Cistella (Monte) e Pizzo Diei da San Domenico, anello

Da S. Domenico ho preso sentiero F 14; il traverso per il bel Rif Crosta e' di 8km di sviluppo e 320 dsl esclusi i saliscendi; ho proseguito per il Vallone di Solcio fino alla bocchetta di 2600m dove su un masso c'e' la freccia a dx per il Cistella.
Essendo tardi e le nebbie in arrivo ho rinunciato.
Ritornero' con gli impianti aperti fino all'Alpe Ciamporino che fanno risparmiare 500m di dsl; poi sentiero F 16.
Una fontana alla partenza e una al Rifugio.

Rifugio Crosta
Monte Cistella
Pizzo Dei
Alpe I Crosi
Alpeggio Coate'
Vallone di Solcio
bocchetta del Vallone di Solcio, 2600m

[visualizza gita completa con 10 foto]
primo tratto penalizzato paesaggisticamente dagli impianti e dalle piste del ciamporino, oltretutto ci sono dei lavori in corso e quindi le varie piste di servizio sono piuttosto dissestate e invasive.
dai 2400 metri in su finalmente si esce dalla zona degli impianti e si sale lungo pietraie e canalini con un percorso che sfrutta i passaggi più agevoli della montagna fino deserto marziano della vetta del diei.
sulla discesa verso l'altopiano lunare del cistella occorre stare attenti agli ometti, comunque anche sbagliando poi in qualche modo si arriva al pianoro.
salita finale al cistella per godere ancora del bellissimo panorama da una angolazione leggermente diversa rispetto al diei.
discesa poi per il vallone di solcio lungo un sentiero un po' scomodo fino al rifugio crosta, situato in un luogo molto ameno, e poi lungo la strada (scorciatoie per diminuire il kilometraggio) verso maulone, dove avevamo lasciato un'auto.
meteo bello, e ventilato, anche se dopo mezzogiorno sono arrivate un po' di nuvole a coprire le vette più alte in zona sempione e formazza. qualche chiazza di neve nelle zone più alte.

[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: Seggiovia 7 E andata, 10 E a/r, la prima parte alle 08:00
Preso la seggiovia solo per la salita, prima sul pizzo Diei e poi sul Cistella passando dal colle tra le due cime. Panoramicamente il secondo è migliore del primo e anche più interessante da salire. Scesi nel lungo e un po' noioso vallone di Solcio e passando nei pressi del rifugio Crosta siamo rientrati a San Domenico attraverso un lungo traverso di circa 8 km. costituito in parte da sterrata e in parte da sentieri attraversando bellissimi boschi. Presenti solo poche lingue di neve trasformata nella parte alta, non problematiche. Fotografato una bella vipera attaccata ad un grosso tronco lungo la via del ritorno, come poche volte accade di poter fare: il grosso rettile non si è mosso nonostante il passaggio di oltre 10 persone a meno di un metro. Svariate decine di persone lungo il percorso. Pochi passaggi elementari nei pressi delle cime richiedono comunque attenzione e l'uso delle mani per cui propongo valutazione EE. Lo sviluppo complessivo della gita sfiora i 20 km. 1300 m. il dislivello in salita e 1700 quello in discesa.

[visualizza gita completa con 13 foto]
Neve innocua dai pressi della Punta del Dosso fino al Bivacco Leoni. Gita da fare in condizioni di visibilità certa, soprattutto nel tratto dal bivio Diei-Cistella (2700 m) al Bivacco Leoni: se ci si perde lì, può diventare rischioso. Comunque numerosi ometti e vernice biancorossa abbondante lungo tutto il percorso.
Persone incontrate: 1 solitario che scendeva dal Diei a S. Domenico, 1 solitario con cane che saliva al Cistella dalla Colmine, 1 solitario che saliva il Vallone di Solcio. Gita per solitari! Tutte le persone trovate al rifugio Crosta erano salite dalla strada di Coggia...


[visualizza gita completa]
Siamo partiti da Solcio pervenendo al Cistella da sud, sfruttando un canale che andava via via restringendosi verso l'alto, con bel torrione roccioso sulla sx. Indolore il trasferimento dal Ciastella al Pizzo Diei, separati da un bel altipiano. Vista da sballo sul M.Leone da qui. Il nostro giro adesso e' tutto in discesa. C'e ancora un Pizzo poco sotto, quello del Dosso che non ci lasciamo sfuggire. Seguendo fedelmente la strada a mezza costa tramite il rifugio Crosta torniamo a Solcio pienamente soddisfatti. Con Michele

[visualizza gita completa]

Caratteristica itinerario

difficoltà: EE :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 1420
quota vetta/quota massima (m): 2880
dislivello salita totale (m): 1460

Ultime gite di escursionismo

18/11/18 - Roussa (Colle della) da Forno di Coazze - faber74
tanta gente al Fontrana Mura neve assente se non un po' dura al rifugio...si puo' percorrere il sentiero che parte dal Sellery inferiore per evitare la strada nebbia,poi schiarite al rifugio(aperto)
18/11/18 - Aragno, Castellar, Sperina (Colli) da Ravera, giro del Monte Freidour - Dragar
Partiti da Bastioni, fatto il giro integrale salendo anche al dente centrale. Così facendo il dislivello è circa 1200 metri. Sui versanti nord ed est sono presenti 1-2 cm di neve, in discesa complic [...]
17/11/18 - Turu (Il o Monte) da Lanzo, anello per il Monte Corno e Germagnano - rfausone
Io ho effettuato il percorso in stile running e quanto indico è relativo a questo tipo di approccio. Molto interessante la parte che dal Ponte del Diavolo riporta alla Strada Provinciale dopo alla g [...]
17/11/18 - Confier (Pian) da Doblazio per Frassinetto e discesa per Navetta - laika58
Gitarella pomeridiana visto il miglioramento meteo - Partito direttamente da casa e raggiunto la frazione Salto, risalito lungo il sentiero e poderale alla frazione Nava, proseguito poi lungo la poder [...]
17/11/18 - Bione (Colle) anello Cresto, col Bione, Roccia Corba, La Mura - Dragar
Bel giro, partiti con pioggia, poi grandine, neve e infine un po' di sole. Qualche cm di neve dal castello in su, ma in breve tempo sarà sciolta. Sentiero ben segnalato, consigliato in questo periodo. Con Ele
17/11/18 - Freidour (Monte) da Talucco Alto - Gus54
Anello Freidour colle Aragno ovest, rifugio Melano Dairin,partiti e arrivati sotto una fitta nevicata.Neve finissima e gelata sentiero coperto di foglie e con un fine strato di neve su cui bisognava f [...]
16/11/18 - Ranzola (Colle della) da Estoul - brukor
La strada è interrotta da slavine in un paio di punti poco dopo la partenza, ma si superano senza problemi. Sino al colle si arriva bene su un fondo di neve dura. Non ho proseguito oltre, verso la Pu [...]