Fletschhorn Parete Nord

La nostra prima discesa di sci ripido!
Saliti in giornata... Partiti alle 4:30 da quota 1900mt (strada per Rossbodestafel pulita), si mettono gli sci alla macchina... Gran caldo lungo tutto l'itinerario.. Parete tracciata: un pò di ghiaccio sotto pochi cm di neve in alcuni punti dalla metà in su, ma che non crea problemi...
Discesa iniziata alle 11:30, orario perfetto per le temperature di oggi... Ingresso in parete con un pò di ghiaccio... Neve polverosa pressata nella parte alta, trasformata che ha mollato al punto giusto nella parte finale, che figataaa!
Caldo africano dal bivacco in giù, dove i primi 300mt si sono ancora lasciati sciare su un firn spaziale, dopo invece sopravvivenza su polentaccia marcia insciabile fino alla macchina...
In giornata è bella lunga e molto fisica come salita, ma è una grandissima soddisfazione!!
Con il super socio Ale

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe lastroni esistenti
neve (parte superiore gita) :: altro
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Strada interrotta a quota 1700 mt
quota neve m. :: 1900
A distanza di un anno, le condizioni sono quasi identiche a quelle descritte dall’ eccellente g. bona nella relazione precedente. Strada interrotta da neve e massi (non si passa fin quando la libereranno) a quota 1700 ca. Neve a partire dall’ultimo tornante, mt 1900 ca, continua. Giornata spettacolare, non una nuvola, cielo blu cobalto, arietta fresca, ottimo rigelo. L’itinerario è un bel viaggio nel cuore di queste montagne poco frequentate da noi torinesi. Fatto in giornata è lunghetto, 2300 mt D+ per 18 km A/R, ma di assoluta soddisfazione. Noi abbiamo dormito nel comodissimo Pulmino WV di Fabri alla base. Sveglia alle 2.30. partenza alle 3,20. La presenza di un maggiolone italiano parcheggiato ci lasciava supporre che qualcuno fosse salito al bivacco e ci avrebbe fatto una bella traccia, e così è stato. Alle 6 in punto arriviamo al bivacco e vediamo i nostri tracciatori alla terminale. Bene! Terminale e crepi completamente tappati. La salita della pala è veramente lunga. Sembra sempre di essere vicini all’uscita , ma non arriva mai! Raggiungiamo i tracciatori poco sotto l’uscita, in tempo per un piccolo cambio. Uscita tutta a destra priva di ghiaccio, buona anche per l’ingresso in discesa, con un po’ di derapage perchè il corridoio di neve è stretto. Dal colletto alla cima sono meno di 200 mt , ma personalmente mi sono sembrati 2000… . Grandi sorrisi e abbracci alla croce di vetta e gran soddisfazione. Panorama imprendibile, a perdita d’occhio. Splendida farina a scaglie sui facili pendii fino al colletto. Breve derapata e poi una serie infinita di curve su neve sincera, una farina pressata che sembrava crosta dura a vedersi, ma era cedevole e morbida, con ottimo grip. La parete è lunghissima e la pendenza molto sostenuta e continua per almeno 300 mt e anche quando molla , non è di molto. Linea dall’indubbio valore estetico e super sciata marca Leone! Dal Bivacco in giù, prima un po’ di crosta portante ancora gelata, poi neve mollata ma ancora ben sciabile con gusto, né sfondosa nè appiccicosa, fino a Rossboden. In cima alle 10.30. Inizio discesa verso le 11, alla Furgo alle 12.30. Il viaggio fino a Torino ci è sembrato eterno!!


Gran gitone primaverile con uno splendido gruppo, in cui ero tollerato per amicizia : Fabricino, come sempre fortissimo e saggio, ottimo gestore della Furgo B&B a 5* e il nostro recente amico Fede, neo guida alpina, che non se la tira neanche un po’, ma è forte come una bestia. Grazie a tutti e due per questa bella, massacrante, idea.
Un saluto ai due valenti tracciatori Valdotàin con cui abbiamo condiviso tutta la discesa.



