Figne (Monte delle) dalla Cappella dell'Assunta per Monte Moro, Bric Lagolungo, Monte Taccone

Gita molto bella , molto lunga e piuttosto faticosa . I segnavia " doppio rombo giallo " latitano parecchio all' inizio , almeno sino alla colla di Monte Moro , poi migliorano ma spesso sono vecchi e stinti . Meglio il tratto di segnavia " biancorosso " dai laghi all' Alta Via . Dalla cima delle Figne ho deciso , insieme ad un escursionista di Voghera , di scendere lungo il ripido crinale sud ovest direttamente al Lago Bruno . Qui le tracce sono scarse , non ci sono ovviamente segnavia e ci vuole un po' di attenzione . Ogni tanto c' è qualche rarissimo ometto e , in basso , qualche segno giallo e qualche nastro biancorosso sugli alberi . E' fattibile ma lo sconsiglio fortemente in condizioni non ottimali . Raggiunto il lago in circa un' ora di discesa e separatomi dall' occasionale compagno di gita , ho poi seguito il tracciato " quadrato giallo " che mi ha fatto attraversare la diga Badana per poi salire a Case Menta e quindi all' Assunta .
Escursione decisamente soddisfacente che mi ha fatto toccare parecchie vette , dal Monte Moro al Bric Lagolungo , dal Taccone alle Figne , oltre che visitare il Sacrario Partigiano . Un buon numero di escursionisti in giro ma quasi tutti sull' Alta Via . Splendida giornata tiepida e senza vento, con buoni panorami sino alla media distanza . Un saluto al gruppo del Cai incrociato sul Bric Lagolungo e soprattutto all'escursionista vogherese con cui ho condiviso la discesa dalle Figne . In tutto , circa 21 km per quasi 1000 metri di dislivello , percorsi in 8 ore , lunghe soste comprese .

Subito dopo il via si vedono già Figne e Taccone
La diga Badana , dismessa
Lago Bruno dal ponte
Sacrario dei Martiri di Passo Mezzano e Monte delle Figne
Lago Lungo da Bric Lagolungo
Sull' Alta Via verso il Taccone
In vetta al Taccone
In cima al Monte delle Figne
Scendendo verso il Lago Bruno
Passerella sul Lago Bruno

[visualizza gita completa con 10 foto]
note su accesso stradale :: Strada libera e pulita
Oggi gita sulle nevi di casa, partito di mattina presto con temperatura sotto zero, fatto una piccola variante visto le condizioni neve e ghiaccio, invece di fare la via che passa dal colle del monte Moro sono passato dalla via della casa Menta. Tanto ghiaccio sull'intero percorso fino alle Figne, camminato su neve crostosa che cedeva ad ogni passo, grande faticaccia per quasi l'intera giornata; complice la bellissima giornata con temperatura in forte rialzo al pomeriggio sul ritorno trovato meno neve sul percorso ad eccezione delle zone ombreggiate rimaste uguali al mattino. Come spesso accade sull' Appennino Ligure a quote medio basse se le temperature si alzano con giornate soleggiate la neve si scioglie molto rapidamente come è accaduto oggi, ad eccezione delle zone ombreggiate, ma penso sia comune in tanti altri luoghi. Chi dovesse ripetere la gita nei prossimi giorni troverà neve sopra i 900/1000 metri e tanto ghiaccio al mattino.
Oggi incontrato altri due intrepidi escursionisti, con uno dei quali mi sono fermato a discutere piacevolmente, tra un discorso e l'altro scopro in lui un frequentatore di Gulliver ed anche una persona che a tratto lo spunto da più relazioni mie per fare delle gite. Devo dire che mi ha fatto piacere nel sentirlo raccontare, rinnovo i miei più cordiali saluti ad Alberto e tante piacevoli gite tratte da Gulliver.


