Ferrata Sasse

Percorsa in ottima compagnia del gulliveriano giuliano, Andrea C., di Luca B. e Carlo P. tutti rivisti con piacere dopo qualche tempo. Luogo molto interessante dal punto di vista storico e paesaggistico, antico confine di stato nei tempi anteriori al primo conflitto mondiale. Zona ricca di castelli e fortificazioni militari. Dalla ferrata in effetti ci si aspettava qualcosa in più, dopo una prima parte discretamente appagante che lambisce le scure acque del lago, alla fine si riduce a poco più che un sentiero in mezzo alla boscaglia. Ma per fortuna in zona c'è, poco distante, il parco ferrate di Casto che permette di togliersi qualche soddisfazione prima di affrontare il lungo viaggio di rientro.
Si scende verso il lago
Sul lago
Passella e tratto verticale
Castello
Veduta dal sentiero dei contrabbandieri
Luca dopo la passerella

[visualizza gita completa con 6 foto]
Percorso di scarso interesse tecnico, si sviluppa per lo più su terriccio instabile. I pochi tratti panoramici sono concentrati nella prima metà.
Percorso in ottima compagnia del gulliveriano giuliof, del socio Andrea Champions, di Luca Bonomelli, esperto conoscitore della zona sia dal punto di vista alpinistico-escursionistico sia da quello storico, e di Carlo P.
Trasferiti poi al vicino Parco delle ferrate di Casto.


[visualizza gita completa]

Caratteristica itinerario

difficoltà: PD ::
esposizione prevalente: Ovest
quota base ferrata (m): 370
sviluppo ferrata (m): 2400