Grande Aiguille Rousse da Lago Serrù per il Passo della Vacca

osservazioni :: visto cadere valanghe a pera
neve (parte superiore gita) :: Bagnata
neve (parte inferiore gita) :: Primaverile/Trasformata
attrezzatura :: scialpinistica
Canalino del Ballotta ancora in buone condizioni fino all'incrocio col sentiero/ferrata. Da Pian Ballotta in su neve continua ma molto bagnata e pesante visto il rialzo termico. Parte alta sul ghiacciaio molto bella se si scia sui pendii in ombra e che prendono poco sole. Attenzione: strada chiusa sotto il lago Serrù fino al 26 giugno. Stanno lavorando al rifacimento dei muri dei tornanti. Ci sono quindi ulteriori 230 metri di dislivello per raggiungere il Serrù

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: Farinosa compatta
neve (parte inferiore gita) :: Primaverile/Trasformata
note su accesso stradale :: Lasciata auto 3 km prima per slavina poi rimossa
quota neve m :: 2500
attrezzatura :: scialpinistica
Meteo fino a mezzogiorno con nebbia nella parte superiore poi dissolta così abbiamo potuto regalarci una bella discesa fino sul piano su velluto bianco poi dopo il colle della vacca più umida ma mai sfondosa ultima skialp stagionale con Carlo

[visualizza gita completa con 2 foto]
neve (parte superiore gita) :: Farinosa pesante
neve (parte inferiore gita) :: Bagnata
note su accesso stradale :: Libero fino al lago dei Seru’
quota neve m :: 2400
attrezzatura :: scialpinistica
Saliti dal lago al Pian della Ballotta, saliti per il canarino con i ramponi sci in spalla. Dal piano neve continua.
Rampant per la salita del pendio della cascata su 20 cm di neve fresca umida con tendenza a scivolare.
Noi ci siamo fermati al Col d’Oin.
Discesa per la stessa via, ferrata per il rifugio e arrivo al lago.
Con Marcello

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: Crosta da rigelo portante
neve (parte inferiore gita) :: Primaverile/Trasformata
note su accesso stradale :: da oggi strada percorribile fino al Nivolet
quota neve m :: 2500
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti alle 6.45 per il sentiero basso lungo lago e risalito per pietraia fino al canale del Ballotta. Canale in neve dura salito con i ramponi. Dal piano neve continua. Salito alla Aiguille per il colletto occidentale tra la piccola e la grande su buona traccia con i rampanti obbligatori.
Discesa alle 11 con prima parte fino al colletto su dura da vento; dal colletto prime curve sul ripido e spostandosi a dx un tappetto liscio perfetto.
Traversato a ritroso verso il colle della Vacca con un po' di spinta sulle braccia e di nuovo discesa su trasformata ancora bella cercando la migliore esposizione.
Fine della neve e ferrata per il rifugio Ballotta quindi sentiero alto verso il parcheggio.
Meteo ottimo, un po' di vento in cima.
Gita dal lungo sviluppo ma meritevole


[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: Farinosa
neve (parte inferiore gita) :: Primaverile/Trasformata
note su accesso stradale :: Fino al lago Serrù
quota neve m :: 2200
attrezzatura :: scialpinistica
Saliti dal canale della Ballotta su neve con breve interruzione prima del piano. Salita al colle della Vacca su neve molto umida. I Iniziato risalita della parete Nord della Aiguille Rousse ed interrotta a 3200mt per nubi sopraggiunte e neve molto sfondosa.
Scesi sul ghiacciaio Source dell’Isere fino a 2900 mt con spettacolari 10cm di farina su fondo portante.
Risaliti poi dalla normale della Aiguille con meteo migliore.
Scesi dalla normale su 10-15cm di farina bellissima sempre su fondo portante e ripellato fino al Col d’Oin per poi scendere sul colle del paletto con neve primaverile un pò marcia, ma mai sfondosa e migliore in basso.
Arrivati sempre su neve praticamente al lago per prendere il sentiero estivo e fare 15 minuti di portage fino al parcheggio.
Totale 1800mt di dislivello ben spesi.
Con Fulvio e Gigi, grandi compagni di gita e post-gita.


[visualizza gita completa con 5 foto]
neve (parte superiore gita) :: Primaverile/Trasformata
neve (parte inferiore gita) :: Primaverile/Trasformata
note su accesso stradale :: Ok fino al parcheggio sotto la diga del Serrù
attrezzatura :: scialpinistica
Tutto il sentiero verso il Ballotta si fa a piedi, con qualche attraversamento di canali di neve da fare con cautela. Per il passaggio del Ballotta, abbiamo preferito la ferrata, ma era più che fattibile, con i ramponi, il canalino. Sopra il Ballotta, neve continua. Per il pendio ripido prima del passo della Vacca, vista l'inconsistenza della neve, siamo saliti a piedi, senza necessità dei ramponi. Ghiacciaio ben coperto. In tre ci siamo fermati per stanchezza sotto il canalino finale, Davide in punta. Discesa: il ghiacciaio era una moquette perfetta. Sotto il passo della Vacca, un po' più pesante, ma ancora divertente. Dal tratto ripido in giù pesante. Canalino del Ballotta in buone condizioni, si arriva fino al lago.
La Nord, a vedere la discesa di due scialp, sembra in ottime condizioni.

[visualizza gita completa con 4 foto]
osservazioni :: visto cadere valanghe a pera
neve (parte superiore gita) :: Primaverile/Trasformata
neve (parte inferiore gita) :: Bagnata
note su accesso stradale :: fino al tornante a quota circa 1950
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
La strada è sbarrata circa 200-250 metri di disliv a valle del lago. Innevamento continuo a partire dal canale del bivacco (al fondo del lago). Ramponi per questo canale, mentre il secondo l’abbiamo percorso senza visto che si sfondava. Temperature estremamente alte nonostante l’ora di partenza corretta. Si arriva sci ai piedi in vetta. In discesa, bella sciata fino al pianoro a valle del Passo della Vacca, dopodiché neve abbastanza molle. Assistito a diversi distacchi di neve recente/bagnata. Ambiente bello, bella cima, ma in quanto a sciabilità non eccelsa siccome l’itinerario presenta un lungo sviluppo che obbliga a trasferimenti più che sciate. Prima gita post pausa covid e probabile ultima della stagione (per me).

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: accessibile fino al Serru
attrezzatura :: scialpinistica
sugli aspetti tecnici ha detto tutto Andrealp con il quale ho condiviso la gita .. nord in condizione perfetta per la salita .. discesa da 6 stelle .. ancora molti distacchi dalle 12 30 in poi
avevo saluto l Aiguille Rousse negli anni 80 .. e sognavo di salire la nord .. nella vita basta avere pazienza ...


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: Si arriva fino alla diga del Serrù
quota neve m :: 2200
attrezzatura :: scialpinistica
Pernottato al Rifugio Pian della Ballotta.
Partiti per la ferrata verso le 6.30 rigelo presente ma scarso. Si ravana sul primo pendio ripido sopra il Pian Della Ballotta.
Gita molto lunga ed infatti solo l'Highlander Bruno sale in cima!
Neve a tratti bella e tratti molto sfondosa in base alle esposizioni .
Con Bruno Franco Giovanni
Si chiude qui la stagione di scialpinismo.
Saluti a tutti e buona estate !!