[visualizza gita completa con 10 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
note su accesso stradale :: interrotta a quota circa 1650
quota neve m. :: 1900
30' di portage, poi neve continua dall'ultimo tornante prima di Rossbodestafel.
Salita senza problemi fino al bivacco De Zen, facendo attenzione all'ultimo pendio sotto il colletto per neve umida ancora da scaricare. Noi siamo passati a dx su fondo di slavina ed abbiamo traversato in alto.
Partenza dal Bivacco alle 5: buon rigelo per fare il fastidioso traverso che conduce al plateau sotto la terminale.
Passaggio della terminale senza problemi. salita agevole (noi siamo passati a dx dell'isolotto roccioso per evitare il corridoio di destra, esposto ai seracchi sommitali.. cmq qualche qualche pietruzza l'abbiamo vista già alle 7.. il sole si fa sentire!
Salita interminabile fino all'uscita in cresta, lato dx poi ultimi 100mt verso la vetta, su crostaccia.
Tralasciando la discesa dalla vetta all'ingresso della parete, alle 9.45 abbiamo trovato ottime condizioni: primi 300mt (i più ripidi) in farina compressa, poi crosta portante su fondi di slavine superficiali, fino alla terminale che si passa senza problemi.
Traverso per tornare al bivacco che è un pò ostico per neve marciona già alle 10.30 e, in parte, ancora da scaricare, quindi occhio.
Discesa dal Bivacco: primi 200mt su crostaccia, poi neve marcia (recente) per altri 100 mt, per finire quasi 800mt di neve vecchia mollata "il giusto", che ha consentito di raggiungere in tranquillità la strada e quindi l'auto alle 12.40.
Il giorno perfetto.. Con il socio Piero in gran forma e con due nuovi amici incontrati al Bivacco: Andrea da Brescia ed il trentino Carlo.
Ottimo lavoro di squadra in battitura in salita: come quattro ciclisti in fuga a darsi regolare cambio.
Bivacco De Zen in buone condizioni, fornito di coperte, stoviglie, pentolame e anche pasta. Occorre portarsi cmq il fornelletto per cucinare e soprattutto per sciogliere la neve.


[visualizza gita completa con 10 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: strada interrotta poco dopo la segheria
quota neve m. :: 1800
La strada è interrotta poco dopo egga, quindi la quota di partenza è intorno ai 1650m, sono scese enormi valanghe che hanno invaso la strada di neve e detriti.
Saliti mercoledì sera su neve morbida ma con buon fondo duro, spalato per aprire il bivacco immerso nella neve, cucinato e nanna, la parete non si è fatta vedere per tutto il tempo e ha soffiato un vento abbastanza forte tutta la notte.

Al mattino di giovedì partiti alle 5.00 dal bivacco con cielo terso ma ben poche speranze in quanto la neve nel traverso dal bivacco a base parete si presentava come una crosta da vento/rigelo durissima che sfondava a tratti con i ramponi ma appena entrati in parete sorpresa! Farina pressata da cima a fondo, 30 cm abbondanti ben assestati che non hanno ostacolato piu di tanto la progressione ma ci hanno regalato una discesa ... che discesa!
Scesi alle 9.30, dopo la parete una meraviglia di firn appena smollato che stando alti sulla morena porta a 10 minuti a piedi dalla macchina
Consigliatissima
con Flavio, Stedagno & Steve


[visualizza gita completa con 6 foto]
Si parte nei pressi della segheria (1600). Saliti all'attacco della parete direttamente per il bel pendio/canale trai serracchi.
Parete in grandi condizioni 30/50cm. di polvere compressa! Al momento solamente gli ultimi metri in uscita al colle risultano insciabili per ghiaccio affiorante...ci siamo fermati alla sua destra contro le roccette a pochi metri dall'uscita.
Bellissima e molto suggestiva anche la discesa diretta tra le serraccate....quest'anno poi molto collegata.
...è sempre un gran piacere tornare su questa stupenda parete!
Oggi in gran compagnia di Alberto, Matteo e il Teo!


