Pisse (Barre de la) dal Col de Vars per il col du Crachet

osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: arrivati al Col de Vars via Colle della Maddalena senza problemi.
quota neve m :: 2000
Dopo una lunga pausa...stavo fremendo dalla voglia di muovermi e di riprendere a...salire ! Per dirla come un noto alpinista..avevo proprio "fame di cime !" E quindi per sfruttare adeguatamente il weekend ho ideato due gite, una oggi alla Barre de la Pisse e una domani con la salita al Pic de Chateau Renard e Traversier. Essendo sulla via di avvicinamento al Queyras la scelta è caduta sulla Barre de la Pisse in Valle Ubaye, mai salita in precedenza da nessuno della combriccola ! Siamo arrivati al Col de Vars intorno alle 9,15 dove avevamo appuntamento con Andrea81. La giornata si presenta proprio bene con cielo sereno, limpido e visibilità ottimale ! Partiamo e iniziamo a traversare verso sinistra fino a raggiungere l’imbocco del vallone che porta al Col du Crachet, inizialmente su lingue di neve ed erba. A quota 2200 m. ci muniamo di ciastre e iniziamo a salire su pendii che gradualmente diventano più ripidi, fino a raggiungere il Col du Crachet dopo aver superato un’impennata che richiede attenzione, fino a qui neve a tratti decente, altri dove si sfondava leggermente, ma non troppo complicata. Dal Col du Crachet, dopo uno sguardo al panorama e le immancabili foto di rito proseguiamo lungo la cresta, qui su neve compatta e portante, in un contesto ambientale davvero suggestivo e piacevole lungo il crestone, che con diversi saliscendi ci porta in vetta alla Barre de la Pisse. Ad attenderci in cima solo un grande ometto di pietre e nessun altro, eravamo gli unici presenti in cima, nessuno nemmeno in vetta alla Pointe de l’Eyssina. Mentre ho notato alcuni scialpinisti salire alla Grande Combe e alla Montagne de Parpaillon. Dalla cima abbiamo avuto il piacere di ammirare un panorama vastissimo e spettacolare…andando dalle Marittime, ai Gruppi Chambeyron, Oronaye, Viso, al Gruppo degli Ecrins alle montagne della Vanoise. Ci siamo concessi un’ora di sosta abbondante in vetta per la pausa pranzo, per i servizi fotografici oltre che per goderci il paesaggio e i panorami ! Quando è possibile farlo..ci piace rimanere in vetta senza fretta ! La discesa verso il Col de Vars non ha creato problemi, ma il pendio-canale sotto il Col du Crachet ha richiesto attenzione, poiché ripido e quasi al limite per le ciaspole.
Una scelta indovinata, fatta davvero una gita piacevole e di soddisfazione, una montagna che meritava decisamente e sempre in ottima compagnia, aspetto sempre molto importante per godersi alla grande una bella giornata ! In compagnia di Raffaele, Mario e Laura genovesi come me…oltre all’intruso Andrea81 ! Grazie a tutti per la compagnia e per aver accolto con entusiasmo la mia proposta…e ora in Queyras per altre due cime !

panorami dal Col de Vars, punto di partenza (3-3-2012)
appena partiti dal Col de Vars (3-3-2012)
traversando verso il valloncello che ci porterà al Col du Crachet (3-3-2012)
salendo tra lingue erbose e neve all'inizio del vallone di salita (3-3-2012)
entrati nel vallone che sale verso il Col du Crachet (3-3-2012)
il tracciato seguito nella prima parte del vallone (3-3-2012)
salendo il pendio terminale verso il Col du Crachet (3-3-2012)
il pendio inizia a diventare ripido..! (3-3-2012)
la ripida rampa che porta al Col du Crachet (3-3-2012)
uscendo sui pendii finali prima del colle (3-3-2012)
l'arrivo al Col du Crachet (3-3-2012)
la Pointe del'Eyssina dal Col du Crachet un piacevole ricordo (3-3-2012)
la prima rampa della cresta sopra il Col du Crachet (3-3-2012)
all'inizio della lunga cresta che porta verso la cima (3-3-2012)
uno dei saliscendi lungo la cresta (3-3-2012)
Raffaele e Laura in salita lungo la cresta (3-3-2012)
Stelvio sale lungo la cresta (3-3-2012)
la nostra via di salita per raggiungere la cima (3-3-2012)
salendo nella parte alta della cresta (3-3-2012)
arrivando all'anticima della Barre de la Pisse (3-3-2012)
il pendio finale che porta in vetta alla Barre de la Pisse (3-3-2012)
l'arrivo in vetta alla Barre de la Pisse (3-3-2012)
il grande ometto di pietre posto sulla cima (3-3-2012)
foto di gruppo in vetta (autoscatto) (3-3-2012)
panorami osservati dalla cima...01
carta e itinerario seguito
panorami osservati dalla cima..02
panorami osservati dalla cima..03
panorami osservati dalla cima..04
panorami osservati dalla cima..05
panorami osservati dalla cima..07

