Serra Morenica d'Ivrea da Burolo, anello mediano della serra morenica

note su accesso stradale :: Senza problemi
Ancora qualche labile traccia di neve, ma il percorso è ormai già pulito. Un po' di acqua qua e lá, ma l'unica vera cosa da segnalare è la difficoltà di passaggio nella zona dove ci sono alcuni alberi abbattuti. Comunque si passa.Il percorso è in generalefacile da seguire a aprte il tratto dopo l'albero abbattuto.
Giornata inizialmente fredda, ma che in fretta si è tramutata in giornata decisamente calda per il periodo. Sole tutto il giorno.


[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: parcheggiato in paese
Attenzione a questo punto
, occorre trascuralo e saliti di pochi metri quota 540m si trova un sentierino che con un brevissimo tratto scosceso attraversa il rio (in corrispondenza di una presa d’acqua) occorre seguire i festoni b/r appesi ai rami che guidano a percorrere un vecchio sentiero ormai perso (la direzione è sempre nord ovest), percorsi qualche centinai di metri si ritrova uno sterrato che senza più incertezze porta alla galleria della Serra 610m (strada Ivrea-Biella).
Dove c'e' la presa d'acqua ci sono degli alberi caduti, bisogna passarci sotto e proseguire sul traverso in un sentiero poco intuibile, eutilizzato poco, fondamentale avere la traccia gpx da seguire. per il resto tutto ok bella giornata a tratti in maglietta.

[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: Parcheggi comodi
Dipende dal percorso che si vuole fare. In alcuni casi occorre organizzarsi con due macchine
Pomeriggio da solo a casa e ho voluto fare i classici due passi.
Premetto che la gita è partita da Andrate (piazzetta centrale del paese dove ci sono i negozi). Poco prima del bivio per il Tracciolino (comodo parcheggio con cartello che invita a non lasciare nulla di prezioso in macchina per via dei furti), intercettiamo il sentiero con indicato Passo di Croceserra e seguiamo sempre i pallini blu e verdi.
Arriviamo a Croceserra, costeggiamo il castello e seguiamo le indicazioni per la Torre della Bastia e una volta superata quest'ultima proseguiamo dritti fino al passo dell'Oca, successivamente il passo della diagonale e infine arriviamo al Roc del Basariund. (questo percorso è segnato con delle tacche azzurre in previsione del trail dei laghi). Il ritorno avviene per lo stesso percorso, ma una volta tornati alla Torre possiamo scendere sulla sx e raggiungere il parcheggio che c'è poco prima della galleria della Serra, oppure seguiamo il sentiero fatto all'andata fino ad arrivare ad un incrocio. Qui seguiamo l'evidente mulattiera che scende sulla sx e arriviamo nuovamente ad Andrate /Regione Cornale). Facciamo quattro passi sulla strada asfaltata ci lasciamo sulla sx la chiesa di S. Maria e costeggiamo il sentiero colore arancione che ci porta nuovamente al nostro punto di partenza.


[visualizza gita completa]
Scelta un po' di ripiego ma anche di scoperta della Serra Morenica.
Come indicato da altri gulliveriani, il percorso è solo parzialmente intuibile.
Non ci sono tante indicazioni (quasi nessuna) se non nella parte alta, quindi lungo lo spartiacque della Serra.
Arrivarci invece è stato problematico, in quanto seguendo la traccia gpx (per non sbagliare), all'altezza del km 3,5 il sentiero termina in concomitanza di una cabina dell'acquedotto. Per proseguire e raggiungere il tornante della SP221 bisogna scendere sulla sx idrografica del Rio della Serra per 100mt e risalire sulla destra intercettando la strada asfaltata.
Inutile dire che è sconsigliabile in quanto ci si trova in zone interdette al pubblico e recintate.
In giro solo due con la moto da cross. Calpestata inaspettatamente neve un po' ovunque, ma giusto uno strato sottile.

