Grigna Settentrionale o Grignone da Colle di Balisio, anello per la Bocchetta del Nevaio

note su accesso stradale :: Libere
Salita al Grignone quasi solitaria, effetto virus, solo 7 persone salite in cima. Neve da poco sotto i Comolli, da qui ramponi indispensabili, neve dura senza remollo.
Sole poi velature, nuvole e poi sole, temperature frizzante con vento a folate freddo.
In complesso buona salita per riprendere.
Rifugio Brioschi chiuso, rifugio Antonietta aperto per pranzo.


In salita
Dai Comolli
Cresta finale
Rifugio
Grignetta
Sguardo indietro
Primavera
Riflessi

[visualizza gita completa con 8 foto]
note su accesso stradale :: pulite
Primo Grignone del 2020, 4 gennaio, con i giovani, salita dalla chiesetta per la via invernale con neve dura ma ben gestibile, ramponi dai Comolli, in discesa non ha mollato molto fino a poco sopra i Comolli, una moltitudine in cima saliti da ogni via, anche con gli sci, peccato non averli portati, alla prossima.
Tanti incontri al rifugio con ottima torta e birra.


[visualizza gita completa con 5 foto]
note su accesso stradale :: Libere
Antivigilia di Natale, 23 dicembre, speciale in cima al Grignone, sentiero fino all'alpe Cova un po' scivoloso, neve dopo il boschetto del Pialeral, ramponi dai Comolli. Il vento previsto non è stato così terribile, folate fino in cresta e più frequenti fino in cima ma senza esagerare. Parecchie persone in cima ma senza sosta vista la chiusura del rifugio. Un buon Natale a tutti gli amici di Gulliver con ciò che neve e vento creano.

[visualizza gita completa con 8 foto]
note su accesso stradale :: Pulite
Oggi, ancora ottima salita al Grignone, partito dalla chiesetta con divagazione verso Alpe Campione e sentiero della traversata bassa, neve dal Pialeral calpestabile senza ramponi fino ai Comolli, alle 9, forse prima un po' più dura, ramponi dal bivacco con traccia migliore rispetto a venerdì scorso abbastanza caldo per il periodo ma anche in discesa la neve ha tenuto, vista spaziale dalla cima, una ventina di persone tra cui 4 ragazzi con gli sci. Peccato per la perdita della picozza, vedi altro post, ma spero in chi sale domani magari Claudio o I rifugisti, il valore è solo affettivo ma importante.

[visualizza gita completa con 5 foto]
note su accesso stradale :: Libere
Oggi, venerdì 29, un white Friday sul grignone, ritardo e partenza da Balisio causa incidente all'imbocco della strada per la chiesetta, salita con neve dopo il boschetto, dura fino ai Comolli causa velatura poi passata. Ramponi sul muro del pianto, Via invernale, con neve rimollata il giusto, cresta ben tracciata. Perecchie persone sul tracciato, unico percorribile al momento. Leggera brezza in cima ma generalmente caldo. Ottima giornata ben spesa.

[visualizza gita completa con 4 foto]
note su accesso stradale :: strade poco trafficate
Oggi variazione sul classico itinerario.
Partenza dalla chiesetta del Sacro Cuore fino al bivio per la traversata bassa, attraversamento del Pioverna e deviazione a destra per il sentiero dell'alpe Campione, poco battuto e poco segnalato, errore di percorso al cartello che indica il Pialeral, dietrofront e ripresa del sentiero un po' più identificabile prima nella faggeta e poi tra i pini mughi.
Uscita a una baita e poi al laghetto quindi alpe Campione e buco di Grigna da cui si prende il percorso della traversata alta, ben segnalato, diversi tratti con catene ed un po' esposti, raccordo con la via estiva e vetta al rifugio Brioschi, chiuso.
Discesa dalla via invernale, Pialeral e chiesetta.

