Grand Aréa da Nevache

Inizialmente strada ripida (bruttina, percorribile dai mezzi). In circa 20 minuti si arriva al rifugio. Poi falsopiano (un po' noioso, non si prende molto dislivello) fino al colle. Da lì si comincia su sassi e rocce fino alla cima (molto tranquillo).
Fermati a 100 metri dalla cima per l'avvicinarsi del temporali, siamo corsi verso il rifugio tra grandine e fulmini.
Bello vedere che i francesi nonostante il brutto tempo continuino a girare per monti (anche con bambini). Altra attitudine rispetto a noi italiani!

Con Ele

[visualizza gita completa]
Dal col de Buffere salita anche la Crete de Tete Noire (EE), si procede a destra senza traccia per ampi pendii ripidi ma non delicati fino a sbucare sulla cresta con vista Le Casset, proseguito a destra superando un paio di elevazioni rocciose alternate a prati fino alla sezione alpinistica della cresta, circa 2750m. Di qui la Tete Noire 2922 appare impervia e dalla bella forma slanciata. Per salirla si può scendere il ripido canalone lato sud per un centinaio di metri fino ad aggirare uno sperone roccioso che dà accesso al versante di salita su cui è evidente una traccia. Ridiscesi al col Buffere salita comodamente anche la Grand Area. Ridiscesi verso il rifugio per una mezzora poi piegato a destra verso un evidente colletto tra la Montagne de Cristol e la quota 2563, dal colle vista magnifica sul lac de Cristol appena sotto e facilmente raggiungibile. Il sentiero si trova sulla destra orografica ma si procede bene anche sulla sinistra ricongiungendosi più in basso alla netta traccia proveniente dalla porte de Cristol. Dopo breve discesa il bivio a sinistra consente con un lungo mezzacosta e vari saliscendi di riportarsi al rifugio Buffere, che non è comunque necessario raggiungere "tagliando" dove possibile e guadando il torrente dove agevole. Colori splendidi e giornata calda e tersa, venticello sulle creste ma non fastidioso, bel giro ad anello a render e la gita più completa e panoramica. Salut

[visualizza gita completa con 10 foto]
note su accesso stradale :: ottimo dal colle della Scala
L'escursione è correttamente qualificata come E per quanto presenti pumti in cui la prudenza è obbligatoria.
Giornata dal sole velato ma ugualmente caldo e nuvole mai minacciose. I colori della montagna sono in fase di mutamento e iniziano a diventare forse i più belli dell'anno. Escursione effettuata in tempi normali. Incontrato in vetta una decina di persone con prevalenza italiana almeno per una volta.


[visualizza gita completa con 2 foto]
note su accesso stradale :: nn
Visto che le previsioni meteo erano migliori in Francia rispetto all'Italia ho deciso di andare in Val Claree.
Superato il Colle della Scala mi sono trovato nella nebbia ma, dopo aver raggiunto il Ref. de Buffere, la nebbia si è diradata e ne è venuta fuori una bella giornata con caldo nella parte bassa e poi aria molto fredda nella parte finale.
Tantissima gente e con molti bambini anche piccoli.
Non ho sentito una parola d'italiano. Erano tutti francesi.


[visualizza gita completa con 6 foto]
note su accesso stradale :: nn
Bellissimo ambiente e stupenda giornata.
Temperatura ideale.
Saliti e scesi sul percorso diretto da Nevache alla punta per il Col Buffere.
Visti due rapaci, mentre eravamo in punta, ma che non ho saputo identificare.
Alcuni deltaplani.
Molti escursionisti in vetta, soprattutto francesi, saliti dalla strada del Col Granon.
Un ringraziamento particolare a Pier Massimo con cui ho condiviso l'escursione.