[visualizza gita completa con 4 foto]
attrezzatura :: scialpinistica
Aggiungo commento che non mi fa aggiungere nell'altra gita.Sci ai piedi fino al parcheggio tranne breve tratto alla diga.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: strada aperta fino al parchrggio fel Seru'
quota neve m :: 2300
attrezzatura :: scialpinistica
Saliti dal pian balotta e scesi dal col d'oin e colle del palo.Sci a spalle fino al piano Balotta'da li su neve portante fino in cima.Coltelli non indispensabili ma comodi al colle della vacca necessari parte alta ghiacciaio.Discesa da 5* sul ghiacciaio 'risaliti al col d'oin e poi da li neve prima un po sfondosa e poi dal colle del palo molliccia ma portante.Noi scesi a mezzogiorno.In punta solo noi e 2 ragazzi che saluto con cui abbiamo condiviso la discesa.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2500
attrezzatura :: scialpinistica
Saliti al Pian della Ballotta fino al pianoro soprastante il rifugio, (portage 40 min) dal pianoro abbiamo salito il pendio ripido di fronte lasciando a destra il Passo della Vacca, completamente scoperto dalla neve, Il pendio si presenta con neve umida e scivolosa, è salibile con gli sci e rampant o, meglio con i ramponi. Sul pendio è scivolata una persona, pare senza conseguenze, a cui facciamo gli auguri.
Superato il pendio la gita si presenta con neve compatta ma umida, il pendio finale necessita di rampant. Sul ghiacciaio non ci vedono crepacci. Dal colle della Aguille Rousse fino in vetta si può salire sia con gli sci che a piedi sul sentiero estivo completamente scoperto dalla neve.
Discesa molto divertente anche nei tratti ripidi.
La stagione pare finita, solo tre scialpinisti in vetta a fronte di circa una trentina di persone a piedi!!
Il tratto di via attrezzata per la discesa dal Pian della Ballotta al rifugio è piuttosto scomodo con gli sci in spalla.
Ultima gita dell' anno.
Con l' amico Marcello.





[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Ok fino al tornante sopra il lago del Serrù
quota neve m :: 2500
attrezzatura :: scialpinistica
Portage fino al Pian della Ballotta, saliti sulla destra fino al passo della Vacca, traverso e salita con un paio di buta e gava, al passo della Vacca ed al colletto prima della cima. Il tempo ha tenuto. Bella discesa soprattutto dal Passo della Vacca in giù.

[visualizza gita completa con 9 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: lasciata auto al tornante quota 2300 m
quota neve m :: 2300
attrezzatura :: scialpinistica
La neve inizia dal rifugio Pian della Ballotta, a cui si perviene con un comodo sentiero, senza perdere quota, con un portaggio di circa 25 minuti. Si può optare per la ferrata (più veloce) o, come noi, risalire il canalino. Si arriva sci ai piedi fino in vetta. Discesa bella sulla cresta, poi un ripido pendio su bella neve dura porta sul ghiacciaio in condizioni eccellenti. Poiché la situazione versante Carro ci è sembrata un po' magra (il canale della Capra è scoperto nell'ultimo tratto, e la neve è un po' scarsa anche dopo), abbiamo deciso di scendere per la via di salita, su ottima neve (a tratta un po' morbida, che a me piace comunque molto) e pendii a tratti piuttosto "ingaggiosi" per un BSA. Un paio di metri senza sci e poi l'imbocco del canale finale (bello dritto!) che consente di arrivare fino al rifugio in sci. Ancora un'ottima gita (e un grazie ai miei soci che se la sono tracciata tutta)!

[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Nivolet aperta
quota neve m :: 2300
attrezzatura :: scialpinistica
Aggiungo qualche foto alla descrizione.

[visualizza gita completa con 5 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: strada del Nivolet aperta
quota neve m :: 2300
attrezzatura :: scialpinistica
Ramponi indispensabili x salire il canale x Pian della Ballotta, trovato neve dura ma non gelata, il canale è totalmente percorribile su neve, pendii x Colle della Vacca con coltelli obbligatori così come ripido finale per il colletto che precede la vetta.
In discesa ore 10.45 pendii iniziali con 10cm di polvere su fondo duro ed uniforme, poi neve lievemente + pesante ma sempre molto portante, infine nel canale neve bagnata ma sciabile con un pò di attenzione
Attenzione che la traccia già inserita (come specificato) è quella estiva per la salita,mentre è quella scialpinistica per la discesa, noi lo abbiamo capito in ritardo
Pernottato al rif. Mila (0124953230) a Ceresole 40€ mezza pensione, ottima ospitalità


[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: umida
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: si arria fono alla diga
quota neve m :: 2400
attrezzatura :: scialpinistica
Partito dalla diga con portage fino al pian della Ballotta, dopo la neve è continua.
Giornata calda, 12°C alla diga, neve bagnata. Vista la scivolosità della neve utili i coltelli.
Discesa molto bella, risalito al col d' Oin e discesa sul ghiacciao del Carro fino al colle del palo.
I risalita occorre togliere gli sci.
Discesa con gli sci quasi fino alla diga.



[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: Si arriva fino al parcheggio sotto la diga del Serrù
attrezzatura :: scialpinistica
Saliti dal Ballotta e discesi dal colle d'Oin. Bellissima giornata, non troppo calda, buon rigelo sopra i 2800 m, neve ormai compatta. Però.... però gli sci in discesa si devono togliere troppe volte e, a parte il ghiacciaio, la neve in discesa è tutt'altro che esaltante. Forse la stagione è davvero finita!

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: in auto fino a quota 2040 ca.
quota neve m :: 2300
attrezzatura :: scialpinistica
Meteo spettacolare, 0 termico 3000 m nelle ore più calde, conseguenza: neve marmorea che cominciava a mollare verso le 10:00 nelle zone soleggiate.
Ho fatto la salita da Piano Ballotta raggiunto salendo lungo il canalino a fianco del bivacco dove la neve (verso le 07:00) era già lavorata dal sole ed aveva una consistenza ottima. Transitato dal colle della Vacca ho continuato con i ramponi fino in vetta alla Grande Aiguille Rousse su neve portante, sceso per la nord alle 09:30 (non dalla vetta in quanto la neve non aveva ancora mollato), punto al Col d'Oin e tocco la vetta su neve perfetta.
Ho visto che era presente anche la recensione della salita alla Rousse con discesa dalla nord. Inserito traccia e foto in quella -->


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: molto bagnata
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: in auto fino a 2000 m - chiusa per lingue di neve
quota neve m :: 2200
attrezzatura :: scialpinistica
Partito per farla in solitaria con previsioni (meteofrance, ilmeteo, 3bmeteo, Nimbus, ...) che davano schiarite/parzialmente nuvoloso… BUFALAAAAA!!!! Umidità 100%, pioggerella in alcuni momenti, nebbia persistente. Incontro 3 skialp con i quali facciamo combriccola e vaghiamo per 8,5 km tra le nebbie, i prati, gli arbusti e le lingue di neve fino al bivacco Ballotta. La visibilità persiste nel mantenersi prossima ai 30-50 m a meno di 1 minuto durante il quale scatto qualche foto. Decidiamo tutti di rientrare... peccato
Un saluto a Daniele, Gabriele e Veglio



[visualizza gita completa con 3 foto]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Sbarra a chiappili aperta
attrezzatura :: scialpinistica
Gran giornata di sole ma la temperatura in alto si e' mantenuta abbastanza bassa e malgrado lo scarso risgelo le condizioni sono buone. Neve continua dal canale del Colluret. Gita molto lunga. Siamo scesi sulla parete nord divertentissima e poi attraverso il col d'Oin per chiudere l'anello al lago di Serru.
Con "il giovane"


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: in auto fino al lago Serrù
quota neve m :: 2300
attrezzatura :: scialpinistica
Splendida chiusura di stagione....giornata fresca e tersa,
buon rigelo notturno(+3°alla partenza ore 7e10).Cominciata
la discesa alle 12 su bella primaverile con due dita di
neve fresca fino al colle della Vacca,da qui a bordo lago
marcetta divertente e sciabilissima.Il canale del Colluret
ancora in discrete condizioni,sufficientemente largo e ben
innevato ti permette le ultime acrobazie sulla neve...

