Cairi (Rocca di) da Frere, traversata per Vallone Chiaramasco - cresta NNO - Cumbal Cialmè S

Non vedendo la neve in quei luoghi nei quali eravamo abituati vederla in questo periodo; non ci resta (a meno di andarla a cercare in posti pero' lontani) che praticare l'altra disciplina. Ovvero quella dell'escursionismo invernale. Con insiti pezzetti di alpinismo, dove le ciaspole causa la particolare natura del terreno, devono cedere il passo a picca e ramponi. Come nel caso della gita in questione, dove il sottoscritto non sufficientemente appagato della gia' di per se signora gita alla Rocca di Cairi da Frere per il suo aspro e impervio versante nord-ovest; ha voluto concluderla in anello salendo per cresta alla cima delle Sommette, con rientro a Frere per il colle di Soleglio Bue e il Vallone di Unerzio. Diverse invece le aspettative del caparbio socio Alessandro, che di questa gita ne ha fatto una traversata, scendendo al Preit. Finalmente assenza di vento, con tanto sole come gia c'e ne e' da tempo. Temperature estremamente rigide nei fondivalle all'ombra, decisamente piu' gradevoli in quota al sole. Avvistati sparuti branchi di giovani camosci nel bosco e sulle creste oltre i 2000mt.Un complimento al socio per la bella e accurata relazione della gita!
IL CHERSOGNO E IL MONVISO DALLA P.CHIOTINETTA.
UNA FINESTRA SUL MONVISO.
SI PROCEDE SUL FILO...
IL CONO SOMMITALE...
LA CIMA DELLE SOMMETTE.
LA ROCCA DI CAIRI DALLE SOMMETTE.
LA ROCCA DI CAIRI E LE SOMMETTE SCENDENDO AL COLLE SOLEGLIO BUE
LA BIANCA CON LA ROCCA LA MEJA VISTE DAL COLLE SOLEGLIO BUE.

[visualizza gita completa con 8 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: altro
note su accesso stradale :: no problem a Frere, parcheggio nei pressi di slargo con catena
quota neve m :: 1800
Esiste un sentiero (bivio a sx dopo ca 10 min di marcia, di cui non mi sono accorto, ma il socio sì) che dovrebbe in migliori condizioni di pulizia ed in parallelo al tracciato seguito, raggiungere le grange Chiaramasco 1761 e poi ricongiungersi ben oltre al punto dove si è affrontato il pendio in presa diretta. Forse l'abbiamo incrociato e sempre forse dopo andava perdersi (chi può dirlo?).
Neve durissima/ghiaccio sui pendii boscosi superiori prima di raggiungere la cresta, spesso celato dagli aghi. Prima parte del crestone fino alla Chiotinetta classica neve sfondosa lati N. Da Chiotinetta neve da sfondosa progressivamente convertita in magnifica "crosta di cresta" morbida e portante, da far goduriosamente scrocchiare con i ramponi. Piccozza utile ma non necessaria. Discesa al colletto e primi 2/300 del Cumbal con neve molto dura (rischio slavine nullo) sul fondo e chiazze di prati ai lati. Larghe chiazze fino alle grange. Neve buona per ski solo lato SO prospiciente l'Oronaye (particolarmente attraente da questa prospettiva). -6° alla partenza e -4° all'arrivo, aria sempre fredda con sole caldo. No vento.
La gita al Sebolet aveva a lungo richiamato la mia attenzione sull'elegantissima Rocca Cairi. Chi se non quello scavezzacollo di Enzo poteva accettare con entusiasmo la proposta "esplorativa" ? Anche se la stagione appariva precoce, la curiosità ha prevalso. Detto e fatto, col senno di poi gita ben più facile del previsto e corda inutile. In cima in 4h circa, varie soste comprese. La cooperazione tra due solitari, irrobustita dalla crescente amicizia ha consentito un fantasioso proseguimento da vivi e lascia vivere. Enzo ha proseguito per cresta bevendosi in poco tempo la quota 2502, le Sommette e il traverso per Chialvetta con rientro circolare all'auto, il sottoscritto ha compiuto la predetta traversata, suo obiettivo da lungo tempo. Riunione con reciproci resoconti e memorabile libagione/merenda sinoira alla Mascha Parpaja. Nessuno in giro ma molti camosci.
Giornata per cui gli aggettivi entusiasti si sprecheranno a lungo, con l'unico neo di essere già nel cassetto dei ricordi.


[visualizza gita completa]

Caratteristica itinerario

tipo itinerario: itinerario complesso
difficoltà: BRA :: F+ :: [scala difficoltà]
esposizione: Varie
quota partenza (m): 1196
quota vetta/quota massima (m): 2575
dislivello totale (m): 1400

Ultime gite di racchette neve

16/06/19 - Menta (Costa di) dal Lago Serrù - laura59
Giornata spettacolare.Strada pulita finoo ai laghi Losere ma divieto al Seru. ...di cui alcuni motociclisti se ne sono fregati.Dai laghi neve continua e anche bella sia in salita sia in discesa.Contin [...]
15/06/19 - Bezin Nord (Pointe de) per la Combe de la Jave e possibile anello - jdomenico
Partito alle 8:00, salito come da descrizione fino al lago, poi più direttamente verso la cima, senza passare dal colletto senza nome. L'idea era di proseguire, addirittura verso la P.te du Pisset (f [...]
14/06/19 - Teodulo (Rifugio) da Cervinia - giuliano
Gita di allenamento in quota. La neve inizia poco sotto Plain Maison, da qui c'è una pista battuta fino a Plateau Rosà. Racchette molto utili in quanto, almeno in caso di partenza non antelucana, si [...]
08/06/19 - Carro (Cima del) dal Lago del Serrù - The Jack
Parcheggiato vicino alla diga, partenza poco dopo le 6, abbiamo proseguito su neve portante fino alla base del pendio che porta al colletto a quota 2720.Di lì abbiamo imboccato erroneamente il canale [...]
08/06/19 - Sommeiller (Punta) dal Rifugio Scarfiotti per la Cima dei Fourneaux - jdomenico
Partenza 5:30 (dormito in auto nei pressi dello Scarfiotti, che dovrebbe aprire il prox we) arrivo in cima 8:35, per evitare caldo in salita e sfondoni in discesa. I tornanti si possono tagliare trami [...]
08/06/19 - Rossa (Rocca) - Pic Brusalana giro del Pic d'Asti per Breche Ruine e Sella d'Asti - Andrea81
Premessa: non ho salito nè il Pic Brusalana, nè la Rocca Rossa, perchè l'obiettivo era il Pan di Zucchero. Partenza dal parcheggio di quota 2500 m, ho effettuato il giro salendo alla Sella d'Asti [...]
02/06/19 - Sises (Monte) da Sestriere - madox
Neve a rade chiazze fino al monte Alpette, poi da 2400 in su il manto nevoso è ancora abbastanza continuo ma bagnato...racchette ancora molto utili per gli ultimi 200 metri ma ormai è quasi escursio [...]