Aletschhorn cresta SO per la Oberalteschhutten

osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
Fantastica vasca in un contesto di isolamento totale e wilderness. Arriviamo con la funicolare a Belalp e spalliamo praticamente fino alla ferrata del rifugio senza nessun problema. Lì abbandoniamo gli sci che calzeremo sin da subito il gg dopo per l'attacco alla vetta. La prima rampa è in condizioni ancora buone, siamo saliti senza problemi con i rampanti (per una maggior sicurezza ho preferito ramponarmi), delicata ma fattibile anche la seconda rampa (sotto il seracco). Cresta salita senza particolari problemi con innevamento ottimo e neve polistirolo portante. Discesa fino alla ferrata del rifugio divertente e su ottima neve primaverile. Interminabile rientro alla macchina.
Interminati spazi, sovrumani silenzi, profondissima quiete.
Con gratitudine verso i compagni Andrea e Teone.
Qui qualche foto:
?set=a.10211705695450767.1073741880.1019107609&type=1&l=e99d82504e


[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
quota neve m :: 1600
attrezzatura :: scialpinistica
Gitone di grande sviluppo e dislivello. Attualmente troppa neve fresca non trasformata per potersi godere la discesa in sci. Forse con gli sci la gita è più godibile dal bivacco Mittelaletsch nella valle accanto oppure effettuando la traversata. Segnalo che la salita da quel versante è stata tracciata domenica da un eroe apparentmente solitario incontrato in vetta dai soci.
Noi abbiamo lasciato la macchina a Egga (funivie chiuse) da dove si imbocca il sentiero verso l'oberaletschhutte. Al bivio che si incontra quasi subito si può prendere a sinistra (al contrario da quanto indicato dal cartello che manderebbe a destra) la scorciatoia per salire ripidi nel bosco fino al pilone della funivia dove con breve tratto in falsopiano ci si ricongiunge al sentiero classico nei pressi di alcune baite nel bosco. Dopo di che si va all'hotel Belalp e poi si segue la classica relazione. Ottima accoglienza al rifugio dove però non c'è acqua corrente e le bottiglie d'acqua costicchiano. Verso la vetta il ghiacciaio è ben chiuso a parte alcuni buchi immensi che si aggirano. Sperone laborioso con tanta fresca. Peccato le pelli di foca non siano state collaborative in salita e la stanchezza e la prudenza mi abbiano obbligato a girar i tacchi a 250m dalla vetta. Un grazie speciale a jack per l'assistenza/pazienza. Panorami indimenticabili!

[visualizza gita completa]
attrezzatura :: scialpinistica
Commento tecnico già inserito. A salire, la grande course ci è stata agevolata da spanna di fresca già a partire da egga.quindi poco portage in assoluto ma tanti metti e togli. Al ritorno grande portage e infame risalita di 250 m al belalp. Ambiente invernale ma calore via via primaverile.
Aggiungo solo l'ottimo confort e disponibilità nel rifugio, i prezzi sono svizzeri ma la cortesia e il cibo ottimi!
Ambienti superlativi, compagnia ottima e cordata con l'eroico carlito.la prudenza e la stanchezza ci hanno zavorrato ma ce la siamo goduta comunque.


[visualizza gita completa con 2 foto]
attrezzatura :: scialpinistica
Grande gita, con sviluppo davvero notevole, in condizioni non ottimali per le recenti nevicate (circa 30 cm di neve nuova). Partiti sabato mattina da Egga, sci ai piedi dopo poco sulla neve recente, salita a Belalp e poi lungo traverso con saliscendi per accedere al vallone dell'Oberaletschgletscher. Ambiente grandioso. Lasciati gli sci alla base dello sperone dell'Oberaletschhutte, che si raggiunge con una ferrata. Domenica partiti poco dopo le 4 dal rifugio, davanti a noi una coppia di svizzeri caparbi che hanno tracciato su faticosa crosta non portante fino all'attacco dello sperone SW (quota 3700, deposito sci). Qui ci siamo dati il cambio e abbiamo tracciato fino in vetta (neve e tratti di misto, dove lo sperone si impenna ci sono ottimi pioli di ferro ogni 30 metri circa). Panorama spaziale dalla cima. Discesa per la via di salita, sciata da dimenticare su neve pesantissima, poi lungo trasferimento sciistico sul ghiacciaio, usciti dall'Oberaletschgletscher sci nello zaino e lunga camminata fino a Egga (alla macchina alle 22 passate). Grande course. Con Frank, Jack e Karl.

