Caneto (Cima di) da Blitz per il Monte Ziccher

Partenza dal parcheggio dell’Alpe Blitz, salita per la chiesetta quindi Pragrande e Oro, poi lungo il sentiero che risale il bel bosco di abeti e larici. Presto però ci spostiamo a destra raggiungendo la cresta Sud-Sud-Est che offre un bel panorama sul versante orientale. Dalla cima scendiamo verso Nord, dove il passaggio sulla friabile forcella è stato recentemente reso un po’ più agevole; risaliamo quindi verso l’antecima Nord-Est da cui scendiamo lungo la cresta, mai problematica ma in alcuni punti piuttosto affilata, in direzione dell’Alpe Caneto. Seguiamo il sentiero che passa alto sui magri pascoli dell’alpeggio, attraversando una zona di grossi blocchi di serpentino, per raggiungere la sella a quota 1832 che dà accesso alla cresta Est della Cima di Caneto. Dalla punta Nord-Est, leggermente più alta, attraversiamo in cresta verso la punta minore, da cui affrontando qualche semplice passaggio roccioso scendiamo in direzione della Bocchetta di S. Antonio. Prossima tappa Cortignasco, quindi Piot dove concludiamo in allegria la gita gustando ottime specialità vigezzine.
Gita in compagnia di Cristina e Mario, la cui famiglia ci aspetta in baita per offrirci graditissima ospitalità ed amicizia, tra le cose più preziose che hanno allietato nei lunghi anni la frequentazione di queste montagne.

Ampio pendio verso lo Ziccher
Ziccher
Cresta Nord-Est e Cima di Caneto viste dalla cima dello Ziccher
Alpe Caneto
Cima di Caneto Nord.Est vista dalla cima Sud-Ovest

[visualizza gita completa con 5 foto]
note su accesso stradale :: il park ad alpe bliz sempre affollato
Il percorso è bollato ed indicato fino all'alpe canneto , poi il percorso è ovvio e chiaro. Se si vuole percorrerle in traversata mettere in conto di avere indumenti adatti (ortiche in cresta e parecchi escrementi di ovini) . Nel complesso non entusiasmante , ma con giornate che non hanno un gran Meteo può essere un bel giro. Da segnalare in discesa il sentiero che passa dall'alpe cortignasco attraversando una bella faggeta a mezzacosta (poco visibile l'attacco, poco dopo le baite scendendo ,omino e bolli rossi a sinistra).
Con Tiziana.


[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: ok
saliti direttamente alle cime di Caneto evitando lo Ziccher salito gia' tempo fa... con meteo che prevede acqua..dove si puo' risparmiare tempo e' meglio farlo !!!
dalla sella tra lo Ziccher e una delle due Cime di Caneto abbiamo percorso il sentiero che porta verso l'alpe di caneto...senza raggiungerla abbiamo seguito una traccia alta che ci ha portati fino ad un'altra selletta...
da questa presa la spalla erbosa-pietrosa che porta alla cima secondaria... ortiche in loco !!!...
scesi per breve e ripido pendio erboso abbiamo raggiunto la sella tra la vetta secondaria e la pricipale...
risalita la principale, che pare di pochissimo e forse piu' alta,per tratto ripido e scivoloso...sempre tra erba e roccette...qua qualche goccia di pioggia ma che subito ha smesso...
dalla vetta principale tra traccine e rocce e, poi, per dorsale erbosa, si torna alla sella con lo Ziccher...raggiunta poi la bocchetta di S Antonio abbiamo seguito un percorso alternativo che scende verso dx... a mio avviso piu' piacevole che percorre un bel bosco con sentiero a mezzacosta e che riporta alla partenza
Oggi meteo non buono... ma la Val Vigezzo in questi casi non delude ed il tempo tiene di piu'..cosi' e' stato...
logicamente con Andrea


[visualizza gita completa]
Gita limitata alla Cima Nord-Est, raggiunta dalla cresta Est, percorsa poi anche in discesa. Saliamo con partenza da Blitz transitando per Pragrande e Bocchetta di S. Antonio; al ritorno, facciamo una deviazione verso l'Alpe Caneto, dove abbiamo modo di visitare il rifugio grazie alla cordialità delle persone presenti. Tornati alla Bocchetta di S. Antonio, scendiamo verso l'Alpe Cortignasco da cui torniamo verso Blitz passando per la località "Piot". Giornata fresca e gradevole con cielo abbastanza limpido dopo la pioggia di ieri.
Gita sezionale del CAI Valle Vigezzo con 18 partecipanti.


[visualizza gita completa con 4 foto]
Tutto già ben segnalato se nonchè il sentiero che si biforca verso sx a quota 1821 e porta alla sella tra le due cime, di primo mattino si trova in ombra. Noi l'abbiamo trovato con galaverna e ghiaccio e dunque ci siamo portati sopra l'alpe Caneto, che è rivolta a sud, e da lì abbiamo risalito il ripidissimo pendio che porta alla sella. L'erba è insidiosa ma tra l' erica e i rododendri si riesce a fare buona presa. Un pò di attenzione sui blocchi che portano alla cima sud e per la nord occorre ravanare ancora nell'erba secca e scivolosa più che mai. Poi dalla cima nord si scende agevolmente in direzione nord e ci si innesta rientrando sul sentiero che arriva da Spruga (valle Onsernone).
Ancora molto piacevole camminare in quota per l'ampio soleggiamento di questa zona, incontro ravvicinato con 5 camosci già in livrea invernale.


