Tablasses (Testa di) e Testa Sud di Bresses dal Gias delle Mosche, anello per i Laghi di Fremamorta

Almeno un centinaio di gite da queste parti le ho fatte, eppure sono riuscito a sbagliare sentiero...con la conseguenza di aumentere il dislivello e nient'altro, però...Comunque, raggiunta la testa Sud di Bresses ho risalito anche la Tablasses ma la sfiga non mi aveva abbandonato, la fatocamera si è pure scaricata di colpo...Come diceva qualcuno: è successo di tutto ma per il resto tutto bene.
Poca gente in giro, nessuno sulle cime da me visitate a parte i camosci, sempre presenti.
cima sud Bresses
la cresta verso la cima Nord
parata di 3000

[visualizza gita completa con 3 foto]
note su accesso stradale :: asfalto bruttino ma nessun problema, sterrato buono
Gran gitone in posti che in questa stagione sono il top.
Partito dal Gias delle Mosche sono sceso al ponticello per attraversare il torrente, quindi il bel sentiero inizia una serie infinita di serpentine sul pendio erboso, mai ripido ma sempre con buona pendenza, si sale veloci. Poi un tratto di trasferimento verso sud, (piccola perdita di quota), per aggirare un costone sotto la Punta di Valcuca, quindi si riprende a salire sulla bella mulattiera che aggira una pietraia e poi sale fino al Lago Sottano di Fremamorta (stupendo). Da qui in avanti, fino ai successivi laghi si affrontano alcuni saliscendi sulla bella mulattiera militare. Io ho ancora aggiunto la salita alla modesta ma panoramica Cima Guiglia, con poco dislivello aggiuntivo e 5 minuti. Dall'ultimo lago, inizia la salita verso il Colletto di Bresses, sentiero abbastanza buono anche qui con tante serpentine si risale il pendio erboso, solo gli ultimi 50 m prima del colletto la pendenza aumenta notevolmente ed il fondo diventa terroso-detritico. Raggiunto il colletto si apre davanti un bel valloncello di pietraia, che sembra caotico, invece con un sentiero d'epoca militare si sale comodamente fino al punto di scollinamento poco prima della Testa Sud di Bresses. Qui mi sono complicato la vita non trovando il punto ideale per arrivare alla cima, vicina, ma divisa da una enorme pietraia; sono finito tra giganteschi blocchi che ho superato con qualche peripezia, niente di particolare ma ho perso un po' di tempo. L'ideale era sicuramente o seguire la cresta oppure scendere per il sentiero che prosegue al Passo di Tablasses fino ad incontrare una traccia tra i detriti che sale comodamente in cima seguendo il crestone ovest.
Dopo una sosta in cima, sono ridisceso al sentiero e ho raggiunto il Passo di Tablasses, da qui proseguito ancora verso ovest finchè il sentiero non inizia a perdere troppo quota; dovendo invece raggiungere la Punta di Tablasses, ho seguito vaghe tracce cercando di rimanere in quota, puntando all'evidente canalino di accesso al plateau sommitale. Ho dovuto attraversare qualche zona pietrosa non proprio stabile ma comunque senza particolari problemi. Raggiunto il canalino, conviene inizialmente stare a sinistra, poi quando questo si biforca, è meglio passare a destra restando contro le rocce più solide. Il percorso è abbastanza faticoso ma non desta preoccupazioni (solo attenzione in caso di altra gente per evitare caduta pietre). Uscito dal canalino non è ancora finita, perchè resta la immane pietraia, che si evita però quasi del tutto stando sulla fascia terrosa all'estremità sinistra, fino alla panoramica cima.
Discesa per la via di salita (con la risalita fin sotto la Testa di Bresses) e poi nuovamente al primo dei laghi di Fremamorta, dal quale ho deciso di scendere a Pian della Casa del Re per compiere un anello parziale. Discesa piacevole anche se lunghetta, qualche scorciatoia è possibile; al bivio che si incontra a circa 2000 m ho proseguito sul sentiero più diretto, indicato per escursionisti esperti, che presenta solo un traverso un po' aereo ma privo di difficoltà e con sentiero piuttosto largo. Raggiunto quindi il Pian della Casa del Re, 3 km di strada, tutto sommato utili per sciogliere le gambe, fino al Gias delle Mosche.
Oggi giornata a due volti, molto calda e praticamente estiva fino a mezzogiorno, poi qualche nuvola in arrivo dal versante francese (nuvolosità alta) insieme a qualche folata d'aria autunnale, quindi in discesa a tratti cielo cupo con qualche goccia alternato a sprazzi di sole.
Parecchi escursionisti, sia francesi che italiani, alla Testa di Bresses o intenti in qualche anello-traversata, solo un altro escursionista alla Testa di Tablasses. Gita lunga e abbastanza faticosa specie la salita al Tablasses, ma davvero meritevole.

