Presanella (Cima) traversata bocchetta di Monte Nero

Salito per la Bocchetta di Monte Nero e sceso percorrendo la Vedretta di Nardis fino a quota 3000 circa per poi traversare verso il Passo dei quattro Cantoni e tornare verso il rifugio Segantini. Sole e caldo al mattino, violento acquazzone con grandine in discesa.

[visualizza gita completa]
Magnifica salita alla Presanella, in un ambiente granitico unico, di una bellezza strepitosa! Partita dalla fine dell'asfalto (la strada continua ancora un po' per sterrata fino ad una piccola zona di sosta), poi per la bucolica val d'Amola. Quindi al rifugio Segantini, in una posizione aperta e panoramicissima su tutto il gruppo del Brenta ad ovest e la Presanella dietro (a est). Qui cominciano i bolli tondi bianco rossi lungo il sentiero sopra la morena. Per tutto il resto del percorso si troveranno ancora questi segnavia solo lungo i tratti ferrati. Per il resto si procede a vista per ometti di pietra. Solo tre persone di ritorno dalla vetta: pensavo fosse una cima decisamente più frequentata! Nuvolaglie da tarda mattinata e solita pioggia (e grandinina) di rientro, ormai un cliché di questa estate! La classificazione PD di questo itinerario mi sembra un po' eccessiva: non si trovano passaggi più difficili del I, massimo II, e comunque buona parte è ottimamente e recentemente attrezzata.

[visualizza gita completa con 10 foto]
Piacevole salita, facilitata dall'eccellente lavoro di attrezzatura dei tratti in ferrata (alla Bocchetta di Monte Nero sui due versanti e ai Camini), svolto dal custode del rifugio Segantini, Egidio Bonapace. (p.s. Tra l'altro, andatelo a trovare, il trattamento in rifugio è super e i pasti uno spettacolo!!!). Ramponi utili in caso di neve particolarmente gelata in quel che resta delle due Vedrette (di Monte Nero e Nardis), ma noi non li abbiamo utilizzati.
Salita di Luca con il sempre più sicuro Frank.


[visualizza gita completa]
Saliti al rifugio Segantini il 15 sera, evitando di poco un intenso temporale che ha invece colto i nostri due soci provenienti dal Brenta. Il 16 partiti alle 5.30, messi i ramponi sulla vedretta del Monte Nero, attualmente con zone in ghiaccio vivo, e poi affrontato la ferrata che porta alla bocchetta di Monte Nero, con passaggio un po' ingaggioso per raggiungere il primo gradino della stessa (cordino in loco che aiuta non poco). Discesa sempre attrezzata sull'opposto vallone, lunga traversata su sfasciumi e nevai ghiacciati (rimessi i ramponi per un breve tratto) e poi risalita una zona di placche (4 gradini e 2 anelli per calate), ancora tratti di camminata tra blocchi e sfasciumi fino ad un tratto attrezzato in discesa prima del bivacco, da qui mezzora tra grossi blocchi fino alla sospirata croce di vetta (ore 11.30, dunque 6 ore, ma in effetti siamo stati un po' lenti) . In discesa tempo in rapido peggioramento (inizialmente la giornata era splendida) con grandinata presa sulla ferrata della bocchetta e poi replay della stessa quando però eravamo quasi al rifugio. Qualche considerazione: è una salita molto varia con uno sviluppo abbastanza importante che richiede per essere affrontata con un minimo di sicurezza la dotazione dl kit da ferrata, di una corda da 30 metri per eventuali calate (in particolare nella zona delle placche) e dei ramponi per i tratti di ghiacciaio/nevaio; ovviamente poi il tutto va valutato in base alle capacità personali.
.Salita effettuata con i soci Andrea T., Andrea C. e Andrea D., (grazie!) salita lungamente desiderata e finalmente compiuta. Un saluto alla coppia di Brescia con cui abbiamo praticamente condiviso l'ascensione (grandinate incluse!).


[visualizza gita completa]
Al momento attuale non occorrono ramponi per superare la Vedretta di Monte Nero, ma un set da ferrata per i nuovi tratti attrezzati nella traversata dei Caminetti dove restano comunque dei tratti non protetti proprio al vertice della ferrata, attenzione dunque!
Tra il primo e secondo tratto attrezzato abbiamo tirato una fissa, utilissima più in discesa che in salita, e tutta la via è segnata di bolli rosso/bianco.

Un sacco di chilometri per una gita un pò lontana ma ne valeva assolutamente la pena!
Gran bella salita, varia, impegnativa per il mio metro, ma mi sono divertita un mondo! (meriterebbe 6 stelle)
Gita sociale del Cai Piedimulera, in 17 in vetta in una giornata stratosferica! Su in vetta un sacco di gente, anche saliti dalla nord.
Un ringraziamento all'ottimo capogita Paolo, a Franco lento ed inesorabile, a Oscar e Marco per la "fissa" e a Omar per carne salata e genepy!


