Cives (Torre) da Baldissero Canavese, anello dei Monti Pelati

note su accesso stradale :: dubbi a Bettolino per l'accesso in Via Vespiola
Bella giornata, fin troppo calda, in un paesaggio decisamente particolare. Passeggiata adatta anche ai bambini.
Molti i sentieri possibili, tutti ben segnalati e tutti in ordine.
Per allungare un po' il percorso abbiamo seguito per un tratto il sentiero verso il Truc Cravaria, ma ci siamo limitati a raggiungere la zona del motocross e di lì siamo tornati sui sentieri dei Monti Pelati lungo un percorso direi personale.
In via Vespiola a Bettolino è presente la cartellonistica della Riserva Naturale che indica l'inizio del percorso, ma all'inizo di Via Vespiola è posto il cartello di divieto di accesso ai non residenti: che fare? Forse è possibile posteggiare nel pratone sull'altro lato della strads provinciale.
Niente acqua lungo il percorso, non abbiamo visto la fontanella alla torre Cives.
Sempre in compagnia di Giorgio e Raffaele.


[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: Tutto ok, parcheggio a Baldissero
Passeggiata pomeridiana con le bimbe alla scoperta dei monti pelati
Diversi nidi di processionaria sui pini.Con Daniela, Francesca ed Anna.


[visualizza gita completa con 3 foto]
Facile escursione in un ambiente particolare e suggestivo. Effettuato il giro ad anello, con andata per il sentiero di cresta 751 ed al ritorno sul sentiero naturalistico n. 1 Rio Vespiol e magnesite, e poi quello turistico n. 3 Bric Carlevà, passando per la chiesetta di San Rocco nel fondovalle. La cartellonistica indica addirittura due punte Carleva, nord e sud, ma di quest’ultima non ho trovato traccia neanche sulle IGM militari, per cui la considerei un’anticima della prima. Fontana nell'area attrezzata della Torre Cives senza manopola del rubinetto, quindi inutilizzabile.
Oggi con Daniela.


[visualizza gita completa con 5 foto]
note su accesso stradale :: parcheggio auto in Via Vespiola (nonostante il divieto di transito !)
Breve passeggiata mattutina da Bettolino a Torre Cives attraversando i Monti Pelati.
Paesaggio insolito, aspro e desolato.
Numerosi i nidi di processionaria sugli arbusti lungo il percorso.
Molte persone sul percorso, a piedi ed in bicicletta.
Un saluto ad Adriana che mi ha accompagnato.


[visualizza gita completa]
Sentieri molto scivolosi dopo le piogge. Attenzione che i pini sono infestati dalle processionarie, anche se oggi la situazione pareva tranquilla e non si vedevano "processioni".

Oggi da solo , sono andato a fare questa piccola esplorazione, che avevo in testa da tempo.
Zona interessante, molto brulla, poche piante stentate, mentre intorno è ormai tutto verde.
Fantastici i tempi segnati sulle paline, precisi al minuto primo.
Un bel giretto primaverile.


[visualizza gita completa con 10 foto]
Tradizionale camminata della merla dell'associazione ASSO sentieri in un ambiente unico nel suo genere.Giornata quasi primaverile, sentieri in perfetto stato.Oltre settanta partecipanti.

[visualizza gita completa con 1 foto]
note su accesso stradale :: Senza problemi
C’è neve sui versanti nord (dai 10 ai 15 centimetri) e qua e là spunta un po’ di ghiaccio ma il tutto è comunque percorribile senza particolari difficoltà.

C’è neve in giro ed io ancora non posso andare con gli sci, perciò torno ai Monti Pelati, facendo però un giro dove andrò a salire tutti i cucuzzoli presenti portando così la lunghezza complessiva ad oltre 10,5 chilometri. Anche il dislivello è stato così incrementato e sono pure riuscito a trovare un tratto dove arrampicare per una quindicina di metri. Incontrerò 3 runner, 2 in MTB ed un escursionista. Questo resta sempre un bel giro!


[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: SP61 sino a Baldissero Canavese
La Riserva Naturale dei Monti Pelati è costituita da un ecosistema unico e particolare. La peridotite ricca di magnesio presente nel territorio ne conferisce l'aspetto brullo e "savanoso" per il quale queste colline sono famose e senz'altro meritevoli di una visita.
La conclusione dell'escursione alla Torre Cives, ( circa sei Km. A/R), visibile dopo pochi passi, aggiunge un motivo di interesse e permette di godere di un discreto panorama sull'invaso artificiale di Vidracco
Abbiamo compiuto il percorso mantenendo sempre la corsa, proseguendo poi su strada asfaltata sino a Villa Castelnuovo e ritorno, mettendo così insieme 25 km. e circa 800 mt. D+
La traccia inserita riguarda solo la parte escursionistica all'interno della riserva da Baldissero Canavese alla Torre Cives.
Sempre con Grazia.


