Riondi (Rocca) o Sommet Rond dalle Grange di Valle Stretta per i Colli di Thures e de l'Etroite du Vallon

note su accesso stradale :: ok
Il sentiero dal Terzo Alpini al colle di Thures è forse il più bello da me percorso in oltre 40 anni di Montagna. Dal lago a dx sul dosso erboso si segue una piccola traccia fino al colle con cartello ligneo. Segue il ripido pendio con esigua traccia e qualche ometto fino in cresta che, seguita con aggiramenti sempre a sx, porta a raggiungere i vari torrioni sempre su terreno molto instabile. Io sono arrivato sul più alto prima della depressione più marcata in vista della Miglia. Visto il tipo di terreno veramente pericoloso, mi sono astenuto da emulazione! Ambiente molto selvaggio in alto, sotto ameno e rilassante.

[visualizza gita completa con 5 foto]
note su accesso stradale :: ok
non ho guardato le altre relazioni e gli itinerari skialp... quindi, prendendo solo come riferimento cartina e itinerario, mi sono parecchio rincoglionita a capire quale fosse la punta vera, visto che viene scritto che e' poco oltre l'ometto... ho salito fino alla base della placchetta finale anche l'ultima guglia... dopo di che sono scesa per non cercarmi rogne ...
ho pure pensato di aver interpretato male l'itinerario e ho provato a proseguire per cresta...visto che dalla mia carta la punta risultava piu' avanti... ma subito dietro front... per eccessiva esposizione non sulla Valle stretta ma su quella a sx ...e per il terreno di una precarieta' oltre i miei limiti... anche perche' in questo caso, proseguendo, la valutazione EE non sarebbe stata piu' quella corretta..
si cerca sempre la punta piu' alta pensando che sia la vetta... invece ..!!!
in ogni caso.... pendio ripido dal colle ..faticoso ma si puo' sfruttare una traccina a lato sx...
dalla cresta in punta un ghiaione poco stabile ma percorribile senza problemi... molto bella e particolare la visione dalla vetta verso il Miglia..
una volta sbucati sui pratoni per proseguire verso il colle di Thures, l'ambiente cambia notevolmente..ampio ed assolato...
Salita in un vallone deserto... arrivata al colle con lago annesso, invece, diversa gente a passeggio
prima delle tre punte del giro odierno, scelto per incertezza meteo che poi non e' stato affatto male..


[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: no problem
Con una sola caviglia a disposizione oggi gita breve e non impegnativa, ma in ambiente molto bello in questo periodo grazie agli splendidi colori che offre. Salito dal sentiero alle spalle del Rifugio III Alpini, bellissima mulattiera nel lariceto (tra una settimana i larici daranno il meglio) e poi arrivo alle praterie deserte del lago Chavillon, da qui deviato sulla traccia poco marcata per il Col de l'Etroite du Vallon, raggiunto comodamente.
Da qui seguito il crestone di terriccio, molto molto ripido ma non problematico, in discesa si nota meglio una traccia che conviene seguire, in ogni caso è bene mantenersi sul bordo del canalone che poi precipita sulla valle stretta.
Faticoso ma redditizio il pendio, che poi porta ad un tratto più appoggiato, dal quale inizia la lunga cresta che poi continuerà coi torrioni di valle stretta. Non ho capito bene quale sia la sommità di Rocca Riondi, si trova solo un ometto di pietre su un punto panoramico dopo aver aggirato un piccolo torrione. Poi la cresta prosegue con altri dentini, che si possono salire tutti quanti ora da davanti ora da dietro. Dalla cartina e dall'altimetro credo la cima sia comunque quella vicina all'ometto di pietre. Per sicurezza le ho salite tutte, e poi seguendo una traccia mi sono spinto tra cengette e sfasciumi mobili fino ad un'altro cucuzzolo più alto del precedente, cima davvero esigua e senza ometti; oltre la cresta per i torrioni si fa più impegnativa e rocciosa. L'ambiente è davvero selvaggio e panoramico, naturalmente non si incontra anima viva da queste parti. Discesa sul percorso di salita.
giornata calda con un po' di venticello fresco, visto pochissima gente solo al colle di Thures, e qualche camoscio.

[visualizza gita completa]

Ci sono anche stati ...

  • 21/08/05 - eurosia
  • Caratteristica itinerario

    sentiero tipo,n°,segnavia: segnavia bianco/rosso fino al Colle di Thures, traccia fino al Col de l'Etroit Vallon, poi niente
    difficoltà: EE :: [scala difficoltà]
    esposizione prevalente: Varie
    quota partenza (m): 1606
    quota vetta/quota massima (m): 2707
    dislivello salita totale (m): 1100

    Ultime gite di escursionismo

    19/02/20 - Lunelle (Punta e colle) da Traves, anello - rolly52
    Confermo l’ottima valutazione di questa gita, tutta su sentieri piacevoli e ben tracciati.Peccato per il momentaneo annuvolamento appena giunti in vetta. Lunghetta nel complesso ma poco faticosa.
    19/02/20 - Santa Cristina (Monte) da Bracchiello per el Senté dla Scalinà - parinott
    Diversi alberi caduti sul sentiero 261, il Cai di Lanzo ha previsto a Marzo l'intervento di pulizia, comunque ben segnalato da bolli B/R. e cartelli ai bivi. Molto meglio dai Monti di Voragno a S.Cristina.
    19/02/20 - Croce dell'Ubacco (Monte) da Moiola - klaus58
    Fatto il solito giretto mattutino salendo per la strada asfaltata, prima il monte Croce dell'Ubacco, poi punta Il Bric e il boscoso Saret Alto, scendendo dai tetti Masuè per il tracciato MBK con un s [...]
    18/02/20 - Frassati (Poggio), da Graglia per il Tracciolino e traversata a Oropa - brunello 56
    Gran gitona, all’arrivo ad Oropa erano 30 km con un 1500 m di dislivello, con 8h abbondanti di cammino. Ma ne valeva la pena. Non conoscevo il Tracciolino e volevo percorrerlo, anche sapendo che sa [...]
    18/02/20 - Artondù (Cima) da Tetti Gallina per il Bric della Ciarma, anello per Meschie - lonely_troll
    Una passeggiata alle pendici della Besimauda con salita per un percorso dimenticato e attualmente riportato solo da OpenStreetMap. Pochi brevi tratti di neve dura ma non scivolosa che non danno fastidio.
    16/02/20 - Corte Lorenzo (Cima) da Bracchio - chit.scarson
    Le poche chiazzette di neve residua dove non batte il sole i cresta non infastidiscono. Tutto il catename è in ordine.
    16/02/20 - Scopel (Bivacco) da San Liberale - lancillotto
    Sentiero dalla Croce dei Lebi e poi al bivacco con tratti ghiacciati, coperti da qualche cm di neve recente. Utili i ramponcini sopratutto la mattina. Salita in nebbia totale fino quasi al valico del [...]