Doravidi (Monte, Punta Nord) da Planaval per il Versante Est

osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1500
Meta iniziale il Chateau Blanc ma ho beccato la gara di skialp del Tour du Rutor… a saperlo… Oggi centinaia di persone, elicotteri, tiggì regionale, sullo Chateau... Raggiunto la cima battendomi una traccia a tratti sfondosa ai lati del circuito di gara. Giunta in cima poco prima dell'arrivo dei primi concorrenti e obbligata a restar li ad applaudire l’arrivo dei garisti perché non potevo venir via. Poi il servizio d’ordine mi ha lasciata passare tra un concorrente e l’altro. Mentre costeggiavo la Doravidi, le ho girato intorno per vedere di salirla, tanto per andare su una cima intonsa. Salita sulla vetta Nord dal ripido versante E di neve e misto, discesa lungo la cresta N e un breve canale lato ovest per raggiungere il pistone battuto dai garisti che dal ghiacciaio del Rutor sale verso la Quota 3337. Filato l'esile cresta su cornici, strabattuta dai tanti passaggi, raggiungendo successivamente il Flambeau. Seguito il pistone che raggiunge il Passo di Planaval e poi verso il ghiacciaio di Chateau Blanc. Man mano che scendevo mi sono accorta che le tracce andavano parecchio in basso per aggirare la zona crepacciata del ghiacciaio. Vista l’ora tarda e l’approssimarsi del tramonto, non me la sono sentita di avventurarmi lungo l’intonso percorso alternativo dell’Alta Via n 2 perché non sapevo come potesse essere la discesa della mulattiera innevata nel tratto delle ripide bastionate. Così mi sono sciroppata la lunga risalita per aggirare la costa dell'Orfeuille e recuperare la discesa lungo il percorso di salita del mattino, ormai cinghialato dai concorrenti. Tra munta e cala... quasi 2600 metri di dislivello.

[visualizza gita completa]

Caratteristica itinerario

tipo itinerario: ghiacciaio
difficoltà: ORA :: [scala difficoltà]
esposizione: Est
quota partenza (m): 1560
quota vetta/quota massima (m): 3439
dislivello totale (m): 1880

Ultime gite di racchette neve

26/06/18 - Bezin (Pointe Nord e Sud de) Pointe de la Met, Ouille de Tretetes da Pont de la Neige - jdomenico
Neve dall'auto e meteo buono, ma... nevai bucherellati e rigolati senza pietà, abbastanza faticosi (utili le racchette per non dover saltellare!) anche perché la neve ha mollato poco. Raggiunta prim [...]
19/06/18 - Menta (Costa di) dal Lago Serrù - laika58
Oggi una giornata spettacolare non una nuvola ed un sole caldo mitigato da un'arietta di sottofondo - Strada chiusa alla diga del Serrù, partenza con le ciaspole sullo zaino seguendo la strada taglia [...]
17/06/18 - Rossa (Rocca) - Pic Brusalana giro del Pic d'Asti per Breche Ruine e Sella d'Asti - patrick77
partiti dal colle alle 7.20 primi pendii privi di neve, alcune chiazze. Fatto un pezzo di sentiero per il Pan di Zucchero, poi prima di iniziare la salita più ripida fatto un traverso su neve arrivan [...]
16/06/18 - Gran Paradiso da Pont Valsavarenche - flavius
Neve pressochè continua dal rifugio. Ottimo rigelo. Neve dura nella parte bassa che non ha mollato nemmeno al pomeriggio. Dopo la schiena d'asino tappeto di perfetto firn primaverile. Innevamento anc [...]
14/06/18 - Giasson (Becca di) da Usellieres - Viper
Quoto in pieno la relazione di Mowgli, con cui ho effettuato la gita; aggiungo solo che se la neve é ben rigelata (come l'abbiamo trovata noi) si può salire con i ramponi, non servono nemmeno le rac [...]
10/06/18 - Ghicet di Sea da Pian della Mussa - gino74
neve continua dal piano Ciamarella sino in cima, usati ramponi per valicare i pendii sommitali.
09/06/18 - San Matteo (Punta) dal Passo Gavia - flavius
Portage di 1h e 30 minuti per noi ciaspolatori (non conviene cercare di seguire i traversi a mezzacosta con tracce di sci lungo le lingue di neve del versante nord della Sforzellina: molto più comoda [...]