[visualizza gita completa con 4 foto]
Istituto Comprensivo Ivrea II - Progetto Passo dopo passo.
Piacevole passeggiata nell’area protetta dei Monti Pelati, ambiente molto particolare, nel quale l’aridità del suolo favorisce la presenza di rare specie vegetali e animali. Questo il percorso ad anello, vario e panoramico, della nostra uscita: Bettolino, sentiero n. 751, poi sentiero n. 3 per le alture Sud e Nord del Bric Carlevà, quindi sentiero n. 1 fino alla località Bartolina; da qui, lungo la strada fino alla chiesetta di S. Rocco, per affrontare l’ultimo tratto di salita che conduce alla torre medievale di Monte Cives. Pausa pranzo, quindi rientro, prima lungo il sentiero n. 751, costeggiando i ruderi della chiesa S. Grato, ripuliti dalla fitta vegetazione che li ricoprivano, poi seguendo il sentiero n. 1 fino a Baldissero, in tempo per ritemprarci con un meritato gelato. Giornata inizialmente calda, dopo mezzogiorno qualche nuvola ha temporaneamente oscurato il sole, rendendo le temperature più gradevoli. Allegra, spensierata, molto curiosa e di compagnia la “brigata” dei camminatori.

[visualizza gita completa con 6 foto]
Istituto Comprensivo Ivrea II, Scuola Secondaria di I grado “L. da Vinci” - Progetto “Passo dopo passo”: la Riserva naturale dei Monti Pelati.
Ci siamo trovati a Ivrea al Movicentro per prendere l’autobus della GTT, siamo arrivati a Bettolino alle 8,49 e abbiamo iniziato a camminare. Percorso della passeggiata: Bettolino, Bric Carleva nord, cascina Bartolina, chiesa di S. Rocco, Torre Cives, sentiero di cresta, Bric Carleva sud, Bettolino. Alle h. 14,43 siamo risaliti sul pullman e in circa mezz’ora siamo tornati a Ivrea.
Abbiamo percorso sentieri, sterrati e brevi tratti di strade asfaltate poco trafficate, osservando l’ambiente naturale, molto particolare. Commenti dei ragazzi: “E’ stata un’esperienza molto bella, mi sembrava di essere nella savana; non vedo l’ora di provare un’altra esperienza così”; “Questa esperienza è stata particolarmente bella perché oltre a camminare e a osservare bei paesaggi, quasi lunari, potevamo chiacchierare con amici, professori e genitori”.


[visualizza gita completa con 4 foto]

Caratteristica itinerario

sentiero tipo,n°,segnavia: Sentiero: 751 segni bianco/rossi; segnavia della Riserva: n° 1 segni giallo/verdi - cartelli a tutti i bivi
difficoltà: E :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 375
quota vetta/quota massima (m): 585
dislivello salita totale (m): 250

Ultime gite di escursionismo

19/02/20 - Lunelle (Punta e colle) da Traves, anello - rolly52
Confermo l’ottima valutazione di questa gita, tutta su sentieri piacevoli e ben tracciati.Peccato per il momentaneo annuvolamento appena giunti in vetta. Lunghetta nel complesso ma poco faticosa.
19/02/20 - Santa Cristina (Monte) da Bracchiello per el Senté dla Scalinà - parinott
Diversi alberi caduti sul sentiero 261, il Cai di Lanzo ha previsto a Marzo l'intervento di pulizia, comunque ben segnalato da bolli B/R. e cartelli ai bivi. Molto meglio dai Monti di Voragno a S.Cristina.
19/02/20 - Croce dell'Ubacco (Monte) da Moiola - klaus58
Fatto il solito giretto mattutino salendo per la strada asfaltata, prima il monte Croce dell'Ubacco, poi punta Il Bric e il boscoso Saret Alto, scendendo dai tetti Masuè per il tracciato MBK con un s [...]
18/02/20 - Frassati (Poggio), da Graglia per il Tracciolino e traversata a Oropa - brunello 56
Gran gitona, all’arrivo ad Oropa erano 30 km con un 1500 m di dislivello, con 8h abbondanti di cammino. Ma ne valeva la pena. Non conoscevo il Tracciolino e volevo percorrerlo, anche sapendo che sa [...]
18/02/20 - Artondù (Cima) da Tetti Gallina per il Bric della Ciarma, anello per Meschie - lonely_troll
Una passeggiata alle pendici della Besimauda con salita per un percorso dimenticato e attualmente riportato solo da OpenStreetMap. Pochi brevi tratti di neve dura ma non scivolosa che non danno fastidio.
16/02/20 - Corte Lorenzo (Cima) da Bracchio - chit.scarson
Le poche chiazzette di neve residua dove non batte il sole i cresta non infastidiscono. Tutto il catename è in ordine.
16/02/20 - Scopel (Bivacco) da San Liberale - lancillotto
Sentiero dalla Croce dei Lebi e poi al bivacco con tratti ghiacciati, coperti da qualche cm di neve recente. Utili i ramponcini sopratutto la mattina. Salita in nebbia totale fino quasi al valico del [...]