[visualizza gita completa con 8 foto]
note su accesso stradale :: Strada libera e pulita
Da cascina Saliera fino al colle del monte Moro ghiaccio per buona parte della mulattiera di acciottolato di pietra grossa, poi diventa sentiero, evitabile saltando sulle pietre affioranti o fuori sentiero; la galleria è allagata da un palmo d'acqua come minimo, comunque è possibile bypassare sulla strada sterrata esterna. Per quanto riguarda il resto del percorso ancora tratti saltuari di ghiaccio e qualche centimetro di neve a nord e nei punti in ombra.
Giornata non bella con qualche sprazzo di sole e fredda, comunque anche in queste condizioni rimane una bella gita nello splendido Parco Naturale Capanne di Marcarolo, nel periodo natalizio passando dall'osservatorio del C.A.I. si può trovare un albero addobbato con palline colorate. Al ritorno ho seguito il segnavia quadrato giallo e poi sono salito alla Costa Lavezzara, altro bel monte.


[visualizza gita completa con 9 foto]
note su accesso stradale :: Strada libera e pulita
Nessuna nota da segnalare su quanto riguarda interruzioni o deviazioni sull'intero percorso, sentieri puliti, ribadisco solo quello segnalato sulla relazione della gita: appena superata la cascina Saliera è possibile trovarsi all'interno di uno spazio recintato da filo elettrico che induce a seguire una via sbagliata per detta ragione prestare attenzione in quanto non ci sono neppure segnali di vernice, è indicativo l'albero isolato subito alla dx, poco vicino parte il sentiero in piano.Il meteo che solitamente consulto questa volta si è sbagliato, nebbia bassa sui rilievi con schiarite a tratti e vento sostenuto, si è messo al bello sul tardo pomeriggio, peccato perchè la zona dei laghi è bellissima.

[visualizza gita completa con 9 foto]

Caratteristica itinerario

sentiero tipo,n°,segnavia: Due rombi gialli, B/R, AV, quadrato giallo vuoto.
difficoltà: E :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 810
quota vetta/quota massima (m): 1172
dislivello salita totale (m): 800

Ultime gite di escursionismo

10/07/20 - Rocciamelone da la Riposa - cecco81
Sentiero ok,ben segnato e tutto sgombero da neve. Sgambata mattutina prima del previsto maltempo che non ha mancato ad arrivare. Parecchia gente sul percorso per essere in settimana. Salita veloce [...]
09/07/20 - Gelato (Lago) da Posio, anello dei laghi del Vallone d'Eugio da Posio - gian.casalegno
La mia ambizione, arrivato alla diga, era di arrivare fino al lago Nero che è meno di 200 m sopra il lago d'Eugio. In realtà il sentiero è introvabile, il cammino in mezzo ai rododendri lento e di [...]
09/07/20 - Gragettes (Col des) da Chambran e il Lac de l'Eychauda eil c Anello Gragettes (Col des) - pedrito
In esplorazione degli Ecrins conosciuti ben poco dal sottoscritto aparte qualche grande classica... pensavo addirittura di trovare neve nell'ultima parte invece addirittura trovo pulita la discesa sul [...]
09/07/20 - Glacier (Mont) da Dondena, anello per il Lago Miserin - bus
Fino al colle qualche traverso su lingua di neve. La dorsale sud puo' essere raggiunta direttamente per neve e poi va percorsa fino in vetta (pendenza sui 40). In queste condizioni probabilmente la difficoltà è F. Indispensabili i ramponi.
09/07/20 - Palon (Monte) dall'Alpe Arcella - sergio 51
Con l'auto si può arrivare solo fino a circa 2500 m. dall'alpe Arcella, che si raggiunge a piedi senza guadagnare quota, quindi bisogna tenere conto anche dello spostamento. Dall'alpeggio si raggiun [...]
09/07/20 - Ciapous (Rocca del) da Sant'Anna - giody54
Il Vallone del Meris è interminabile,sopratutto in discesa .Lunga e appagante gita senza problemi di sorta .Dalla cima abbiamo continuato per cresta fino al colletto tra la Cima Gorgia Cagna.Da qui s [...]
09/07/20 - Abisso (Rocca dell') da Colle di Tenda - guido.ch