[visualizza gita completa con 15 foto]
Istituto Comprensivo Ivrea II, Scuola Secondaria di I grado “L. da Vinci” - Progetto “Passo dopo passo”
Prima uscita: “sulla Serra tra Burolo e Chiaverano”.
Ci siamo trovati a Ivrea ¬davanti alla stazione per prendere l’autobus della GTT, siamo arrivati a Burolo (chiesa parrocchiale) alle 9,38 e abbiamo iniziato a camminare. Percorso della passeggiata: strada de La Merlina, Bocchetto di Balma, strada vecchia Chiaverano-Torrazzo, “L’Avel”, Ciucarun (sosta pranzo), cascina La Polla, Burolo. Alle h. 16,00 siamo ripartiti da Burolo per tornare a Ivrea. Abbiamo percorso vecchie mulattiere e strade asfaltate poco trafficate, osservando gli ambienti naturali e le testimonianze dell’arte e della storia che abbiamo incontrato lungo il tragitto. La giornata è stata piacevolmente tiepida; al campanile di S. Martino (“Ciucarun”) ci siamo concessi il meritato riposo dopo la “fatica” della salita e ci siamo rifocillati, festeggiando un compleanno (!) e giocando a “bandiera”.
Commento delle allieve: “Questa gita è stata bella; la maggior parte in salita e poi in discesa…
Ma di tutte quelle salite… è valsa la pena: siamo arrivati in un magnifico posto circondato dal bosco, il campanile del Ciucarun; lontane, di fronte, si vedevano le montagne bianche della “Bella dormiente”. Ci siamo divertiti molto durante questa fantastica giornata nei boschi della Serra! Speriamo di fare altre gite divertenti, belle e naturalistiche come questa.”


[visualizza gita completa con 3 foto]
Escursione organizzata da [email protected] per la GM d’Ivrea in una giornata di primavera (anomala per la stagione) in pieno sole e un po’ di vento “caldo” a cui hanno partecipato 32 escursionisti.
Scontata la mancanza di colori e le fioriture per la stagione ottimi invece i panorami sulle colline moreniche sottostanti e la catena dei monti.

Ottima la compagnia. Qualche MTBickers sul percorso - Si consiglia l’uso della cartina o la traccia GPS.



[visualizza gita completa con 9 foto]

Caratteristica itinerario

sentiero tipo,n°,segnavia: pochi segnavia, 60% sterrata, 20% Sentieri, 20% asfalto
difficoltà: E :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Ovest
quota partenza (m): 350
quota vetta/quota massima (m): 753
dislivello salita totale (m): 600

Ultime gite di escursionismo

27/01/20 - Arpone (Monte) da Pascaletto, anello per Madonna della Bassa e Colle della Portia - mario-mont
Dal bivio sopra Col Portia all'Arpone e in discesa al colle del Lis neve quasi continua molto dura. In salita si va bene perchè vi è quasi sempre uno straterello di fresca sopra, ma in discesa indispensabili i ramponcini.
27/01/20 - Bernard (Monte) da La Cassa - maxleva
Partito dal Truc di Miola su bel sentiero segnato fino a Costa Bela, poi traccia e sbiadite tacche rosse fino in cima.
26/01/20 - Mares (Cima) da San Bernardo - bengia
Tranquilla salita fatta quasi completamente sui tratti di sentiero che permettono di abbandonare la sterrata accorciando anche notevolmente il percorso. Salito in mattinata, soleggiata con leggera ve [...]
26/01/20 - Crosta Piero (Rifugio) all'Alpe Solcio Anello da Varzo - franco1457
Con l’amico Gianni saliamo oggi al Rifugio Crosta. Seguiamo le indicazioni del sito del Rifugio e partiamo da Dreuza (raggiungibile con strada per Coggia un po’ strettina…). La mulattiera è ben [...]
26/01/20 - Ratti (Monte) da Genova Struppa, anello Forte Ratti - daniele64
Percorso mediamente facile ma con qualche difficoltà nel breve tratto tra Via Montelungo e l' inserimento nel sentiero taccato di rosso e di giallo perchè la traccia è un po' infrascata ( alberi cr [...]
26/01/20 - Bellavarda (Uja di) e Punta Marsè da Lities - grawal
Dopo le Grange Lavassè utili i ramponi per attraversare i resti della poderosa valanga scesa dal versante sud della Bellavarda. Dato il consistente strato di neve presente oltre San Domenico, è con [...]
26/01/20 - Prarosso (Punta) da Vietti, anello per il Pilone del Merlo, Pian di Rossa, Rocca Rubat e Bric Castello - rfausone
Percorso generalmente in buone condizioni. Neve dura nei tratti in discesa dalle vette esposti a nord.