Vallera (Punta, Cima Occidentale) da Fondo per il Colle Dondogna

Siamo saliti al Colle Dondogna per migliorare la segnaletica di questo sentiero. Abbiam piazzato un cartello all’Alpe Dondogna inferiore, nel bivio con il sentiero dei Mufloni. Da li abbiamo proseguito fino al colle, dove è stato piazzato un secondo cartello, segnalando il percorso con vernice arancione. Speriamo il nostro lavoro possa aiutare chiunque voglia avvenuturarsi in queste zone.
Grazie al "pittore" Stefano

Il bivio con il sentiero dei Mufloni
Il cartello nei pressi del Colle di Dondogna

[visualizza gita completa con 2 foto]
note su accesso stradale :: ottimo fino a Fondo
Sentiero n.13 ben segnalato fino alla Pera di Crus,dopo l'erba olina aveva coperto il sentiero e la brina che lo copriva lo rendeva molto scivoloso,raggiunto quota 1900 , il percorso non e' molto frequentato, ma.... molto selvaggio l'ambiente,ritornata sui miei passi alla suddetta quota. h. 11 a quota 1200 si era gia' in ombra.L'Armonia Vi Accompagni.


[visualizza gita completa]
Il percorso da noi realizzato prevede la partenza da Fondo per Tallorno, la pera dij crus, alpe Dondonga sup, colle Dondogna (e anticima di Dondogna)- Ritorno: sino all’alpe Dondogna inf, traverso per Rej di Vico, Canton Tissone, Tissone e rientro a Fondo. Dislivello totale poco oltre i 1500m con un buon sviluppo, tempo medio 7-8h. Vedi anche: ?p=10 e initinerario "sentiero dei mufloni" di JOY.

Raggiunta l’alpe Dondogna sup 2126m (seguendo l’itinerario originario sopra descritto) inizia la variante per il colle Dondogna, i segnavia sono scarsissimi e “datati” e ben presto terminano anche gli ometti, occorre seguire le effimere tracce del vecchio sentiero e portarsi con un traverso a dx (superando tre torrentelli) sino sotto alla direzione del colle (visibile sulla cresta a dx dello becco roccioso dell’anticima di Dondogna e a sx della punta Vallera occ.) occorre proseguire molto ad intuito cercando di risalire lungo i canalini misto pietre-terra-erba cercando di evitare il più possibile i pendii di sola erba olina; 200m di dislivello e si raggiunge la cresta individuando la depressione, con la presenza di un ometto, del colle Dondogna 2389m. Da qui proseguendo a sx per cresta e aggirando sulla sx alcune roccette si raggiunge la evidente elevazione rocciosa quotata 2475(anticima Dondogna – non denominata sulla cartografia).

Ripercorso a ritroso con una certa cautela il pendio sino all’alpe Dondogna sup 2126m si prosegue per la inferiore 1811m dove sulla sx si trovano i segnavia (è presente anche una evidente freccia b/r con scritta) che indica la svolta per raggiungere con una lieve depressione il punto di attraversamento del torrente (all’altezza di una cascata) di qui si inizia un ampio traverso sul sentiero n.13 (ora anche ben segnato da segnavia b/r) che riguadagnando quota segue il profilo dei canalini dei numerosi torrentelli e toccando dei bei punti panoramici (con alcuni punti esposti ma non problematici) si ritorna ad una elevazione di 1865m. Ormai si è passati dal versante di Tallorno a quello sopra Fondo e di li a poco si raggiunge l’alpe Reja di Vico 1750m (presenza di una ottima sorgente) e si inizia a scendere rapidamente attraverso ampi pascoli raggiungendo l’alpe Saut 1632m e successivamente Canton Tisson 1490m di qui sulla dx inizia una bella mulattiera che raggiunge in brevissimo tempo Tissone 1307m, si passa davanti alla chiesetta e si prosegue per la bella mulattiera scalinata che porta direttamente a Fondo 1074m dove raggiunta l’auto termina l’escursione.