Con Giorgio come al solito si apre e si chiude...


[visualizza gita completa con 2 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2300
attrezzatura :: scialpinistica
Splendida! Se si pensa che è il 30 giugno ci vorrebbero più stelle.
Portage sino a 40 metri sotto il Rif. Ballotta. Canale del Colluret già comodamente tracciato per la salita a piedi e poi neve portante per tutta la salita e dal colle della Vacca in su una spolverata di pochi centimetri di fresca. Perfetta a scendere sino al colle e poi molle senza esagerare.
Scesi in sci anche nel Canale. Partiti alle 5.35 tornati alla macchina alle 11.30.
Rigelo notturno. Sole Splendido ed aria fresca anche al ritorno. Niente da chiedere di più.
Un saluto al Lucone.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Si arriva in auto al lago Serrù
quota neve m :: 2300
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti alle 5 su sentiero e tracce di neve sino ad attacco (Piccolo Colluret) che abbiamo risalito picca e ramponi(neve piuttosto dura). Dal Pian della ballotta breve tratto in sci e poi ancora ramponi sino al colle della Vacca . Da li in poi tutto con gli sci e rampant sino in vetta . Discesi dopo le dieci, su neve un pò dura in alto ma bella e con buon grip . Il Piccolo Colluret (piuttosto ripido) con neve ammorbidita dal sole era sciabile anche se sporco di pietre nella parte finale.
In tre del Cai di Genova Sestri , gruppo Larice/Sanet .
Un saluto ai due simpatici amici cui abbiamo in parte condiviso gita e rifugio .
Ettore Gazzano ([email protected])


[visualizza gita completa con 8 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: nessun problema , strada fino al serrù ed oltre open
quota neve m :: 2300
attrezzatura :: scialpinistica
classica ripetizione della classica Grande Aiguille Rousse. Il sentiero fino sotto il Rif. Pian della Ballotta è ormai quasi complet. sgombro di fiocca. Alla base io consiglio di salire per tutto il canale, magari con i ramponi o con una picca e NON raggiungere il rifugio e salire dalla ferrata. Dal piano in sù c'è neve bellissima, non manca mai. Un discreto rigelo ha fatto sì che salissimo interamente con i coltelli. L'idea di salire per la nord è stata rapidamente accantonata in funzione della inflazionata, sicura, divertente via normale discretamente intasata da francesi risalenti dalla Val d'Isère. Piccola bava di vento discretamente fastidiosa in punta, strapanoramica e con tempo da urlo. Le foto sono su
Ringraziamenti a Annalisa ed un saluto ai Bubbolotti+Bruno C. incrociati nella fase di discesa. En passant il canale in discesa è facile e remunerativo perché consente di arrivare direttamente al sentiero che, quasi in piano, conduce tosto alle vetture.
L'innevamento di questo inizio estate è incredibile! non si vedeva una situazione parei da tanti anni. Sempre uguali invece le centinaia di motociclisti zarri infestanti il colle del Nivolet, una piaga d'egitto insanabile.
Buone gite a ... chi continua, nonostante le levatacce notturne!!!


[visualizza gita completa con 3 foto]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: altro
attrezzatura :: scialpinistica
Nullo il rigelo . Partiti alle 6,15 dall auto . Arrivati al colle scesi dal versante francese fino a quota 2700 neve perfetta . Saliti poi alla vetta . Ultimi 300 duri . Scesi tenendo la sx fino a quota 2800 sempre versante francese x poi ripellare x andar colle della vacca . Sceso verso le 14 neve un po' pesante ma ancora divertente .
Con Dario e Cucut nn in piena forma


[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: aperta fino al parcheggio del lago Serrù
quota neve m :: 2200
attrezzatura :: scialpinistica
Neve molle già alle 6 del mattino. Si mettono gli sci appena dopo la diga, con qualche tratto scoperto prima di arrivare al Piccolo Colluret. Canalino salito con ramponi per sicurezza. Neve molle con diverse colate superficiali tra Pian della Ballotta e passo della Vacca, di cui staccata da me che mi ha trascinato per un centinaio di metri. Dopo il passo neve crostosa, ultimi 3-400 metri con neve dura (coltelli) fino in cima. Skialpers sullo scivolo NNE (salita e discesa) di cui 2 con snowboard. In discesa prima neve dura con buon grip, poi crosta semi-portante (alle 10,30-11).
Sotto il passo della Vacca neve molle ma non sfondosa, scesi uno alla volta aspettando che le colate fatte dopo ogni curva si fermassero, idem per il canalino finale.

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: umida
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti con poche speranze sotto la pioggia. Abbiamo trovato sole e vento che via via e scemato. Peccato per le nuvole in vetta che hanno tolto visibilità. Neve umida ma sciabile sotto. Ottima sopra. Cresta larga in ottime condizioni. Passati per la ferrata ma si poteva risalire a piedi anche il canale con la poca neve rimasta. 7 sul percorso. Simpaticolo scialp di Rivalta. Grazie a Enrico che ha avuto fede quando sembrava disperata.

[visualizza gita completa con 5 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: umida
attrezzatura :: scialpinistica
bella gita di fine stagione. partiti intorno alle 7 e 30. percorso il sentiero per cinque minuti poi abbiamo risalito un dosso erboso sulla dx che con c.a 50 mt di dislivello consente di raggiungere il sentiero che in piano porta al rifugio. evitando di risalire le pietraie.dal pian della ballotta sci ai piedi fino in punta. oggi sole e vento a tratti forte e freschino che ha mantenuto dura la neve per la discesa.di ritorno al pian della ballotta alle 11.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: molto bagnata
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2100
attrezzatura :: scialpinistica
Le meteo davano miglioramento..ed allora mi sono fidato! peccato che sia migliorato solo nel pomeriggio!!
Partito sotto nevischio e 3 gradi al pd Ballotta neve..poi nevischio e tormenta con qualche sprazzo di sereno che faceva sperare....ma poi sul ghiacciao dell aguille si è richiuso a tappo white out completo a 3250 metri con discesa seguendo le tracce di salita...
Le condizioni della neve sono "strane"forse ieri in francia ha piovuto in alta quota ed in alto (oltre i 3100) sul ghiacciaio era sfondosa e mercia con 3 dita di fresca sopra...piu in basso sul versante italiano invece teneva bene ottima primaverile fino al lago (con 1 gava e buta) sceso e salito per il canale della ballotta.

