Viraysse (Monte) o Cime de la Coste du Col da Larche per il Colle Sautron

osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: nessun problema
quota neve m :: 2200
Un'ora buona di con racchette sul groppone, a Larche non c'è neve sui versanti sud nemmeno a cercarla (eccetto le misere piste). Qualche chiazza a tratti nel vallone lungo il torrente ma se si sta sul sentiero alto a mezza costa la si può evitare (specialmente al ritorno quando diventa molle e sfondosa). Raggiunta la spalla che si affaccia sula Cabane de Viraysse innevamento diventa continuo, non abbondante ma sufficiente. Al mattino neve ottima, ruvida e con ottimo grip, io sono passato sotto la Tete de Peymian per abbreviare il percorso, fino ad accedere alla conca superiore, dove è meglio stare sul dosso centrale per evitare dei traversi un po' scomodi fino a dover risalire il ripido pendio per il colle Sautron. Anche qui, nonostante il sole e le temperature elevate neve ottima che mi ha permesso di salire sulla massima pendenza, raggiungendo la dorsale già oltre il Colle Sautron; da qui in pochi minuti sono arrivato alla cima, assenza di vento e panorama notevole. Grazie alle ottime condizioni sono giunto in cima in circa 2h 30'.
In discesa tutto è cambiato, il sole ha scaldato la neve e già il pendio era un po' scivoloso, ma sopratutto nelle conche e nei pianori il collasso è stato totale con sprofondamenti a ogni passo fino a toccare il fondo (che manca).
Arrivato alla Cabane de Viraysse ho fatto un vano tentativo per dirigermi al versante nord della Tete Dure (che nelle intenzioni avrei voluto salire) ma era davvero impensabile proseguire su neve del genere, oltretutto in assenza di traccia nel vallone. Così mi sono goduto un po' di più la bella giornata, d'altra parte un giorno di ferie va goduto come tale e non come uno sbattone.
Nessuno sul mio percorso, ma molta gente sparpagliata su tutti gli itinerari, in particolare dal versante della Val Maira con innevamento maggiore.

[visualizza gita completa]

Caratteristica itinerario

tipo itinerario: pendii ampi
difficoltà: BR :: [scala difficoltà]
esposizione: Sud-Ovest
quota partenza (m): 1675
quota vetta/quota massima (m): 2844
dislivello totale (m): 1170

Ultime gite di racchette neve

27/02/20 - Missun o Missoun (Cima) da Upega, anello - enrico54
utili ramponi
24/02/20 - Diable (Cime du) da les Mesches per Pas du Trem - roberto vallarino
Gran bella gita che avevo in programma da tempo e oggi con Michele, siamo riusciti e dopo un primo tratto tra ghiaccio e poca neve come da itinerario, inizia la neve e presso la carrareccia con brevi [...]
24/02/20 - Fascia (Cima della) da Limone Piemonte - luciano66
Parto alle 7.20 con 8 gradi e metto le racchette dopo una decina di minuti sulla stradina; la vera neve continua inizia poco a monte di Casali Braia, a circa 1300 m (mezz'ora di portage). C'è poi una [...]
24/02/20 - Rocca La Meja da Preit, anello della Rocca - robymat
Giro facile con dislivello contenuto e senza difficoltà tecniche. In caso di forte innevamento, valutare il percorso migliore da seguire nella risalita del pendio che porta alle Grange Chiacarloso ed [...]
24/02/20 - Monastero (Lago di) da Curchiatto e l'Alpe Costapiana - parinott
Si arriva in auto fino alla sbarra, ho usato i ramponcini da quota 1700, praticamente dopo i Prati della Fontana. Neve al mattino durissima, non è stato un bel camminare, sulla strada le condizioni s [...]
24/02/20 - Cassorso (Monte), cima ovest da Preit per il Canalone SE - ggoitre
Buone condizioni come relazioni dei giorni precedenti. Consiglio di partire il più presto possibile.
24/02/20 - Capitano Crova (Ricovero) da Bonne - c. nord
Ancora molta neve in Valgrisa ma certo non della migliore viste le incredibili temperature ( 10 gradi a Bonne alle nove). Percorso tracciato per dritto e per traverso in tutte le sue possibilità pass [...]