendere piacevole la discesa), in basso invece la neve è dura e ghiacciata. Poche persone sulla cima. La gita è stata mist [...]
16/02/20 - Barant (Punta) da Villanova - madox
Pista forestale sopra il rifugio fino a quota 2000 si segue con facilità, finito il bosco risulta ricoperta di neve dura e quasi indistinguibile dai ripidi pendii sovrastanti. Cresta terminale dalla [...]