[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: normale fino al Pian della Casa
Gita in solitaria ... e allora vai su una cima mai toccata . Non volendo sorbirmi il Valasco ho preferito salire alla Testa di Tablasses da questo itinerario (che comunque non è molto più breve). Finalmente dopo essere salito diverse volte sulla Sud di Bresses mi sono deciso a salire anche Tablasses , che comunque non è proprio a portata di mano , e ci vuole ancora un attimo per scendere e risalire in cima . Sentieri sempre molto comodi (neve non se ne pesta più) che permettono una camminata tranquilla , solo il canalone verso la cima è infido con molte pietre instabili . Dalla cima panorama veramente spettacolare . Un saluto al ragazzo di Cherasco con cui ho condiviso la cima e la parte finale della salita . Meteo buono e ritorno abbastanza lungo , ma compensato dall'ambiente sempre spettacolare . Un saluto a tutti e ... buone gite come sempre .

[visualizza gita completa]
bella gita con giornata molto calda partiti presto in cima alle 10,00 breve sosta e discesa velce con pranzo dalle Terme, oggi con Valerio.

[visualizza gita completa]
Partiti subito con l'idea di salire anche la Testa sud di Bresses, prima di portarci anche per esile crestina, ma ben appigliata in vetta alla Testa di Tablasses, pigliando cosi due piccioni con una fava come si suol dire in gergo. Gita lunga, in quanto essendo partiti dal Gias delle Mosche, abbiam prima percorso il lungo vallone della Valletta, fino al bivio per il bivacco Guiglia, che abbiamo raggiunto perdendo piu' volte il sentiero. Al ritorno dalla Tablasses siamo saliti per ultimo anche sulla modesta elevazione della Punta Guiglia, buttandoci poi giu' per il Gias della Partia quando stava ormai per sopraggiungere il buio. Con Michele e Franco.

[visualizza gita completa]

Caratteristica itinerario

difficoltà: EE :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 1591
quota vetta/quota massima (m): 2851
dislivello salita totale (m): 1460

Ultime gite di escursionismo

24/02/20 - Sapei (Monte) da Comba, anello per il Colle Arponetto e Rocca Sella - mario-mont
Sentieri ormai completamente sgombri da neve. Tutto il percorso ribollinato di recente, a parte il tratto Arponetto-Sapei, senza segnaletica.
23/02/20 - Tesoro (Bric del), Cima Cisa e Rocca dell'Adelasia dal Rifugio Cascina Miera, anello per la Riserva dell'Adelasia - vicente
Percorso in totale solitudine in un'atmosfera spettrale, con i boschi immersi in una fitta nebbia. Davvero affascinante. Inizialmente pensavo di limitarmi al sentiero Airone, ma poi ho deciso di aggiu [...]
23/02/20 - Capretto (Monte) da Avigliana, anello per Monte Pezzulano e Rocce Rosse - dragar
Carina passeggiata da fare in un paio d'ore. Si passa in dei punti panoramici, meritevoli per vedere per una volta le montagne da un'altra prospettiva. Abbiamo fatto tutto il giro del lago grande, ma [...]
23/02/20 - Bossola (Cima) da Rueglio, anello - insosta
Saliti dal paese Rueglio su strada sterrata fino alla Madonna di Palestina con bella vista sulla valle, da li il percorso diventa un pò meno monotono della strada e salendo per sentiero si raggiunge [...]
23/02/20 - Lunelle (Punta e colle) da Traves, anello - roby1454
Escursione molto interessante con percorso molto bello e evidente. Il sentiero sale di quota in modo costante, pochi punti dove rifiatare. Interessante e divertente l'ultimo strappo per la Punta, dove [...]
23/02/20 - Moncuni (o Monte Cuneo) da Avigliana, per la cresta Nord - la lu
saliti oggi pomeriggio in un ritaglio di tempo. purtroppo alla roca parpaiola il sentiero si interrompe perchè hanno tirato una rete con cartelli di proprietà privata e attenti al cane, di lì non s [...]
23/02/20 - Mazzoccone (Monte) da Quarna Sopra, anello - franco1457
Bella e tranquilla escursione al Lago d’Orta, al Monte Mazzoccone con mia moglie Patrizia e gli amici Giovanni e Bruna. Siamo partiti da Quarna di Sopra e abbiamo seguito una sterrata fino all’Alp [...]