[visualizza gita completa con 8 foto]
Percorso facile senza problemi ,ritorno allungato di 2,,5 km ,su sentiero fino a Nevache
Gita sociale del Cai Mondovi a cui ho collaborato come capogita assieme a G.Bonelli.Giornata veramente bella ,senza una nuvola ,con venticello in cresta.Eravamo in 37 ,in 33 siamo giunti in cima su comodo sentiero senza tratti esposti ,alla portata di tutti con un po’ di allenamento,pur con percorso lunghetto (20 km totali).Il primo tratto ,è quello più ripido ,poi dal Refuge Buffère al Colle sale dolcemente.Sulla cima c’erano altri due gruppi :quelli del Cai di Susa (amici di Gianpiero) con cui abbiamo festeggiato con paste e vino bianco,e un gruppo del Cai Uget di Torino,più qualche francese .Spettacolare la vista sul Gruppo degli Ecrins e alta Valle Susa.Discesa un po’ più lunga ,perché il pullman ci aspettava al parcheggio di Nevache.Rientro a Mondovi alle ore 21:40


[visualizza gita completa con 6 foto]
note su accesso stradale :: da nevache ville haute
saliti dal vallone di Cristol e dal relativo Colle. L'itinerario è classificabile EE. All'attacco della cresta nord una cinquantina di metri molto ripidi, poi il sentiero taglia con traccia ascendente e ben percorribile il ripido versante nord, in ambiente spettacolare, con guglie e gugliette (di cui una piccola stile Cappadocia!).
Discesa dal Colle di Buffere e dal relativo vallone verso Nevache.
Molta gente in punta, anche perché dal versante Guisane la lunghezza e la difficoltà lo rendono un itinerario alla portata di tutti.
Molto gentili i gestori del rifugio Buffere.
Con mia moglie Simo.


[visualizza gita completa con 2 foto]
abbiamo effettuato un giro ad anello: dalla cima siamo ritornati per pochi metri sui nostri passi e siamo scesi su di un sentierino sabbioso che attraversa in discesa il versante NE della montagna (a tratti scosceso, ma sempre ben evidente); quindi, per dorsale abbiamo raggiunto la Porte de Cristol e siamo scesi nell' omonimo vallone per il GR 5C a Nevache; bagno nel lago di Cristol rinfrescante e corroborante; il giro da' quel tocco in piu'
oh ma perche' dio ha creato i tafani? una stella in meno!


[visualizza gita completa]
Refuge de la Buffere fermè.
Replay di due anni fa per rendere gli amici randoneur partecipi di “cotanta bellezza” … oggi però, purtroppo, con un panorama molto limitato dal Col de la Buffere in su. Solo qualche fugace e ridotta finestra verso gli Ecrins ci ha permesso un minimo di “affaccio”; per il resto nebbia e … tante risate! Sempre bella lo stesso! Primi caldi colori autunnali. Oggi con Adelina, Bruno&Rita, Gaetano e Sergio in trasferta.


[visualizza gita completa]
Gran giro su percorso sempre ben segnato e al momento pulito anche a nord.Salito la vetta,scese sul versante sud per cresta alla petit Area.Ritornate al colle,scese per pendio ripido,incrociato il sentiero che scende alla Bergerie.Risalite per strada ,sentiero alla Porte de Cristol,scese fino a trovare il sentiero che a mezza costa porta al Buffere e di li all'auto.
Gran giro ,in una giornata Stupenda.21 KM,8 ORE di effettiva camminata,1443 mt. di dislivello positivo.Lassù l'autunno sta mostrando tutto il suo splendore.Valloni silenziosi e selvaggi.


[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: nessun problema
dove avrebbe fatto bello domenica? nessun dubbio: BRIANCON, sole a palla.
E così ripercorriamo la strada percorsa da MIKE52 e saliamo alla Grand Area, salita in sci tanti anni fa. Saliti dal versante NEVACHE (mooolto più corto se salite lato serre chevalier e park inizio ultimo traverso prima col granon). Nessuno in salita e seguiamo strada fino al col buffere dove intercettiamo sentiero di salita banale, ciclabile senza problemi in discesa. Raggiunta la facile e panoramica sommità scendiamo poi a nord, sentiero bello, facile, ma problematico se ghiaccio.

Seguiamo il sentiero spostandoci nel vallone più a Est, di Cristol, toccando i laghi Rond e poi Cristol e continuando sul facile traccione. A circa 2100 lasciamo il sentiero per seguire il munta-calante traversone chiamato "Cote-Rosse" che riporta 20 metri più in basso del Refuge de la Buffère, già chiuso, nonostante la bella giornata. Descesa per il ripido mulattierone percorso all'andata. Poco più di 1200 metri di dislivello per 17 km in tutto. Foto sul - con annalisa sempre più speedy!


