Sella Quintino (Rifugio) da Staffal per il Vallone della Bettolina

note su accesso stradale :: Ok Staffal, ottimo parcheggio impianti.
Abbiamo percorso in discesa il Vallone della Bettolina, sentiero n. 1, all'incirca come da traccia proposta da Bubbolotti. Scendevamo dal Castore ma una tappa forzata al rifugio causa violente precipitazioni con temporale ci ha fatto perdere la seggiovia. Molti tratti umidi con ruscelli e torrenti da attraversare o percorrere, scivolata sempre in agguato. Ottime indicazioni con bolli, frecce gialle e numerosi ometti anche se la traccia a terra è per oltre metà del percorso quasi inesistente. Ambiente selvaggio ed interessante per gli amanti del genere, impegnativo quanto basta ma certamente più remunerativo della lunga sterrata di servizio agli impianti. Si passa dai boschi di larici, arbusti, rododendri, prati, pietraie, vecchie baite, laghetti, nevai, cresta attrezzata con possibilità infine di toccare il ghiacciaio dietro al rifugio. Da menzionare il colpo d'occhio sul ghiacciaio del Lys e sul fondovalle.
Si passa spesso accanto a torrenti e piccole cascate.
Sentiero 1 in mezzo ai rododendri.

[visualizza gita completa con 2 foto]
Saliti in funivia da Staffal al colle della Bettaforca per raggiungere il rifugio dove pernottare per poi arrivare alla vetta del Castore il giorno successivo. A causa della presenza di due nevai residui ed estesi (uno dei quali, a quota 2.900 e prima del tratto roccioso con via attrezzata un po' esposto) può essere utile e sicuro calzare i ramponi.

[visualizza gita completa con 4 foto]
Bella salita , inizialmente buon sentiero poi da cercarsi tra ometti e qualche traccia fino ad incrociare il sentiero che arriva dal Bettaforca. Di qui in su traccia tra sfasciumi e pietraie molto frequentata fino in cresta dove con un panorama molto piacevole tra corde fisse, passerelle e qualche gradino in ferro, si raggiunge il Rifugio Quintino S.
Ringrazio me stesso , ero da solo ed era da tempo che mi dicevo che volevo fare questa salita, una di quelle salite come dicono oggi " senza vetta", come se in mancanza di una vera cima non vi sia la possibilita' di godere della montagna e ringrazio il mio cane DON sempre presente e senza il quale la montagna non sarebbe più montagna . Partito da Staffal alle 6.30 e raggiunto il rifugio in 3 ore e 15 in una mattina con cielo terso che appaga ogni fatica e senza trovare anima viva . In discesa traffico verso il rifugio da bollino rosso.


[visualizza gita completa con 6 foto]
Partito da Staffal alle 07.30, tempo sereno, temperatura fresca poi anche fredda (-4 al rif.), assenza di vento, sentiero ok, discesa per la Bettaforca con sosta idrica a Sitten dal sempre presente Beppe
342 ore...


[visualizza gita completa]
sono partito dal colle della Bettaforca intorno alle 9 (la prima corsa della funivia/seggiovia è alle 8:45, purtroppo) e fin da subito ho incontrato pochi centimetri di neve farinosa (era nevicato un poco la notte precedente). Sulle pietraie però la poca neve morbida rendeva problematico il passaggio, perché nascondeva le pietre e le buche senza riuscire ad essere fondo portante. La progressione è stata lenta, sono arrivato al colle della bettolina superiore molto tardi, ho eciso quindi di fermarmi e tornare indietro, per non rischiare di perdere l'ultima corsa della seggiovia a scendere.
Meta fallita, per oggi: ho valutato male i tempi di percorrenza, con la neve fresca appena scesa la progressione è stata più lenta del previsto. Riproverò in condizioni più adatte, magari con sci ai piedi.
L'ambiente che si incontra è comunque superbo, la vista sui 4000 del rosa a est e sulle altre cime della val d'Aosta (fino a scorgere il Monviso verso sud) è di per sè un piacere.


[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: niente da segnalare
sentiero tutto ok assenza di neve sul percorso

[visualizza gita completa con 2 foto]
Partito da Staffal alle 07.00, tempo sereno, temperatura mite, assenza di vento, sentiero ok, solo un po' di neve dopo l'ometto, ma senza problemi, discesa per la Bettaforca con sosta tecnico/alimentare a Sitten dal mitico Beppe.
342 ore...


[visualizza gita completa]
Salita magnifica, cresta aerea dalla quale si può godere di un panorama unico che porta all'inizio del Ghiacciaio del Felik, eccezionale.
Prima volta al Quintino Sella, sicuramente ci tornerò.


[visualizza gita completa con 10 foto]
Salito al Sella al pomeriggio, passato dalla Bettolina, tempo variabile, fresco assenza di vento, in discesa seguito sentiero sino alla Betta poi per piste sino a Staffal.
Poca gente al rifugio e sul percorso.
342 ore...


