Brenva (Ghiacciaio della)

osservazioni :: nulla di rilevante
Da punta Helbronner discesi aggirando l'Aiguille de Toula puntando alla base della Tour Ronde risaliti sci ai piedi fino alla terminale (poco marcata) del canale est della salita normale alla Tour Ronde. Raggiunto la vetta mt. 3798 scesi i primi 50 metri su itinerario di salita e poi a DX con traverso ci siamo portati sulla verticale del canale sud (40-45 gradi) neve molto dura e lavorata. La discesa si fa meno ripida dopo circa 100 pur mantenendosi sempre impegnativa. Discesi fino a quota 2620 attraversato verso dx per portarsi sulla parte dx del ghiacciaio della Brenva. La discesa continua nella parte centrale della morena finale fino alla stradina innevata che ci ha permesso di arrivare sci ai piedi fino al parcheggio.
Il primo traverso e i primi metri del canale ho preferito farli con ramponi e picozza, al contrario di Alberto e Matteo che sono partiti da poco sotto la cima con gli sci ai piedi.
Abbiamo trovato molti tipi di neve, dura molto lavorata, crostosa non portante in pochi punti all'ombra, farinosa, farinosa pesante e e molto bagnata verso la fine della discesa.
Attenzione alle scariche di pietra nella prima parte della salita nel canale iniziale della salita alla Tour Ronde.
Ho inserito la gita per segnalare la risalita per prendere il ghiacciaio della Brenva che non è descritto nell'itinerario.
Nel complesso una gran bella gita alpinistica completa in ambiente mozzafiato.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: Farinosa compatta
neve (parte inferiore gita) :: Farinosa compatta
Prima volta in questo bellissimo itinerario di ripido nella zona del Bianco. Prendiamo la prima salita alle 8.30 assieme a molte altre persone. La solita fretta della prima linea. Abbastanza velocemente ci dirigiamo verso la normale della Tour Ronde e al colle Freschfield per poi arrivare in vetta.
Dietro di noi 7 persone, ma per fortuna con un po' di velocità riusciamo a partire per primi.
Partenza con neve un po' dura, poi appena si entra nel canale la neve migliora, diventando polvere. Traverso per arrivare sotto l'Aiguille Noire de Peuterey e di nuovo discesa spettacolare fino in Val Veny, dove si incontra la strada che porta direttamente allo Skywave.
Assieme a Luca, Pietro e Stuco, sempre gasati e vogliosi di esplorare.



Un saluto a Diego, Mauro e gli altri ragazzi incontrati durante la salita.


[visualizza gita completa con 8 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: altro
neve (parte inferiore gita) :: altro
Dopo aver salito il Gervasutti, siamo scesi sul versante Brenva, inizialmente con picca e ramponi visto che il ripido canale iniziale era segnato da vecchi passaggi, poi calzati gli sci con un lungo traverso verso dx abbiamo raggiunto la sella che si trova proprio nel mezzo del ghiacciaio; scesi su bei pendii su neve di tutti i tipi ma sciabile grazie all'azione del sole; la parte crepacciata per traversare verso dx sotto la Noire, attualmente e' in ottime condizioni, un solo ponte precario da attraversare; raggiunto il lato destro del ghiacciaio all'ombra sciata su neve dura segnata dai tanti passaggi; poi in basso sulla morena divertente primaverile fino al parcheggio. Discesa spettacolare per i panorami che regala, fatta in compagnia di cari amici.

