Recastello (Pizzo) via normale da Valbondione

Terza e ultima giornata sulle Orobie, abbiamo deciso di salire il Recastello ritornando poi al Rifugio Curò dove abbiamo pernottato. Partenza alle 7,45, il sentiero adesso è perfettamente segnalato, rispetto a quanto indicato nella descrizione dell’itinerario sono state aggiunte frecce e scritte su diversi massi che rendono decisamente più agevole seguire la traccia corretta. Salita senza difficoltà fino a quota 2.500 m circa, poi un po’ faticoso il tratto su ghiaioni che porta all’inizio della parte alpinisitica (in pratica gli ultimi 120 metri), dove sono concentrate tutte le poche difficoltà. Abbastanza impegnativo il canalino attrezzato, non ci fossero le catene sarebbe decisamente ostico; da lì in su ci sono solo alcuni passaggi un po’ esposti e un breve tratto insidioso su terriccio sul versante Nord poco sotto la vetta (forse evitabile salendo direttamente in cresta). Arrivati in cima in circa 2 h 45…peccato che anche oggi già dalla mattina le nubi si siano addensate abbastanza velocemente e quando siamo arrivati in vetta si era già un po’ coperto, anche se stavolta almeno le vette circostanti le abbiamo viste…discesa senza grossi problemi, un po’ di cautela nella parte alpinistica e specialmente nel canalino, poi da lì in giù veloce e scorrevole. Dopo una breve sosta al rifugio discesa a Grumetti per il sentiero 305, spettacolare e molto panoramico nella parte alta, e cmq molto veloce fino a valle.
Gita non lunghissima ma molto bella e in ambiente vario e piacevole; sicuramente meno impegnativa del Pizzo di Coca, ma anche questa con un bel finale alpinistico. Parecchia gente in cima, quasi tutti saliti in giornata da Valbondione. Ottima accoglienza al Rifugio Curò; nonostante fosse pieno per l’apertura delle cascate del Serio, gestori disponibilissimi e cena veramente ottima (36 € la ½ pensione per i soci CAI).


[visualizza gita completa]
Partita all'alba da Valbondione per questa splendida cima. La sterrata nel bosco buio, l'apertura sui Giganti orobici, il ripido sentierino con le catene, il rif. Curò, la cappelletta, la spada nella roccia, l'immenso bacino artificiale del Barbellino, la cascata verso la val Cerviera, le larghe rocce montonate, gli ampi pascoli, i torrenti, l'acqua sempre presente, la pietraia, il canalino attrezzato, la cresta rocciosa e il panorama strepitoso dalla vetta. Insomma, una varietà e una ricchezza di ambienti entusiasmante! Il tutto, tra l'altro, ottimamente segnato con ometti, bolli e deviazioni... che pace interiore e che meraviglia!

[visualizza gita completa con 9 foto]
meteo ottimo e fresco, con nuvole in addensamento dopo le 12, in vetta in 2h 30 dal Curò alle h 10. molta gente in vetta dopo di me, in discesa contemporanea nel canale, ma ben gestita.
accumuli di grandine e pendio pre-canale fangoso e faticoso. Panorama veramente completo e giustamente celebrato. Spettacolare l'appartatissima Val Cerviera. In discesa percorso dal Curò tutto il panoramico sentiero militare e deviato per l'incantata frazioncina di Maslana (bivio a dx in discesa poco prima del'arrivo della teleferica, segnalato).


[visualizza gita completa]

Caratteristica itinerario

difficoltà: F :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Nord-Ovest
quota partenza (m): 1015
quota vetta (m): 2886
dislivello complessivo (m): 1900

Ultime gite di alpinismo

24/03/19 - Argentera (Cima Sud) Canale della Forcella - Sales93
Dormito all invernale partenza intorno alle 6 con buon rigelo...canale in ottime condizioni su neve dura, cascatella un po al limite sopratutto l uscita con 3-4 metri più verticali su ghiaccio sottil [...]
24/03/19 - Bucie (Bric) canale NE - bonbon
salito dal versante est, lungo un canalone che porta vicino all'ultima catena della normale della Valle Pellice. Da qui in vetta per l'itinerario classico. Neve dal colle della Boina in su, discesa dalla normale della Valle Pellice su neve gelata.
24/03/19 - Mait d'Aval Canale NE occidentale - piedinalto
Logistica molto buona oggi in quanto si arriva sotto il conoide senza pestare neve e questa, nel tratto che precede il canale è dura nonostante le temperature elevate. Anche se chiaramente l'itinerar [...]
23/03/19 - Granta Parei via Normale da Thumel - Roby Candela
Carico qui in quanto salito con scarponi, poi racchette e ramponi, niente sci, come invece tutti gli altri. Da Thumel con scarponi su neve molto dura, portava bene, fino al Ghiacciaio di Goletta, poi [...]
23/03/19 - Redorta (Pizzo) Canalone NO (via del Canalone) - titty79
pendii innevati circa 100 m di dislivello prima di arrivare al rifugio..gia' qui la mattina meglio mettere i ramponi... poi neve a tratti meno portante fino al rifugio (ora chiuso)... dal quest'ultim [...]
23/03/19 - Meidassa (Monte) Canale SO e Cresta S - PaoloEffe
Partiti presto da Pian della Regina in 4 ore e mezza eravamo su, salendo con la calma di un leone. Neve portante su tutto il tracciato (direi buona nell'avvicinamento e ottima nel canale), ciaspole no [...]
23/03/19 - Granero (Monte) Canale Est - Awari
Partiti alle 5.00 da Pian della Regina, neve dura e portante fino al colle, arrivati all’attacco abbiamo rinunciato causa cornice strapiombante in uscita dal canale. C’erano delle placche a vento [...]