Tour Ronde Couloir Gervasutti

osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m. :: 2200
Preso la terza funivia alle 8. Saliti per la parete Nord, oggi stranamente poco affollata (condizioni ottime, solo un po' di ghiaccio nella goulotte, ma non abbiamo fatto tiri, solo conserva protetta nel tratto ghiacciato); saliti in cima e aspettato un po' in attesa che la neve mollasse nel Gervasutti, ma è servito poco: condizioni difficili, neve "beton" che non ha permesso grandi curve, anzi...sciata controllata del tipo "se cado non mi fermo fino al fondo...". Vabbè...in compenso la sciata ci ha ripagato nei canali sotto il Torino (neve primaverile ottima alle 13), e sul ghiacciaio di Toula. Tolto gli sci davanti alla funivia del Pavillon.
Giornata spettacolare con Roby.
verso la parete
un po' di ghiaccio nella goulotte
parte alta parete
discesa nel Gervasutti
discesa controllata
canalino per scendere al Pavillon con crepaccio terminale
sotto i seracchi
ottimo innevamento sino al Pavillon

[visualizza gita completa con 8 foto]
note su accesso stradale :: nn
Eravamo diretti alla Rebuffat, ma vuoi la coda, vuoi che una guida stava trovando lungo (no ghiaccio), ci infiliamo nel Gervasutti senza idee precise.
Alla fine optiamo anche per scenderlo in sci.
In alto alcuni passaggi obbligati al centro per neve non sicura ai lati, la neve recente era ormai addensata dal sole e solcata dai precedenti passaggi, non banale.
Più in basso invece nelle contropendenze ai lati, tratti bonificati con crosta dura più sciabile, gli unici punti dove si curvava decentemente (in base ai miei gusti).
Sopra la crepaccia un po di sana derapata su neve per me difficile da interpretare.
Nei prossimi giorni temo che possa solo peggiorare considerato anche che in alto la neve non abbonda e affioravano già simpatiche pietruzze.
Insomma, pur essendo un ripiego, la noia non ci ha colto.

[visualizza gita completa con 4 foto]
neve (parte superiore gita) :: altro
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ok
Oggi giro di gran soddisfazione combinando un po' di velleità alpinistiche e sci alpinistiche. Risaliti dalla Nord, bellissima parete, continua e suggestiva, già con parecchio ghiaccio.
L'ambiente è superbo e scendere un canale in un ambiente del genere per chi non è un habituè vale mille stelle indipendentemente dalla neve.
Tuttavia la discesa è stata piuttosto tecnica, siamo scesi piuttosto tardi quando aveva già mollato troppo e la pappa pesante rendeva tutto più "interessante". In ogni caso le nostre curve a fuoco le abbiamo tirate, con un po'di accortezza per la rigola al centro del canale che richiedeva le sue attenzioni in finale di curva.
Saltino della terminale a mille e ululati finite le difficoltà.
Bello bello bello per la continuità!
Partiti da Torino con un tempaccio, beccarci una giornata senza una nuvola (e con nuvole a macchia d'olio in qualsiasi altro posto dalla Lombardia al Cuneese!) è stata la ciliegina sulla torta.
Rientrati con scatto sul ghiacciaio per prendere l'ultima funivia, tempismo perfetto e via verso una merenda valdostana quanto mai guadagnata!

Con Max, che compagno più affiatato e piacevole non si può trovare!


[visualizza gita completa]
Ritorno al Gervasutti della Torre Rotonda dopo una discesa a stagione inoltrata di qualche anno fa, trovo oggi neve fresca caduta nei giorni precedenti, che ammanta la zona conferendole un aspetto fiabesco. Intanto il couloir possiede alcuni elementi tipici dell'iconografia classica: crepaccia terminale (oggi superata sulla sinistra con pochi metri in ghiaccio) e scenografia spettacolare sul Bianco-Maudit-Capucin-Tacul. In salita raggiunti a metà canale 3 simpatici svedesi con sci, split e sboard. Partenza dal colletto e soliti primi metri magri, poi buona discesa su una sfarinata che copre la neve dura e grumosa sottostante. Terminale passata in discesa con facile salto in sci e prosieguo a tutta birra per il conoide finale. Face nord encore en glace. Segue risalita verso punta Helbronner e discesa Toula per duemila e più metri di dislivello sino alle case di La Palud-Entreves, nel tardo pomeriggio e neve purtroppo crostosa. Rimedio il giorno successivo con salita al rifugio "degli Angeli" gestito dai volontari del Mato Grosso in Valgrisenche, salita al sovrastante Rutor e discesa in polvere onirica per quasi duemila metri dal Rutor-Chateau Blanc sino a Planaval. De que rever: in genere non amo granchè la polvere, ma questa discesa è stata fantastica e le cose belle vanno riconosciute.

