Bellavarda (Uja di) da Lities

Panorama e percorso sempre stupendo e immutabile, la partenza vicino alle case invecchiate dagli anni, alla vecchia scuola, alla piccola cappella, gli ampi e verdi pascoli che si proiettano ripidi verso l'alto, in lontananza i campanacci delle mucche che echeggiano nelle conche..le montagne dell'infanzia sono sempre le più belle e quelle che regalano emozioni immutate nel tempo. Ma la Bellavarda è davvero magnifica.

[visualizza gita completa]
tipo itinerario :: faticoso
tipo clima :: al limite del caldo
note su accesso stradale :: senza problemi con partenza da Ru - Cantoira
Io sono partito dal fondovalle. Il percorso è in buone condizioni e praticamente sempre abbastanza evidente.
A parte alcuni brevi attraversamenti bagnati, qua e la c'è umidità (rugiada o altro) che rende un po' delicata la discesa. Percorso con pendenze decisamente significative (5.5 km di sviluppo per 1600 D+).

Ho nuovamente poco tempo a disposizione e decido per fare qualcosa con dislivello anche se decisamente corto. Per combattere il caldo che mi sta massacrando in tutte queste salite parto presto, comunque nonostante la fascia sulla fronte dopo soli 300 metri di dislivello inizio a gocciolare dalla fascia. Migliora un po' dopo il km verticale, poichè sono finalmente all'aperto fuori dal bosco.
In vetta c'è aria fredda e me la godo tutta per cercare di raffreddarmi prima della discesa che si deve fare con la massima attenione poichè la traccia è stretta e una caduta porterebbe direttamente sui boschi sopra a Lities.



[visualizza gita completa]
tipo itinerario :: poco faticoso
tipo clima :: corretto
note su accesso stradale :: ok
In occasione della festa di San Domenico, bella salita sino alla croce. Prima parte fino alla chiesetta sentiero ottimamente pulito, poi un po' coperto dalla solita erbaccia. Con Simone abbiamo deciso di provare a raggiungere la meno battuta Uja di Pratofiorito che da difronte proprio a punta Marsè. Ci si aspettava un sentiero o almeno qualche piccola traccia, invece nulla. Bisogna seguire il filo di cresta inventandosi un po' la linea. A metà la cresta presenta un salto che noi abbiamo aggirato a sinistra per poi risalire in cresta. Bellissima la punta con la caratteristica croce bianca che ho sempre solo visto dalla Bellavarda.
Cresta per lo più rocciosa, intervallata da qualche tratto di erba e rododendri. Facile ma non banale quasi sempre da risalire a quattro zampe, con qualche piccolo passaggio aereo molto bello. Conviene effettuare il tutto con roccia e erba asciutta.

[visualizza gita completa]
tipo itinerario :: divertente
tipo clima :: corretto
ancora una volta questa salita "speedy", molto continua e divertente. Purtroppo la realtà è stata peggiore delle previsioni, ed il sole non si è mai visto... Quindi questa volta "niuna varda"...
Incontrato qualche altro escursionista ed una bellissima salamandra sopra Lities