[visualizza gita completa con 2 foto]

Pare che la Presanella sia molto gettonata dopo i recenti report sul couloir dell'H. E' tutto tracciato.
Arrivo alla Malga Vallina domenica sera alle 11 dove passo la notte in macchina. Ci sono già 6 auto parcheggiate, ma poi in giro non ho incontrato quasi nessuno.
La neve incomincia dietro al rifugio a 2300. Poi fino alla bocchetta di Monte Nero è già tutto ben imbiancato con almeno mezzo metro, trasformato e duro. Il tratto attrezzato fino alla bocchetta è sepolto, ma almeno c'è la traccia - sull'altro lato (SW) e pulito.
Sull'altro lato salgo senza problemi anche il secondo tratto di cavi fino alla sella tra il Monte Nero ed il Bianco.
Quando armai la cima sembra a portata, trovo un terzo tratto di cavi. La prima parte (in discesa) è pulita, la seconda (in salita) è innevata. Non ho modo di assicurarmi - da solo - e anche avendo un cordino con moschettone non potrei usarlo visto che il cavo è in buona parte sepolto. In due + una corda non ci sarebbero stati problemi. Quindi la mia gita finisce qui. Amen, comunque un bel giro lo stesso.

In discesa seguo le stesso itinerario. Discesa con gli stessi problemi dalla bocchetta di Monte Nero. Con una corda da 60m ci si calerebbe evitando il tratto ripido ed innevato col cavo ghiacciato che ogni tanto fa capolino nella neve farinosa

La presenza della neve aumenta le difficoltà di un percorso che in estate potrebbe essere classificato EEA. La bocchetta di Monte Nero può essere evitata a sud passando per il Passo dei tre Cantoni.

Tempo bellissimo - Locale invernale del rifugio accogliente - su due piani. Senza luce o riscaldamento.



[visualizza gita completa con 8 foto]
note su accesso stradale :: pulite
Tanta neve sul percorso dai 2700 circa. Primo a salire quest'anno da questo versante. Molta attenzione alla traversata dei Caminetti vista la neve dura e il vetroghiaccio che ora valuterei AD. Partire presto per non sfondare nel ritorno dal passo 4 cantoni. Comunque bellissimo itinerario alpinistico e ottima l'accoglienza al rifugio Segantini

[visualizza gita completa]

Ci sono anche stati ...

  • 24/07/18 - manty57
  • Caratteristica itinerario

    difficoltà: F :: [scala difficoltà]
    esposizione prevalente: Sud-Est
    quota partenza (m): 2373
    quota vetta (m): 3558
    dislivello complessivo (m): 1300

    Ultime gite di alpinismo

    18/04/19 - Verte (Aiguille) Couloir Whymper - Fede94
    Una montagna emozionante!! Canale in ottime condizioni... Partiti alle 00:30 dal Couvercle, in cima alle 6:30... La terminale si passa tutta a sx, poi si traversa a dx per prendere il canale... Crest [...]
    18/04/19 - Noire (Tete) Canale Est - m.gulliver
    Neve continua dal ponte. Pista battuta fino al rifugio, oltre sci o racchette indispensabili, fino alla base del canale. Rigelo da 2200m. Canale tracciato, peste ben gelate portanti, ma anche fuori no [...]
    15/04/19 - Lachenal (Pointe) Goulotte Pellissier - Fede94
    Condizioni molto secche, ghiaccio quasi inesistente e un pò di neve qua e là... Sicuramente più impegnativa del solito! Anche proteggersi non risulta così agevole, ma nonostante tutto ci siamo div [...]
    15/04/19 - Lunelle (le) Cresta N (via Accademica) - Grawal
    Inserisco nota unicamente per segnalare che oggi si è provveduto a bollare e ripulire ( a cura del CAI di Lanzo), tutto l'itinerario di avvicinamento.
    14/04/19 - Mezzodì (Guglia del) canalino NE - lorry62
    qui le nevicate degli utlimi giorni non sono arrivate. Il canale è svalangato e difficilmente sciabile. In compenso le condizioniper la salita sono ottime, eccetto per qualche punto dovei sprofonda [...]
    13/04/19 - Tour Ronde Via Mormale per il Colle Freshfield - umbertobado
    Avvicinamento previsto con racchette da neve ma non utilizzate grazie alle tante tracce di sci dure, comunque in caso di neve poco meno portate potrebbe essere un problema non portarle. Salito il ca [...]
    31/03/19 - Cervandone (Monte) Canalino Ferrari - irui70
    Grande salita al "Re" dell'Alpe Devero in ottime condizioni e pericolo quasi assente di valanghe. Partiti al buio di buon ora alle h.06.00 dal Rif.Castiglioni -4° dove abbiamo pernottato, siamo salit [...]