[visualizza gita completa con 2 foto]
Salito solo le Cime di Caneto (Ziccher già fatto anni fa con le ciaspole). Altro regalo di questo tardo autunno caratterizzato da assenza di neve e da temperature decisamente alte per il periodo. Cielo limpidissimo e dunque panorami mozzafiato sulle montagne circostanti; gita peraltro prettamente autunnale, considerando anche l'esposizione sud . Qualche breve annotazione: il sentiero segnalato, in corrispondenza del nucleo principale dell'Alpe Blizz tende a sparire; bisogna puntare alla dx della baita con il segnavento a forma di galletto, dove esso torna chiaramente identificabile. La cresta è oramai percorsa da una traccia abbastanza evidente che facilita la progressione; la classificazione EE ci può stare soprattutto per la presenza di tratti ripidi su erba scivolosa e anche per qualche passaggino su roccette un po' esposto. Niente che comunque non sia alla portata di tutti, prestando ovviamente un minimo di attenzione (eviterei con terreno bagnato). Presenza di galaverna al mattino nei tratti esposti a ovest e nord, che comunque non ha creato alcun problema. Incontrato un simpatico terzetto di escursionisti con cane poco dopo la partenza e al ritorno alla Bocchetta di Sant'Antonio; visto due persone in cima allo Ziccher. Al ritorno, qualche piccolo rallentamento a Santa Maria Maggiore causa ressa da stadio ai mercatini natalizi.

[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: Strada per Blitz recentemente riasfaltata
Bel percorso ad anello completato dal rientro per Cortignasco, lungo un sentiero poco frequentato e non facile da individuare. Giornata migliore di quanto le previsioni potessero far sperare; il lungo periodo secco con temperature oltre le medie stagionali annulla il rischio di trovare formazioni di ghiaccio lungo il percorso, più che probabile invece con condizioni normali in questo periodo. Nel ritorno dalla Cima di Caneto alla Bocchetta di S. Antonio un isolato nuvolone scuro al centro della Valle Onsernone ci regala lo spettacolo di una breve nevicata con una strana neve pallottolare mentre tutto intorno splende ancora il sole.
Gita in compagnia di Ernesto e Mario, sfruttando il clima atipico nell'attesa che il ritorno alla normalità porti le prime nevicate di stagione.


[visualizza gita completa con 3 foto]

Caratteristica itinerario

difficoltà: EE :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud
quota partenza (m): 1200
quota vetta/quota massima (m): 1913
dislivello salita totale (m): 870

Ultime gite di escursionismo

15/11/18 - Soglio (Monte) dal Santuario dei Milani - Badola erranti
Salito e sceso nella nebbia e con il terreno bagnato dalla variante centrale B. Non la conoscevo e non mi è piaciuta perchè va su dritta per i prati di erba olina quindi da fare solo se si cerca la [...]
15/11/18 - Duaria (Cima della) anello da Colonno per i monti Sertore e Costone - giuliano
Gita prettamente autunnale che consente di visitare il bel paesino di Pigra (peraltro raggiungibile anche in auto o con la funivia da Argegno) e alcuni alpeggi ben conservati, il tutto godendo di un o [...]
15/11/18 - Soglio (Monte) dal Santuario dei Milani - guest111
Segnavia biancorossi / cartelli del Trail Monte Soglio visibili anche in caso di nebbia o nuvole basse (come oggi, fino ai 1700m)
15/11/18 - Jervis Willy (Rifugio) alla Conca del Prà da Villanova - faber74
1ora e 20 minuti da Villanova al Jervis bella passeggiata per vedere i colori dell'autunno e la neve sulle montagne ...non si pesta piu' neve rifugio aperto,tanta gente a pranzo
15/11/18 - Musiné (Monte) da Caselette - VITOR37
Giro mattutino di allenamento, salito da itinerario classico e sceso da pian d-la feya. Giornata grigia e fresca, terreno umido ma poco fangoso, incontrato solo due escursionisti
15/11/18 - Crest (il) Da Limone P.te - Klaus58
Fatto il giro con semi-anello tornando poi dal vallone san Giovanni. Bella giornata in quota, le nebbie sono rimaste in pianura. Bel posto e bella piccola vetta per l'ultima escursionistica dell'anno (molto probabile...). Nessuno in giro.
14/11/18 - Orsiera (Bivacco dell') da Prà la Grangia - guido.ch
Si pesta un po' di neve al bivacco. Purtroppo data l'esposizione e il periodo, la salita al mattino è sempre in ombra. Il sentiero 525 del GTA verso Alpe toglie e il rio Corrente utilizzato per sce [...]