Quota 1626 Spigolo Irena Sendler

Via meritevole, soprattutto per un contesto ambientale veramente suggestivo. Belli il primo tiro e l'ultimo, in entrambe le sue varianti: alla base della 3° sosta infatti si può scegliere se andare a destra (5a) oppure a sinistra seguendo una bella placca fessurata, con un leggero strapiombo(6a-): le varianti si ricongiungono in sosta . Il secondo ed il terzo tiro sono un po' discontinui, alternando fasce rocciose ad alcune di ginepro ed erbe, però si riesce ad arrampicare e nel 1 e 4 tiro l'arrampicata è anche piacevole. Prestare attenzione a quello che si prende in mano (l'ofiolite della zona è mediamente abbastanza marcia, tranne che l'ultimo tiro in cui è più che discreta a mio parere). Ho dato tre stelle per il contesto veramente bello e per la linea elegante che segue la via: punti a sfavore la qualità della roccia e le frequenti incursioni di erbe e arbusti... però merita di esser fatta.
Percorso che, sebbene viene frequentato in maggioranza da liguri e quindi dai più considerato come "genovese d.o.c.", si svolge interamente (avvicinamento a piedi compreso) in territorio emiliano, nel comune di Bedonia (PR): si precisa ciò non per spirito di campanilismo, ma perchè in caso in caso di bisogno di aiuto (già accaduto) è bene affidarsi alla topografia, attivando di conseguenza i soccorsi più qualificati e veloci.
Via lunga che costituisce il battesimo alpinistico per le "Rocce della Nave": settore, quello del lato emiliano della conca detta "Nave", che forse potrebbe essere ulteriormente valorizzato con qualche nuova via. Lo spazio c'è, la roccia non è sempre il massimo, ma forse qualche altro itinerario potrebbe essere chiodato per costituire, insieme alla falesia della Fungaia realizzata sul lato ligure, un bel complesso "arrampicatorio", che riesca a ridare all'area del Monte Penna la giusta dignità alpinistica anche in estate, anzichè esser considerata dai più un semplice parco giochi per fungaioli o area pic-nic.


[visualizza gita completa]
L'ultima realizzazione dei "Piacentini" capitanati da Eugenio Pinotti, per questa occasione con compagno "foresto"! ;-) Chiodatura corretta ma che richiede di arrampicare tra un fix e l'altro, su una pietra che non invoglia certo...in quest'itinerario, logico ed in qualche modo elegante però, l'erba la fa da padrona. Abbiamo stretto con la chiave la pratica totalità dei fix presenti ed abbiamo trovato utile far sosta (un fix + un nut) alla base del diedro camino del secondo tiro (dopo la grande cengia per intenderci). Avevamo con noi qualche nut e due friends medi (0,75 - 1 BD), considerato il terreno, sono risultati utili. La discesa a piedi non è difficile ma un minimo di prudenza è di rigore, una "straccionata" sarebbe terribilmente "inelegante"... è comunque breve e veloce.
Uhm, ehm... pur essendo tra quelli che apprezzano molto questi luoghi (quindi commenti dettati da impropria soggettività...) onestamente, al Maggiorasca ed alla Rocca del Prete c'è molto di meglio... evidentemente, questi "Signori" fanno quel che possono con quel che c'è, (grazie infinite per questo e da più di una "generazione" ormai!) resta il fatto che non ci sentiamo di consigliarla se dovete sciropparvi troppi km, men che meno se siete alle prime armi! Potreste rimanere delusi.
In compagnia di Andrea, Denis e Mario, , una bella giornata soleggiata e ventilata mentre in basso si schiatta dall'afa...


[visualizza gita completa con 1 foto]

Caratteristica itinerario

difficoltà: 5a :: 4 obbl ::
esposizione arrampicata: Sud
quota base arrampicata (m): 1500
sviluppo arrampicata (m): 130
dislivello avvicinamento (m): 50

Ultime gite di arrampicata

30/05/20 - Stelle (Parete delle) Via Bruno Piazza - mastroteo
Via piuttosto omogenea nei gradi. Un blocco un po' fisico in partenza dà subito l'idea di che giornata sarà.. Mentre l'arrivo in S4,seppur ben chiodato,è davvero ostico. Tutte le soste sono a sp [...]
30/05/20 - Schiappa delle Grise neire Via del bacio mancato - dinoru
Psicovia per placcaroli bravi o quasi. Primo tiro ok, terzo 6a+ ... ma stranamente la roccia solo su questo tiro è scivolosissima, secondo me e il tiro più psico della via comunque con un resting so [...]
30/05/20 - Gallivaggio Spigolo Paletta e Paletta (upper part) - fabry. 69.
giusta via per provare lo stato di forma dopo la quarantena, bella e lunga via con la prima parte non difficile e sempre divertente, mentre la seconda via piu' dura , con i due tiri di 5c(non regalati [...]
30/05/20 - Truna (la) Tournet - charlie49
Attrezzatura giusta e in ordine, comunque da non prendere con leggerezza, i passi dal quattro in poi sono da fare sicuri. Abbiamo proseguito poi su Serpente bianco e Castrum dove si affrontano dei bei passaggi.
30/05/20 - Sergent Nautilus - p.mirco
Oggi sono in vena di polemiche, come è possibile che mercoledì sera nella falesia di Gavi abbia chiuso un 7a durissimo su tacchette, e un altro in strapiombo,e qui sul tiro chiave devo sputare san [...]
30/05/20 - Pania Secca cresta nord-est - delchecc
roccia tipica apuana quindi attenzione, nel complesso divertente e zona bellissima
30/05/20 - Bourcet - Settore Centrale Fascination - cecco81
Dopo un giro per la normale,tanto per sciogliersi ,abbiamo attaccato questa. L avevo fatta anni fa ma non la ricordavo così bella,2 tiro per me spettacolare ma anche gli altri sopra meritano il viag [...]