Abbandonato il mare di nebbia della pianura e costatata la presenza di molto innevamento sul lato dx org del fondovalle (le intenzioni erano di salire alle Chiose) abbiamo optato per questo itinerario molto interessante puntando al colle di Dondogna meta non ancora raggiunta da nessuno di noi; abbiamo cosi potuto risalire, non senza fatica, i pendii finali facilitati dalle buone condizioni e dall’ampia visibilità.
Dal colle e dall’anticima si gode di un ampio panorama sulla VdA e sulle dorsali della Valchiusella distinguendo la gran parte delle punte che la contornano.

Va segnalato che la parte del sentiero dei mufloni, il lungo traverso, è stato devastato dalle ultime slavine e le corde di protezione in un paio di punti esposti sono inservibili oltre al fatto che parte del sentiero è ormai invaso dall’erba. Mentre da poco sopra l’alpe Reja è stato recentemente risegnato ed è netto e facilmente percorribile. (speriamo venga ripristinato alche la prima parte, lo merita veramente).

Percorsa con [email protected], Adriano e Sara (alla giovane Sara vanno i nostri complimenti per le sue capacita escursionistiche).



[visualizza gita completa con 8 foto]
Itinerario "alternativo" per soggetti avvezzi a grandi fatiche su terreni privi di sentiero.
Gita in solitaria eseguita in Autunno inoltrato, bei colori per fortuna con clima mite e a complicare le cose sul finale è sopraggiunta la compagnia della nebbia. In cima, oltre all'ometto ed il solito "triangolino" CAI Rivarolo, visto niente. In discesa, arrivato all'alpe Dondogna inferiore, uscito dalla nebbia ho optato per completare il giro del sentiero dei mufloni con discesa da Tissone.


[visualizza gita completa con 3 foto]

Caratteristica itinerario

difficoltà: EE :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud
quota partenza (m): 1074
quota vetta/quota massima (m): 2444
dislivello salita totale (m): 1400

Ultime gite di escursionismo

03/06/20 - Soglio (Monte) dal Santuario dei Milani - abaandrea
Giro ad anello salendo da Milani di Forno per percorso normale, discesa dal versante est(verso Mares) fino al termine del primo tratto in discesa (piano della Pessa). Si scende per tracce a sud-est (d [...]
03/06/20 - Ferra (Monte) da Sant'Anna per il vallone di Reisassa - test95
Giornata relax x recuperare le fatiche dell'oronaye. Itinerario molto diretto e remunerativo nella magnifica cornice della valle varaita unico neo l'erba alta nel tratto di passaggio sopra la borgata [...]
03/06/20 - Andolla (Passo e Rifugio) da Cheggio - rolly52
Bellissimo luogo che ho scoperto oggi . ci sono alcuni nevai da attraversare , l’ultimo salendo e’ decisamente ostico poiché crollato ai bordi( fa uno scalino assai disagevole) Rifugio in fase [...]
03/06/20 - Barel (Auta di) da Pontebernardo, anello per il Colletto dei Becchi Rossi - lonely_troll
E' veramente strano che una mulattiera cosi ben costruita e panoramica, larga quanto una stradina di campagna, sia stata completamente dimenticata. Dopo molti anni da quando l'ho percorsa in discesa a [...]
02/06/20 - Santanel (Lago) da Piamprato, anello per il Lago Teppon - alfonsom
saliti al Lago secondo la relazione. In discesa siamo passati per le Gr. Marmotta e volevamo scendere percorrendo vecchio sentiero sulla destra orografica del torrente. Ci sono ancora dei segni ma le [...]
02/06/20 - Aver (Becca d') e Cima Longhede da Champlong, anello per Ronc e il Col des Bornes - enri61
Splendida escursione molto panoramica.Percorso bello tra sentieri in ordine e ben evidenti , e ampie dorsali. Lasciata la macchina all'area picnic di Champlong (1645) , preso la poderale fino al Col [...]
02/06/20 - Lunella (Punta) da Prarotto per Rocca Patanua - sheislorena
sentiero sempre ben segnato, gita più faticosa del previsto. non c'è acqua durante il percorso! è necessario prenderla al parcheggio iniziale di prarotto. presenza di nevaietto lineare (senza ghi [...]