Giornata tersa con ottimi panorami, temperatura fresca con sole caldo, ventilato in cresta e in vetta.
Nessuno sull'itinerario, una decina di persone in vetta.
Gita solitaria.


[visualizza gita completa con 7 foto]
Ritorno dopo un po' sul grignone, salita dalla via invernale e discesa dalla via estiva, parecchie persone in cima, tempo variabile, migliore a nord con vista dal Rosa al Bernina sul presto poi aumento della nuvolosità, incontro sempre piacevole con il mitico Claudio Ghezzi, appuntamento in vetta con il figlio Carlo salito dal Cainallo.
Un ricordo a Davide i cui funerali si svolgono oggi


[visualizza gita completa con 7 foto]
Partito direttamente da Balisio verso mezzogiorno con un caldo pazzesco che toglieva il fiato. Fatto l anello in senso antiorario e fortunatamente dal bivacco in su le nebbie hanno decisamente stemperato il caldo.
Nebbie che una volta raggiunta la cima hanno fortemente limitato il panorama. Discesa comoda e veloce lungo il sentiero estivo.
Ottima gita che avevo già percorso molti anni fa in veste scialpinistica. Rifatta oggi con questo caldo record è stata un esperienza mistica e un po masochista...

[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: pulite
Salita al Grignone via invernale e discesa via estiva. Tempo non al massimo con nubi sul versante sud nella parte alta dai Comolli, sentiero tutto pulito con qualche tratto fangoso nel bosco e dopo i Comolli. Temperatura frizzante. Discesa con un po' di neve sotto il bivacco Merlini. Poche persone in salita, un gruppetto dalla via della Ganda con molta neve.
Fioritura primaverile nei prati.



[visualizza gita completa con 9 foto]
note su accesso stradale :: pulita
Salita al Grignone in condizioni quasi estive, poca neve rimollata solo dopo i Comolli e sempre aggirabile.
Salita dalla via invernale e discesa da quella estiva.
In cresta poca ma ben tracciata. In discesa marcione su cui scendere tranquillamente senza ramponi.
Diverse persone in cima salite da tutti gli itinerari, due con gli sci dalla via della Ganda, alcuni dal canalone ovest con picche e ramponi.
Tempo bello troppo caldo, leggermente ventilato in cresta, con velature verso la pianura che poi si sono dissolte.
Salita solitaria ammirando la fioritura primaverile notevolmente anticipata.


[visualizza gita completa con 10 foto]
note su accesso stradale :: pulite
Prima salita annuale al Grignone approfittando della giornata ancora bella con temperature non ancora in discesa, 2 gradi alla chiesetta questa mattina, poi al sole bel caldino, poco vento dopo il pialeral ma poi si è calmato.
La leggera spruzzata di ieri ha solo colorato di bianco i pendii, il ghiaccio è ancora presente in alcuni punti, consigliati i ramponi o al limite i ramponcini.
Salita dalla via invernale e discesa da quella estiva dove si è accumulata più neve quindi si scende meglio almeno nella parte alta e media.
Poche persone in cime, una decina, incriciato sia in salita che in discesa, oltre che in rifugio, il mitico Cludio Ghezzi.



[visualizza gita completa con 5 foto]
note su accesso stradale :: un po' di neve sulla strada
Giornata splendida e poca, pochissima neve, tant'è che siamo saliti per la via invernale senza ramponi e ridiscesi da quella estiva
Con Riccardo che ha dimostrato grinta e tenacia, e Alice che manco sentirà la fatica


[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: libero
Dopo una settimana dal tentativo precedente una giornata "spaziale" per la salita al Grignone.
In attesa di calzare gli sci, mancanza di soci, vado sul sicuro su una meta sempre frequentata.
Partenza dalla chiesetta di Balisio con temperatura di 1 grado ma subito si passa al sole già nel boschetto e ci si scalda anche per merito delle belle pendenze.
Neve poco sotto i Comolli con sentiero tracciato, dal bivacco, lungo la via invernale, utili i ramponi, pochissimi non li hanno utilizzati. Unica via tracciata l'invernale da cui si è scesi.
Leggera brezza sulla cresta e in vetta ma stando riparati il tepore del sole era gradevole.
Parecchie persone sull'itinerario.
Oggi giornata di rifornimento al Brioschi con pochi viaggi dell'elicottero.
Vista spettacolare dal Bernina al Monviso e alla catena degli appennini che sbucavano dalla foschia della Valpadana.



