Campelli (Cima) da Arvogno

note su accesso stradale :: Niente da segnalare
L’inverno anomalo continua ad offrire giornate ideali per gite escursionistiche anche di un certo impegno. La gita di oggi, per le difficoltà che si incontrano nella parte alta del percorso, si pone tra la classificazione escursionistica e quella alpinistica; secondo le capacità individuali, il passaggio chiave rappresentato dal canalino che dal versante Nord-Est porta all’intaglio tra la Cresta Sud-Ovest e il corpo roccioso della vetta può essere affrontato con o senza materiale alpinistico che comunque sarebbe prudente avere con sé. A monte del canalino è stato attrezzato un punto di sosta con uno spit utile per una calata in corda doppia. Una mezza corda da 30 m è sufficiente per raggiungere la cengia; qualora il ghiaccio rendesse necessario calarsi fino alla sottostante pietraia la lunghezza dalla corda andrebbe almeno raddoppiata.
Partiti abbastanza presto da Arvogno ci godiamo lo spettacolo del primo sole sul gruppo della Scheggia e dei Campelli; le temperature si mantengono decisamente superiori a quanto ci si aspetterebbe per la stagione, già al mattino, mentre la prolungata siccità mantiene asciutto il terreno lungo tutto il percorso, compresa la parte esposta a Nord-Est dove il sole in questa stagione non entra praticamente mai. Il terreno compatto e l’assenza di ghiaccio rendono l’ascesa della pietraia paradossalmente più sicura che in estate; anche il canalino solitamente umido si presenta completamente asciutto e privo di ghiaccio. La poche placche di neve residua qua e là nella parte alta del pendio, totalmente evitabili lungo il percorso, non hanno subito fusione e si presentano dure e compatte. Raggiunto l’intaglio sotto l’ultimo spuntone della cresta Sud-Ovest che si affaccia sull’Alpe Forno, nel dirigerci diagonalmente verso la cima affrontiamo ancora alcune roccette non difficili ma piuttosto esposte, evitate invece in discesa sfruttando una cengia erbosa più in basso, passaggio segnalato da un ometto, dove l’erba secca e scivolosa rappresenta un’ulteriore difficoltà legata alle anomale condizioni attuali. Nell’ultimo tratto sotto la vetta tornano utili i bastoni prudentemente tenuti a portata di mano visti i frequenti tratti erbosi. Tornati alla cengia sotto il canalino decidiamo, visto l’orario, di fare una breve visita alla vicina Punta Gemma, senza però tentare la salita al gendarme sommitale raggiunto non si sa come dal mai dimenticato Primo Bonasson, che diede il nome attuale a questa punta e lasciò un chiodo per la calata ancora visibile sulla sommità. Il grosso gendarme, che sfida la gravità con una vaga somiglianza ad un Moai dell’Isola di Pasqua, resta a lungo illuminato dal sole mentre il resto della Punta Gemma si trova nel cono d’ombra della cima Campelli, e proietta la sua ombra come lo gnomone di un’enorme meridiana sul versante Sud della Cima dei Casaletti.

Gita in compagnia di Lorenzo, decisamente a suo agio sulle difficoltà tecniche di questo itinerario (a differenza del sottoscritto).

La Scheggia e Cima Campelli al primo sole
Cima Campelli e Punta Gemma da Nord-Est
Pietraia lungo il percorso
Canalino da salire sotto l'ultimo sperone della cresta Sud-Est
Punta Gemma con il gendarme illuminato dal sole.jpg
Gendarme sommitale di Punta Gemma
Cresta Casaletti-Pioda di Crana
La Scheggia vista dalla cima
Verso la cima

[visualizza gita completa con 9 foto]
Seguiamo l’itinerario qui descritto lasciando il sentiero dopo l’Alpe colla come da relazione. La giornata non è delle migliori, con nuvole che non minacciano pioggia ma che ostacolano la visibilità. Arrivati alla cengia sotto la vetta saliamo per il canalino con attenzione ma abbastanza agevolmente; al ritorno preferiamo utilizzare la corda di 30m che avevo portato per una discesa in corda doppia. Dal vallone di Campeia scendiamo per il tragitto proposto come alternativa passando dall’Alpe Campo, anche per rifornirci d’acqua a Campeglia; la deviazione comporta un centinaio di metri di dislivello in più tra i vari saliscendi.

[visualizza gita completa con 7 foto]

Caratteristica itinerario

difficoltà: EE/F :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud-Est
quota partenza (m): 1202
quota vetta/quota massima (m): 2448
dislivello salita totale (m): 1250

Ultime gite di escursionismo

12/07/20 - Jumeaux o Bobba (Rifugio) da Cervinia - alpenkamel
Il rifugio si trova a 2769m in una posizione che permette di ammirare tutte le montagne della conca di Cervinia. Bella giornata con solo qualche piccola nuvola, con temperatura fresca. Effettuato gi [...]
12/07/20 - Leynir (Punte Nord e Sud) dai Piani del Nivolet per il Col Leynir - roby candela
Dal Col di Bes c'è un buon sentiero e chiari ometti che salgono il ripido ma breve pendio, con un po' di attenzione a cosa muove si sale bene. Discesa bellissima verso il Col Rosset dalla cresta. Panorami super!
12/07/20 - Bes (Punta) dai Piani del Nivolet - roby candela
Dal Col Leynir il traverso è delicato, ma non troppo pericoloso, attenzione solo che ogni cosa che si muove casca giù. Nonostante le lingue di neve, passando su rocce e roccette si arriva abbastanza [...]
12/07/20 - Questa Emilio (Rifugio) da Terme di Valdieri - dario 67
Sentiero tutto ottimamente segnalato dal piano del valasco con le nuove paline, dal bivio sotto il larice proseguito dritto fino al lago inferiore dove ci siamo fermati, non fatto l'anello passando da [...]
12/07/20 - Taou Blanc (Monte) dai Piani del Nivolet - roby candela
Poca neve ben pestata e portante (con partenza 8.30) lungo il percorso, picca e ramponi non sono serviti. Sentiero sempre chiaro, attenzione solo al tratto di I dopo il colle perché molte rocce muovono, occhio a cosa si tocca/tira
12/07/20 - Biecai (Lago) da Pian Marchisio - guido.ch
12/07/20 - Dormillouse (Cima) da Rhuilles - flavytiny
Meteo perfetto leggermente velato e brezza fresca che bello. Volevamo andare da un'altra parte ma incidente in moto con strada bloccata x ore.Dirottati qui x vedere il nuovo bivacco Corradini Matteo p [...]