Sià (Colle) da Ceresole Reale

osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: altro
Oggi una bellissima gita soleggiata ma con temperatura costantemente ed abbondantemente sotto lo 0°C - Alla partenza da Ceresole alle 09.30 -10°C ed al ritorno alle 15.00 -7°C - Neve continua sino dalla partenza, risaliti lungo il sentiero sino a Cà Bianca, di qui in avanti il vento ha creato zone con accumuli notevoli, siamo risaliti al centro del vallone evitando di tagliare i pendii ripidi, arrivando direttamente sopra l'ultimo alpeggio, di qui con un lungo traverso e risalendo l'ultimo ripido pendio al colle - Neve di tutti i tipi dalla polverosa a croste da vento a zone durissime - Gita veloce per le basse temperature accentuate anche da folate di vento
Un saluto agli 11 compagni di gita

Panorama da Cà Bianca
Ambiente di salita
Quasi al colle

[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: altro
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 1800
Arrivati e fermati a Pra del Cres per via del vento.Saliti con ramponcini fino alla ca' bianca. Tracciata la salita al colle. Nei pendii dritti in pieno sud neve molto dura.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: altro
note su accesso stradale :: buone
quota neve m :: 1900
Ciaspole nello zaino praticamente fino alla prima baita (casa bianca) poi neve fresca portante. Traccia assente. Battuta la traccia fino al colle. Alla baita Prà del Cres preso a sinistra in direzione di un'altra baita, senza raggiungerla deviato a destra nettamente verso nord, tralasciando il sentiero estivo, puntare nettamente alle pendici della Merola, anche con tratti ripidi, raggiunte le quali preso a sinistra per roccie affioranti fino a sotto il colle, raggiunto sempre su neve buona. Discesa per la via di salita, sullo strato di neve fresca si "parte" facilmente specialmente nei tratti più ripidi.
Al mattino avvistato alcuni camosci nel bosco.
Giornata di sole, al colle veramente un grandioso panorama sul selvaggio vallone di Noaschetta, Ciarforon, Becca di Monciair ed anche punta San Marco del Grampa. La consiglio. Questo tracciato lo classificherei per Buoni Racchettatori.
Con Daniela


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta rigelo non portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta rigelo portante
note su accesso stradale :: nulla da segnalare
quota neve m :: 900
Note: Bella ciaspolata, non eccessivamente lunga, da fare con neve stabile al colle. Dal colle Sià si gode di una spettacolare vista dell’anfiteatro terminale del vallone del Roc, ci si trova di rimpetto al Ciarforon, la Becca di Monciair, i Denti del Broglio, e sulle Levanne poste sulla catena dx org del torrente Orco (diga di Ceresole).

descrizione: In Valle Orco, all'entrata di Ceresole, in località Broc 1538m, tra il tornate n.1 (chiesetta) e il n.2 si trova una stradina che sale a dx e in poche decine di metri raggiunge un piccolo parcheggio dove sono posti dei cartelli indicatori e parte il sentiero n.542 (anche GTA)con indicazioni per il colle Sià e il bivacco Giraudo.

Calzate le ciaspole, di solito il bel sentiero di salita (ripristinato dalla 3° reg. Alpini Brigata Taurinense) è ben battuto, sicuramente sino a Cà Biancha 1947m e non presenta problemi, qui si è ormai fuori dal bosco. Da Cà Biancha (da dove si può già vedere sul filo di cresta, che si ha di fronte, la depressione del colle Sià) si sale dal retro, proseguendo in direzione nord nord est sino alla baita Prà del Cres 1840m. Qui si trova una palina con le indicazioni del sentiero che dobbiamo percorre (sx) e segnala sulla dx la direzione per Noasca (da trascurare). A seconda dell’innevamento qui si decide se proseguire tenendo la sx e seguire la mulattiera che passa sotto ripidi pendii della Ciarma sulla dx org del vallone del colle Sià, itinerario estivo più logico ma il più esposto alle slavine e che prevede di passare nei pressi dell’alpe Ciaplus 2168m per poi tagliare interamente il pendio finale; o salire subito in direzione nord a zic zac per alcuni balzi che portano ad incrociare la parte terminale della mulattiera a pochi metri dal colle, passando sotto alcuni pendii non netti (quelli della Merola) e tipicamente meno carichi (valutare bene le condizioni).
Il rientro avviene per la traccia di salita. (tempo medio di salita 2H).

Oggi abbiamo trovato una bella traccia preesistente sino al colle; fino a Cà Bianca portante sul sentiero, oltre da ribattere un po’ ma ben tracciata, complimenti ha chi l’ha fatta, qualche giorno fa, da vero artista. Siamo saliti da dietro la baita Prà del Cres a 1840m per i facili balzi senza incontrare problemi (tira solo un po’) e non vi erano tracce di slavine.
Neve abbastanza consistente buona per la salita divertente in discesa. Temperatura non rigidissima -6° alla partenza, ore 9, e sole caldo su tutto il percorso. Ampi e nitidi i panorami dalla dorsale del colle Sià 2278m.

Salita con Elio@C.
Un saluto alle signore/signorine che hanno raggiunto Cà Bianca quando noi stavamo ripartendo, dopo una sosta sul rientro, a cui abbiamo ceduto una comoda “panchina” al cospetto di un caldo sole. Avvistati alcuni camosci “residenti”.



