Barba Ferrero (Rifugio) da Alagna

note su accesso stradale :: servizio navetta attivo dalle 8.00 alle 18.00 dal Wold, costo 2.5€
A distanza di 3 anni torno a ripercorrere lo stesso percorso,
emozionandomi nuovamente di fronte a tali cime imponenti e selvagge.

Dal Wold, ripercorriamo il piacevole sentiero che trovo migliorato fino al Rifugio Ferrero dove ci accoglie il simpatico e disponibile gestore. Dopo una sosta riprendiamo a salire la morena erbosa soprastante sul sentiero ripido e ben tracciato che ci permette di raggiungere il ripiano erboso che precede il ghiaccio delle Locce e del Sesia. Ci accoglie un numeroso gruppo di grandi stambecchi che pigri riposano e non si scomodano al nostro passaggio.
Da qui l'ambiente è severo di alta montagna ma assai piacevole da scrutare.
Da qui proseguiamo verso la cresta SW della Punta Grober rimontando le incredibilmente comode rocce montonate per poi passare sulla neve fino all'estremo lembo meridionale del ghiacciaio delle Locce dove la cresta si impenna.
Ci sediamo su un comodo roccione a contemplare il panorama verso i bacini del Sesia e del Piode con le cime che spaziano dalla Giordani fino alla Gnifetti e oltre: Dufor e Norden spuntano oltre la costiera della Punta Tre Amici.
Siamo fortunati, abbiamo giusto il tempo di goderci lo spettacolo quando un banco di nebbia avvolge il Rosa...cala il sipario.
Scendiamo rapidi lungo veloci lingue di neve che ci portano alla spianata erbosa dove ci attendono gli stambecchi che si fanno di nuovo ammirare da vicino.
Discesa fino al rifugio, due chiacchere con il gestore e poi fino ad Alagna.

Magnifiche vedute sul lato piu' severo e meno conosciuto del Rosa,
gita consigliabile.

Ringrazio Andrea, Simone e Daniela per la compagnia.

Alla prossima,
Lorenzo
Capanna Resegotti
Padroni di casa

[visualizza gita completa con 2 foto]
note su accesso stradale :: Andata con segnavia 7, ritorno con segnavia 7e+6
Giro ad anello partendo dal parcheggio di Alagna Wold, si segue la traccia 7 (a volte indicata come 207) che porta direttamente al rifugio Barba Ferrero. Per il primo tratto, fino alla cascata dell'acqua bianca, disponibile navetta al prezzo di 2,5€ (si risparmiano 40-45 minuti di cammino e circa 200 metri di dislivello).
Percorso inizialmente nel bosco, dall'orto botanico in poi su pietraia e completamente sotto il sole.
Al ritorno abbiamo optato per il sentiero 7e: primo tratto più impegnativo rispetto al sentiero 7, bisogna star ben attenti ai segnavia biancorossi, bisogna guadare alcuni ruscelli per poi rientrare nel bosco e ricongiungersi al sentiero 7, che si può seguire fino al parcheggio Wold oppure deviare per il rifugio Pastore, prendendo il sentiero 6, che porta sempre al parcheggio Wold.
Bellissimo panorama con vista sul gruppo del Monte Rosa, sempre visibile di fronte a noi, nuvole permettendo.
Lungo il percorso incontriamo numerose cascate, di ogni dimensione e altezza, di ruscelli che si immettono nel fiume Sesia.
Dal rifugio sono ben visibili i ghiacciai ai piedi del Rosa, sorgenti del fiume Sesia, che scorre di fianco a noi praticamente per tutto il percorso.
Al rifugio si mangia benissimo e il rifugista è davvero molto simpatico e disponibile.


[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: servizio navetta attivo dalle 8.00 alle 18.00
Salito per sentiero n 7 e sceso per il 7e. Nessun problema, percorso sempre facilmente individuabile. Qualche attraversamento di ruscelli non proprio agevole, in discesa.
Il Rifugio apre il prossimo we.
Ottima giornata per visitare una zona che non conosco. Con Claudia.
Qualche foto su


[visualizza gita completa]
Piacevole gita in un angolo magnifico e selvaggio del Monte Rosa che si mostra, forse, con il suo aspetto piu' imponente.