[visualizza gita completa con 31 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: no problem al col de Vars
quota neve m :: 2000
E chi lo sapeva che il Queyras era così bello? Colto con piacere l'invito di Ste6962 per una due giorni in questa affascinante zona delle Alpi.
Partiti dal col de Vars alle 9.30 con temperatura elevata ma ottimo rigelo notturno. Siamo andati alla ricerca di zone non innevate fino al dosso per poi calzare le racchette su ottima neve. Il pendio per accedere al col du Crachet abbastanza agevole in salita con le racchette grazie alle ondulazioni della neve, mentre il breve traverso verso sinistra un po' più faticoso ma comunque senza grossi problemi. Poi bellissima dorsale con tutte le anticime della costiera passate in successione, fino alla cima da cui abbiamo goduto di un panorama superbo. Temperatura calda ma vento fresco, che ha permesso alla neve di mantenersi ottima.
In discesa abbiamo cercato di non risalire più di tanto, traversando nel versante nord dove più comodo e tutto sommato le risalite sono state contenute se non ininfluenti. Il pendio più ripido affrontato con racchette anche se un po' al limite per via dei gradoni formatisi, uno di noi ha preferito scendere senza racchette. Nella parte bassa complice il sole molto caldo, la neve era ormai molle ma non essendo più molta non ci sono stati problemi.
Bellissima gita in ottima compagnia di Laura, Stelvio, Raffaele, Mario tutti genovesi tra i quali mi sono intrufolato.

foto duman


[visualizza gita completa con 12 foto]

Caratteristica itinerario

tipo itinerario: su dorsale
difficoltà: BR :: [scala difficoltà]
esposizione: Varie
quota partenza (m): 2107
quota vetta/quota massima (m): 2925
dislivello totale (m): 1100

Ultime gite di racchette neve

12/01/19 - Rognosa del Sestriere (Punta) da Bessen Haut per il versante SO - irui70
Condizioni di salita direi ottime per le ciaspole in questo momento specialmente in salita con neve portante e pericolo zero per distacchi valanghe. Giornata serena con pochissimo vento. Si parte da [...]
12/01/19 - Thabor (Monte) dalla Valle Stretta - vicente
"Il Thabor, in racchette, a gennaio"... (cit. di un'amica). Salita grandiosa ma condizioni molto difficili causa pessima qualita' della neve nella parte alta. Partiti alle 8:55 dal parcheggio di PIan [...]
12/01/19 - Sebolet (Cima) da Sant'Anna - gino74
le racchette si mettono subito a causa ghiaccio che più o meno rimane sino al Pian Traversagn, tenuto racchette sino a sotto il canale poi ramponi sino in vetta, anche la discesa nel canale si presen [...]
12/01/19 - Fraiteve (Monte) da Sestriere - laika58
Oggi una bella gita al monte Fraiteve, in una bella giornata di sole ma con temperatura abbondantemente sotto lo 0°C, alla partenza alle 09.30 c'erano -8°C ed al ritorno ancora -3°C - Bei panorami [...]
12/01/19 - Sea Bianca (Punta) da Pian della Regina - lupus1946
12/01/19 - Clogstafel (Punta) da Canza per il Versante Nord - mktg.mp74
Neve dalla partenza, ben compatta e battuta fino al bivio per il rifugio Miryam. Neve poi ben assestata e compatta nel canalone che ha permesso/richiesto una salita abbastanza diretta (fare zig zag er [...]
12/01/19 - Trois Freres Mineurs (Col des) da Monginevro - Margherita Dolcevita
Abbiamo effettuato un anello salendo parzialmente sulle piste e scendendo nel vallone. Bella giornata di sole, sperando che nevichi presto!