[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
quota neve m :: 2500
attrezzatura :: scialpinistica
saliti dal colluret, percorrendo con picca in mano il canalino innevato, che ispirava molto più della ferrata con sci in spalla e scarponi ai piedi, pure percorsa dalla maggioranza di chi saliva.
dal piano della ballotta sci ai piedi e neve continua.
da 2700 m rigelo più efficace e sul versante francese neve ancora dura in salita. ultimo pendio tra grande e petit da salire a piedi o con rampanti. sci ai piedi fino a pochi metri dalla vetta.
discesa su neve molto bella fino ai piedi della dorsale nord. poi noi siamo risaliti al col d'oin e siamo scesi per il versante carro-colle del paletto-lago serrù (un paio di brevi tratti senza neve), trovando dal colle d'oin in giù neve ormai molto smollata, ma comunque talmente trasformata da non essere troppo cedevole. sci ai piedi fino a quota diga, poi da lì pochi minuti a piedi.

itinerario molto bello su terreno vario in un ambiente che continua a cambiare.

un saluto a ivano oggero che ha relazionato l'itinerario inverso e che abbiamo incrociato in cima.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2500
attrezzatura :: scialpinistica
Stufi di levatacce ad ore impossibili siamo andati a dormire al Bivacco Pian Ballotta, in ottimo stato anche se (o forse perché) primi ospiti della stagione. Leggero rigelo al Piano che aumentava via via che si saliva di quota. Usato i rampant ma non necessari per arrivare al ghiacciaio della Losa poi senza problemi fino al passo della Vacca. Di qui ottimo rigelo, fin troppo per i nostri gusti, quindi saliamo al colle d'Oin per vedere il panorama e perdere mezz'oretta. Dal colle, provenienti dal Serrù, decine di persone. Ritorno sulla normale e salita non problematica fino al pendio che precede il colle: molto duro, rampant necessari forse utili i ramponi. Poi in vetta con gli sci.
Discesa su ottimo firn fin sotto ai crepacci, poi grandi traversi senza dover spingere per portarsi al colle della Vacca. Ghiacciaio della Losa ancora in buone condizioni, di lì in giù neve molto bagnata ma sempre sciabile. Scesi dal Piccolo Colluret, trovato qualche pietra ma buone condizioni, sicuramente meglio della ferrata con gli sci a spalle...
Gita fatta con Bubbola un po' malaticcia. Saluti a tre giorni di distanza a Bruno, Emilio e Franco incontrati in cima e a Renato63, salito per la nord.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
Dormito al Bivacco Pian Ballotta per evitare la levataccia antelucana, neve continua dal Pian Ballotta. Saliti seguendo gli ometti della via estiva al colle della Vacca (più a sx di quella invernale) poi con un traverso raggiunto il colle. Salita con crepacci visibili ma la maggior parte ben chiusa. Saliti prima alla Petite e poi alla Grande con gli sci a pochi metri dalla vetta. Discesa su neve dura sui pendii più ripidi ma con ottimo grip, ottima ancora fino all'ingresso del circo del Pian della Ballotta dove la neve è diventata primaverile ed umida. 200m lineari di sci in mano e poi di nuovo ai piedi per scendere dal piccolo Colluret (ripido ma con buona neve pressata) fino all'altezza del bivacco.
Gita mista sci (io) più ramponi (Olga, Luciano e Luigi) ccon i quali è sempre un piacere fare una gita e passare una serata.


[visualizza gita completa]
attrezzatura :: scialpinistica
Rigelo ottimo, la neve si è mantenuta buona anche in discesa. Si portano gli sci fino al pian della Ballotta e poi innevamento continuo fino in cima.
Meteo top, non una nuvola in cielo e temperatura piacevole.
Consigliata.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Libera fino al Serru' (e oltre)
quota neve m :: 2500
attrezzatura :: scialpinistica
Oggi e' mancato proprio poco alle 5 stelle. Rigelo molto buono, portage fino al pian della ballotta (ma in discesa il canale e' sciabile fino all'altezza del rifugio).
In alto una bella spanna di farina su fondo duro, poi dal colle della vacca in giu' firn di ottima qualita'.
Giornata dal meteo strepitoso, solo un po' di vento freddo in cima. Discreto affollamento (la maggior della gente parte sulla Nord). Un saluto agli amici con cui abbiamo condiviso la discesa. Discesa verso le 11 con neve dura nella parte alta, poi farina divertente fino al colle della vacca ed infine firn. Consigliata.


[visualizza gita completa]
Saliti dal Col d`Oin e scesi dal Colle della Vacca.

Gli sci si portano 20 minuti circa; un togli-metti oltrepassato il colle a destra della Punta delle Rocce (paletto) e uno breve per raggiungere il Col d'Oin. Neve marcietta da subito con importanti affondamenti sotto il colle a destra della Punta delle Rocce, ma poi nessun altro problema.

Lasciati gli sci a 30m di dislivello dalla vetta; risalita su pietraia prima e su cresta nevosa poi fino alla croce.

Discesa su buona neve dalla vetta fino al traverso per il colle della Vacca; traverso con neve lentissima da racchettare; discesa su neve sfondosa ma divertente e ben sciabile, anche sui tratti più ripidi.

Al pian della Ballotta scendiamo per il sentiero attrezzato e poi a piedi lungo il sentiero verso la partenza.

Nuvolosità variabile.

In salita qualche schiarita fa ben sperare, ma arrivati al Col d'Oin vediamo la G.A.R. con il "cappello", ci tocca salirla tra le nebbie con conseguente arrivo in vetta tra la nebbia.

In discesa fortunatamente le nuvole si sono aperte subito sotto la cresta.


[visualizza gita completa con 5 foto]
attrezzatura :: scialpinistica
Utilizzato il passo della Vacca, ma solo per scendere. All'andata invece sono uscito al Passo della Galisia, con gli sci in spalla nell'ultimo tratto, dove c'e' la catena che agevola l'uscita. Avevo nei miei obbiettivi di oggi anche la salita al Gran Cocor, che ancora mi mancava. Ed e' proprio qui dal Gran Cocor, che ho iniziato a chiudere il cerchio, continuando per cresta fino al Passo della Losa e scendere, sci di nuovo in spalla il tratto roccioso che porta al passo della Vacca. Che come ho detto utilzzero' piu' tardi, comunque non prima di aver posato piede sulla Grande Aig.Rousse (gia' salita una volta nel 94), dove Franco il socio mi attendeva ormai gia' da un po'. E finire la carrellata di oggi con l'arrivo in punta anche alla Petite Aig.Rousse. Con tutti gli altri soci ormai calati giu'da tempo, non mi restava altro da fare che mettermi sulle loro tracce. Anche perche' il tempo andava progressivamente peggiorando.

[visualizza gita completa con 8 foto]
attrezzatura :: scialpinistica
Giorgio ha già scritto tutto con estrema precisione.
Gita consigliabilissima visto il buon innevamento su tutto il percorso.


Non mi resta che aggiungere qualche saluto da fare a Franco , conosciuto durante la salita(ho qualche foto per voi), e a Guido che mi è sfrecciato davanti senza quasi vedermi.



[visualizza gita completa con 1 foto]
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Strada aperta fino alla diga del Serru
quota neve m :: 2400
attrezzatura :: scialpinistica
Portati gli sci fino al piano della Ballotta (traverso delicato sul nevaio di fianco al rifugio, poi sentiero attrezzato pulito fin sopra la bastionata). Da qui innevamento continuo e discreto rigelo (anche se alle 8.30 la neve iniziava già ad essere un po' molle). Dal colle della Vacca traversato tutto il ghiacciaio des Sources de l'Isere e, evitando la parete nord, saliti dall'itinerario classico. Discesa da favola sui pendii nord ovest della Grande Aiguille Rousse con un dito di farina su fondo duro(crepacci ben chiusi). Dal passo della Vacca in giù neve marciotta ma ben sciabile. Piccolo Colluret percorribile con gli sci, anche se la neve si interrompe 50 mt sotto il rifugio.
In ottima compagnia di Emilio


[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2500
Dopo un mese di stop per maltempo, mi hanno trascinato nell'ultima (?) gita di stagione. Troppa fatica alzarsi alle 4.30, ma alla fine ne è valsa la pena. Gli sci si mettono sopra il Ballotta e di lì in su di neve ce n'è ancora parecchia. Non ho mai visto il ghiacciaio sotto l'Aiguille con i crepacci così chiusi! La sciata sul ghiacciaio, se fatta all'ora giusta, è fenomenale. Molto meno esaltante il resto della discesa: neve molle, ma soprattutto, molto lenta. Due miei amici hanno salito e sceso la Nord: fatica tremenda a salire (si sprofondava) e discesa certo non esaltante come sul ghiacciaio della normale. Qualcuno dirà che scrivo così perchè non me la sono sentita di salire la Nord...... maldicenze, non ci badate.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
note su accesso stradale :: nessun problema fino al Serrù
quota neve m :: 2200
Bellissima gita in ottima compagnia. Portati gli sci fino al Piano della Ballotta, dopo la ferrata. In discesa si giunge a 15' dall'auto passando dal Piccolo Colluret e sfruttando lingue fino al lago. Neve un pochino troppo dura nella parte alta (per questo il gruppo ha deciso di non dare 5 stelle), stupenda nella parte intermedia, più marcia in basso ma comunque molto soddisfacente anche per via delle pendenze sostenute. La parte alta della parete N è ormai rocciosa e anche la spalla è raggiungibile solo togliendo gli sci per un tratto. Noi siamo scesi per la via di salita, con leggera risalita nell'attraversamento del ghiacciaio fino al Passo della Vacca. Con Francesco, Marco, Emilio, Pierangelo, Estella ed Ermes.

