Misantropi (Sperone dei) Marmorand express

Fatta in solitaria. Via asciutta, materiale in ordine. Bella fino al terrazzo della grotta dove vi è l'ultima sosta con spit, poi lo sperone fino all'ultimo salto è solo per intenditori. Comunque salito. Avendo solo corda di 80 m dalla seconda doppia sulla cima, presso betulla sono arrivato sullo speroncino di 3c solo a metà. che ho poi fatto disarrampicando in discesa fino alla sosta (S3)

[visualizza gita completa]
block65 ha già descritto la salita nei minimi particolari. Oltre ad aver messo le placchette inox dove necessario, abbiamo salito altri tre tiri in stile "trad" usando friend e facendo sosta su alberi usati anche per le calate in doppia. Giornata molto ventosa ma almeno molto serena con bellissimo panorama sulla valle di Sea. Il cimitero degli stambecchi è rimasto inalterato dall'ultima salita di tre anni fa.

[visualizza gita completa con 9 foto]
Oggi abbiamo messo tutte le piastrine inox agli spit della via, visto che la placca del primo tiro d'inverno rimane sepolta dal ghiaccio della cascata "Chandelle de Marmorand". Dalla S3 abbiamo continuato con "scalata esplorativa" e ne sono usciti tre tiri in più che forse non saranno entusiasmanti per chi cerca l'arrampicata con la A maiuscola, ma che rientrano un po' nei canoni dei collezionisti di Sea. Le tre lunghezze nuove, portano comunque lo sviluppo della via a 180 metri e raggiungono il punto più alto del fianco sinistro idrografico del canale da cui sgorga Chandelle de Marmorand. Roccia stranissima, a liste orizzontali e lavorata nell'ultimo salto, con affioramenti di feldspato bellissimi.
Dalla S3 continuare qualche metro sul prato e attaccare un muretto aggettante con fessurazioni orizzontali 5a, proprio a destra del grottino che costituisce il "cimitero degli stambecchi", uscendo sullo speroncino di placche che fiancheggia il canale erboso. Non entrare nel canale, ma continuare a destra su facili lastre appoggiate II° sostando presso alcune fessure (S4;friend). Continuare facilmente a destra, su curiosi gradini e lastre, fino alla base di una breve impennata verticale. Raggiungerne il margine destro, oltre lo spigolino e salire su provvidenziali fessurini fino ad afferrare buone prese in uscita 5a, uscendo sulla terrazza erbosa (S5 su pianta; cordone con maillon lasciato). Attaccare subito a sinistra l'ultimo salto con roccia lavoratissima con divertente arrampicata 4b e 4c, fino a raggiungere lo spigolino superiore. Salire a sinistra su lama ribaltandosi in alto sotto il muretto finale, che si supera con buoni appigli e un passo di forza 5b+ (S6; su betulla)
Discesa: Dalla S6 su betulla fino alla S5 su maggiociondolo con cordone e maillon e di qui fino alla base del 4° tiro. attenzione a raggiungere la S3 a spit slegati: le placche sono lichenate e scivolose. In posto in queste 3 lunghezze non è rimasto nulla. Usate 9 protezioni in tutto. Bellissima giornata di inizio autunno in Sea. Con otaner.


[visualizza gita completa]
Breve ma bella via, in ambiente isolato e severo. Il passaggio chiave del primo tiro non è per nulla intuitivo, ma si fa. Il diedro del terzo tiro, con partenza dal grottino è spettacolare. Parete asciutta, sole dalle 12,30 alle 15,00.

[visualizza gita completa]
Siamo stati fortunati! Siamo riusciti, tramite una cengia erbosa, ad arrivare al punto ottimale dove abbiamo sistemato la sosta N.3. Abbiamo attrezzato le altre due soste aggiungendo il minimo indispensabile di spit nei punti dove non era possibile proteggersi con friend e, "dulcis in fundo" siamo anche riusciti a salirla, complice un caldo sole autunnale

[visualizza gita completa con 3 foto]
L'anfiteatro di Marmorand è uno dei più austeri e selvaggi angoli di Sea, teatro d'inverno di belle colate glaciali. Questa via, sfrutta lo sperone più compatto del settore, ottimamente ripulito anche dall'acqua e dal ghiaccio. Roccia compattissima e sanissima. Data la natura del luogo, come detto d'inverno parziale sede della "Chandelle di Marmorand", è bene ad inizio stagione controllare l'efficienza delle prime protezioni. In anni secchi la cascata non si forma, così come, ad inizio estate, le pioggie stagionali possono rendere impraticabile il primo tratto di scalata. Dunque la via è da consigliarsi in periodi particolarmente asciutti. Bella scalata, particolare, non difficile, ma con il classico terreno "seano" dove occorre attenzione e decisione. Da abbinare magari alle "misteriose" vie della parete del "Rettangolo Oscuro", duecento metri più a destra. Con otaner, ci siamo regalati questa simpatica via nuova, forse l'ultima della stagione qui nel vallone. Previa ricognizione, per verificare la presenza di blocchi sospesi, depositati dalla cascata, siamo poi saliti interamente dal basso e abbiamo migliorato, calandoci, i punti più ostici.

[visualizza gita completa con 4 foto]

Caratteristica itinerario

difficoltà: 6a+ :: 5b obbl ::
esposizione arrampicata: Sud
quota base arrampicata (m): 1650
sviluppo arrampicata (m): 85
dislivello avvicinamento (m): 440

Ultime gite di arrampicata

30/05/20 - Stelle (Parete delle) Via Bruno Piazza - mastroteo
Via piuttosto omogenea nei gradi. Un blocco un po' fisico in partenza dà subito l'idea di che giornata sarà.. Mentre l'arrivo in S4,seppur ben chiodato,è davvero ostico. Tutte le soste sono a sp [...]
30/05/20 - Schiappa delle Grise neire Via del bacio mancato - dinoru
Psicovia per placcaroli bravi o quasi. Primo tiro ok, terzo 6a+ ... ma stranamente la roccia solo su questo tiro è scivolosissima, secondo me e il tiro più psico della via comunque con un resting so [...]
30/05/20 - Gallivaggio Spigolo Paletta e Paletta (upper part) - fabry. 69.
giusta via per provare lo stato di forma dopo la quarantena, bella e lunga via con la prima parte non difficile e sempre divertente, mentre la seconda via piu' dura , con i due tiri di 5c(non regalati [...]
30/05/20 - Truna (la) Tournet - charlie49
Attrezzatura giusta e in ordine, comunque da non prendere con leggerezza, i passi dal quattro in poi sono da fare sicuri. Abbiamo proseguito poi su Serpente bianco e Castrum dove si affrontano dei bei passaggi.
30/05/20 - Sergent Nautilus - p.mirco
Oggi sono in vena di polemiche, come è possibile che mercoledì sera nella falesia di Gavi abbia chiuso un 7a durissimo su tacchette, e un altro in strapiombo,e qui sul tiro chiave devo sputare san [...]
30/05/20 - Pania Secca cresta nord-est - delchecc
roccia tipica apuana quindi attenzione, nel complesso divertente e zona bellissima
30/05/20 - Bourcet - Settore Centrale Fascination - cecco81
Dopo un giro per la normale,tanto per sciogliersi ,abbiamo attaccato questa. L avevo fatta anni fa ma non la ricordavo così bella,2 tiro per me spettacolare ma anche gli altri sopra meritano il viag [...]