Muanda (Costa) dal Santuario di Oropa per il versante Nord-Est

note su accesso stradale :: ok
Con l’inossidabile Giovanni siamo andati su per la Muanda partendo dal Favaro. Trovata neve dura a partire dall’Alpe Dama m. 1423, ma abbiamo raggiunto l’Alpe Giassit senza ramponi o racchette (anche perché non avevamo niente dietro ..). Giornata inizialmente bella, ma appena il sole si è nascosto dietro le nubi freddina .. Incontrati sei escursionisti. Vista tanta gente che saliva al Camino con pista battuta.
Alpe Deiro m. 1515
meglio non scivolare ...
Alpe Giassit m. 1598
Zoom sul Camino
Alpe Giassit
Alpetto Superiore

[visualizza gita completa con 6 foto]
note su accesso stradale :: ok
Per sfruttare un breve finestra di tempo bello (?!) decido di fare un’escursione vicino a casa. Parto da San Grato di Sordevolo e raggiungo il Poggio Frassati. Neve quasi assente, un po’ solo nell’ultimo tratto, bagnata e non portante. Sole all’inizio poi nebbione. Arrivato al Poggio si apre e mi lascia ammirare il solito bel panorama. Incontrati 7 escursionisti sul percorso ma solo tre in cima. Comunque una bella “sfacchinata” di 1150 m. di dislivello per smaltire, almeno in parte, le mangiate durante le feste …

[visualizza gita completa con 7 foto]
note su accesso stradale :: ok
Partito tardi da Sordevolo San Grato per sfruttare le ore più calde e il versante esposto al sole. In realtà oggi la giornata non era per niente fredda anzi il sole era bello caldo. Trovata pochissima neve fino a 1500 m. dove vista l’ora mi sono fermato. Gita piacevole in compagnia di un simpaticissimo cagnetto incontrato alla partenza che mi ha accompagnato sia in salita che in discesa. Incontrato un escursionista di Occhieppo S. che saluto. Soliti splendidi panorami che regala la ns. Muanda.

[visualizza gita completa con 7 foto]
note su accesso stradale :: ok
Per la prima volta salito al Poggio Frassati dal sentiero Papa Giovanni Paolo II. Il sentiero è ben evidente e ottimamente segnalato, inoltre lo trovo meno faticoso del sentiero Frassati. Belle vedute sulle montagne biellesi anche se la nebbia ogni tanto le copriva. Salito con l’instancabile ottantaseienne Gianni in poco più di due ore. Non incontrato nessuno.

[visualizza gita completa con 7 foto]
note su accesso stradale :: Nessun problema. Parcheggio piazzale Busancano libero e vuoto.
La meta era il poggio Frassati, ma causa nebbia improvvisa ci siamo limitati al lago della Mora. Partiti da Oropa , piazzale Busancano dietro l' area camper. Saliti con il sentiero D11 e poi D33. Ritorno passando per il lago Bose con il sentiero D11 e poi pista Busancano. I sentieri sono ottimamente segnalati con paline , segni di vernice bianca e rossa e ometti. Non si può sbagliare.
Nel complesso è una gita non troppo faticosa se si ha un minimo di allenamento. Peccato per la nebbia.
Con la moglie.


[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: OK.
Come al solito piacevole gita, con splendido sole (che avevamo dimenticato).
Segnalo che al ritorno, passata l'Alpe Giassit, il sentiero si perde tra arbusti, e, se non si è già passati altre volte, è difficile trovare la traccia che permette di attraversare un canalone, pieno di arbusti e rododendri, con facilità. Fuori sentiero è assolutamente sconsigliabile. La discesa descritta in alternativa, allo stato attuale, è consigliabile, anche se comporta un tratto di asfalto

[visualizza gita completa]
Piacevole passeggiata molto panoramica. Ritornati dall'alpeggio Giassit. Per scendere alle baite Trucco i segni sono sporadici, basta scendere un poco e si ritrova la traccia che permette di traversare agevolmente un canalone con molti arbusti. anche dupo le baite Trucco i segni sono radi ma anche senza percorso obbligato si raggiunge la strada sterrata che va al pian di Gè, e si scende in breve ad Oropa.
Unico neo una nuvila spessa ha coperto il sole proprio al momento della meritata sosta per il pranzo, accompagnandosi ad una fredda e fastidiosa arietta!


