Casaletti (Cima dei) da Arvogno

La nostra meta di oggi non è la cima, ma l’intaglio ad Ovest della quota 2396, a circa metà cresta, dove nel 1979 fu eretta una croce in memoria della Guida alpina Primo Bonasson. Quest’estate nella ricorrenza del 40° anniversario, il Soccorso Alpino della Valle Vigezzo ha posto una targa commemorativa. Saliamo quindi da Arvogno, transitando per A. Chert e A. Colla; seguiamo il sentiero per l’Alpe Campeglia che lasciamo appena prima di attraversare il riale che scende dal vallone di Campeia, alzandoci decisamente a destra seguendo gli ometti visibili nel primo tratto della salita. Scegliamo il percorso più agevole tra i cespugli fino agli ultimi larici, oltre i quali ci spostiamo a sinistra in direzione del Passo Campeia. A questo punto ci alziamo decisamente verso la cresta; per evitare una fascia di rocce umide risaliamo un canalino erboso che si fa più ripido verso l’uscita, da cui per prati ripidi raggiungiamo la cresta circa 50 metri ad Ovest dell’intaglio. Percorriamo questo breve tratto fino ad affacciarci sull'intaglio, dove vediamo la croce pochi metri sotto di noi e possiamo osservare il severo e verticale versante Nord della cresta in corrispondenza della quota 2396. Decidiamo quindi di tentare di raggiungere la roccia che ospita la croce scendendo sul versante vigezzino; in vista della stessa cerchiamo il possibile passaggio ma le rocce umide e le suole rese scivolose dall'erba bagnata ci sconsigliano qualsiasi tentativo. Scendiamo quindi lungo il costone erboso che delimita ad Ovest l’ampio canale roccioso che scende dall'intaglio; proseguiamo lungamente la discesa prima su prati ripidi poi nel rado bosco di larici fino a ritrovare il sentiero per Colla a pochi metri dal punto in cui l’avevamo lasciato all’andata.
Gita per noi dal significato particolare, in compagnia di Cristina e Mario.

L'intaglio della cresta, nostra meta odierna
Verso l'intaglio
Lago di Larecchio visto dalla cresta
Quota 2396 versante Nord
La croce vista dalla cresta
La croce

[visualizza gita completa con 6 foto]
Giornata ideale (finalmente), buon soleggiamento con qualche cumulo e temperatura gradevole per questa gita in un ambiente selvaggio e ancora pressoché intatto. La cima non è molto frequentata ma meriterebbe maggior attenzione come obiettivo in sé e non come punto di partenza o arrivo della classica traversata alpinistica. Bel panorama soprattutto sulla sottostante Val Fenecchio, ottimo spunto per pianificare le prossime gite...
Scegliamo di compiere in percorso parzialmente ad anello transitando dapprima per Campeglia-Caseriola e poi, al ritorno, per Anfirn-Cortino.
Gita in compagnia di Alessandro, Andrea e Cristina; un saluto al noto fotografo di Domodossola incontrato sulla via del ritorno.


[visualizza gita completa con 3 foto]

Caratteristica itinerario

difficoltà: EE :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud
quota partenza (m): 1202
quota vetta/quota massima (m): 2417
dislivello salita totale (m): 1300

Ultime gite di escursionismo

23/02/20 - Brusà (Testa) e Rocca Perabianca da San Bernardo per la Cappella del Bandito - laura59
Siamo partiti dai Milani per arrivare al Bandito.Sentiero tutto pulito ma molto scivoloso,per la presenza di erba secca.Davvero caldo.La pianura anche oggi coperta da una coltre violacea impressionante.Sono 16 km
22/02/20 - Frasèle di Sopra (Malga) - lancillotto
Escursione lunga per spostamento con varie possibilità di ritorno a valle. Tratti con neve dura ancora presenti sui versanti nord nonostante la quota relativamente bassa: necessari ramponcini o megl [...]
22/02/20 - Monte Telegrafo Chiavari - Monte Telegrafo - daniele64
Sempre ben presente il segnavia " linea bianca e linea rossa " che conduce facilmente fino all' anonima cima boscosa .
22/02/20 - Traversata da Rapallo a Chiavari - daniele64
Segnavia sempre presenti ed evidenti , tranne il " rombo rosso " un pochino carente prima di Sant' Ambrogio . Percorso senza difficoltà particolari , che si svolge quasi sembre in fitti boschi e quindi è poco panoramico .
22/02/20 - Grammondo (Monte) da Mortola Superiore - flavytiny
Gita superpanoramica con vista sul mare e sulle alpi, in solitaria, incontrato qualche escursionista francese in prossimita' della punta. Il sentiero nn e' mai ripido,invece lo sviluppo e' gia' degno [...]
22/02/20 - Aquila (Punta dell') e Cugno dell'Alpet da Alpe Colombino - franco1457
Come gli avevo promesso oggi ho portato il bravissimo ottantanovenne Gauso sulla Punta dell’Aquila. Giornata bellissima e calda, senza vento. Neve perfetta per ramponi (indispensabili). Primo tratto [...]
22/02/20 - Croce dell'Ubacco (Monte) da Moiola - rfausone
In realtà oltre al M. Croce dell'Ubacco ho proseguito per P. del Bric, M. Saret Alto, Rocce del Merlo, Rocca Serneis e M. Moura. Per le prime tre facili cime percorso in ordine, mentre per le restant [...]