Madonna della Neve (Rifugio) da Introbio

note su accesso stradale :: libere
In una bella giornata di sole si è ripetuto a Biandino il tradizionale “Pinaldo”, il 36esimo anniversario di matrimonio dei coniugi Aldo e Pina Bergamini scomparsi in circostanze diverse rispettivamente 5 e 6 anni fa e che ha radunato, al Santuario della Madonna della Neve, novanta partecipanti tra parenti e amici.
Dopo la salita, prevalentemente a piedi, don Enrico Nespoli, parroco della chiesta di Santa Marcellina a Milano, ha celebrato la messa grazie alla presenza dei volontari e alla disponibilità del parroco don Marco.
Sono stati anche ricordati il “nonno Ugo” e lo zio Sandro, entrambi 88enni scomparsi lo scorso anno a distanza di pochi mesi.
Per l’occasione è stata stampata una maglietta che i partecipanti hanno indossato, opera di Sofia e Luca, i figli della coppia con l'immagina di due stelle alpine, indicanti le due stelle in cielo e il nome alpina che racchiude i nomi dei due conuigi Aldo e Pina.
Dopo la celebrazione, i convenuti si sono ritrovati a pranzo prima di ridiscendere a valle.


Ottima accoglienza, come sempre, al rifugio Valbiandino dal mitico Brini.


gruppo
celebrazione
Santuario Madonna della Neve
logo
arrivo

[visualizza gita completa con 5 foto]
note su accesso stradale :: strade pulite
Veloce salita solitaria al Santuario con ulteriore tratto fino alle baite dell'Alpe Sasso, senza proseguire fino al lago per visibilità scarsa.
Strada senza neve fino al secondo ponte, poi con traccia libera fino alla baita delgi alpini, quindi ghiaccio con leggero strato di neve sopra percorribile anche senza ramponi. Dalle bocchette innevamento continuo con traccia percorribile senza ciaspole.
Tempo coperto e visibilità scarsa dopo il santuario.
Oggi poche persone in valle.
Pranzo al rifugio Valbiandino con il solito ottimo trattamento della famiglia Brini.



[visualizza gita completa con 3 foto]
note su accesso stradale :: libero
Salita lungo la classica strada di accesso con sentiero dal primo ponte fino all'acqua San Carlo.
Giornata decisamente gradevole leggermente velata al mattino poi apertasi con un bel sole.
Un gruppo di circa 80 persone è salito al Santuario della Madonna della Neve per ricordare Aldo (abe) e Pina con Ugo scomparso quest'anno.
S. Messa celebrata all'aperto da don Enrico e a seguire ottimo pranzo al rifugio Valbiandino dall'ottima famiglia Brini che ringraziamo per l'accoglienza sempre cordiale.

[visualizza gita completa con 4 foto]
note su accesso stradale :: nulla da segnalare
In occasione della festa della Madonna della neve e del pellegrinaggio degli introbiesi in ricordo del voto fatto 131 anni fa in occasione della epidemia di colera che risparmiò la valle.
Ho preferito salire al rifugio Buzzoni per valle ombreggiata fino all'inizio della salita al passo del Toro e da li al rifugio Grassi, superato lo spartiacque sono sceso verso le baite del Sasso e da li al santuario dove e' stata celebrata la Messa con la partecipazione di numerosissime persone.
Giornata calda, solo al mattino meno afoso, sopra i 1500 metri temperatura accettabile, in discesa rientro nella cappa.
Circa 1500 metri di dislivello.

Salita in solitaria, rientro affollato.



[visualizza gita completa con 2 foto]
note su accesso stradale :: pulite
Gita mattutina al santuario della Madonna della Neve, partenza da Introbio con -6 gradi e arrivo alle Bocchette con +4 gradi, stranezze di questo strano inverno.
Tempo terso e sereno, leggera brezza in alto ma nel complesso gradevole giornata, più caldo al ritorno con il sole che si è insinusto nella valle.
Da solo, incontrato altri escursionisti anche durante la discesa fatta prima di mezzogiorno.
Rifugi aperti n valle Biandino.
Saluto d'obbligo al Rifugio Val Biandino.
La chiesetta rimane chiusa fino al 1° maggio prossimo.



[visualizza gita completa con 3 foto]
Anche quest'anno salita di gruppo, 80 persone, per il Pinaldo 34 con una giornata autunnale con nebbie e nubi ma fortunatamente asciutta. Celebrata la S. Messa nella chiesetta della Madonna della neve.
Nell'occasione i partecipanti hanno indossato la maglietta creata da Sofia per questa ricorrenza.
"L'amicizia è uno dei sentimenti più Belli da vivere perché da' ricchezza, emozioni, complicità e perché è assolutamente gratuita.
...Si può camminare accanto e crescere insieme, pur percorrendo strade differenti." questa la frase di Susanna Tamaro scelta per il biglietto distribuito ai presenti.
Ottimo il pranzo presso il nuovo rifugio Valbiandino alle bocchette.