[visualizza gita completa con 4 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: recente umida/pesante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
note su accesso stradale :: sino al lago Serru
quota neve m :: 1900
in salita abbiamo dal lago Serru seguito il percorso del colle delle Rocce (quota 2700, segnato da paletto ), colle Oin e poi risalito il versante nord sino a circa 70 mt disl dalla vetta dove abbiamo raggiunto la cresta ovest seguita sino alla cima; una ventina di cm recenti non si sono ancora ben trasformati per cui sulla paretina nord non c'era firn primaverile ma neve nella quale si sprofondava un po', scesi poi nel vallone del Carro sino a quota 1900: tutto ben innevato, neve un po' molle (alle 10.30) ma sciabile: sarà meglio nei prossimi giorni; con Dario e Andrea e Alberto

[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: recente umida/pesante
neve (parte inferiore gita) :: crosta rigelo non portante
note su accesso stradale :: sgombre
quota neve m :: 2500
tempo bello e caldo( pioggia e nebbia in valle dell'orco)
impossibile dare un giudizio: bella gita in ambiente grandioso, ma condizioni neve alquanto penose;
sci in spalla fino al termine della ferrata, innevamento abbondante a partire dal Pian della Ballotta, ma "rovinato" dalle ultime nevicate e dal mancato rigelo notturno: fino al passo della vacca strato di circa 10 cm poco legato al sottostante e decisamente bagnato, poi crosta non portante;
viste le condizioni ed il caldo, arrivato fino al colletto tra la cima della vacca e la cima d'oin
dopo trentacinque anni di onorata carriera scialpinistica avrei dovuto imparare qualcosa!
se vedi solo tre gatti tre ( compreso il sottoscritto ) alla partenza di una classica come la Gran Rousse ( più altri due felini verso il Carro ) vuole dire che forse era meglio andare al mare.


[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: recente umida/pesante
neve (parte inferiore gita) :: recente umida/pesante
Seguito l'itinerario per il colle della Capra, colle d'Oin (e quindi non per il colle della Vacca). 15min a piedi e poi sci. Tempo pessimo, raggiunto il col d'Oin, neve sempre ben sciabile e buona visibilità da sotto il colle. Saluto la compagnia.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: recente leggera/asciutta
neve (parte inferiore gita) :: recente umida/pesante
note su accesso stradale :: fino al lago Serru e oltre nessun problema
quota neve m :: 2300
Andrea,Enrico,Alberto ed io sfidiamo un tempo impietoso
(mi hanno detto che da sabato scorso,causa meteo avversa,c'era una grave onta da lavare.io mi sono proposto in vece di Gianluca)
incontrandoci con altri 5 amici.
il gruppo parte alle 7 con 3°C
sotto una pioggerellina battente,
poi neve,
poi nebbia,
poi,poi,poi...
un raggio di sole mai !!!!
giunti al col d'oin 3200m ca,causa vento molto forte e visibilità in salita nulla,i più decidono per una onorevole ritirata,mentre solo tre valorosi(Enzo,Marilena,Giorgio),puntano fiduciosi,
anche troppo,
verso la Cima del Carro.
neve ben sciabile in alto,pesante in basso,
ma comunque sciabile.

l'onta non è ancora stata lavata,
se qualcuno volesse recarsi con un pezzo di sapone sulla grande
anguilla rossa...
anticipatamente ringrazio e saluto.
Emilio

foto su " "



[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
quota neve m :: 2500
Non illudano le stelle!!! La valutazione è per i 100mt scarsi di discesa del canalino che dà accesso al Pian della Ballotta, dove ci siamo fermati causa diluvio alternato a pioggerellina simpatica.. Dislivello totale salito: circa 200 mt!!
In compagnia di Enrico "lafiocavenmola", Andrea72 e Alberto il "Tala".
Sono stato incaricato di relazionare questa "concentrata" gita di ripido da Enrico (effettivamente il canalino è ripidozzo.. un 4.1).. Ripago l'umiliante incarico con una sua foto di tentativo di sci-nautico sul lago Serrù!
Dettagliatissime relazioni e abbondanza di foto su


[visualizza gita completa con 1 foto]
Scusate, non sono molto capace a ridurre le foto. Spero che questa volta compaia.


[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
quota neve m :: 2500
In salita portati gli sci a spalle sul sentiero estivo fino oltre le corde fisse al pian della Ballotta. Per la discesa non ho messo nessuna stella poichè, la parte alta era leggermente dura nel crestino finale, poi stupenda, e questo fino a sotto il Colle della Vacca, di qui cominciava il marciume e tale era fin quasi al pian della Ballotta. Di nuovo buono il canalino finale.
La foto a domani.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: recente umida/pesante
neve (parte inferiore gita) :: recente umida/pesante
note su accesso stradale :: Strada aperta solo fino poco oltre lago Serru'
quota neve m :: 2400
Partiti dal secondo tornante sopra la diga del lago Serru'. Tempo nuvoloso e caldo (5 gradi alle 6 del mattino); visibilita' scarsa. Seguito il sentiero basso sul lago e saliti per il canale a sinistra del rifugio (in effetti la relazione indicherebbe il canale a destra salendo). Dal Pian della Ballotta abbiamo calzato gli sci uscendo dalle nuvole verso quota 2600-2700. Fortunatamente, durante la salita, il tempo e' pian piano migliorato regalandoci una insperata bella giornata che ci ha permesso di raggiungere la vetta senza problemi.
Abbiamo raggiunto il colletto tra le due cime passando dal ghiacciaio dell'isere molto ben innevato senza crepacci aperti; dal colletto siamo saliti in vetta con gli sci (rampant utili solo per maggior sicurezza anche se non effettivamente necessari).
Abbiamo visto alcune persone che sono salite e scese passando dal versante Nord.
La discesa non e'stata entusiasmante: la neve caduta recentemente e' risultata pesante in alto e via, via sempre piu' marcia scendendo di quota, ma, comunque, sempre sciabile con attenzione.
Un finale divertente e' stato la discesa dal Pian della Ballotta sul rifugio per il sentiero attrezzato con gli sci in spalla.
Gita molto bella e interessante da cinque stelle, ma ne merita solo tre a causa della qualita' della neve non esaltante. Con neve trasformata e temperature meno estive deve essere eccezionale.

Di positivo c'e' che la neve dal Pian della Ballotta in su' e' ancora abbondante per cui, se viene un po' piu' freddo e la neve trasforma, questa salita sara' fattibile ancora per un po' con buona soddisfazione.

