Acquarone (Monte) la via Marenca del golfo di Diano

tipo bici :: full-suspended
giro sempre spettacolare , si puo' salire agevolmente utilizzando l'asfalto e poi divertente discesa sui single trek
Giornata spettacolare di sole a 15 gradi e panorama a 360
è davvero un peccato che la vecchia chiesa di Moltedo stia crollando e probabilmente non sarà mai piu' restaurata .Inostri antenati riuscivano a creare il bello e noi non riusciamo neanche piu' a mantenerlo.


[visualizza gita completa con 10 foto]
tipo bici :: full-suspended
Aggiungo la gita a quella precedente per non creare doppioni .
In realtà l'avevo chiamata Acquarone ma mi sono accorto che avevo raggiunto un poggio precedente senza raggiungere il vero Acquarone ... quel poggio è il Monte Pian Cavalè-
La gita di oggi prevede la partenza da Porto Maurizio , da C.so Garibaldi dove si trova facilmente posteggio (in inverno) e si va verso Dolcedo passando sotto l'autostrada . Dolcedo merita una visita un pochino accurata per le sue chiese , per il ponte romano , i suoi scorci di carrugi e vecchie case ... poi da qui si prende quota finalmente su sentieri anche abbastanza ripidi verso la dorsale di Costiolo e Praele ... se si fa un giro più largo si guadagna la dorsale vera e propria delle montagne più elevate , ma oggi i sentieri erano ancora ingombri di neve .Da Prelà Castello si seguono le indicazioni per il Monte Acquarone e si arriva alla bellissima chiesetta un tempo ricovero per i partigiani ... si fa un pò di sosta e di pappa e poi si sale bici in spalle all'Acquarone vero e proprio fino a raggiungere un ometto .
Da qui bellissima discesa su single trek fino al Monte Pian Cavalè ( meta della gita inserita) e anche di qua come dall'Acquarone spettacolare veduta a 360 radi su mari e monti circostanti ... oggi con il Faudo innevato in lontananza .Raggiunto l'asfalto si può proseguire su sentiero ( vedi traccia precedente) se no si scende ( nuova traccia) su bellissima sterrata molto comoda e veloce che ci fa incrociare alcune chiesette diroccate e abbandonate molto interessanti ... discesa continua e senza alcuna difficoltà fino al mare . IL GIRO DI OGGI PREVEDE 33 KM PER 1100 METRI DI DISLIVELLO

[visualizza gita completa con 26 foto]
tipo bici :: full-suspended
niente di difficile se non ci si incasina come ho fatto io nel tentativo ( per non scendere ad Imperia) di attraversare da Borgo d'Oneglia a Costa d'Oneglia ( sentieri chiusi da ville private ,sentieri volutamente lasciati in abbandono ai rovi...o al fuoco ... si passa ma ci si arrabbia ... meglio scendere fino ad Imperia ( anzi è meglio partire da li ad esempio dal parcheggio dell'Ospedale)
Sono rimasto incantato da una natura che non mi aspettavo ...aranci , mandarini , limoni ... il rosso scuro dei cachi maturi sulle piante ... le palette dei fichi ... frantoi , ponti , paesini con l'immancabile chiesetta .
Paesini che per un francese sarebbero tutte "ville fleury"... invece noi alterniamo al bello gli scarti delle demolizioni,piazziamo verande in alluminio anodizzato nei posti più impensabili adoriamo i capannoni e quegli strani , disordinati , orribili locali artigianali con ferro e plastica e attrezzi e pezzi di macchinari sparsi ovunque ...le cose che buttiamo in giro oltre la recinzione della mega villa non è più cosa nostra ...peccato.
Nonostante tutto la natura è ancora superlativa e si difende , generosa all'eccesso e mi ha regalato delle cartoline bellissime ...pini spettinati al vento...lunghi nastrini di terra con saliscendi divertentissimi in mezzo alle ginestre e alle trune in pietra dei pastori ... codirossi e pettirossi e altri mille uccelli ...scoiattolini che fanno capolino tra gli ulivi ...vecchi ponti romani e lavatoi antichi ...il ricordo di un partigiano ... vecchiette in calze di lana e crocchia ai capelli che sembrano le mogli di cavallo pazzo... e fiori ... fiori a gennaio , mimose fiorite ...rosmarino ...fiori bianchi di melo...rose dimenticate e ancora belle e poi ancora dorsali infinite e creste interminabili che ti invitano al viaggio con lo sfondo di un mare blu che più blu non si può ...ed infine il pezzo forte ... il gran finale del tramonto velato di rosso e rosa che trasforma le chiese e le vette in silouette e le nuvole danno il tocco finale all'opera d'arte . Senti davvero la gioia e la vita sotto le tue ruote e ti viene da fermarti e guardare e pensare e sperare che tutto rimanga per sempre così.

ps ... quei pirla che sparano ai cinghiali o non so a cosa almeno raccolgano le cartucce che sono di plastica e ottone e si biodegradano più o meno coi tempi delle scorie radioattive.


[visualizza gita completa con 10 foto]

Caratteristica itinerario

difficoltà: MC+ :: MC+ :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 150
quota vetta/quota massima (m): 733
dislivello salita totale (m): 1170
lunghezza (km): 38

Ultime gite di mountain bike

15/02/20 - Sirio, Pistono, San Michele (Laghi) da Banchette, giro per Borgofranco e Montalto Dora - monviso71
Abbiamo fatto un giro diverso di quello descritto qui. Partiti da Montalto Dora abbiamo seguito i cartelli per il giro dei laghi, passando per il Nero poi Pistono ed infine Sirio. Vari saliscendi t [...]
11/02/20 - Baraccone (Monte) da Altare per Quiliano e Roviasca, giro - lonely_troll
Tra i vari percorsi di questa zona dal mare alle ultime montagnole delle Alpi questo è di difficolta media. Sulla pista di discesa a Viarzo si trovano poche indicazioni ma è sufficiente seguire le [...]
07/02/20 - Pietraborga (Monte) e Monte San Giorgio da Trana, giro - bubetta
Siamo saliti solo al Pietraborga. Sempre suggestivo e piacevole il tratto di bosco nel "Sito dei Celti". Una volta ritornati al Colle Damone abbiamo imboccato il sentiero molto panoramico, scorre [...]
06/02/20 - Peitagù (Testa di) da Aisone, giro - kika
Per evitare la salita su neve dal versante dell'arma, mi sono cammellato la bici sul sentiero delle punte chiavardine fino al bivio sotto alla Peitagù. Sentiero bello, panoramico e ben segnalato, ma [...]
29/01/20 - Pista Tagliafuoco del Musinè da Caselette - monviso71
sterrata in buone condizioni generali, qualche canale di scolo (tipo guardrail) é fuori sede ma si passa senza problema, magari in discesa potrebbero essere più insidiosi. un po' di fango nelle zon [...]
26/01/20 - Colletta (Monte) da Piasco, giro - lonely_troll
I sentieri della Valle Bronda sono evidentemente frequentati e sempre ben segnati sia per bikers sia per escursionisti. Ho scelto un itinerario a bassa quota e senza discese lunghe per evitare neve e freddo.
19/01/20 - Moncuni da Rivoli, giro per la Collina Morenica - rg68
Ritornato sul Moncuni in mtb dopo qualche anno: tutto a posto, parecchi ciclisti e gente a piedi, giornata tersa e freddina, sentieri e strade in buone condizioni, poco fango.