Vallette (Cima delle) Parete Sud

neve (parte superiore gita) :: Primaverile/Trasformata
neve (parte inferiore gita) :: Primaverile/Trasformata
quota neve m. :: 1700
Sempre una bella paretina, attualmente in ottime condizioni. Sci a spalle da Balboutet al canalone del Rio della Mola, risalito sci ai piedi con qualche funambolismo (si può tranquillamente salire a piedi ma a quel punto tanto vale lasciare le pelli a casa). Viste le ottime condizioni di innevamento ho optato per risalire la parete: si segue tranquillamente il canalone principale e anche le due mini strettoie che lo caratterizzano al momento sono semplici e molto brevi, si passano facilmente con qualche passetto di misto-tepping. Per il resto neve ottimamente portante anche dove ci sono gli accumuli di neve gialla con sabbia. Ben innevato e liscio anche il canaletto ripido per uscire in cima. Sarà per qulo o sarà che me la sono studiata bene ma in salita del terribile vento che infuriava sulle cime ne ho prese solo 2 folate, in cima invece ovviamente soffiava da far invidia al lupo dei 3 porcellini.
Discesa iniziata alle 11.30, neve molto buona su tutta la parete. Strettoie facilmente evitabili piegando brevemente sulle contropendenze di dx e neve gialla finale comunque ben scorrevole (occhio solo a qualche buco traditore ogni tanto).
Rio della Mola buono in alto (soprattutto stando sulla sx), un po' fastidioso e rovinato in basso (rispetto alla scorsa settimana è peggiorato). Stradina alla frutta e giù sci a spalle lungo il sentiero diretto su Balboutet.
Nessuno in giro, neanche i soliti camosci.

La parete al ritorno
Parte alta in ottime condizioni
In salita

[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Fino a Balboutet
quota neve m. :: 1600
Fatta subito dopo la fucilata. Scesi alla strada dell'Assietta siamo risaliti verso il colle delle Vallette e da lì alla cima. Discesa nel canale su primaverile cotta al punto giusto. Fondo liscissimo e grippate. Ottima sciata fino alla strada dell'Assietta. Da lì sopravvivenza per arrivare alla macchina raggiunta comunque sci ai piedi.
Un ringraziamento a giovarav per la giornata completa e il super dislivello


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ok
Bella gita. E pensare che qualche settimana fa dal ciantiplagna mi chiedevo se qualcuno avesse già sceso i bei pendii delle vallette. Quindi mi sembrava la giornata buona per provare. Poi leggo casualmente Gulliver e vedo che è stata scesa il giorno prima. Poco importa, anzi grazie per la conferma delle ottime cundi. Siamo saliti dritti per dritti (il socio aveva dimenticato le pelli a casa...eheh!) scesi alle 10. Purtroppo la parte superiore ha un innevamento non sufficiente da seguire il canale principale e obbliga a qualche piccola deviazione...ma nulla di che! Anche oggi gli stessi camosci avvistati da Abo..eheh!
Con Cristian.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: strada aperta fino a balboutet
quota neve m. :: 1500
Complimenti all'intuizione di chi mi ha preceduto: davvero una bella parete dalle pendenze ideali e per nulla banale. Da Balboutet ho seguito (sci a spalle) il sentiero che si ricongiunge alla strada per l'alpe cerogne, quindi sono salito lungo il canale del rio della Mola, attualmente ben innevato e svalangato solo da metà in su. Una volta raggiunta la strada dell'Assietta (da dove si vede bene il pendio di discesa) ho messo gli sci ai piedi e sono salito in vetta passando dal colle delle vallette. Entrata in parete direttamente dall'ometto dell'anticima: un paio di curve nel primo canale (con un bel saltone sotto gli assi) su neve morbida, quindi ho attraversato a dx su cengietta per prendere il secondo canale che presenta una strettoietta fattibile sci ai piedi (con 170cm si passa al pelo), sotto la strettoia un altro paio di curve e poi di nuovo traversino a dx per prendere il terzo canale, di nuovo poche curve e un altro salto obbliga a tagliare a dx. Di lì si entra nel bel plateau mediano, dove le pendenze si addolciscono (sui 40° max) e purtroppo la neve era un filo sfondosa; si continua a scendere obliquando a dx fino in corrispondenza di un "nasone", da dove andando a sx si entra nella parte bassa del canale (oggi in ottimo vellutto). Di lì ho seguito un pezzo di strada dell'assietta fino a tagliare a dx nel bosco ripido su neve ben trasformata fino a prendere il canale del rio della mola (qualche passaggio fastidioso per via della valanga). In basso ho seguito la scorrevole stradina dell'alpe cerogne fin quando gira a est e quindi per bei prati, con ottima neve trasformata, sono arrivato sci ai piedi alla macchina.
Porre attenzione alle condizioni del manto, visto che il pendio è in pieno sud e la neve poggia direttamente su erba per gran parte del versante. Oggi oltre a me solo tantissimi camosci.