[visualizza gita completa con 1 foto]
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
quota neve m :: 2400
Sci a spalle fino al piano del Ballotta poi comoda salita fino in cima per la via normale.
Bellissima la sciata su neve trasformata e ben portante fino al lago Serrù passando per il canalino del Ballotta ( attenzione ai massi che cadono dall'alto!).
Magnifica giornata con cielo blu cobalto e stupendi contrasti di colore: il paradiso!
Salita con Marino Mezzano a cui, dopo il Mezzalama , si deve correre dietro!


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: recente leggera/asciutta
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
note su accesso stradale :: strada chiusa a Chiapili di sopra
quota neve m :: 1600
Partenza da Chiapili di sopra con gli sci ai piedi. Dal Pian Ballotta in su neve farinosa (tanta). Ghiacciaio senza un buco visibile, giusto qualche seracchetto. Nel complesso gita lunga, ma molto bella.
Saluti ai compagni Luca e Andrea


[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
quota neve m :: 2500
Come ultima gita con sci della stagione è stata di gran soddisfazione.Saliti e scesi sulla sinistra laterale della nord: peccato per la fitta nebbia che ha reso talvolta difficoltosa la discesa, tanto da indurmi a percorrerne un tratto senza sci.E' merito mio se la gita dall'esperto Citta è stata classificata "gasa"! Un grazie ai premurosi compagni di gita.

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
quota neve m :: 2500
Come ultima gita con sci della stagione è stata di gran soddisfazione.Saliti e scesi sulla sinistra laterale della nord: peccato per la fitta nebbia che ha reso talvolta difficoltosa la discesa, tanto da indurmi a percorrerne un tratto senza sci.E' merito mio se la gita dall'esperto Citta è stata classificata "gasa"! Un grazie ai premurosi compagni di gita.

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
quota neve m :: 2500
Neve appena sopra il rifugio Ballotta, ma secondo me non ne vale più la pena. Il ghiacciaio, specialmente nella parte finale è molto crepacciato e si va avanti con il magone. Bisognerebbe legarsi, ma allora è meglio cambiare sport. Sicuramente migliore (e più sicuro) il passaggio dalla parete nord, che tra l'altro una recente salita ha declassato a GASA (galline ardite sciatrici alpiniste), che è appena più in alto del noto GSA (galline sciatrici alpiniste) già presente nella codifica internazionale.
Va beh, basta con le cazzate... Buona estate a tutti e tenete duro: tornerà il freddo, tornerà la neve, e tornerà il sorriso sui nostri volti.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
note su accesso stradale :: strada aperta sino al colle
quota neve m :: 2500
splendida! 200m di sci a spalle in salita (sino al pian della ballotta), in discesa sino a 50m dal lago (scendendo dal col d'oin sul ghiacciaio del carro): di meglio non si può chiedere a metà giugno! giornata spaziale, niente vento in punta. scesi sul glacier des sources de l'isere sino a 3000m (scesi alle 11 - neve splendida! ) dove rimesse le pelli siamo saliti al col d'oin per scendere sul ghiacciaio del carro. qui abbiamo patito il caldo. scendendo dal col d'oin al lago neve marcetta su fondo portante, divertente. contare 2 gava e buta da sotto il ghiacciaio. and at last, but not least, splendida gianfranca che sabato si sposa, alla quale vanno i miei auguri e quelli della scuola sci-alp cai uget

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
messi gli sci a pian ballotta. in discesa neve bella fino al colle della vacca, poi pappamolla.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
note su accesso stradale :: nessun problema. lavori sulla diga, non transitabile a piedi
quota neve m :: 2300
non aggiungo commenti all'ottimo report di roberto.
un degno finale di stagione, un giro veramente bello, vario, in alto neve fantastica, più in basso più pappa- ambiente bellissimo.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
note su accesso stradale :: strada aperta fino al nivolet
quota neve m :: 2300
gita grandiosa di fine stagione. partiti alle 6 dalla diga del serrù, saliti al pian ballotta per la ferrata. messi gli sci al pian ballotta, neve già molle nel pendio ripido prima del passo della vacca. un po di attenzione nel traverso (coltelli), poi nessun problema fino al colle. ghiacciaio in condizioni ottime. durante l'attraversamento del glacier de la vache abbiam visto uno che saliva la nord scivolare per un bel pezzo..spero non si sia fatto nulla. noi siamo saliti poi per i bei pendii di neve buona passando vicino al grande crepaccio (semichiuso), e quindi al colle tra le due aiguille. molta più neve dell'anno scorso, cresta tutta innevata (cornici su entrambi i lati in alcuni punti), si arriva sci ai piedi alle vetta (croce sepolta dalla neve). panorama splendido, poco vento. molta gente anche sul carro. scesi alle 11.10, neve dura sulla cresta e nel primo pendio sotto il colle, poi libidine pura sul ghiacciaio, pendii a 30-35° di firn perfetto, un velluto da urlo fino allo sperone roccioso che divide in due il ghiacciaio a circa 3050 m. rimesse le pelli siamo risaliti con caldo africano al col d'oin 3192 m. quindi scesi per il ghiacciaio del carro, neve ovviamente in alcuni tratti marcia e molto pesante in altri ancora ben sciabile, fino ad arrivare con qualche gava e buta al colle del paletto (manca la neve per 15-20 m su entrambi i versanti). discesa migliore da questo lato su neve un po molle ma divertente fino a 2450 m, poi fondo troppo irregolare a gobbe e poco divertimento, ma son arrivato sci ai piedi fino sulla riva del lago di pratorotondo. bellissima gita in traversata, condizioni ottime sul ghiacciaio, in basso la neve sta andando via in fretta. il colluret penso si scenda ancora. con oggi si chiude la stagione di scialpinismo. un saluto al socio di gita nicola e ai due ragazzi di torino (massimo e ferdinando) con cui abbiam fatto buona parte della discesa. salutino anche alla piccola local che ha dato forfait prima dell'alba.. arrivederci alla prossima stagione. fotoreport completo domani su

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: recente leggera/asciutta
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
note su accesso stradale :: strada aperta
ottima gita in buone condizioni. il canalino sopra il rifugio va affrontato per maggior sicurezza con ramponi. Lungo il ghiacciaio si vedono i buchi ma sono ben ricoperti di neve. oggio la neve ha tenuto a causa di un vento freddo che ha iniziato a soffiare dalle 10.30. Molte persone in vetta. ps. per il gentile ragazzo che mi ha fatto alcune foto nel canalone, ti pregherei di inviarmele sul mio indirizzo di posta su libero. grazie ancora.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta rigelo portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
note su accesso stradale :: si arriva comodamente fino al lago serru
quota neve m :: 2300
Finalmente siamo riusciti anche noi a salire questa bella cima, togliendoci un bel sassolino dallo scarpone!!
La neve in salita inizia al bian della Ballotta e da qui e' subito continua. Faticato un po' ad uscire sotto i plateau del colle della Vacca per neve che scivolata da sotto gli sci ma passato il piccolo tratto ripido il resto della salita e' stato una pacchia, non un buco sul ghiacciaio che da fastidio e la cresta finale perfettamente agibile a piedi senza sfondare e senza ramponi. Bel panorama dalla vetta appena disturbato da qualche nebbia. Si scende sci ai piedi dalla vetta e appena fuori dall tratto di cresta pianeggiante ci si tiene a dx e si scende un bellissimo pendio su neve dura, liscia come una pista poi un po' piu' molle ma sempre fantastica fin poco sotto il colle della Vacca (il tratto in leggera salita non da nessuna noia, e' cortissimo ), dove improvvisamente si entra nel marcione e chi ha ancora gambe scia bene fino al pian della Ballotta ove tolti per 2 m gli sci ci si lancia nel canale al fianco del rifugio e sciando o arrangiandosi ( vedi il sottoscritto ) si raggiunge il lago ove per lingue di neve ci siporta fino alla sua meta'.....e qui finisce la pacchia...si carica tutto a spalle e belli cotti si giunge alle auto.
Superaba gita, adatta a chiudere (se continua il caldo) la mia 1 stagione da scialp!!

