Antola (Monte) da Crocefieschi per il Monte Buio

note su accesso stradale :: Ottimo park basso di Crocefieschi.
Giornata con nebbia al mattino poi si è dissolta con panorama su questa lunga dorsale erbosa. Dal park basso di Crocefieschi al monte Antola con i saliscendi son corca 1100 m di dislivello e 27 km tra andata e ritorno sentieri facili ma bisogna camminare grande croce in vetta poi scesi a vedere il rifugio dell'Antola 100 m di dislivello piu in basso della punta risaliti e fatto il percorso inverso dell'andata nessuno sul percorso.

[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: Strada libera e pulita
Piccola divagazione, trovato ancora delle chiazze di neve fuori sentiero sul versante nord dell'Antola, se non l'avessi vista e pestata non ci avrei creduto, gita fatta più volte in passato e rispetto ad allora devo dire che il sentiero sulla dorsale una volta era più marcato, ora l'erba lo sta invadendo, specie dalla cappella di San Rocco fino al passo dell'Incisa, e il tratto di dorsale dopo il monte Buio che non risulta molto agevole. Per conoscenza dal passo dell'Incisa continuando sulla strada sterrata di dx dopo una decina di metri a sx una palina indica l'imbocco del sentiero, ed i tempi per il monte Buio h1.20 e per il monte Antola h2.40. Sono partito dalla cappella di San Rocco(OpenStreetMap erroneamente la cita come Madonna di Clavarezza)con l'intenzione di spingermi fino al monte delle Tre Croci, una volta raggiunto e messo in pratica l'obiettivo mi sono fermato a fare uno spuntino ed anche l'ometto di vetta che era mancante(mi piace arrivare sulle cime e trovarcelo); fatto due conti i chilometri totali sono circa 23 e il dislivello circa 1200metri.



[visualizza gita completa con 10 foto]
errore n.1 non aver visto che la traccia gps di 13 km fosse solo andata!!
errore n.2 usare gli scarponcini anzichè scarpe da trail visto il sentiero sempre molto bello e regolare
errore n.3 partire dal posteggio basso di Crocefieschi anzichè dalla cappella degli alpini

A parte gli errori di base è stato un bel viaggio, quasi sempre panoramico perchè si svolge su dorsali erbose. Io ho toccato tutti i montarozzi che si incontrano restando sempre sul crinale, anche se patisco un po' questo genere di percorsi con continui saliscendi perchè è difficile trovare il ritmo. Quando dalla prima cima (Monte Proventino) vedere l'Antola a distanza siderale è demotivante e lascia un po' perplessi... vabbè mi son detto mal che vada mi fermo al Monte Buio. Cimetta dopo cimetta con sole cocente raggiungo il Monte Buio (deviazione non obbligatoria ma a questo punto vale la pena) da dove l'Antola è ancora non proprio vicino (un'ora circa), con il tratto finale la parte più ripida del percorso. Arrivo alla croce dopo 3h30' dalla partenza, peccato per la nuvolosità che nel frattempo si è formata con anche qualche colpo di tuono verso la Val Borbera.
Rientro per il percorso dell'andata, ma percorrendo il sentiero che a mezza costa evita tutte le risalite alle varie cime; ci sono soltanto due risalite non lunghe e poco faticose sotto il Monte Buio.
Raggiunto il Passo dell'Incisa anzichè risalire sul sentiero ho seguito la strada asfaltata, più ombreggiata, che mi ha riportato a Crocefieschi. Da segnalare che a 2 km dal paese si incontra l'unica fontanella (rudimentale) che non è detto sia attiva d'estate.
Dislivello stimato sui 1100 m per 26 km di percorso, al ritorno corso per molti tratti.
Nessun essere umano incontrato fino alla cima del Monte Antola.



[visualizza gita completa]
Percorso di base molto semplice e ben indicato ( con segnavia " 2 linee gialle " e cartelli ) , anche se parecchio lungo . Abbondante fango nella parte iniziale sino al Proventino . Dopo il Monte Buio ancora fango , terreno ghiacciato ed un pochino di neve sotto la vetta dell' Antola .
Sono partito dalla Cappella degli Alpini sopra Crocefieschi e ho raggiunto subito il crinale per non lasciarlo in pratica più fino alla cima dell' Antola . Ho quindi toccato in sequenza tutte le cime e cimette della dorsale , come lo Schigonzo , il Proventino , il Mortussa , il Cugno , Il Forca , l'Alpisella , il Riondo , il Carmo , il Buio e l'Arveghe , allungando in questo modo il percorso e soprattutto il dislivello . In origine volevo arrivare solo sul Monte Buio , ma quando sono stato lì , mi sono lasciato tentare dall' Antola che appariva non troppo lontano ... Eccellenti panorami lungo tutto il crinale , con belle visuali dalle Alpi Liguri alle Lepontine . Giornata molto bella , tiepida e soleggiata con un pochetto di vento solo al ritorno , fatto seguendo invece il tracciato ufficiale , molto meno faticoso . Poca gente in giro , quasi tutta intorno all' Antola . In tutto , giro di almeno 25 km per 1300 metri di dislivello complessivo , percorso in 8 ore .