[visualizza gita completa con 3 foto]
tipo itinerario :: poco faticoso
tipo clima :: corretto
bella sgambatina pomeridiana-serale dopo l'ufficio. Nel contesto dei famosi "martedì del CAI (UGET)" in questo MERCOLEDI di inizio luglio (martedì il tempo era brutto per cui abbiamo posticipato di 24 ore) mi faccio "mollare" dai compagni di merenda in quel di VRU, esattamente dove inizia il noto km verticale per mena alla chiesetta di san domenico.
Il tempo è splendido, fa piuttosto caldo, ma , senza forzare più di tanto, salgo ed in poco più di un'ora arrivo alla chiesetta. Acqua abbondante lungo tutto il percorso, non più da qui in sù. Il sentiero è molto ben segnato, anche se ho le carte sul GPS, è piuttosto facile seguire la marcatissima traccia. Presenza di (pochi) bovini lungo la salita alle frazioni principali (abbandonate) che, coerentemente con una certa pratica di pastori di lontani paesi balcanici, vengono "abbandonate" in malga e "revisionate/munte/curate"alla bisogna. Con ciò voglio dire che...ci sono mucche ma niente cani, nè pastori.
Il tratto da San Domenico in sù è proprio dritto oltre che stra-panoramico. Fioriture di rododendri e narcisi notevolissime. Sono un escursionista visto da lontano ma si consideri che....è piuttosto tardino per un escursionista che non abbia voglia di correre. Sono partito alle 18,18 da VRU (quota 780) ed alle 19,35 sono qui, solo, soletto, sui ripidi prati che menano alla BELLAVARDA....
Da San domenico con le radioline contatto VALE & la banda che sono saliti al CIAVANIS da Lities. Comunicazione perfetta, mi aspettano alla chiesa...(cosa che non faranno perchè....impiego parecchio!)
La quota della Bellavarda è costituita da numeri progressivi, facile da ricordare....2,3,4,5, ovvero 2345 metri. Un quarto d'ora prima di arrivarci , quando cominciavo ad essere preoccupato di non riuscire a chiudere con la daylight, in alto mi compare la croce, ma mancano ancora 200 metri di dislivello.
Sul GPS una strisciolina di testo mi consola: il sole tramonta tra 1h20m ....più o meno, effemeridi di Menichelli confermate, il sole tramonta alle 21,20 in questi giorni, a queste LAT/LONG. Di tempo ne ho ancora.
Arrivo su, gli ultimi metri, un po' di su e giù tra le pietre ma è ben poca cosa perchè la discesa su LITIES è ben più ripida e complicata. Per arrivare fin qua ho attraversato alcuni tratti dove il sentiero è stretto e...in caso di scivolata ...si parte in canaloni erbosi dove fermarsi è difficile, meglio non cadere!
Ma dalla punta, dove un caldo sole, continua a farmi sudare, il pezzo triboloso è quello che mi aspetta.
Inizio la discesa nel vallone verso il CIAVANIS, già all'ombra da tempo.
Valeria & soci sono già partiti, avevano paura di avere freddo (???) e mi attenderanno nella bellissima LITIES, ormai fatta tutta di case ristrutturate e con anche un valido agriturismo che, purtroppo, oggi è chiuso.
Il primo tratto di discesa è semi-arrampicatorio. Mi concentro e vado molto piano, del resto i 1580 metri saliti corricchicchiando un po' si fanno sentire, il titanio ed il kevlar che mi compongono dopo 54 anni cominciano ad essere un po' usurati. Dovrei farmi revisionare ma ho venduto l'abbecedario per i balocchi e non ho più soldi per il veterinario. Scendo prudentissimo e, finita la paura di un volo sul ripido inizia quella di perdere il quasi invisibile sentierino che, di tanto in tanto, riporta qualche sbiadito bollo blu o la doppia striscia bianco-rossa.
Purtroppo la mappina caricata sul GPS (openstreetmap) qua non riporta nulla....
FAcendo molta attenzione riesco comunque a non perderlo ed arrivo così alla baite "alte". sono ormai quasi all'altezza del CIAVANIS. Poco più basso delle prime baite (poco sopra la borgata inferiore) finalmente mi re-immetto in una traccia tranquillamente identificabile. Il sole è tramontato da parecchio ma non fa nessun freddo e sì che...sono in maglietta e pantaloncini e, mi sono accorto in punta, non ho neppure una maglietta di ricambio ma solo un antivento.
Arrivo alla fine al parcheggio di LITIES dove trovo gli amici e si scende giù veloci in auto per una corroborante pizza....
Ho percorso circa una diecina di km in tutto (sob! pensavo chissachhè!) per quasi 1600 metri di dislivello; essendo arrivato verso le 21,15 direi che in tre ore qualsiasi simil-runner yelafà...
copertura telefonica buona su quasi tutto il percorso; usate radio PRM normali in comunicazione continua da San Domenico a Lities....bel giro, consigliato!!!! forse meglio evitarlo....nelle ore centrali con il caldo!!!!!