Con mio fratello Ste e l'indomabile Cione.
Ciao alla prossima.
Lore84

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
quota neve m :: 2500
Finalmente..un sogno coronato dopo 3 anni! saliti dal serrù al rif ballotta e per il sentiero attrezzato (un divertimento con gli sci nello zaino...) al pian ballotta, dove si calzano gli sci. Neve rovinata dalle rigole, ma stamattina aveva gelato. Salita laboriosa e faticosa (rampant) al colle della Vacca, dove tirava un forte vento da WNW, e si addensavamo cumuli sulle vette, portati dalle raffiche. Appena scollinato però il vento si è calmato. Due di noi han proseguito per la Cima d'Oin (ammutinamento!!) e io e Davide abbiam proseguito per l'Aiguille Rousse. Abbiam perso un po di quota, poi fatto un giro largo sul ghiacciaio per evitare i crepacci (ci sono e qualcuno bello grosso..avendo la corda ci siamo legati..a n'sa mai). Lungo traverso per arrivare al colletto tra le due aiguille, poi togliendo una votla gli sci e percorrendo la dorsale ancora parzialmente innevata si arriva a pochi metri dalla vetta. Discesa ore 10.50. Bella la parte sul ghiacciaio soprattutto verso la metà, dove era marcetta al punto giusto e il fondo liscio. Un po di fatica per la leggera risalita di pochi metri e poi molto ma molto bella la discesa dal passo della Vacca, nonostante la neve un po molla. Decisamente spettacolare. Siamo così giunti al pian ballotta dove la neve era acqua..Recuperati gli altri soci siamo scesi con attenzione per il sentiero attrezzato e quindi al serrù. mi sa che questa è l'ultima della stagione...stagione tuttosommato appagante nonostante l'annata poco favorevole...non è detto, ma è ormai vivo il profumo dell'estate col suo fiorire di colori, e gli sci vorrebbero riposarsi un po...un saluto ai compagni di gita davide, enrico ed alex. e un saluto anche a tutti i gulliveriani..alla prossima stagione...?

[visualizza gita completa con 1 foto]
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
Con la super Nicoletta: gran freddo, scesi alle 12.30, perfetta fino al bivacco ballotta, solo da lasciar correre sul piano sopra il colluret ( sceso canalino che è bello ripido con partenza per alcuni metri sopra i 45°), neve stupenda per chiudere stagione abbastanza remunerativa nonostante gli svariati infortuni. Saluti alla local.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: osservazioni: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: neve (parte superiore gita): primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: neve (parte inferiore gita): primaverile/firn
Bella gita con neve trasformata e dura sul ghiacciaio fino al colle della Vacca, da qui in giù molle solo in superficie su fondo duro. Tempo bello sino verso le 11.00, poi sempre peggio sino a neve a q. del Rif. Pian Ballotta. Sci ai piedi dal piano della Ballotta in su.

[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: osservazioni: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: neve (parte superiore gita): primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: neve (parte inferiore gita): primaverile/firn
io e i miei amici vorremmo sapere come sta vincenzo. se qualcuno della sua compagnia legge gulliver, ce lo faccia sapere

[visualizza gita completa]
osservazioni :: osservazioni: ...condizioni gita ...
neve (parte superiore gita) :: neve (parte superiore gita): ...tipo di neve ...
neve (parte inferiore gita) :: neve (parte inferiore gita): ...tipo di neve ...
inizialmente giornata stupenda poi...neve! neve da non credere vista la data!

[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: osservazioni: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: neve (parte superiore gita): crosta rigelo portante
neve (parte inferiore gita) :: neve (parte inferiore gita): primaverile/firn
Bella gita, anche se con tempo un po' variabile. Nebbia nella traversata del ghiacciaio delle Sources de l'Isere (ovviamente!) poi si é aperto, in vetta col sole. Parte alta neve dura che non ha mollato data la temperatura e la scarsa insolazione. Dal col della Vacca in giù firn un po' rammollito assai divertente. Si scende i sci fin al Pian della Ballotta. Togliendo e rimmetendo gli sci si può scendere ancora per il canalino del Piccolo Colluret.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: osservazioni: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: neve (parte superiore gita): primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: neve (parte inferiore gita): primaverile/firn
Confermo -come sempre- il commento preciso di rcostenaro e aggiungo una foto digitale che questa volta non è sua (aveva la macchina fotografica senza pila...) ma di Gian Piero S. che invece "aveva la macchina fotografica con la pila".....
Itinerario vario e piacevole, sicuramente gratificante con una giornata ...spaziale... come quella odierna... Per questa trasferta, la nostra sveglia è suonata alle 3 e alle 4 siamo partiti puntuali come raramente era accaduto in precedenza.... Avevamo visto (e ammirato) questa bella montagna nell'aprile di due anni fa, durante una bella gita alla vicina cima del Carro. Questa volta abbiamo invece rivisto (e ammirato) il Carro dall'alto... oltre a un bellisimo e immenso panorama.... Piccole soddisfazioni sci-alpinistiche.... che però sono belle come quelle più grandi....
Con Renzo C., Roberto C., Franco Ferro, Gian Piero S. e con i novaresi Luisa e Antonio che abbiamo incontrato alla partenza e che saluto con questa foto.

[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: osservazioni: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: neve (parte superiore gita): primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: neve (parte inferiore gita): ...tipo di neve ...
Gran bell'itinerario. Ottimo firn sino al pian della ballotta anche scendendo tardi, poi ovviamente molto marcia. La strada è aperta tre/quattro tornanti sopra la partenza per il Carro. Abbiamo salito il canalino a dx del rifugio senza ramponi, anche per la parte superiore non servono. Scesi per l'intinerario di salita. Qualcuno ha sceso la nord. Molta gente sia dall'italia che dalla francia. In foto il rifugio e il canalino del Piccolo Collouret.

[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: osservazioni: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: neve (parte superiore gita): primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: neve (parte inferiore gita): primaverile/firn
splendida gita su neve fantastica. unico tratto pericoloso è il piccolo colluret, che presenta un accumulo di neve poco trasformata proprio in cima. non è quindi consigliabile scendere di qua, ma è preferibile traversare il colle d'oin per scendere sull'itinerario del carro. noi siamo scesi dal gh. della losa (variante alta), poi per evitare il pericoloso imbocco del piccolo colluret, abbiamo percorso il sentierino che scende dal piano della ballotta sul rifugio (meglio avere una corda perchè è espostissimo e innevato in parte), per poi scendere in sci la seconda parte del colluret.
neve strepitosa dalla cima fino al pian della ballotta, poi marcia. grazie a serena, alberto ed andrea per la bella compagnia e la pasta al rifugio pian della ballotta

[visualizza gita completa]
osservazioni :: 2/5
neve (parte superiore gita) :: Trasformata
Stramaledico maledettamente il tempo che non ci ha consentito di raggiungere la vetta !!!!!! Si arriva in auto ai primi tornanti sopra la sbarra a quota 2.000 perchè non hanno ancora pulito la strada fino al Lago Serrù. Sci in spalla fino a circa 2.500 sopra il Rifugio Pian Ballotta. Molto bello anche se un po' impegnativo il canalino a destra del rifugio. Arrivati poco sotto il Passo della Vacca a circa 2.950 abbiamo dovuto rinunciare a causa della scarsissima visibilità e del forte vento (nevicava anche !!!!!!). Bella discesa su uno strato di 5 cm. di marcetta.
Alla prossima ...