[visualizza gita completa]
Lasciata l'auto nel parcheggio del tracciolino presso la trattoria del Macellaio (m 1200), sotto l'Alpe Cavalle, abbiamo imboccato il sentiero D34, verso l'Alpe Fneresc (m 1280)e la Cascina Deiro (m 1515), per poi raggiungere la cascina Giassit (m 1600) e la Mora ( m 1780) con il sentiero D2. Di qui alla sella del Poggio Frassati per il versante nord-est, unico tratto con tracce residue di neve ghiacciata. Dal Poggio Frassati (m 1955) abbiamo disceso per un tratto la costa della Muanda (segnavia D41), per ripiegare sul versante est verso l'Alpe Giass (m 1530), ripassare sotto la cascina Deiro e rientrare con il sentiero di salita (D34). Lunghezza del percorso circa 9 Km, con un dislivello complessivo inferiore agli 800 m. Allego traccia gps.
Con Germana, giornata serena e limpida, con temperatura gradevole, tracciato quasi interamente pulito (tranne il breve tratto dalla Cascina Mora al Poggio Frassati).
Al rientro abbiamo incontrato con piacere i vecchi amici Franca e Franco.


[visualizza gita completa con 1 foto]
Questa volta siamo partiti dal Favaro m. 800 e abbiamo raggiunto il tracciolino nei pressi dei ripetitori. Abbiamo poi proseguito per l'Alpe Dama, Alpe Deiro e Alpe Giassit m. 1598. Rientro immediato per il pranzo. Con Gauso. Una spruzzata di neve poi quasi tutta scomparsa. Abbastanza fresco.

[visualizza gita completa con 7 foto]
Sono partito dal tracciolino (indicazioni sentiero Frassati) e sono salito per il versante sud della Muanda fino al Poggio Frassati. Gita tranquilla dopo 15 gg di astinenza per influenza. Pestata un po' di neve solo nell'ultimo tratto. Tanti escursionisti sul percorso. Giornata stupenda e bellissimo panorama. Rientro veloce per le 13.00. Gita da solo.

[visualizza gita completa con 7 foto]
Partiti dal sentiero D41,pestato neve dai 1400.Nebbia,nubi,e su vento fresco.

[visualizza gita completa]
Gita breve per l’esigenza di rientrare presto condizione soddisfatta dalla scelta di questo itinerario; anche se la Costa Muanda è una delle classiche mete che saliamo con le cispole quando si cerca un agita vicino a casa.
I sentieri sono tutti ben evidenti e segnati sia dai bollini r/b che da paline indicatrici con mete e tempi previsti.
Giornata quasi primaverile ! con qualche velatura ma ampi panorami sulla pianura.

In compagnia di Elio@C Max49 Beppe@D Enzo@R e Elena. Nessuno sul percorso.



[visualizza gita completa con 6 foto]

Caratteristica itinerario

sentiero tipo,n°,segnavia: ampi sentieri: D11, D33, D2, D41 e D34
difficoltà: E :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud-Est
quota partenza (m): 1200
quota vetta/quota massima (m): 2070
dislivello salita totale (m): 1000

Ultime gite di escursionismo

19/10/18 - Nana (Bec di) o Falconetta da Mandriou - alpenkamel
Sentiero senza residui di neve fino in cima.
19/10/18 - Viana (Colle del lago di) da Alpe Bianca - mark6827
Bellissimi scorci autunnali, ma con temperatura quasi estiva. Proseguito fino al lago Lusignetto, su sentiero sempre ottimo, e al ritorno salito la flebile traccia fino al lago Pane'. In compagnia dei miei cani.
19/10/18 - Colombino (Bric) da Spotorno, anello - flavytiny
Meteo fantastico molto caldo per il periodo.Bel giretto fatto con la traccia gpx dislivello sui 550 m e oltre 13 km di sviluppo bel panorama della costa sentieri e stradine con tratti in asfalto saliti anche al monte Mao .
19/10/18 - Durand (Cima) da Artesina - giody54
Ho evitato il più possibile le piste salendo sulla dorsale ovest (versante Val Ellero)passando per la Grotta dei Partigiani e raggiungendo Colla Bauzano ,aggirando la cima.dislivello complessivo circa 900m.
18/10/18 - Bussola (Corno) da Estoul, anello per il Colle Palasina e Punta del Lago - diecimilapiedi
Novemilanovecentodiciotto e novemiladuecentotrentanove piedi...longo è lo cammino, ma grande la meta... Splendida giornata di sole autunnale per una bella cavalcata di cresta, iniziata alla luce del [...]
18/10/18 - Bieteron (Monte) da Estoul - gioepiera
Alla ricerca di gite adatte a questo periodo, questa volta siamo saliti al Bieteron. Giornata bellissima, con intensi colori autunnali. Dopo un primo tratto non proprio eccezionale su carrarecce e vic [...]
18/10/18 - Valnera (Punta) da Estoul - sapetti giovanni
Sempre un bell'ambiente ed una bella gita. Bei sentieri ben tenuti ed ampiamente segnalati. Giornata serena con temperatura fresca. Solo nel pomeriggio qualche velatura. Visto solo un ragazzo che si riposava al sole nei pressi del lago.