Falcone (Pizzo) da Marettimo

Sentiero perfetto e ben segnalato ai bivi.
Seconda giornata di trekking alle Egadi organizzato dal CAI di Lanzo.
Saliti in una bella giornata fresca, e in punta ventosissima.
Fatto in discesa l'anello fino alla strada per Punta Libeccio. Incontrati un paio di mufloni.
Guidati dall'inossidabile Giorgio Pace, 80 anni magnificamente portati.

Il paese salendo verso le Case Romane
Sopra le Case Romane
Punta Troia
Ecco la vetta
Panorama quasi dolomitico dal colle
Quasi in vetta
Panorama dalla vetta verso sud
Scendendo verso punta Bassana
Nella pineta
Punta Bassana

[visualizza gita completa con 10 foto]
Giunti alle Case Romane,invece di prendere il sentiero che conduce presso la Punta Campana,abbiamo proseguito in direzione nord sul sentiero che conduce verso Punta Troia.Lo abbiamo poi abbandonato a quota 400 circa per prendere una deviazione verso ovest che ci ha riportati sull'itinerario più facile.Fatto alcuni incontri "ravvicinati",prima con un muflone,poi con un biacco carbonaio (sarà stato lungo oltre 1 metro e mezzo!!),poi con una biscia piccolina e infine con un leprotto.La macchia mediterranea è spettacolare,peccato che non abbiano ancora inventato un apparecchio che permetta di registrare i profumi che c'erano nell'aria.Insomma una gita fantastica in un ambiente naturalistico che io erano anni che non vedevo.
Condiviso la gita con Loredana e Rosaria fino alle Case Romane, poi proseguito in vetta con Sergio.

p.s. vorrei stendere un velo pietoso sul servizio aliscafi che collega la Sicilia con le isole Egadi!!!


[visualizza gita completa con 3 foto]
Salgo da solo in una giornata particolare molto ventosa con cielo coperto. Sotto Cima Campana incontro sul sentiero diversi piccoli mufloni che si spostano solo di poco dal sentiero al mio passaggio. Dal Passo la vista dall'alto sulle pareti dolomitiche del versante opposto a quello di Marettimo è impressionante, sembra di trovarsi su un percorso sulle Dolomiti o le Grigne. Salgo faticosamente dal passo alla cima a causa del vento teso. Dalla cima, grazie ad alcune parziali schiarite si vedono le altre Isole delle Egadi e la costa della Sicilia.

[visualizza gita completa]

Caratteristica itinerario

sentiero tipo,n°,segnavia: Cartelli ai bivi
difficoltà: E :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Est
quota partenza (m): 2
quota vetta/quota massima (m): 686
dislivello salita totale (m): 684

Ultime gite di escursionismo

26/02/20 - Lera (Monte) da Givoletto per il Monte Castello e Madonna della Neve, possibile anello - madox
Vento impetuoso e aria fredda. Superbi panorami sulla pianura e su Torino. Pista forestale lunga e poco varia, molto allenante la ripida salita a Madonna della Neve. Sempre ottima traccia a parte ne [...]
26/02/20 - Grigna Settentrionale o Grignone da Colle di Balisio, anello per la Bocchetta del Nevaio - robyberg
Salita al Grignone quasi solitaria, effetto virus, solo 7 persone salite in cima. Neve da poco sotto i Comolli, da qui ramponi indispensabili, neve dura senza remollo. Sole poi velature, nuvole e poi [...]
26/02/20 - Martin (Punta) e Monte Penello da Acquasanta, anello - anna1092
Partita con il sole e arrivata in vetta con nubi nere, tuoni e granelli di neve e tanto vento, Punta Martin non delude mai! Completato il giro ad anello.
25/02/20 - Paglie (Bric), da Graglia per il Col S. Carlo e traversata a Borgofranco - brunello 56
Giornata peggiore non potevo scegliere. Le previste ed attese schiarite non ci sono state, tutta la gita all’insegna della scarsa (o nulla) visibilità. Di inquadramento neanche a parlarne, si saliv [...]
24/02/20 - Lunelle (Punta e colle) da Traves, anello - laura59
Caldo intenso.Sentieri puliti e ben segnati.Arietta fresca solo in vetta.
24/02/20 - Sapei (Monte) da Comba, anello per il Colle Arponetto e Rocca Sella - mario-mont
Sentieri ormai completamente sgombri da neve. Tutto il percorso ribollinato di recente, a parte il tratto Arponetto-Sapei, senza segnaletica.
23/02/20 - Pian Spigo (Punta) da Vonzo - andrea.paiola
Saliti più o meno fino alla cresta, c'è ancora un sacco di neve nelle zone in piano e il caldo l'ha resa liquida, quindi si sprofondava fino all'inguine dopo le 11... un calvario tornare al Santuari [...]