[visualizza gita completa con 8 foto]
note su accesso stradale :: strada a fondo naturale percorribile con prudenza. Pochi parcheggi
Ho seguito l'itinerario invernale salendo (dal Pialarel fino al Bivacco e poi su diritto fino in cresta) e la via estiva in discesa.
Giornata tersa e fresca, un pochino di venticello piacevole, poche nubi nelle vallate
Splendido panorama
Tutto il giro in 5 ore

[visualizza gita completa]
Giornata variabile con sole alternato a nebbie e nuvole , questo ha evitato il grande caldo in salita. Parecchia gente su tutti gli itinerari di salita. Consigliato comunque non partire tardi.
Gita condivisa con gruppo della diocesi di Milano impegnato in un percorso culturale Tra lago e monti


[visualizza gita completa con 6 foto]
note su accesso stradale :: buona sterrata fino alla chiesetta del Sacro Cuore
Salita in condizioni ottimali, lunghetta come dislivello (io sono partito direttamente da Colle di Balisio percorrendo 2 km di strada) ma dal percorso tutto sommato breve. Gran caldo già dalla partenza, a queste quote ormai si inizia un po' a soffrire, anche se la prima parte del sentiero fino all'Alpe Cova si snoda al fresco del bosco. Parte alta del percorso su buon sentiero anche se poco curato (ricco di pietrame), che sempre su buona pendenza fa guadagnare rapidamente quota. Peccato per un po' di nebbia di calore formatesi in salita, ma per fortuna giunto in cima dopo 3 ore con ottima visibilità e gran panorama. Molto suggestivo il "lato B" del Grignone, con ancora parecchi nevai. Discesa dalla via invernale verso la Bocchetta del Nevaio, una cresta rocciosa da effettuare con cautela con terreno viscido, altrimenti nessun problema. E' consigliabile passare da qui per apprezzare meglio la mole del Grignone ed il suo versante più selvaggio. La pecca è che poi la discesa al Bivacco Riva Girani è ripidissima e specie in alto bisogna far attenzione a non far rotolare pietre su eventuali escursionisti.
Come ipotizzabile molta gente su questa cima simbolo della zona, ma ben distribuita su tempi e spazi. Alcuni saliti anche dalla via invernale, che obiettivamente data la ripidezza del sentiero non consiglierei a nessuno di percorrerla salendo.


[visualizza gita completa]
Si arriva ai Comolli senza quasi toccare neve. Poi possono essere utili ramponi e racchette. Io non avevo niente e sono salito lo stesso anche con la neve bagnata delle 14:30, utilizzando per quanto possibile i crinali asciutti. Da metà muro in poi sono salito e sceso completamente solo con grande sensazione liberatoria. In vetta in 2 ore e 20. La fontana del Pialeral è ancora a secco. Funzionante invece quella della chiesetta.

[visualizza gita completa]
Neve da 1600 metri circa, numerose persone sull'itinerario anche se non la abituale folla oceanica. Ramponi dai Comolli nonostante la neve fosse già piuttosto molle, solito traccione autostradale fino in cima. Cresta che presenta alcuni brevi tratti privi di copertura nevosa; corde fisse presenti e utili a dare ulteriore sicurezza. In cima in 4h 15'; giornata calda ma non torrida, eccellente panorama dalla cima. In ottima compagnia di Andrea C., Andrea T., Andrea D. e di Giuseppe che si è aggregato ai Comolli.