[visualizza gita completa]
osservazioni :: 2/5
neve (parte superiore gita) :: tutte le varietà
partito dalla sbarra poco oltre i Chiapili di sopra; sci in spalle sino a Pian Ballotta in quanto il traverso lungo il lago si presenta parzialmente sgombro di neve; Colluret da tracciare con neve non omogenea(dura con brevi tratti morbidi - consiglio picca e ramponi); gesso sino al colle della Vacca ( nessun problema nel tratto ripido in quanto aveva già scaricato); ricongiunto all'itinerario francese, farina e grande traffico di scialpinisti transalpini, invero assai poco cordiali; giunto sci ai piedi in vetta (qualche placca ghiacciata sulla cresta finale e marcate cornici sul versante nord), panorama grandioso; disceso per itinerario parzialmente diverso per sfruttare l'ottimo innevamento del vallone del Carro; giunto allo sperone roccioso su bella farina sono risalito al Colle d'Oin e da lì per diretti pendii di neve piuttosto marcia, data l'ora, mi sono ricollegato all'infiteatro del vallone del Carro. Commenti: bella ma lunga, consiglio di intraprenderla a far data dal 15 maggio p.v. quando la sbarra sulla provinciale verrà aperta.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: 2
neve (parte superiore gita) :: primaverile
Pur non avendo rigelato la notte, la qualità neve è buona, in quanto è già molto compatta.
Il canalino del ballotta è ormai ridotto ad una misera lingua di neve, sopra di esso l'innevamento è continuo.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: 3/5
neve (parte superiore gita) :: mezza marcia
Condizioni non superlative a causa dell' innalzamento delle temperature.Salita:attraversato muro diga Serrù,direzione colle Capra,colle d'Oin,traverso su versante nord,ribaltamento su cresta e per questa fino in punta.Discesa:nord da metà in giù (pericolo distacco neve + difficile accesso alla parete stessa causa cornice);prestare attenzione dal colle d'Oin in giù.Arrivo auto ore 11.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: grado 1
neve (parte superiore gita) :: trasformata, marcia
Il caldo di questi giorni si fa sentire anche al Serrù, ben 12 gradi alle 5.30, il canalino del rifugio si risale tranquillamente senza ramponi, dal piano della Losa sci ai piedi, risalita al colle della Vacca con neve già marciotta, neve bella e dura solo dal ghiacciaio della Source. Discesa molto bella fino alla spalla rocciosa che precede la risalita, prestare attenzione dopo il colle Vacca. Con questa gita chiudo la stagione, ringrazio tutti i "gulliveriani" per i loro commenti che mi hanno permesso di effettuare alcune gite, un saluto e arrivederci ad ottobre.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: 1
neve (parte superiore gita) :: trasformata
Neve perfetta dalla cima fino a poco prima della diga (discesa iniziata alle h. 9). A piedi 5' dalla diga del Serru'. Abbiamo sceso il pendio nord da meta' in giu' (il tratto in alto non ci siamo fidati in quanto sembrava molto duro e c'e' un po' di cornice).

[visualizza gita completa]
osservazioni :: 2/5
neve (parte superiore gita) :: marcia, trasformata, farina pesante
La strada e' ancora chiusa poco sotto il lago del Seru' (10 min). Sci in spalla fino al Pian della Ballotta. Saliti e scesi dal versante nord (farina pesante). Poi Colle d'Oin e discesa per il vallone del Carro. Neve fino ai primi tornati (dall'alto) della strada.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: buone in alto, pericolose dopo mezzogior
neve (parte superiore gita) :: dura sulla nord, marcia altrove
Grande gita con panorami stupendi ed itinerario complesso e completo, siamo saliti sul ghiacciaio del carro fino al colle d'Oin poi in traversata sotto la ripida parete NE. che abbiamo risalito fino alla crepaccia terminale, da qui in traversata al colle ed in breve in vetta. discesa buona sulla parete nord con neve dura, poi sulla NE marcia, marcia ma buona dal colle in giù.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto cadere valanghe a pera
neve (parte superiore gita) :: crosta da vento dura
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
quota neve m :: 1900
Tra una valanga e l'altra siamo arrivati invetta. Per buttarsi giu dalla parete nord ci è volutu decisamente un po di incoscenza .Complessivamente una sciata per pazzi e per cuori forti . Ma la soddisfazzione........!? Un saluto all'altro pazzo claudio .

[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: valanghe di superficie nelle ore central
neve (parte superiore gita) :: trasformata a nord sopra i 2800
Saliti dal vallone del Carro (neve da 2000m) a cima del Carro e poi attraverso il colle d'Oin (ridiscendendo fino a 3050m.) alla Gran Aig.Rousse. Neve perfetta fin dalla cima (grazie al caldo)risaliti al colle d'Oin e scesi sul lago del Serrù, neve sulla strada fino a 2050m. Al ritorno abbiamo trovato la sbarra (a 1830m.)aperta (la data di apertura ufficiale dovrebbe essere il 15/5)

[visualizza gita completa]

Ci sono anche stati ...

  • 03/06/07 - sborderzena
  • Caratteristica itinerario

    difficoltà: BSA :: [scala difficoltà]
    esposizione preval. in discesa: Nord-Est
    quota partenza (m): 2275
    quota vetta/quota massima (m): 3482
    dislivello totale (m): 1207

    Ultime gite di sci alpinismo

    07/07/20 - Gnifetti (Punta) - Capanna Regina Margherita da Indren - funcool
    Preso la prima telecabina da Stafal alle 7.35, calzati gli sci ad Indren alle 8.25. Saliti dal canalino di sinistra abbastanza duro per la temperatura bassa ed il vento moderato che ha interessato t [...]
    06/07/20 - Giordani (Punta) da Indren - nordend4612
    Bellissima gita e grande sciata; tolti i 100 metri finali, piuttosto duri, il resto è tutta trasformata bellissima fino alla funivia. Segnalo solo alcune cose: - forte rigelo che ha richiesto in sa [...]
    06/07/20 - Balmenhorn o Cristo delle Vette da Indren - giovanni de rosa
    Buona sera. Percorso tranquillo. Alcuni crepi appena aperti ma ben visibili e facilmente evitabili. Saliti agevolmente dal canale (destra Gnifetti) su neve morbida e ottima traccia. Un vento da No [...]
    05/07/20 - Balmenhorn o Cristo delle Vette da Indren - andrealp
    Salita la ferrata e raggiunto il Cristo delle Vette scendendo dal Corno Nero, come da altra relazione. Discesa sul versante della Piramide Vincent con neve primaverile molto divertente e ben sciabile [...]
    05/07/20 - Breithorn Occidentale da Cervinia - robertov
    Salito, sci ai piedi, dalle Cime Bianche con innevamento continuo e max 3 minuti di portage. Partendo alle 8,45 non sono serviti i rampant lungo tutto l’itinerario. Oggi grande affollamento dal Pla [...]
    05/07/20 - Nero (Corno) da Indren - andrealp
    Condizioni di innevamento ancora ottime, considerando di essere a luglio, e molta gente in giro. Saliti da Staffal con la prima funivia partita addirittura in anticipo e sci ai piedi poco dopo le 8. I [...]
    05/07/20 - Ludwigshohe, Corno Nero, Piramide Vincent da Indren - giovil
    Saliti dal canale di sinistra in ottime condizioni. Scivolo del Corno Nero ottimo stando tutto a destra non si trova ghiaccio. Usate due picche ma poteva bastarne una. Anche la crestina non ha probl [...]