[visualizza gita completa con 3 foto]
Passeggiata di gruppo per il tradizionale "Pinaldo" in ricordo dell'anniversario di nozze di Aldo (abe su gulliver) e Pina prematuramente mancati rispettivamente 2 e 3 anni or sono.
con i parenti e gli amici abbiamo voluto ancora trovarsi in preghiera nel loro sempre vivo ricordo.
Si è ricordata anche la mamma di Aldo, Giuseppina “Pina” Cogliati, mancata sei mesi fa.
La Celebrazione della S. Messa è stata presieduta da don Enrico Nespoli, parroco della parrocchia di Santa Marcellina a Milano.
Da Introbio sono salite una settantina di persone, chi a piedi e chi in jeep .




Un ringraziamento a tutti i partecipanti al “Pinaldo 33” è stato fatto dal nonno Ugo che ha regalato un biglietto con una frase di Oreste Forno sul “piacere della montagna” che tra l’altro recita: “… è quello del silenzio delle cime che ti porta a guardarti dentro e magari ad alzare lo sguardo verso il cielo. E’ quello che fa nascere l’amicizia, è quello che ti fa vivere e non morire.”
Dopo il pranzo presso l'adiacente rifugio, ottimamente gestito dalla famiglia Brini, sono salito, in compagnia di Enrico al rifugio Santa Rita, 400 metri di dislivello con sentiero ripido ma facile sul pratone, purtroppo la nebbia ha negato la vista del Pizzo dei tre Signori regalando solo qualche squarcio di apertura a valle.


[visualizza gita completa con 6 foto]
Facile passegiata in compagnia di diversi amici per ricordare mio fratello Aldo (abe si Gulliver) e Roberto caduti sul Monte Rosa il 10 agosto di 2 anni fa.
Celebrazione della S. Messa nella chiesa santuario della Madonna della Neve adiacente al rifugio.


Un ricordo commosso in compagnia del padre Ugo e dei figli Luca e Sofia insieme al fratello Roberto.



[visualizza gita completa con 5 foto]

Caratteristica itinerario

difficoltà: T :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Nord-Ovest
quota partenza (m): 600
quota vetta/quota massima (m): 1600
dislivello salita totale (m): 1000

Ultime gite di escursionismo

22/02/19 - Bregagno (Monte) da Monti di Breglia, costone del Bregagno - dutur
la strada che sale da Breglia ai monti è a pedaggio (3 Euro al giorno). Sono partito dal parcheggio restrostante la chiesa seguendo le indicazioni e la bella mulattiera che interseca la strada fin [...]
21/02/19 - Vandalino (Monte) da Sea di Torre - 3levanne
Gita molto semplice e panoramica. Si lascia la macchina a quota circa 1100 poi la stradina è coperta da neve fino all’alpeggio da qui solo qualche chiazza, dorsale pulita anche il tratto dalla Cr [...]
21/02/19 - Grigna Settentrionale o Grignone da Colle di Balisio, anello per la Bocchetta del Nevaio - robyberg
21/02/19 - Spino (Pizzo di) da Bracca per la Croce di Bracca - giuliano
Dato che ero in zona per altri motivi, in un ritaglio di tempo sono riuscito a fare questa breve gita. Temperatura esageratamente calda per il periodo, ma cielo fortunatamente limpido. Al ritorno, dal [...]
20/02/19 - Filia (Bric) da Spineto - laika58
Gita crepuscolare con gli amici del CAI di Ciriè - Partiti dal santuario di Piova alle 18.00 con pile frontali, seguito per un tratto la strada verso Castellamonte, poi risaliti per una poderale nel [...]
20/02/19 - Aquila (Punta dell') e Cugno dell'Alpet da Alpe Colombino - nmanlio
Salita in notturna fino alla vecchia stazione della seggiovia. Sci e ciaspole si possono lasciare a casa. Siamo saliti con i soli scarponi. Qualche tratto ghiacciato ma gestibile. L'unica cosa utile p [...]
20/02/19 - Freidour (Monte) da Cantalupa, anello per Colle Aragno est e Colle Ciardonet - mario-mont
Ancora un po' di neve nei tratti non esposti al sole. Ghiacciata sotto il colle Castellar, mentre sulla dorsale è abbastanza morbida. In discesa verso colle Sperina ghiacciata, ma tutta evitabile. No [...]