[visualizza gita completa con 9 foto]
neve (parte superiore gita) :: umida
neve (parte inferiore gita) :: umida
quota neve m. :: 2500
Saliti ieri dall'alpeggio di Rossboden (coordinate: N46°11.720' E8°01.560' quota 1930m) al bivacco De Zen (coordinate: N46°11.084' E8°00.139' quota 3012 m) sotto una pioggia fitta, che è continuata fino oltre mezzanotte; la parete l'abbiamo vista solo questa mattina alle 4.30, il cielo finalmente sgombro preannunciava una giornata splendida e così è stato.
La Nord era veramente "asciutta", gli isolotti rocciosi erano un unico affioramento di roccia, tutta la parete con rigole anche profonde un metro!
Siamo comunque andati alla base della parete e siamo saliti fino a quota 3720, poi abbiamo deciso di scendere picca e ramponi perché la neve era molto umida e svalangava, sicuramente non avrebbe consentito una bella sciata. A 3400 abbiamo messo gli sci e siamo scesi fino alla ghiacciaio su una neve pessima.
carpe diem...noi non l'abbiamo fatto 3 settimane fa...e così anche se oggi abbiamo voluto comunque andare a metterci il naso, sapevamo che poteva essere un possibile "buco nell'acqua" e così è stato. L'ambiete è fantastico e sicuramente il prossimo anno ci riproveremo...al momento giusto però!
In compagnia di Massi.


[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: si sale fino a quota 1800ca. ultimo tornante
quota neve m. :: 1900
è sempre un piacere tornare su questa bella parete....poi trovarla in gran condizioni lo è ancora di più...
Unica pecca la meteo, partiti con cielo terso ma in rapido peggioramento a metà mattinata.....infatti arrivati a pochi metri dall'uscita (causa un principio di nevischio)decidiamo di girare i tacchi e cominciare la discesa sfruttando cosi solo in parte le ultime occhiate di sole prima di essere inghiottiti dalla spessa nube in arrivo...
Come detto parete in grandi condizioni, parte bassa fino all'isolotto in ottima neve trasformata e nella parte alta molta gran farina in fase di compressione....

Altra bella giornata in montagna.....in ottima compagnia di Alberto e Pablito.



[visualizza gita completa con 6 foto]
quota neve m. :: 2600
Fatta in giornata,partito alle 2,10 da Rossboden,gran rigelo notturno già dai 2600m.,piccola pausa al bivacco e poi via per la parete trovata in gran condizioni per la salita,su neve dura, salita molto velocemente alle 7 ero in vetta...poi ho atteso che mollasse un pò la parte alta e anche l'arrivo di Emanuele e Matteo che salivano da Saas Balen (ovest)...abbiam cominciato la discesa poco prima delle 10,parete in buone condizioni per la discesa,i primi metri in entrata richiedono attenzione poca neve su fondo duro....
Oggi molti sulla nord tra alpinisti e sciatori circa una quindicina.


[visualizza gita completa con 4 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: si arriva a quota 1900
quota neve m. :: 1900
Ghiaccio nella parte dx orografica della parete. Si esce dalle roccette.
Altri commenti e foto su

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: si arriva fino a poco prima dell'ultimo tornante di Rossboden
quota neve m. :: 1900
Eseguita in giornata,ancora qualche lingua di neve sulla strada, si lascia l'auto poco prima dell'ultimo tornante di Rosboden,partito alle 4,30, cinque minuti a piedi e poi ho messo le pelli alla mia splitboard alle 7,30 ero all'attacco,poco più di due ore ero fuori parete,di solito questa parete prende il sole già alle 6 del mattino però questa mattina era un continuo via vai di nubi il sole a cominciato a scaldare dopo le 8,cominciato la discesa poco prima delle 11, sulla parte alta sinistra c'è un pò di ghiaccio io sono entrato sulla destra tra le roccette dove ho trovato delle condizioni eccezzionali 30cm. di farina su fondo duro su tutti gli 800m. della parete. Discesa lunga e fantastica!!!

[visualizza gita completa con 2 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta da vento dura
neve (parte inferiore gita) :: crosta da vento morbida
quota neve m. :: 2100
Seguendo la "via dei viennesi", si esce in cresta nell'unico evidente tratto in cui non c'è ghiaccio e la cornice non è strapiombante. Si prosegue sino in vetta 3993 m., grande panorama sul monte rosa e sui giganti della zona.
Dall'alpe di rosboden per lingue di neve ho raggiunto il bivacco De Zen, situato su una crestina rocciosa dalla quale si gode una splendida veduta della parete: bella e alta, si può osservarla bene prima di salire. Incontrato Andre' e simpatici soci, abbiamo effettuato il resto della salita insieme. Condizioni buone già per salire, in 2 ore e mezza dalla terminale all'uscita della parete e poi su verso la vetta per cresta e facili pendii della via normale. Rientro in parete e discesa su una neve in condizioni eccezionali, Andrè con la tavola entra deciso dalla cresta e prosegue a buon ritmo di curve. Parte alta dura ma con buona presa, circa 55° per breve tratto, parte bassa più morbida per l'effetto evidente del sole. La parete è esposta al sole sin dal mattino presto e poi per tutto il giorno in queste lunghe giornate di maggio, quindi qualche pietruzza può staccarsi dall'alto ed è meglio non salire troppo tardi. Ricordo che è già breve il tratto innevato di uscita sulla cresta: buono adesso ma soggetto al lavorio di sole e vento, quindi... in diminuzione.... Parete alta, di grande respiro, neve stupenda: je ne vous dit pas, dit pas, dit pas.....