[visualizza gita completa con 8 foto]
osservazioni :: visto valanghe lastroni esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: strada dell' Assietta percorribile
quota neve m. :: 2100
Al canale della fucilata sulla Ciantiplagna manca più dell’ ultimo terzo sopra la strada dell’ Assietta. Per questo motivo abbiamo proseguito lungo il classico itinerario del versante sud-ovest della Ciantiplagna. Giunti in prossimità del valloncello che scende dal Colle delle Vallette abbiamo visto la parete sud della cima omonima, che riproduce, benché con minor pendenza, l’ andamento della parete meridionale della Ciantiplagna con però,in più, la neve… Quest’ ultima si è rivelata ben sciabile, in generale trasformata raramente farinosa in alcuni tratti delle contropendenze esposte ad est.
Noi siamo partiti da Pian dell’Alpe, ma si può percorrere in auto la strada dell’ Assietta fin quasi al vallone che scende dal colle delle Vallette riducendo il dislivello a molto meno di mille metri.
Con Claudio Casalegno in splendida forma come testimoniato dalle foto allegate.


[visualizza gita completa con 12 foto]

Caratteristica itinerario

tipo itinerario: parete
difficoltà: II :: 4.2 :: E3 :: [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Sud
quota partenza (m): 1557
quota vetta/quota massima (m): 2743
dislivello totale (m): 1186

Ultime gite di sci ripido

23/02/20 - Querellet (Monte) Dorsale Monte Querellet - Monte Sises, itinerari vari - mbourcet213
Sono salito da Bessen Haut perché da sotto sembra che ormai la neve non sia più collegata in diversi punti, al mattino la neve dura non da problemi fin sotto la cima ma l'ultimo pendio non è assolu [...]
23/02/20 - Quattro Sorelle (Punta) anticima 2700 m Diretta Versante SO - teo
Gran bella gita. Usciti dal canale andati sulla gasparre, così facendo si scia il bel pendio finale. Neve molto bella che in basso inizia a essere al limite, ma ancora fattibile. Qualche pietra è ve [...]
23/02/20 - Nasta (Cima di) Canale/Parete Sud-Ovest - tommy89
Partiti da Terme con grandi aspettative con gli amici Simo e Matte. Le condizioni del canale non erano per niente buone, molto magro e neve non omogenea e molto lavorata che hanno reso la sciata molto [...]
22/02/20 - Lesache (Aiguille de) Canale SE - chicca
Alternativa al Canale Sud, si esce sempre sui pendii finali della normale della Lesache. Oggi alle 8 siamo partiti da Crevacol 9° !!! Risaliti in parte le piste della Comba di Merdeux ben fresate poi [...]
22/02/20 - Vallonasso (monte) Drogati di Vallonasso - giole
Bella linea che unisce la fantastica parete del Vallonasso con un tratto basso più ingaggioso e ripido, meno logico ed evidente dell’ingresso classico, ma estetico e più esigente. Attenzione a [...]
22/02/20 - Brenva (Ghiacciaio della) - gianni.lucco
Da punta Helbronner discesi aggirando l'Aiguille de Toula puntando alla base della Tour Ronde risaliti sci ai piedi fino alla terminale (poco marcata) del canale est della salita normale alla Tour Ron [...]
22/02/20 - Grand Golliat Canale NE, da Col Fourchon e ritorno col des Angroniettes - esteban
Preso la prima seggiovia che parte alle 8.45. Ottime condizioni di innevamento e di sicurezza. Gli unici accumuli ventati erano molto duri e stabili. Oggi usato i ramponi (sufficienti quelli legger [...]