[visualizza gita completa con 4 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: recente leggera/asciutta
neve (parte inferiore gita) :: recente umida/pesante
note su accesso stradale :: Strade spazzate dagli spazzaneve
quota neve m :: 1600
Fino a Cà Bianca pista battuta, da lì neve immacolata e nessuna traccia.
Battuta la pista fino al colle, sprofondando oltre al ginocchio.
Avvistati due camosci.
la notte successiva 10cm neve a Ceresole
Un Grazie a Francesco che mi ha indicato questa gita, e un Mitica! alla mia compagna che, dopo due ore a schiacciare neve, nel punto più ripido mi ha superato dicendo... è il momento di aggredire la montagna...e ha tirato dritto!


[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe lastroni esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta rigelo non portante
note su accesso stradale :: Strada pulita
quota neve m :: 1200
La neve in maggioranza è come detto, ma si trovano tutti i tipi. In certi punti anche durissima.
Traccia ottima fino al colle. Le racchette si mettono solo dal Pian del Cres. Prima è talmente ben battuto che non servono.
Salita da effettuarsi in generale in condizioni sicurissime, perchè il canalone che scende dalla Ciarma non promette niente di buono. Adesso come adesso è scarico, ma se nevica...
Osservata una grossa slavina scendere dalle parti del Bivacco Giraudo.
In compagnia di Angelo e di Massimo. Salita tranquilla e senza problemi, in una splendida giornata limpidissima, anche se piuttosto fredda. Alla partenza -14 a Ceresole e al pomeriggio - 11.
Un grazie al ragazzo che già scendeva e che aveva battuto la traccia fino al colle (anche se piuttosto ripida...).
Solo altre due persone in giro, più numerosi camosci molto domestici.


[visualizza gita completa con 5 foto]
neve (parte superiore gita) :: recente leggera/asciutta
quota neve m :: 2000
Partenza ore 9.45 da Borgata Prese a Ceresole.
Neve dalla Cà Bianca (2002 m.) e messe le racchette. Pochissime tracce di passaggi precedenti. Neve leggera e scaldata dalla calda giornata, vista qualche piccola slavina poco lontana e alcune più grosse dei giorni scorsi.
giornata stupenda e panorama mozzafiato! Grazie ad Ale e al signore compagno di salita! accompagnati in discesa da parecchi camosci!


[visualizza gita completa con 2 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: recente leggera/asciutta
neve (parte inferiore gita) :: crosta rigelo portante
Bella gita e giornata con partenza da borgata Moies. Qualche cumulo di ghiaccio lungo il sentiero fino alla Cà Bianca, poi presenza di neve.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: recente leggera/asciutta
neve (parte inferiore gita) :: recente leggera/asciutta
Manca il fondo,però la neve,in particolare nel bosco,è farina.Attenzione all'arrivo al colle...meglio avere i ramponi.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta da vento dura
neve (parte inferiore gita) :: crosta rigelo portante
Ci siamo portati le ciaspole a spasso perchè la neve era veramente poca.Al colle è addirittura assente causa vento che l'ha sciolta.Giorno di ferie speso bene.Fatto la salita con Walter e Sergio in una giornata gelida

[visualizza gita completa con 3 foto]

Caratteristica itinerario

tipo itinerario: bosco rado
difficoltà: BR :: [scala difficoltà]
esposizione: Sud
quota partenza (m): 1538
quota vetta/quota massima (m): 2274
dislivello totale (m): 740

Ultime gite di racchette neve

23/05/19 - Sea Bianca (Punta) da Pian della Regina - cantieridaltaquota
Ascesa piacevole, con molta neve sempre marcia e inconsistente a partire da 2300 metri. Ciaspole sufficienti ma indispensabili.
22/05/19 - Omo (Monte) dal Gias Cavera per il Versante Nord - luciano66
Ora si arriva in auto a circa 2000m e si trova neve continua dall’auto per questa gita. Con le racchette è circa un’ora per la salita e mezz’ora per la discesa, con gli sci saranno 10-15 minuti [...]
12/05/19 - Villano (Porta del) da Cortavetto - andrea.paiola
Dalla tangenziale abbiamo visto che c'era bufera (nuvole e vento) al Moncenisio, quindi abbiamo cambiato meta andando a finire al Rifugio Toesca e siamo poi saliti fino alla Porta del Villano. Otti [...]
12/05/19 - Negra (Rocca) da San Bernolfo - luciano66
Partito alle 7.10 dal park alto, sterrata ormai quasi tutta pulita fino a circa 1900m, dove inizia la neve continua (in dx idr. Inizia un po’ più in basso). Mezzora alla prima neve e poi salita age [...]
12/05/19 - Cassin (Bric) da Chialvetta - Margherita Dolcevita
Abbiamo parcheggiato a viviere, siamo saliti con sopra prato ciorliero con i soli scarponi per poi mettere le ciaspole. Incontrato qualche scialpinista.
12/05/19 - Serpentera (Cime di) da Pian Marchisio, anello per il Lago Biecai - Andrea81
Dal parcheggio di Pian Marchisio, sono tornato indietro di 500 m sulla strada fino al bivio con la carrareccia sgarrupata che immette nel vallone delle Rocche di Serpentera; la prima neve si incontra [...]
12/05/19 - Gran Rossa da Mont Blanc - laura59
Portage fino al pianoro che porta nel vallone Giasset. Da lì neve modello velluto. Siamo saliti nel vallone centrale e sotto ai colli siamo andati a prendere un pulpito a dx per poi salire oltre il [...]