Ponsonnière (Col de la) quota 2717 m da le Pont de l'Alpe

osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
note su accesso stradale :: strada pulita
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
Prima gita sociale CAI Pianezza del 2019 con 23 partecipanti. Partenza alle 9,15 da Pont de l’Alp con -8°; dal parcheggio la situazione pare veramente scoraggiante, ma basta crederci. Si parte sci ai piedi sulla stradina innevata e si può tagliare anche qualche tornante sui prati, poi si tolgono gli sci per un brevissimo tratto scoperto (circa 100 metri lineari) e c’è qualche tratto ghiacciato. Poca neve e dura fino al ripiano sopra l’Alpe de Lauzet, poi dove il vallone piega a sinistra la sorpresa….15-20 cm di farina fredda e leggera su fondo del vallone e nei pendii riparati dal vento. Nella parte alta il vallone si apre a ventaglio e, non essendoci mai stati, c’è stata qualche indecisione nella scelta dell’itinerario e abbiamo perso un po’ di tempo, così si è fatto tardi e ci siamo fermati a quota 2.650 m circa.
Discesa iniziata alle 13,30. Stando il più possibile nelle zone riparate da vento e sole farina spettacolare e pendii tutti da tracciare…un vero spettacolo anche perché credo che nessuno se lo sarebbe aspettato!!! Nella parte bassa neve dura ma portante e abbastanza liscia, quindi sciabile anche se non bellissima. Solito tratto a piedi anche al ritorno e quindi con qualche attenzione sci ai piedi fino all’auto lungo la stradina. Le 3 stelle sono decisamente strette, a mio avviso la valutazione corretta è 3,5 (se fossimo a scuola, sarebbe un bel 7).

Giornata splendida e non troppo fredda, solo in cima c’era un po’ d’aria. Oltre a noi un gruppetto di francesi che però si sono diretti verso uno dei canali sotto la Tete de la Casille…

Gita poco conosciuta che però a mio avviso merita…l’ambiente è splendido e selvaggio e il vallone molto suggestivo anche se abbastanza lungo… personalmente ritengo che la scelta migliore sia puntare alla quota 2.824 m sulla Crete de la Ponsonniere (segnalato sulla carta IGN), che si trova tra il Pic de la Muliniere e la quota 2.717 qua descritta in quanto è l’itinerario più diretto e quindi sciisticamente più remunerativo; il Col e il Collet de la Ponsonniere mi pare invece che presentino parecchi tratti in traverso.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1900
attrezzatura :: scialpinistica
Gita di ripiego viste le condizioni meteo non ottimali. Con Gino che ha relazionato bene la salita inserendo una bella foto con l'itinerario, ottima alternativa in caso di incertezze in zona.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: idonea a qualunque veicolo sino a Pont de l'alpe
quota neve m :: 1900
attrezzatura :: scialpinistica
saliti su neve dura, sotto la cima ho messo i rampant giacche il pendio finale si impenna su neve ghiacciata, primi 200m di portage poi manto continuo sino in sommità, buon rigelo notturno.
gita di ripiego, purtroppo la visibilità è stata limitata fortemente causa nuvolaglie cupe e persistenti, con Teddy si è pensato più volte di ritornare ma alla fine siamo giunti in cima, bella zona che mi mancava in toto, merita altre visite ma con meteo decisamente migliore.
insieme a noi due c'erano i compagni Tini e Davide che hanno optato per la Crete Ponsonniere


[visualizza gita completa con 3 foto]

Caratteristica itinerario

tipo itinerario: pendii ampi
difficoltà: MS :: [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Sud
quota partenza (m): 1700
quota vetta/quota massima (m): 2717
dislivello totale (m): 1000

Ultime gite di sci alpinismo

22/02/19 - Mezzodì (Guglia del) da Pian del Colle - lucabelloni
Non posso che ribadire quanto scritto da chi mi ha preceduto riguardo alla bellezza della gita…dal punto di vista ambientale è sicuramente un gioiello, a maggior ragione se si pensa che si è a 1 K [...]
22/02/19 - Croce Occidentale (Passo la) da Chialvetta - Liviell
Considerate le condizioni generali è andata di lusso. Neve di un pò tutti i tipi ma abbiamo trovato ancora discreti spazi con farina. Occhio che nella parte bassa prima di prato Cioliero le pietre s [...]
22/02/19 - Echaillon (Crète de l') da Nevache - gio notav
Classico itinerario invernale, nel Vallone de la Buffère, che può essere una piacevole alternativa alla più frequentata Crete de Baude. Percorso con un discreto sviluppo e con una serie di possibi [...]
22/02/19 - Gran Rossa (Colle) da Mont Blanc, giro dei 10 laghi del parco dell'Avic - roberto.maucci
Buona sera a tutti. Sempre meno neve; sulla strada che porta a Dondena bisogna togliere gli sci tre quattro volte; però lasciata la poderale, per iniziare la vera gita, la neve è sufficiente. Disc [...]
22/02/19 - Malamot (Monte) o Pointe Droset da Piano San Nicolao - smarchio
Partenza da Piano San Nicolao. Neve sufficiente e abbastanza buona. Il vento presente a Piano San Nicolao è praticamente assente per tutto l'itinerario e lo si incontra di nuovo in vetta, ma non è s [...]
21/02/19 - Periades (les) dalla Vallee Blanche per la Breche de Puiseux - MOWGLI
Anche noi siamo stati attratti dalle relazioni precedenti(grazie al Gulliveriano Vik per le info) e dalle ottime condizioni dell’itinerario, anche oggi erano presenti in tanti sia dall’Italia che [...]
21/02/19 - Feluma (Punta) da Valgrisenche - chopin
partiti da Valgrisenche alle 9 assenza di vento temperatura frizzante ma come si sale un pò si sta meglio salita su traccia ben segnata, parte alta meglio avere i rampant ,neve di tutti i tipi da cro [...]