[visualizza gita completa con 3 foto]
Bella gita con punta molto panoramica ed eccezionale vista sul delfinato. Percorso facile e ben tracciato, segnalato fino al colle poi sentiero evidente fino in cima. Al ritorno scesi dal ripido sentiero versante nord in direzione crete de l’Echaillon fino a raggiungere un colle prima della cresta, il sentiero volge a desta verso Col de Cristol noi siamo scesi a sinistra per prati fino a raggiungere il sentiero percorso in salita. In compagnia di Francesca.

[visualizza gita completa con 3 foto]
Siamo saliti in tre ore su sentiero ottimo dal parcheggio fino alla vetta. Nella parte alta dell'itinerario tirava un vento abbastanza sostenuto. Gran panorama dalla cima, oggi un po' limitato dalle nuvole sugli Ecrins.
L'ambiente della Val Clarée non delude mai.
Con Alberto.


[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: nessun problema fino al parcheggio
Siamo partiti per fare il Pic du Lac Blanc ma giunti sul posto il cielo era coperto e minacciava pioggia. Abbiamo ripiegato su un obiettivo vicino e dove il meteo sembrava migliore, il vicino rifugio Buffere. Salendo il tempo è migliorato, si è tutto aperto e abbiamo così allungato la gita fino alla punta. Gita e giornata conclusa al di sopra delle nostre aspettative!
Con Lia


[visualizza gita completa con 3 foto]

Ci sono anche stati ...

  • 09/09/18 - andrea.paiola
  • 11/07/15 - daviruby
  • 15/09/12 - gieffe
  • Caratteristica itinerario

    difficoltà: E :: [scala difficoltà]
    esposizione prevalente: Nord
    quota partenza (m): 1750
    quota vetta/quota massima (m): 2865
    dislivello salita totale (m): 1115

    Ultime gite di escursionismo

    16/02/20 - Scopel (Bivacco) - lancillotto
    Sentiero dalla Croce dei Lebi e poi al bivacco con tratti ghiacciati, coperti da qualche cm di neve recente. Utili i ramponcini sopratutto la mattina. Salita in nebbia totale fino quasi al valico del [...]
    16/02/20 - Sea Bianca (Punta) da Pian della Regina e la Punta Raboi - lupus1946
    Molti escursionisti in giro...colpisce l'assoluta mancanza di neve sull'ultimo pendio... Le ciaspole sono rimaste sullo zaino...più utili i ramponi.
    16/02/20 - Rubbio (Monte) da San Damiano Macra - flavytiny
    Lasciata auto in piazza a S.Damiano Macra. Itinerario facilissimo adatto al post-influenza, la strada forestale che parte dal borgo subito dopo il ponte sulla dx è molto bella e rilassante. Parecchie [...]
    16/02/20 - Lunelle (Punta e colle) da Traves, anello - climbandtrek
    Sentieri sgombri da neve e ben indicati da tacche e numerose paline. Fatto l'anello come da descrizione: gita piacevole e con numerosi scorci nel bosco rado ed un bel panorama sulle vette circostanti dalla cima.
    16/02/20 - Pala Rusà (Punta) e Punta delle Lance da Pian Benot - sergio 51
    Usati solo i ramponi. Passati prima dal Pala Rusà e poi saliti alla Punta Lance, che sembra una vera montagna seria ma in miniatura: sarebbe stata interessante la, pur breve, traversata, ma le cornic [...]
    16/02/20 - Butetta (Monte) da Castellar - lonely_troll
    Gita vista mare in un bell' ambiente e con clima già primaverile. Alla partenza rosmarini e mimose fiorite e in alto niente neve, nemmeno sulla parete Nord del Grammondo
    16/02/20 - Baral (Bec) da Limonetto - dario 67
    Salita oggi un po' piu alpinistica x la presenza di tratti innevati sulla cresta e nella parte finale verso la cima si sale comunque senza problemi prestando attenzione solo nei tratti leggermente esp [...]