[visualizza gita completa]
tipo itinerario :: poco faticoso
tipo clima :: corretto
Partenza da Cantoira frazione Ru. Sentiero in buone condizioni solo qualche tratto con fogliame prima di Lities.

Ottimo allenamento come sempre fast & light in scarpe da ginnastica (su Gulliver le scarpe da Sky e trail sono così chiamate) e pantaloncini corti. Ma almeno oggi correvo 1300 metri più in basso del Rocciamelone.
Sempre un gran bel test


[visualizza gita completa]
tipo itinerario :: faticoso
tipo clima :: al limite del caldo
Colta al volo la pausa tra le precipitazioni, ne approfitto per ripetere la salita alla Bellavarda lungo il classico itinerario da Lities. Viste le piogge della notte, sentiero molto bagnato specie nel primo tratto, poi meglio sui pendii erbosi oltre S. Domenico. Everything as expected, anyway.
Meteo tutt'altro che entusiasmante, comunque: caldo umido a volontà, con ingresso in nube verso i 2100 m...senza uscirne più se non alla stessa quota in discesa.
Non ci sono ancora mucche agli alpeggi, ma nei pressi di S. Domenico vi sono due muli in un recinto, e più in alto, nel tratto tra la Bellavarda e la Marsè, un gregge di caprette.

[visualizza gita completa]
tipo itinerario :: faticoso
tipo clima :: troppo caldo
Sentiero bello e ben segnato sino in vetta (Fossero così tutti i sentieri piemontesi!); qualche breve tratto di fanghiglia nel bosco ma comunque ben percorribile.
Oggi salito in solitaria per un problema tecnico di Stefania che mi ha atteso alle baite sopra San Domenico; non sono salito alla Marsè per non farla attendere troppo ma l'itinerario, a prima vista, è in ottime condizioni ed è la scusa per ritornare. Temperature torride e molta umidità hanno reso ancor più faticosa la salita; tre stelle per i cumuli che nella parte alta mi hanno purtroppo precluso il panorama su cime e valli che ancora non conosco. Prima volta nelle Valli di Lanzo....da ritornare senz'altro!

Più info e foto su climbandtrek.it


[visualizza gita completa con 6 foto]
tipo itinerario :: divertente
tipo clima :: corretto
Partita da Ru, 1575m dsl.
Piu' bello e panoramico dell'itinerario da Vonzo.
Anche dopo S. Domenico sentiero evidente con pali e segni recenti biancorossi e frecce blu.
Nevai sulla crestina finale.
Ricca fioritura di genziane, viole, anemoni.
Fontana senz'acqua al parcheggio, ma ce ne sono funzionanti nella frazione e lungo il percorso.
In compagnia dell'inseparabile Radio Monte Carlo, 105.5 MHz

[visualizza gita completa con 16 foto]
tipo clima :: troppo freddo
Sentieri in ottime condizioni. Salito da Cantoira per mulattiera ben pulita e non ancora invasa dalla vegetazione. Il tratto finale per arrivare alla croce presenta ancora due nevai facilmente attraversabili su neve sfondosa.

[visualizza gita completa]
tipo itinerario :: faticoso
tipo clima :: corretto
Molta acqua sul sentiero fino a San Domenico. Arrivati a quota 2000m si inizia a pestare neve. Man mano aumenta fino a 30-40 cm.. Difficile battere la traccia ad ogni passo si sprofonda. Dai 2200 decido di calzare i ramponcini molto utili per far ben presa sull'erba sottostante . Decido di rinunciare prima del traverso che porta alla croce.. Bel allenamento diversa dalla solita gita estiva. Discesa tutta di corsa .