[visualizza gita completa con 5 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: altro
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: tutto ok
quota neve m. :: 1000
3 stelle perchè la neve purtroppo non era bella,il canale era pieno di motti che rendevano difficili le svolte,e nella parte mediana e finale la neve era molle e non si galleggiava bene.Scesi a sinistra orografica.Attenzione ai crepacci.Le vecchie tracce ci passano sopra ma data la temperatura elevata prestare massima attenzione. 5 Stelle per il paesaggio. Con Simone e Matteo

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m. :: 1200
Giornata stupenda in zona Bianco, assenza di vento nemmeno una nuvola, temperature miti ... Preso la prima funivia per P.Helbronner , davanti a noi 2 ragazzi diretti anche loro alla Brenva, insieme rifatto traccia coperta dal vento sino alla base del Col di Freschfield. Pendio per il colle in ottime condizioni tanta neve. Intanto all'orizzonte parecchie persone salivano forse verso la nostra meta. Primo canale su pendenze già impegnative ma la neve era buona già presenti parecchie tracce, in fondo al conoide stando dove non era ancora passato nessuna la neve era un pò pesantina ma ancora ben sciabile. Nel complesso tutta la discesa buona anche se iniziava a formarsi un pò crosta nei tratti più esposti al sole comunque ben sciabile, seguito la traccia a sx del ghiacciaio per raggiungere il canalino "nascosto o segreto" !!! Poi rientro al parcheggio la neve in fondo era praticamente trasformata. A mio parere da domani le condizioni cambieranno parecchio caldo e crosta penso...
Con Gigi e Cecco


[visualizza gita completa con 5 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: polverosa
Bel sogno che si avvera. Tanta tanta neve, tutta polvere anche sulla cresta sommitale della tour ronde. Ingresso alla brenva spaziale, per ambiente e per neve. Uscita dal canyon per niente brutto grazie alle temperature basse.
Riuscire a combinare una discesa già così bella e grandiosa di per sé con le condizioni che abbiamo trovato ha reso la giornata per me memorabile. Grazie a Ricky, Marco e ai marziani locals grazie ai quali ci siamo avventurati in questo mondo selvaggio.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: pulite
quota neve m. :: 1000
Gita veramente grandiosa e impegnatuva nel complesso.
Canale di discesa a sud della tour ronde neve dura, siam scesi alle 11.00 e non aveva ancora mollato...da stare all'occhio...ghiacciaio su neve primaverile ok e ben sciabile.
Attraversamento del ghiacciaio fin sotto la noire ok e ben tracciato.
Canale della noire neve dura ventata.
Si scia ottimamente fino giu al traforo.
5 stelle anche se la neve non era il top...l ambiente è veramente grandioso.
Grandissima giornata rubata al lavoro con titty, enrico e haugus.

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
Bella discesa in ambiente di alta montagna. Non vi sono grandi difficoltà ma bisogna prestare attenzione ai pericoli oggettivi. In queta stagione dopo il primo pendio e la prima balza rocciosa, dove il ghiacciaio spiana, attraversare e portarsi sul versante Peuterey.
Noi siamo scesi nel pomeriggio inoltrato ed essendo passati sul lato Pierre Moulin abbiam trovato eterno nel trovare i passaggi e riuscir a scendere i tratti di roccia. Arrivati al traforo col buio pesto ma soddisfatti. Giusto per terminare la giornata con Guido


[visualizza gita completa]
Discesa effettuata a pomeriggio inoltrato ( molto inoltrato! ) di rientro dalla Tour Ronde. Le difficoltà dell'itinerario non sono prettamente sciistiche, i tratti ripidi sono pochi e mai difficili, ma il ghiacciaio è tormentato di crepi e buchi, assolutamente necessario conoscere la via e mantenere alta l'attenzione fino in fondo. Trovato neve fantastica in tutta la parte alta, compatta ben trasformata senza un metro di verglas. Dai 2000m circa in giù invece necessario più volte togliere gli sci, neve discontinua e molte molte pietre ovunque. Occhi ben aperti per seguire le ( poche ) tracce come segugi, quando si giunge in vista della morena glaciale di fondovalle è necessario traversare il ghiacciaio in tutta la sua larghezza ( dalla sx ala dx orografica ) sotto un'enorme bastionata di seracchi grigi ( scariche ). Da lì, sul crinale della morena stessa fin giù quasi al Traforo.
In compagnia di Piero alla nostra ennesima avventura da ricordare, nonostante la fatica e l'ora tarda non abbiamo mai mollato e siamo andati a sbranarci quel piatto di bavette che ci ha rimesso al mondo! Grazie


