Excenex (Falesia di)

La falesia è in un angolo di paradiso, la qualità della roccia non è il massimo (in alcuni punti a scaglie e abb. scivolosa) ma nel complesso mi è piaciuta.
Sul tiro Diedro è pieno di nidi di vespe, non sono usciti i proprietari di casa ma è meglio fare attenzione.


Con Fulvio, torneremo a chiudere il conto aperto ;)


[visualizza gita completa]
Accesso: da Aosta verso il G.S. Bernardo, a sx bivio per Excenex. Oltrepassare il paese e proseguire per Gignod. Dopo Gignod, direzione Pierre Besse, si oltrepassa il golf club (green a destra e a manca). Poco dopo, in corrispondenza di un tornante verso sinistra, ci sono dei cartelli gialli che indicano un sentiero che taglia a metà il tornante stesso. Nel cartello di sinistra c'è l'indicazione per la falesia di Joe Mazza. 15 minuti di gradevole camminata in piano costeggiando a sx un canale.
In realtà ci sarebbe un altro accesso che permette di raggiungere la falesia dalla parte opposta del sentiero ma noi non l'abbiamo trovato.
Falesia molto carina. Il muschio è presente nei primi 2 metri della parte centrale dove non mi sembra ci fossero tiri degni di nota. Abbiamo scalato "la Marlier", dove il muschio pur essendoci non dà alcun fastidio, e la via merita di essere scalata.
Bisogna cercare di evitare la via "Elisabet", almeno in questo periodo, perchè il tratto centrale è pieno di nidi di vespe muraiole (bisognerebbe informarsi sul loro periodo di nidificazione).
Molto bella "Ivan la terribile". Oltre a quelle già nominate, abbiamo scalato "Voglia di vivere", carina e duretta come riscaldamento e la facile "La Patric".

[visualizza gita completa]
Mini perlustrazione serale con vento freddo e temperature prossime ai 10°.
Segnaliamo la colonizzazione del muschio sui primi metri della falesia, un po' ovunque.
Bella "Ivan e la terribile", via movimentata con pagnottoni e fessure da afferrare.

ATTENZIONE!!: EVITARE "Pancia dell'elefante", 6c. La via ha spit molto ballerini e l'uscita in catena dallo strapiombo è letteralmente impedita dal muschio. La catena ha un aspetto comunque poco invitante. Lasciato majon su ultimo spit.

Toccherà tornare per pulizia generale...

[visualizza gita completa]

Ci sono anche stati ...

  • 04/03/12 - spartacozzo
  • Caratteristica itinerario

    difficoltà: dal 4 :: al 7a ::
    esposizione arrampicata: Sud-Est
    quota falesia (m): 1225
    lunghezza min itinerari (m): 8
    lunghezza max itinerari (m): 25

    Ultime gite di falesia

    18/11/18 - Montesordo - Alveare Falesia dello scorpione - stegio
    repetita juvant... c'ho un'età e di stare all'ombra... non se ne parla! Pellegrinaggio anche quest'oggi a caccia di un posto dover poter fare due tiri, giunti che fummo, aspetta un po' tu che vado io [...]
    18/11/18 - Ippodromo - michele motta
    Bella parete di tufi calcarei e brecce. Scalata atletica, in genere la difficoltà è data da una corta sequenza più dura del resto. Riparata dal vento, in questa stagione sole sino alle 14.30. Gradi [...]
    18/11/18 - Gran Rotsa - bianca.r
    Vie tutte asciutte..molto freddo alle 8 quando siamo arrivati , ma poi verso 10 si è affacciato un timido sole che a subito riscaldato le pareti ..
    17/11/18 - Toirano Settore della cascata - stegio
    fine settimana "di passione" nel finalese (e non solo)... dopo aver vagato alla ricerca di un "posteggio" in quel di Finale, arriviamo a Toirano, manco a dirlo, i settori al sole sono presi d'assalto. [...]
    17/11/18 - Rian Cornei Camelot - marcoclimb
    Camelot 2 : Falesia con gradi delle vie ancora in lire (poco a che vedere con settori recenti già "gradati" in Euro,per esempio Bric Reseghe o Coccinella) . Al di la di questo confermiamo le impressi [...]
    17/11/18 - Bosco (Falesia di) - Roby Candela
    Pareti molto sporche causa colature di fuliggine, molto polverosa nonostante l'umidità, e di conseguenza alcune zone molto scivolose
    17/11/18 - Campambiardo Rocca bianca (Paretine di) - bianca.r
    Nonostante le recenti piogge, le vie risultano tutte scalabili , provato più volte i due 6c , ma con scarsi risultati oggi freddo pungente e prima "bollita dell'anno".