[visualizza gita completa con 1 foto]
Saliti dalla Nord e scesi per la cresta Breitloibgrat (ovest).
Parete nord in ottime condizioni, tutta su buona neve anche se a tratti sfondava un po' specie in alto.
Causa forte vento notturno siamo partiti dal bivacco alle 07:00, quindi rientro pomeridiano...
La cresta di rientro non e' stata cosi' facile da individuare, l'abbiamo persa dopo circa 300 metri di dislivello e ci siamo dovuti arrangiare sul versante che da' sul pianoro sotto la nord, con qualche arrampicata in discesa e qualche traversino insidioso...
Nel complesso un gran bel viaggione!
Complimenti a Gege' e a Luca che ha guidato la complicata discesa...

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: recente leggera/asciutta
neve (parte inferiore gita) :: crosta rigelo non portante
Itinerario bellissimo, sia per l'ambiente che per la qualità della discesa. Il dazio da pagare è stato una fatica notevole per "scavare" una traccia nella Nord; infatti ci sono 50-60cm di polvere da pestare-abbrancare fino in cresta. Inutile dire che in cima ero stanco davvero. La discesa: pazzesca, mai sceso un pendio così con della neve del genere, vale veramente la pena.

[visualizza gita completa con 1 foto]

Ci sono anche stati ...

  • 27/06/10 - sborderzena
  • Caratteristica itinerario

    tipo itinerario: parete
    difficoltà: I :: 5.2 :: E2 :: [scala difficoltà]
    esposizione preval. in discesa: Nord
    quota partenza (m): 1900
    quota vetta/quota massima (m): 3985
    dislivello totale (m): 2085

    Ultime gite di sci ripido

    08/06/19 - Piccola Ciamarella Parete Nord - g.bona
    Constatato che la Nord della Ciamarella era impossibile da scendere in sci, Piero ed io seguiamo Stefano, Silvio e Federico in questa lunga e bellissima boucle fino in cima alla Piccola Ciamarella. D [...]
    08/06/19 - Vallonetto (Cima del) Parete Nord - rikymar
    Un po' di vento al mattino e qualche nuvola in giro, ma buon rigelo e rapido rasserenamento globale. Abbiamo raggiunto la cresta con la Valfredda a circa 2900 m in punto evidente e comodo. Abbiamo se [...]
    08/06/19 - Ghiliè (Cima) Parete Est e giro per il Passo Brocan - giole
    Partiti dal lago delle Rovine. Sentiero-scorciatoia per il Genova pulito ed a posto. Si portano gli sci sino al lago Brocan, poi neve ancora abbastanza continua, rossa compatta fino a 2600 circa poi b [...]
    07/06/19 - Lombarda (Cima della) Canale NO - popino
    Arrivati al colle della Lombarda alle 6.16, dopo più di 2 h di macchina, è una bella botta vedere che di neve quasi non ce n'è.... Ma non siamo certo tipi da perderci d'animo. Il canale NO è secco [...]
    07/06/19 - Vallonetto (Cima del) Parete Nord - lakota
    04/06/19 - Ciamarella (Uja di) Parete Nord - Fede94
    Condizioni super! Partiti dal rifugio alle 3:45 con ottimo rigelo.... Neve durissima nella risalita al colle Tonini... La terminale si passa in più punti, ma occhio ai ponti, sono esili e fragili, sc [...]
    02/06/19 - Senggchuppa Parete NE - Titti85
    Bel giro, quest'anno con innevamento ancora abbondante, si parte e si arriva all'auto sci ai piedi. Tutti i pendii ben innevati a con neve ottima sia per salire che per scendere. Con luha in un ottima giornata senza vento.