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
Confermo quanto indicato dal socio. Discesa ancora in ottime condizioni. Su 2.500 mt. di dislivello si tribula al massimo 50 mt.!!!! Il resto puro divertimento e ambiente da favola.
Attenzione alle temperature, tutta la discesa è sud pieno e la neve evolve molto rapidamente.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
Saliti alla Tour Ronde per la via normale; dal colletto Freschfield, siamo scesi per un 50m in piolet con gli sci a spalla fino a dei sassi affioranti; da li sci ai piedi, prima scalattando abbiamo valicato la selletta che immette nel ripido pendio iniziale; neve primaverile perfetta su tutto il percorso, 2500m di firn, impossibile chiedere di più; nella seconda metà del percorso seguendo delle vecchie tracce abbiamo sbagliato il canale di discesa (dei due è quello a sx stare sempre alti e verso sx); lasciata una fettuccia su spuntone per una piccola doppia di una decina di metri; qualche sasso di troppo nelgi ultimi 200m di morena nella parte bassa... è il dazio da pagare per una gita super!! con gli sci fino all'imbocco della strada per la Val Veny
Gitone spaziale in compagnia di Lorenzo, Daniele e Stefano;
condizione ottime, prestare molta molta attenzione a tutta la discesa perchè è veramente piena di insidie; se non c'è già una traccia è veramente difficile trovare i canali e la via giusta di discesa tra i seracchi


[visualizza gita completa]

Caratteristica itinerario

tipo itinerario: itinerario complesso
difficoltà: III :: 4.2 :: E2 :: [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Sud
quota partenza (m): 3700
dislivello totale (m): 2500

Ultime gite di sci ripido

28/05/20 - Gran San Pietro (Torre del) dalla Diga di Teleccio per il Canale centrale degli Apostoli - giovarav
Una gita che mi frullava in mente da un po'. ne approfitto viste le supercondizioni, grazie a chi è andato e ha forntito la recensione. Super condizioni per salire con ottimo rigelo e sciata fino al [...]
24/05/20 - Gran San Pietro (Torre del) dalla Diga di Teleccio per il Canale centrale degli Apostoli - chiara giovando
Itinerario bellissimo e inedito se concepito in sci in questa stagione, ben descritto dal compagno di salita Diego; come detto già da lui, le condizioni di questa tarda primavera e l'ottimo rigelo di [...]
24/05/20 - Gran San Pietro (Torre del) dalla Diga di Teleccio per il Canale centrale degli Apostoli - lupo solitario
Un sogno realizzato!! Erano anni che volevo salire la Torre del Gran S.Pietro ma il valore aggiunto è stato poterlo fare nella stagione scialpinistica così da portare a casa anche la discesa del can [...]
24/05/20 - Monviso Parete Sud - giole
Parete magra ma tutti i passaggi sono collegati (eccetto i fornelli, in roccia viva). Entrati in parete poco dopo le 7 su neve perfettamente rigelata, saliamo la prima rampa e sbagliamo subito, tene [...]
23/05/20 - Perduto (Colle) da Ceresole Reale - umbertobado
Partiti alle 4:40 con gli sci a spalle. La neve inizia a quota 2200 circa grazie alle grandi valanghe scese nei mesi passati. Fino a quota 3000 la salita si svolge dentro e fuori dagli accumuli e d [...]
23/05/20 - Roccia Viva Canale Coolidge - rickyalp82
Portage dalla diga fino alla fine del Pian delle muande. Causa alte temperature, in basso il rigelo è stato praticamente nullo, ma comunque si sale bene, la neve è compatta. Mano a mano che si sale, [...]
14/05/20 - Serpentiera (Punta) Canale NE - popino
Come i Gulliveriani avranno già capito, di questi tempi è un buon affare andare in valle Argentera. La strada è aperta e il versante Nord ha un buon innevamento a partire dai 2000/2200 mt. Portage [...]