[visualizza gita completa con 9 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
Partiti con la prima funivia dalla Palud.Bel canale in ambiente stupendo,peccato x le non ottime condizioni,nella parte superiore la neve scarseggia e molte rocce affiorano poi viavia sempre meglio, da metà in giù ottima sciabilità, la crepacciata terminale comincia ad aprirsi si fatica un pò ma si passa. info:a maggio funivie della Palud chiuse chi volesse effettuarla deve salire da Chamonix.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: recente leggera/asciutta
Bello! Dopo la tempesta dei giorni passati alla ricerca della povere... assieme ad altri 12!!! Di oggi il canale è stato arato, la parte alta ha ora qualche pietra che affiora e un po' di ghiaccio. Sotto ben sciabile. Condizioni di neve pressata.
Presto qualche foto su -passion.com

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
Saliti con la seconda funivia siamo entrati in un mare di nuvole basse ma fortunatamente dopo circa 1 ora sono sparite è si aperto tutto.
La crepaccia terminale comincia ad allargarsi ma si passa ancora abbastanza bene siamo scesi alee 13:30 circa quando il sole cominciava a scaldare anche la parte bassa del canale mollando un po la neve quel giusto per scendere.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: recente leggera/asciutta
neve (parte inferiore gita) :: recente leggera/asciutta
Partiti per la nord ma trovato già due cordate) allora abbiamo optato per la breche du carabinier e poi il gervasutti.
Scesi forse un pelino tardi h 15.00 circa per cui aveva mollato leggermente.
Qualche piccola colata ma per il resto è in buone condizioni.
Terminale ancora buona
Nella parte in alto alcune rocce affioranti obbligano alla derapata
Un salito a Rudy per la sua prima discesa di ripido

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: crosta da vento dura
neve (parte inferiore gita) :: crosta da vento morbida
note su accesso stradale :: provato salire la mere de glace ma c'era troppa neve
quota neve m. :: 2100
in compagnia di Walter a cui ribadisco i complimenti.
Io ho controllato che il canale fosse ancora lì al suo posto. La prox volta devo ricordare di portare dietro un fegato e un "tupè" di peli da applicare sullo stomaco.
Neve molto lavorata e irregolare per passaggi precedenti e crostosa un pò da vento pò da sole (è ormai primavera e la farina sul centro e lato dx orografico dura molto poco). Sulla dx ampia rigola con neve gelata sotto le lamine.
Nel complesso non la mia preferita per cui alla prox.
Ho avuto la fortuna di ammirare due tavolieri delle murge che hanno compiuto la discesa: veramente RANDAGI!

[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta da vento dura
neve (parte inferiore gita) :: crosta da vento morbida
quota neve m. :: 2000
Canale molto ripido con neve non facile da sciare, si deve sciare sulle contro pendenze in quanto la rigola e ghiacciata
la parte terminale del canale e stretta con roccette di quà e di là si passa giusto con li sci da 185
in compagnia di Eraldo Viada

[visualizza gita completa con 1 foto]

Ci sono anche stati ...

  • 05/04/09 - sborderzena
  • 03/04/05 - eraldo
  • Caratteristica itinerario

    tipo itinerario: canale
    difficoltà: 5.2 :: E2 :: [scala difficoltà]
    esposizione preval. in discesa: Ovest
    quota partenza (m): 3470
    quota vetta/quota massima (m): 3798

    Ultime gite di sci ripido

    15/12/18 - Creton du Midi couloir E - Il sibilo del cobra - rickyalp82
    L’idea iniziale era di fare il NW del Fallère, ma abbiamo cambiato idea appena abbiamo sbinocolato il Creton. Parte bassa fino al conoide, con neve bella polverosa, ma purtroppo poca quindi si ris [...]
    15/12/18 - Petit Golliaz Canale Sud - GiulianoPhoto
    Questo è una gita a mio avviso più invernale che primaverile, perché il canale prende tantissimo sole. Avvicinamento molto lungo in quanto bisogna superare due passi girando dal vallone del Gran [...]
    15/12/18 - Portiolette (Arête de la) canali sud - giole
    Partiti dal colle con neve al limite (anche meno..), alcuni passaggi sono già scoperti; neve continua dal primo pianoro. Raggiunto il colle Gipiera si perde quota verso il valloncello delle Portiolet [...]
    15/12/18 - Pécé (Pointe de) da Plampinet - Ivano Oggero
    Vedo che questo è quarto report. Mai raggiunto cima, impedito da creste, neve, altro. Oggi 4/5 stelle (il Pecè è garanzia). La strada si sale con pelli e si scende a piedi (pietre). - 18 partenza [...]
    09/12/18 - Fascia (Cima della) Canalino Nord - NicolaMu
    Oggi Eolo ha detto la sua... e ne aveva di cose da dire! Saliti, sci ai piedi poco sopra la macchina, in compagnia di sporadiche forti raffiche fino a sotto il canale. Canale in condizioni non tanto [...]
    05/12/18 - Ciantiplagna (Cima) versante SE - via della fucilata - popino
    Una gita in condizioni tardo primaverili in pieno autunno! Chissà se faremo gite estive in pieno inverno ? O viceversa ? Questo autunno è veramente interessante. Bisogna adeguarsi alle condizioni [...]
    01/12/18 - Briccas Parete Nord, Carpe Diem - jonny_bravo
    Condizioni ancora molto buone, farina su tutto l'itinerario tranne nei primi 20/30 metri di dislivello nella prima parte della paretina in basso, la più ripida, dove la neve è un po' crostosa e a t [...]