Nera (Punta) da Lillaz per il Vallone dell'Urtier

osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: Crosta da vento/Sastrugi
neve (parte inferiore gita) :: Primaverile/Trasformata
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
sci a spalle per circa 1 ora..poi si possono mettere passando diverse valanghe .. nemmeno piu' di tanto scomode per fortuna..
nella seconda parte della gita, entrando nell'ampio vallone, si percorrono una serie di pendii, dossi e traversi e tratti semipianeggianti, con qualche perdita di quota non eccessiva... poi, quando si prende il valloncello appartato che porta verso la cima, tutto cambia e l'itinerario diventa piu' bello ed anche sciisticamente piu' interessante...qua messi i coltelli per neve a tratti gelata...
percorso il pendio/canale con ramponi... completamente spazzato dal forte vento... insensato da salire e sopratutto scendere con sci... dalla sella si raggiunge in breve la cima.. facendo attenzione a qualche tratto sfondoso vicino alle rocce...
copertura nuvolosa arrivata mentre percorrevamo la pala finale, fino a tornare agli sci..poi per fortuna nuovamente ampie schiarite che ci hanno permesso una discesa veloce su neve variabile ma accettabile... poi qualche risalita e spinta per tornare a prendere la strada... infine, siamo riusciti a tenere gli sci fino a dove messi la mattina passando sulle valanghette con neve bella ammorbidita...
gita che sciisticamente offre non molto..la prima parte su strada, sempre soggetta a valanghe, e' da percorrere in condizioni sicure e quando le valanghe sono gia' scaricate...la seconda parte tra dossi si deve sperare di non trovare al ritorno neve sfondosa da arenarsi... la terza parte e' quella interessante ma che in queste condizioni non e' consigliabile...
in ogni caso sapevamo bene o male cosa aspettarci.. non e' poi nemmeno andata male...
nel complesso gita lunga e con buon dislivello... rubata ad un meteo incerto...ma le fatiche sono state premiate...
Con Andrea


[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: Crosta da vento/Sastrugi
neve (parte inferiore gita) :: Primaverile/Trasformata
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
si devono portare gli sci per un bel po sino alle prime baite lungo la strada (1 h) poi strada innevata con resti di valanghe. Nella parte centrale neve rigelata e miracolosamente qualche angolo di farina. Pendio /canale est salito a piedi eroso dal vento,. Pala sud ampia.
Saliti tra schiarite e tormenta. Nel complesso buono.
Attualmente gita sconsigliata. Itinerario che allo sci dà molto poco (ma questo già lo sapevamo). Nessuna traccia.
Con Tiziana

[visualizza gita completa con 2 foto]
quota neve m :: 2100
attrezzatura :: scialpinistica
La neve inizia a 2150 m alla base dei tornanti che precedono l'alpe Tsavanis. Da qui l'innevamento è ottimo e continuo. Neve primaverile.
Sono partito alle h. 17:15...con la mtb fino ai tornanti e poi con gli sci. Dal colle alla cima sono salito a piedi facendo volar via un gipeto. Gita di "nicchia" ma con colori e panorami super. Ho incrociato la macchina della Forestale...se si sale con la macchina si rischia la multa!


[visualizza gita completa con 7 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
attrezzatura :: scialpinistica
Gita carina per l'ambiente e la neve. In discesa bisogna risalire (anche togliendosi gli sci) qualche breve dislivello..sic!
Sembrava moooolto interessante il lungo e costante pendio che porta a destra della Pointe de Peradza.
In compagnia di Eli, Phil e Fra.


[visualizza gita completa con 1 foto]

Caratteristica itinerario

tipo itinerario: altro
difficoltà: BS :: [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Nord
quota partenza (m): 1620
quota vetta/quota massima (m): 3063
dislivello totale (m): 1440