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2500
attrezzatura :: scialpinistica
Gran gitone dal gran sviluppo...Partito da Egga 1600m. split in spalla per il bel sentiero che porta diretto all'hotel di Belalp dopo continuii sali scendi si risale la morena la si ridiscende e si mette piede sul quel che rimane del ghiacciaio,da qui si può incominciare a calzare gli sci,quest'anno la neve anche qua è ormai alla frutta con un pò di togli/metti si arriva sotto al rifugio e lo si risale per la via attrezzata (tenere conto da Egga un 5 ore).
2G:Partenza ore 3 dal rifugio, splitboard ai piedi direttamente da sotto al rifugio da qui la neve è continua,la zona dai 3300 ai 3600 tormentata dai serracchi e crepacci è in buone condizioni.Una volta arrivato a inizio cresta quota 3700m. decido di portare la mia split fino a quota 4000m.ca. dove con un piccolo traverso si entra in un canale che permette una bella discesa.La cresta finale è in ottime condizioni e alle 8 spaccate sono in vetta nel silenzio più assoluto giornata stupenda non c'è un filo d'aria e non si vede nessuno nel raggio di km., oggi solo io su Aletsch!! Da qui la vista è veramente grandiosa spazia su tutto l'arco alpino! Ci son rimasto quasi un'ora a godermi lo spettacolo!
La discesa visto l'orario e l'esposizione SW è stata su neve un pò dura,ma bisogna scendere presto il ritorno ad Egga è veramente molto lungo!
Volevo aggiungere che l'Oberalteschhutten è veramente un ottimo rifugio,il personale (moglie e marito) sono molto accoglienti e disponibili, danno precise indicazioni sul percorso e fanno da mangiare veramente bene e abbondante!


[visualizza gita completa con 8 foto]

Caratteristica itinerario

tipo itinerario: ghiacciaio
difficoltà: BSA :: PD+ :: [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Sud-Ovest
quota partenza (m): 1600
quota vetta/quota massima (m): 4195
dislivello totale (m): 2600

Ultime gite di sci alpinismo

16/01/19 - Altstafelhorn da Unterbach - casale
Risaliamo le piste di Unterbach fino all'arrivo dell'ultimo impianto poi da li per facili pendii andiamo in cima al Altstafelhorn. Giornata bella con vento da 2000 ai 2500 (moderato) poi scomparso!Nev [...]
16/01/19 - Fumaiolo (Monte) o Glaitner HochJoch - manty57
Saliti nel bosco tagliando la forestale fino alla vetta. Tolte le pelli e bella discesa a sud verso la val Passiria. Arrivati alle ultime malghe prima del bosco e risaliti in vetta per stupenda sciata fino all auto
16/01/19 - Angeli al Morion (Rifugio degli), ex Scavarda da Bonne - dovio
Un pò timorosi per il rischio di valanghe 3 in val Grisanche tentiamo la gita, pronti a modificare eventualmente la meta. Ben ce ne incolse. Neve 5-10cm nella parte bassa (fino all'Arp Vieille), poi [...]
16/01/19 - Fontaines (Col des) o di Croux da Cheneil - roberto.maucci
Buona sera a tutti. Chenei è veramente un bel comprensorio scialpinistico. Offre di tutto in materia di gite, dalla semplice e corta alla impegnativa e lunga. Noi oggi siamo saliti al col Fontaine. [...]
15/01/19 - Fontana Fredda (Punta) da Cheneil - filbozz
Oggi non era facile trovare una gita sicura, viste le previsioni catastrofistiche, e abbiamo per fortuna tentato la sorte a Cheneil. Appena arrivati un pulmino ha scaricato un tot di eliskisti e l'eli [...]
13/01/19 - Bresses (Testa Sud di) da Terme di Valdieri, giro per Passo di Prefouns, Colletto Bresses, Colletto del Valasco - gambalesta
Sì può dire che la strada è innevata da subito , ma in molti tratti affiorano pietre e ghiaccio. La situazione è sciistica da dopo il pian del valasco . Consiglio salendo di superare la gorgia st [...]
13/01/19 - Dorlier (Cima) da Thures - Nordend4612
Lasciate le auto a Thures e percorsa a piedi la stradina che porta a Rhuilles (tratti di ghiaccio vivo sulla strada, occorre fare attenzione), dove si possono calzare gli sci dal ponte. Neve ce n'è p [...]