[visualizza gita completa]
Salito sull'autostrada a due corsie tutta scalinata della diretta invernale, visto gli oltre 50cm. di neve fresca caduta i ramponi sono rimasti nello zaino. Per report itinerario foto completo digita (Su e giù...con lo zaino 2).
Ottima giornata in compagnia di Nicolas. Pranzato con un'ottima zuppa al di fuori dell'incrostato Rif. Brioschi, un lusso che non puoi permetterti tante volte di questo periodo. Molta gente sul percorso che come noi hanno pensato ....Se il pranzo Pasquale vuoi saltare, al Grignone devi andare


[visualizza gita completa con 10 foto]
Traccia autostradale e ben battuta. Percorso iper frequentato come di consueto. Le nuvole basse ci hanno privato del panorama. Fino ai Comolli si arriva tranquillamente senza ramponi, con le dovute precauzioni, da lì in avanti è bene procedere ramponati. Percorso dal lungo sviluppo che richiede un certo impegno fisico.
Consueta uscita annuale in Grigna del CAI Bellano.


[visualizza gita completa con 2 foto]
note su accesso stradale :: Pulite
Salito dal sentiero estivo e disceso per la via invernale (cresta da percorrere con attenzione se in mancanza di ramponi). Bella salita panoramica con dislivello non da poco conto. Ripida la discesa, anche nei boschi sotto al Pialleral.

[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: Solita sterrata prIva di neve
Unico passaggio un po ostico appena si arriva sulla cresta completamente ghiacciata e piena di neve. Ramponi vivamente consigliati. Salita dall invernale e discesa comoda dall estivo

[visualizza gita completa]
dalla chiesetta del Sacro Cuore passando dal rifugio Pialeral si sale con alcune serpentine al bivacco Comolli senza problemi.Dal bivacco parte la via invernale e dopo aver calzato i ramponi sono salito su lingue di neve trasformata,immerso nelle nubi con una visibilita'ridotta ho seguito i paletti metallici fino alla cresta est e quindi alla croce di vetta e al rifugio brioschi,dove ho trovato dei gestori molto cordiali che saluto.Stranamente poca gente sul percorso sia per il tempo,qualcuno ha rinunciato non rischiando su una neve molto ghiacciata sul ripido
Domenico


[visualizza gita completa con 8 foto]
Non ero ancora mai arrivato su questa bella e celebre montagna, che Aldo/"abe" aveva conosciuto fin dai "primi passi" con le prime escursioni... L'occasione è arrivata in questa circostanza, con il fratello Roberto/"robyberg", con Ennio, Gastone e Claudio, suoi compagni/amici da sempre...
Ho apprezzato subito l'ambiente di questa gita, quello naturale e paesaggistico, ma anche altre "cose", la notevole frequentazione di oggi, ad es. (come penso in ogni w.end)... Molte persone presenti, che tuttavia non hanno affatto limitato l'aspetto più interiore e per noi particolare di questa circostanza..., ma "spazio per tutti", ciascuno con il "proprio stile"...
Intenso e profondo è stato il momento di raccoglimento presso la cappella della vetta e l'ascolto del canto/lode "Laudates omnes gentes" con la "viva" presenza spirituale di Aldo/"abe" e Roberto C., "in cielo", ma sempre con noi...


[visualizza gita completa con 5 foto]
Partiti dalla chiesetta del Sacro Cuore, salita tra sole e velature sparse, sulla cresta apertura dal lato del lago poi alternanza di nebbie e squarci, vista sulla catena alpina sempre preclusa dalle nubi.
Molte persone in vetta con prevalenza dal lato del Cainallo.
Con Stella Alpina, Ennio, Gastone e Claudio.
Alla cappella un momento di raccoglimento e ricordo per mio fratello Aldo (abe) caduto il 10 agosto sulla cresta Rey, che sul Grignone ha sempre trovato spazio per le sue salite invernali ed estive.