[visualizza gita completa con 10 foto]
note su accesso stradale :: Tratto di asfalto molto dissestato dopo la Cappella di Crebaia
Alle 8 siamo partiti circa 1 km dopo la Cappella di Crebaia. Percorso all’ombra con temperatura sotto lo zero. La situazione è migliorata quando ci siamo affacciati sulla Val Brevenna e abbiamo trovato il sole caldo di una giornata spettacolare. Dal Passo dell’Incisa finalmente sentiero (due barre gialle). Con lunghi traversi e alcuni saliscendi si arriva all’ultimo strappo finale che porta al vecchio rifugio. L’ultimo tratto di salita nel bosco era abbastanza delicato per la presenza di neve ghiacciata. Dalla vetta panorama spaziale e meritato pranzo vicino alla cappella. Al ritorno breve digressione al Monte Buio.
Escursione molto lunga, anche se con dislivello modesto.
Dopo molte settimane gita del mercoledì al completo.
Con Gianni, Giorgio, Leone e Mauro


[visualizza gita completa]
Bel sentiero molto ben segnalato,peccato che non si possa fare approvigionamento di acqua durante il percorso esluso il rifugio sull'Antola.
Tracciato panoramico,
Una bella decisione di fare l'Antola da Crocefieschi perchè un sentiero che non avevo ancora fatto, peccato per la tanta foschia che impediva una perfetta visibilità.
In compagnia di Lisa,Carlo,Franco.


[visualizza gita completa con 5 foto]

Caratteristica itinerario

sentiero tipo,n°,segnavia: segnavia due linee gialle
difficoltà: E :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 742
quota vetta/quota massima (m): 1597
dislivello salita totale (m): 800

Ultime gite di escursionismo

16/02/20 - Scopel (Bivacco) - lancillotto
Sentiero dalla Croce dei Lebi e poi al bivacco con tratti ghiacciati, coperti da qualche cm di neve recente. Utili i ramponcini sopratutto la mattina. Salita in nebbia totale fino quasi al valico del [...]
16/02/20 - Sea Bianca (Punta) da Pian della Regina e la Punta Raboi - lupus1946
Molti escursionisti in giro...colpisce l'assoluta mancanza di neve sull'ultimo pendio... Le ciaspole sono rimaste sullo zaino...più utili i ramponi.
16/02/20 - Rubbio (Monte) da San Damiano Macra - flavytiny
Lasciata auto in piazza a S.Damiano Macra. Itinerario facilissimo adatto al post-influenza, la strada forestale che parte dal borgo subito dopo il ponte sulla dx è molto bella e rilassante. Parecchie [...]
16/02/20 - Lunelle (Punta e colle) da Traves, anello - climbandtrek
Sentieri sgombri da neve e ben indicati da tacche e numerose paline. Fatto l'anello come da descrizione: gita piacevole e con numerosi scorci nel bosco rado ed un bel panorama sulle vette circostanti dalla cima.
16/02/20 - Pala Rusà (Punta) e Punta delle Lance da Pian Benot - sergio 51
Usati solo i ramponi. Passati prima dal Pala Rusà e poi saliti alla Punta Lance, che sembra una vera montagna seria ma in miniatura: sarebbe stata interessante la, pur breve, traversata, ma le cornic [...]
16/02/20 - Butetta (Monte) da Castellar - lonely_troll
Gita vista mare in un bell' ambiente e con clima già primaverile. Alla partenza rosmarini e mimose fiorite e in alto niente neve, nemmeno sulla parete Nord del Grammondo
16/02/20 - Baral (Bec) da Limonetto - dario 67
Salita oggi un po' piu alpinistica x la presenza di tratti innevati sulla cresta e nella parte finale verso la cima si sale comunque senza problemi prestando attenzione solo nei tratti leggermente esp [...]