Fond de Peynin (Pic du) dal Pont de Lariane

osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
note su accesso stradale :: strada pulita e percorribile senza problemi fino al Pont de Lariane
quota neve m :: 2000
Ci siamo messi in cammino dal parcheggio del Pont Lariane alle 8.30 con una giornata spaziale, un po' di vento e temperatura rigida (eravamo a -13°!) iniziando a seguire una traccia battuta da parecchi scialpinisti che saliva in diagonale a destra in direzione del Vallon Riou des Rousses e della cima. I primi 250 m di dislivello avevano neve solamente a tratti, e diversi tratti erbosi affioranti. La neve era fin dall'inizio in ottime condizioni (compatta, dura e portante). Fino a 2300 m siamo saliti senza utilizzare le ciaspole, all'imbocco del vallone-canale che porta verso la cima la copertura nevosa era continua e siamo saliti utilizzando le ciaspole, su pendii che gradualmente diventano più ripidi e con neve sempre dura (il tratto prima di arrivare al Col du Fond de Peynin era quasi da ramponi). La cresta finale era di facile percorso, non era mai problematica, occorre fare attenzione solo nel tratto finale a non avvicinarsi troppo alle cornici rivolte al versante opposto (lato Aiguilles). L'ometto di pietre della cima era ancora sommerso dalla neve e non visibile. Anche nella parte superiore oggi neve favolosa, meglio di così non avrei potuto chiedere, peccato solamente per il vento che ci ha sempre tenuto compagnia! Noi siamo saliti in 3 ore dal Pont de Lariane alla cima. Nonostante il meteo ottimo e le condizioni decisamente buone oggi eravamo presenti solamente noi su questa montagna, incrociati solamente alcuni ciaspolatori a fondovalle lungo la strada che porta al Colle dell'Agnello. Notevole il panorama osservato dalla cima, con lo sguardo che spaziava dalle varie cime del Queyras, al Monviso, Roc della Niera, Aiguille e Brec de Chambeyron, Gruppo degli Ecrins per arrivare al più lontano Massiccio del Monte Rosa...niente male direi! Uscita veramente piacevole e appagante, valeva la pena di salire questa cima! Dopo una breve pausa in cima siamo scesi, seguendo a ritroso la traccia di salita, la neve ha retto decisamente bene, nel giro di 2.15 ore siamo rientrati al parcheggio. Il Queyras riserva sempre delle gite molto interessanti e di soddisfazione, per chi non conosce questa zona vale la pena di scoprirla e conoscerla meglio, non mancano di certo le gite da prendere in considerazione!
Noi siamo venuti in due giornie abbiamo pernottato al Gite d'Etape Les Arolles di Molines en Queyras, davvero confortevole, dove ci siamo trovati molto bene, e mi sento di consigliare, per rapporto prezzo/prestazioni, accoglienza e trattamento ricevuto! La mezza pensione costa 40 euro e si sta meglio che in diversi rifugi italiani, inoltre i gestori sono gentili ed ospitali. E' stato un piacevolissimo weekend tra le belle montagne del Queyras, in ottima compagnia di Giuliana P. e Luigi C. genovesi in trasferta come il sottoscritto. Un saluto a Monique e Romain, a la prochaine fois!!

la conca del Pont de Lariane, punto di partenza
risalendo i primi docili pendii nevosi verso il Vallon Riou des Rousses
iniziando a risalire il Vallon Riou des Rousses che porta verso il Col du Fond de Peynin e la cima
salendo lungo un pendio ripido nel Vallon Riou des Rousses
salendo nella parte finale del Vallon Riou des Rousses
parte alta del nostro itinerario di salita
la parte finale della cresta che porta in cima
salendo verso la cima
l'arrivo in vetta al Pic du Fond de Peynin
autoscatto di gruppo in vetta

[visualizza gita completa con 10 foto]

Caratteristica itinerario

tipo itinerario: pendii ampi
difficoltà: BR :: [scala difficoltà]
esposizione: Sud
quota partenza (m): 2024
quota vetta/quota massima (m): 2912
dislivello totale (m): 900

Ultime gite di racchette neve

22/02/20 - Giornalet (Monte) dalla Valle Argentera - viper
Salito come da itinerario, con partenza alle 8.15 dal ponte Terrible (-3 gradi, al ritorno alle 13.40 erano +6.5). Pistona battuta fino a Brusa' del Plan, ma sui pianori antistanti si sfondava la cros [...]
22/02/20 - Tsa (Tour de la) da Bionaz - andrea81
Partito alle 7.45 dal bivio 300 m prima di Chez Chenoux, percorrendo il sentiero estivo per l'alpe Chalon presenta alcuni punti scoperti perciò sono salito a piedi su pista ben gelata fino all'alpegg [...]
22/02/20 - Ciriunda (Monte) da Tornetti - laura59
Salite per sentiero,tagliato su prati i tornanti.Dal bivio neve continua e perfetta.Per sci,ciaspole,ramponi.Seguito la folla.Gran blu, mentre la pianura era , è sotto una cappa viola. Discesa su firn marcetto, ma veloce.Gran caldo.
21/02/20 - Cassorso (Monte), cima ovest da Preit per il Canalone SE - luciano66
Primo al parcheggio del Preit,parto alle 8 (0 gradi) e dopo qualche minuto su asfalto metto le racchette dalla centralina. Poco prima delle 9 sono all' ingresso del canale e sulla sua parte bassa al s [...]
21/02/20 - Plan Puitz (Batteria di) da Saint Rhemy - c. nord
Al momento poca neve sulla strada alla partenza, poi qualche tratto scoperto fino a Plantaluc dove si può arrivare anche senza racchette. La situazione migliora decisamente nel bel bosco di abeti f [...]
20/02/20 - Garde (Rocher de la) da Chateau Beaulard per il rifugio Guido Rey - paolokaps
Saliti dal percorso della vecchia pista, in discesa passati dal rifugio Rey e ritorno dal sentiero; traccia allegata. Neve assente alla partenza, lasciate le ciaspole alla vettura. Calzati i ramponc [...]
20/02/20 - Bousson (Col) da Bousson per il sentiero forestale - faber74
partito da parcheggio di Bousson e arrivato alla Capanna Mautino (aperta) passando per il sentiero poi proseguito fino al colle lì si aprono spazi tutti bianchi con vista a 360 gradi dalla Fournier alla valle di Cervieres