Riporto il ricordo dei figli letto al termine del funerale:
“Quello che vogliamo condividere con voi oggi è ciò che la montagna significa per papà:
reciproca fiducia, affidarsi totalmente ad un’altra persona, un Amico, un Fratello, non solamente un compagno di cordata.
Fatica, uno sforzo che non sia fine a se stesso, ma che riesca a dare un gusto nuovo al raggiungimento della meta e alla contemplazione dell’immensità da cui si è circondati.
Gioia, quella che scaturisce dagli occhi di chi vive questa passione.
Serenità, cercata soprattutto in quest’ultimo anno, e tranquillità sicuramente trovata nella quiete delle cime.
Preghiera, meditata durante la salita, cantata sulla vetta e sussurrata lungo la strada del ritorno. Tanti sentieri percorsi per trovare il silenzio e ritrovare il Padre.”

“Molte sono le strade che portano a Dio, una di esse passa per la montagna.”
[Reinhold Stecher, vescovo di Innsbruck – da “Il messaggio delle montagne”]
Sofia e Luca




[visualizza gita completa con 6 foto]
sgambata per tenere la forma e fare dislivello, anche se l'itinerario è un po' monotono e diventa bello solo nel finale dopo il bivacco merlini, dove si sbuca in cresta e si ammira il versante sul lago.
con queste temperature portare molta acqua.

[visualizza gita completa]
Giornata stupenda e poca gente...

report su -settentrionale-m-2404-dal.html

[visualizza gita completa con 3 foto]

Ci sono anche stati ...

  • 21/02/19 - robyberg
  • 22/11/18 - robyberg
  • Caratteristica itinerario

    difficoltà: EE :: [scala difficoltà]
    esposizione prevalente: Sud-Est
    quota partenza (m): 840
    quota vetta/quota massima (m): 2410
    dislivello salita totale (m): 1570

    Ultime gite di escursionismo

    26/02/20 - Lera (Monte) da Givoletto per il Monte Castello e Madonna della Neve, possibile anello - madox
    Vento impetuoso e aria fredda. Superbi panorami sulla pianura e su Torino. Pista forestale lunga e poco varia, molto allenante la ripida salita a Madonna della Neve. Sempre ottima traccia a parte ne [...]
    26/02/20 - Grigna Settentrionale o Grignone da Colle di Balisio, anello per la Bocchetta del Nevaio - robyberg
    Salita al Grignone quasi solitaria, effetto virus, solo 7 persone salite in cima. Neve da poco sotto i Comolli, da qui ramponi indispensabili, neve dura senza remollo. Sole poi velature, nuvole e poi [...]
    26/02/20 - Martin (Punta) e Monte Penello da Acquasanta, anello - anna1092
    Partita con il sole e arrivata in vetta con nubi nere, tuoni e granelli di neve e tanto vento, Punta Martin non delude mai! Completato il giro ad anello.
    25/02/20 - Paglie (Bric), da Graglia per il Col S. Carlo e traversata a Borgofranco - brunello 56
    Giornata peggiore non potevo scegliere. Le previste ed attese schiarite non ci sono state, tutta la gita all’insegna della scarsa (o nulla) visibilità. Di inquadramento neanche a parlarne, si saliv [...]
    24/02/20 - Lunelle (Punta e colle) da Traves, anello - laura59
    Caldo intenso.Sentieri puliti e ben segnati.Arietta fresca solo in vetta.
    24/02/20 - Sapei (Monte) da Comba, anello per il Colle Arponetto e Rocca Sella - mario-mont
    Sentieri ormai completamente sgombri da neve. Tutto il percorso ribollinato di recente, a parte il tratto Arponetto-Sapei, senza segnaletica.
    23/02/20 - Pian Spigo (Punta) da Vonzo - andrea.paiola
    Saliti più o meno fino alla cresta, c'è ancora un sacco di neve nelle zone in piano e il caldo l'ha resa liquida, quindi si sprofondava fino all'inguine dopo le 11... un calvario tornare al Santuari [...]