La salita al rifugio si svolge su mulattiera non propriamente comoda a causa del terreno sconnesso, ma gli scorci panoramici sulle scintillanti seraccate dei ghiacciai e le imponenti pareti impegnano gli occhi ben piu' delle gambe e ben presto si arriva al rifugio.
Dopo una breve sosta riprendiamo a salire la morena erbosa soprastante su cui un sentierino sale ripido e costante permettendoci di arrivare al ripiano che precede il ghiaccio delle Locce e del Sesia: le imponenti vette della Parrot e della Gnifetti impongono rispetto adornate da imponenti ghiacci. Ambiente di raro fascino e solitudine.
Da qui proseguo rapidamente verso la cresta SW della Punta Grober rimontando rocce montonate, qualche nevaio e mi fermo dove la cresta si impenna decisamente, all'estremo lembo meridionale del ghiacciaio delle Locce.
Appostatomi su un comodo liscio roccione osservo il panorama verso i bacini del Sesia e del Piode con le cime che spaziano dalla Giordani fino alla Gnifetti e oltre: Dufor e Norden spuntano oltre la costiera della Punta Tre Amici.

Gita consigliata per godere delle magnifiche vedute e sognare qualche salita grandiosa.

In compagnia di Stefano, che finalmente ha tolto la polvere agli scarponi, e mamma e papà che al solito non mollano mai.

Alla prossima,
Lore













[visualizza gita completa con 3 foto]

Ci sono anche stati ...

  • 21/07/19 - u236instabile
  • Caratteristica itinerario

    difficoltà: E :: [scala difficoltà]
    esposizione prevalente: Sud
    quota partenza (m): 1350
    quota vetta/quota massima (m): 2250
    dislivello salita totale (m): 900

    Ultime gite di escursionismo

    26/02/20 - Lera (Monte) da Givoletto per il Monte Castello e Madonna della Neve, possibile anello - madox
    Vento impetuoso e aria fredda. Superbi panorami sulla pianura e su Torino. Pista forestale lunga e poco varia, molto allenante la ripida salita a Madonna della Neve. Sempre ottima traccia a parte ne [...]
    26/02/20 - Grigna Settentrionale o Grignone da Colle di Balisio, anello per la Bocchetta del Nevaio - robyberg
    Salita al Grignone quasi solitaria, effetto virus, solo 7 persone salite in cima. Neve da poco sotto i Comolli, da qui ramponi indispensabili, neve dura senza remollo. Sole poi velature, nuvole e poi [...]
    26/02/20 - Martin (Punta) e Monte Penello da Acquasanta, anello - anna1092
    Partita con il sole e arrivata in vetta con nubi nere, tuoni e granelli di neve e tanto vento, Punta Martin non delude mai! Completato il giro ad anello.
    25/02/20 - Paglie (Bric), da Graglia per il Col S. Carlo e traversata a Borgofranco - brunello 56
    Giornata peggiore non potevo scegliere. Le previste ed attese schiarite non ci sono state, tutta la gita all’insegna della scarsa (o nulla) visibilità. Di inquadramento neanche a parlarne, si saliv [...]
    24/02/20 - Lunelle (Punta e colle) da Traves, anello - laura59
    Caldo intenso.Sentieri puliti e ben segnati.Arietta fresca solo in vetta.
    24/02/20 - Sapei (Monte) da Comba, anello per il Colle Arponetto e Rocca Sella - mario-mont
    Sentieri ormai completamente sgombri da neve. Tutto il percorso ribollinato di recente, a parte il tratto Arponetto-Sapei, senza segnaletica.
    23/02/20 - Pian Spigo (Punta) da Vonzo - andrea.paiola
    Saliti più o meno fino alla cresta, c'è ancora un sacco di neve nelle zone in piano e il caldo l'ha resa liquida, quindi si sprofondava fino all'inguine dopo le 11... un calvario tornare al Santuari [...]