[visualizza gita completa]
tipo itinerario :: divertente
tipo clima :: al limite del caldo
Salita da Cantoira e discesa sul versante del colle della Paglia. Il sentiero in discesa sul vallone della Paglia Ciavanis è evidente anche se poco segnato.
Discesa sfruttando in parte la strada sterrata del Ciavanis, in parte il sentiero dai Chiappili a Vonzo e dopo asfalto con rientro da Chialamberto a Cantoira sul percorso natura.
Totale 22km e 1600 mt di D+ in 3h 10'

[visualizza gita completa]
tipo itinerario :: divertente
tipo clima :: al limite del caldo
Da Cantoira. Mulattiera sino a Lities con molta vegetazione visto il periodo, ma non infastidisce più di tanto.
Da Lities sentiero in buone condizioni.
Molta nebbia e tempo variabile con caldo afoso sino a 2000 mt. che consigliava un'andatura ragionata per non saltare.
Salita e discesa circa 15 km (salita 1h 35' e discesa 1h)

[visualizza gita completa]
tipo itinerario :: divertente
tipo clima :: al limite del caldo
Tutto il sentiero è in condizioni perfette. Solo alcuni tratti molto corti presentano della neve ma sono facilmente evitabili.
Salita pomeridiana da Lities con clima da fine aprile (23° alle 15:30)

[visualizza gita completa]
tipo itinerario :: divertente
tipo clima :: corretto
partenza da Cantoira. Sentiero perfetto sino a Lities.
Un po' di neve per salire a San Domenico che non infastidisce.
Dal Gias Lavasse a tratti la neve presente obbliga a qualche deviazione rispetto al sentiero.
Prestare attenzione al traverso che conduce alla vetta e in discesa alla neve che poggia senza consistenza sull'erba molto scivolosa.
Giornata spettacolare e calda in quota.

[visualizza gita completa]
tipo itinerario :: divertente
tipo clima :: corretto
partenza da Cantoira. Mulattiera sino a Lities a tratti con molte foglie.
Da Lites sentiero perfetto con qualche tratto con neve dai 2250 mt alla vetta; ancora caldo sui versanti sud.
D+ di 1600 mt. sempre continui

[visualizza gita completa]
tipo itinerario :: faticoso
tipo clima :: corretto
Come sempre salita dura se affrontata con andatura da vertical. Sentiero perfetto sino alla vetta con assenza totale di neve.
Oggi da Lities in 1h:09.

[visualizza gita completa]

Caratteristica itinerario

tipo corsa: salita e discesa
esposizione preval. in salita: Sud
quota partenza (m): 1143
quota vetta/quota massima (m): 2345
dislivello totale (m): 1202

Ultime gite di trail running

11/03/20 - Sassi, San Mauro, Superga da Torino, anello - maxleva
26/02/20 - Bolettone (Monte) da Albavilla, anello - stellatelli
La salita avviene su ottimo fondo naturale, è poco sviluppata e piuttosto ripida, peccato per ultimo tratto acciottolato un pò duro x le caviglie. Dalla vetta bella traversata ondulata fino a Capann [...]
23/02/20 - Vaj (Bric del) da Biget per il Sentiero Berruti - andrealp
Sentiero completamente asciutto e in condizioni perfette. Molti escursionisti in giro. Corsa di 16 km e 550 metri di dislivello sul Sentiero Berruti con salita croce del Vaj e nuova variante di grande [...]
22/02/20 - Calcante (Uja di) da Traves - puccio_80
Partito da Traves con l'idea di fare la gita per le Lunelle, interpreto male la relazione e proseguo in direzione dell'Uja di Calcante. Il Sentiero Frassati è ottimo, fino alla deviazione per le Lun [...]
20/02/20 - Magnodeno (Monte) da Maggianico - stellatelli
Interessante vertical a poca distanza dalla città, la pendenza non molla mai, ma il fondo buono permette una veloce progressione, da evitare con umido e caldo, bivacco aperto e in ordine, il terreno è asciutto, segnaletica presente
13/02/20 - Vaj (Bric del) da Biget per il Sentiero Berruti - andrealp
Sentiero completamente asciutto e in perfette condizioni per correre. Solo qualche piccolo ramo abbattuto dal vento dei giorni scorsi costringe a fare un po' di attenzione nell'ultima parte della discesa.
09/02/20 - Barro (Monte) Anello da Galbiate - stellatelli
Percorso molto pulito, sentieri perfetti, solo un pò di foglie morte ogni tanto che non disturbano, i passaggi su roccette sono asciutti e ben segnalati, oggi molti escursionisti in zona, temperatura ottima