Ciarnier (Punta) da Baraccone al Vallone di Riofreddo per il Passo di Testa Combè

note su accesso stradale :: Ok
Dopo tanto che la sognavo oggi finalmente faccio questa traversata che sapevo bellissima e selvaggia! Ero già stata alla Ciarnier anni fa ed eravamo andati fino alla Cairiliera, e mi era piaciuta, ma senza aver fatto la traversata mi ero persa il più bello!
Gita da amatori, spesso da cercare il percorso, pochi ometti, nessun segnavia, tratti ripidi, creste, tracce, vecchie mulattiere in alcuni punti completamente scomparse.... Insomma mi è piaciuta, e la cosa più bella è che è difficile incontrare qualcuno! Oggi sono con Milena e la giornata è semplicemente straordinaria, Romano il cugino di Milena, profondo conoscitore della zona, oltre ad averci dato delle preziose indicazioni, ci verrà a prendere questa sera quando arriveremo e ci riaccompagnerà a prendere la nostra macchina al Baraccone, grazie davvero per questo grande aiuto!
Contrariamente all'ultima volta che ero stata alla Ciarnier oggi sono apparsi dei cartelli con le indicazioni per la cima ai due punti di partenza e alla malga, per il resto a parte qualche ometto per salire i pendii per la Ciarnier, non troveremo altro. Il fortino sulla cima è sempre più malridotto, il panorama è bellissimo, facciamo la cresta, facile, fino al Passo Ciarnier ed una breve puntatina fino al Funs Ciarnier, ho cercato di vedere i resti della mulattiera che scendeva a Rio Freddo nel vallone sotto ma sono molto rari e ben mimetizzati. Ritorniamo al colletto tra Resdour e Ciarnier, li il sentiero è stato portato via da una frana ma andando dritti verso sinistra dove faceva il tornante, si vede un canalino pendio di erba e pietre dove si scende agevolmente fino a riprendere il sentiero proprio pochissimi metri sotto. Seguiamo la mulattiera che è bellissima, peccato che in molti punti è rovinata, attraversa una pietraia enorme, dove irriducibili larici hanno trovato la vita, vi sono alcuni scheletri davvero impressionanti. Nella comba troviamo la vecchia caserma, peccato che anche lei è quasi completamente distrutta, resiste una stanza con un caminetto. Arriviamo poi ad un tratto di mulattiera davvero fantastica, ancora perfetta. Pranziamo al colletto di fianco alla Testa Combè, curiosa la trincea naturale che troviamo dopo. In discesa nel bosco dall'altro lato la mulattiera è scomparsa in più punti e spesso invasa da pietre e vegetazione, troviamo sulla nostra strada anche una vipera enorme, erano anni che non ne vedevo, ma d'altronde in un posto così selvaggio era da aspettarselo. Molto belli il bosco di larici e poi la faggeta! Arrivati in fondo troviamo Romano ad aspettarci per accompagnarci a prendere l'auto al Baraccone. Il dislivello in discesa è di circa 1700 metri ed il percorso è sicuramente lungo, anche se non so dire quanto perchè non avevo in funzione il gps.... Davvero una bella gita che consiglio se amate solitudine, ricerca del percorso, vecchi percorsi e manufatti militari e la loro storia ed ampi panorami. Un saluto a Milena che ringrazio per la compagnia e la bella giornata passata assieme e un saluto con un grande grazie per il passaggio e l'ospitalità a suo cugino Romano veramente squisito e disponibile.
Il pendio salito dal Baraccone visto da quasi in cima
La Maladecia e il pendio per la Ciarnier
La vecchia mulattiera e il fortino sulla Ciarnier
Fortino e Punta Ciarnier
Panorama verso Rio Freddo dalla cima
La cresta verso il Passo Ciarnier e il Funs Ciarnier
Milena sulla cresta verso il passo
La comba dove scendiamo, di fronte al centro la Testa Combè, tutto a sinistra si vede il canale dove il bianco è la frana che ha portato via il sentiero che riappare subito dopo
La mulattiera e la vecchia caserma
Uno dei tratti di mulattiera splendidamente conservati
La comba con la mulattiera e in fondo la Ciarnier
La curiosa trincea naturale
Nel bel lariceto

[visualizza gita completa con 13 foto]

Caratteristica itinerario

sentiero tipo,n°,segnavia: Mulattiera, sentiero, niente, ometti
difficoltà: EE :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Tutte
quota partenza (m): 1535
quota vetta/quota massima (m): 2571
dislivello salita totale (m): 1200

Ultime gite di escursionismo

24/03/19 - Rosta (Cima) dal Santuario di Prascondù per il Colle Crest - ruatz87
Bella gita su sentiero GTA ottimo. Trovato un piccolo traverso ghiacciato che si aggira tranquillamente.
24/03/19 - Simonasso (Monte) anello da Saorge - Lonely_Troll
Il percorso si svolge per la maggior parte in ambiente boscoso e su sentieri ben marcati, in una giornata già calda come questa l'ombra era gradita. Da segnalare un vasto incendio nei boschi sotto l [...]
24/03/19 - Estelletta (Monte) da Viviere per il Colle Ciarbonnet - test95
Bellissima giornata nella favolosa val maira in compagnia di Cinzia e papà. Partiti da chialvetta e saliti lungo la strada del ciarbonnet, si tocca la neve 5 o 6 volte ma per brevi tratti, non necess [...]
24/03/19 - Monte Bano Anello da Montoggio - lo65
Bel percorso,scoperto grazie a Gullliver,dal dislivello e dallo sviluppo limitato(con passo normale al netto di soste calcolare circa 4 ore),ma di un certo impegno soprattutto perchè la traccia in al [...]
24/03/19 - Français Pelouxe (Monte) dal Colle delle Finestre - bonix89
Partiti sotto il colle al bivio per chiusura colle. Neve assente fino al colle primavera. Usato ramponi e picca per tutto il tratto. Neve marcia ma resisteva. Tratto finale scesi con corda per sicurez [...]
24/03/19 - Battagliola (Punta) e Punta del Cavallo da Chiesa - giody54
Saliti da Chiesa e discesi da Pleine ,quindi percorso un km di asfalto per ritornare a Borgata Bernard dove avevamo l'auto.Prima di salire alla Punta del Cavallo seguendo un'indicazione abbiamo raggiu [...]
24/03/19 - Corma (Croix) da Fey Dessus per il Col di Finestra - obione
Partiti da Fey Dessus per via della sbarra chiusa. ( La sbarra sarà aperta dal 1° Maggio fino a ottobre ) Calzati i ramponcini gli ultimi 150 m. fino all'uscita del bosco, poi la dorsale è tutta pulita fino in cima.