[visualizza gita completa]
Percorso di straordinaria bellezza (lascio parlare le numerose immagini), facile nella prima parte, molto esposto nel tratto terminale, senza la protezione delle corde non sarebbe affatto escursionistico. Molta neve da 3200-3300 metri, anomalia di questa estate strana, in qualche tratto i ramponi sarebbero stati utili.
Con Germana, giornata sottratta al lavoro, ma ne valeva la pena.


[visualizza gita completa con 17 foto]
note su accesso stradale :: Si arriva a Staffal - Gressoney la Trinitè
Sentiero non banale, ma strepitoso soprattutto per i panorami che offre; in parte esposto, soprattutto nell'ultimo tratto ove sono presenti le corde fisse. Lo si percorre tranquillamente, bisogna osservare solo un poco di attenzione.
Dal Bettaforca al rifugio impiegate 2h; ne avevo impiegato 3 alcuni anni fa quando sono salito al Castore.
Ritengo sia una tra le più belle escursioni della Valle d'Aosta se non di tutto l'arco Alpino.


[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: nn
Salita da Staffal, per fare Km e dislivello quindi utilizzando la strada di servizio degli impianti sino al Bettaforca. Dopo neve praticamente continua sino al rifugio; ottima traccia e ben trasformata e portante sino alle 14.
Cresta pulita e ottimamente attrezzata.

con Edoardo Da Staffal in 2h 35'


[visualizza gita completa con 2 foto]
Bella gita fino al Quintino Sella salendo dal sentiero 1 da staffal e scendendo dal 9 che a differenza da chi l'ha indicata come da masochisti è assai bella. Il ritorno dal sentiero nove è troppo lungo consiglio di riscendere dal sentiero numero 1. Con le indicazioni date è impossibile perdersi anche senza traccia gps. Trovato l'inizio dietro una casa nei pressi del campo da tennis tra segnaletica e ometti si segue molto bene.
Mia sorella


[visualizza gita completa]
bella gita, Isabella un po' provata dal percorso...troppe pietre. Leggera pioggerella ma posto come sempre splendido. Certo che i ghiacciai sembra che piangano.

[visualizza gita completa]
Bellissima gita, peccato per le nuvole, saliti al rifugio Quintino Sella in 2 ore dal Colle Bettaforca.
Prestare attenzione al pezzo da fare in cresta anche se ottimamente atrrezzato con corde e scalini di ferro.
Splendida vista su parte dei ghiacciai del Felik, del Lys e gli altri ghiacciai del Rosa negli spazi che le nuvole lasciavano. Sentiti diversi schianti di ghiaccio e visto una vera e propria valanga dal fronte di un ghiacciaio
Con Ivan il punto più alto raggiunto a piedi oggi 3600 m


[visualizza gita completa con 6 foto]
Prima volta al Rifugio Quintino Sella, e subito affascinato dal posto, dalla salita e dai paesaggi che si ammirano.
Salito in compagnia dell'amico Antonio in una mattinata di sole velato che ha lasciato posto nel primo pomeriggio a nuvoloni minacciosi.
Salita non semplice, molto esposta nel tratto di cresta, con le corde fisse che sono assolutamente necessarie per un certo tipo di considerazione escursionistica.
Poca gente al Rifugio, ma molta gente incontrata lungo l'itinerario di discesa che saliva al Rifugio stesso sicuramente per ascensioni il giorno successivo.
Splendido panorama su tutto il massiccio del Rosa, sui ghiacciai del Felik e del Lys.
Un caro saluto all'amico Antonio con il quale ho condiviso la gita.
Il mio fedele Flik oggi è dovuto stare a casa, ed al mio ritorno era molto offeso (ma il percorso non era per lui oggi!)


[visualizza gita completa con 9 foto]
Uno degli itinerari di rifugio più belli del Monte Rosa per il panorama e la varietà dell’ambiente.
Ho ripetuto la salita a distanza di una decina d’anni: nel tratto finale, forse a causa di alcuni franamenti del filo di cresta che obbligano ad alcuni aggiramenti, il percorso risulta nettamente più aereo seppure sempre ben attrezzato con corde fisse (che hanno sostituito le catene). Occorre prestare molta attenzione specie in presenza di numerose persone causa la scarsità di punti di fermata spaziosi. Dopo il ponticello, quando il sentiero si porta sul versante del ghiacciaio del Lys c’è un breve passaggio dove occorre arrampicare per un paio di metri prima di poter raggiungere la corda.


[visualizza gita completa]
Giornata ideale per effettuare questa gita. Il sentiero è tranquillo fino al Passo di Bettolina. Dopo prosegue su pietraia (alcuni tratti con neve) sino alla cresta aerea. Qui il sentiero è stato sistemato (sostituite le catene con delle corde) fino al rifugio.
Complimenti ai miei due compagni di salita: mia moglie Patrizia (la sua prima gita impegnativa e lunga superata a pieni voti) e a Gianni soprannominato Messner che a 80 anni ci ha fatto da guida.


[visualizza gita completa con 10 foto]
Saliti con la prima funivia, tempo bello, sereno, temperatura decisamente bassa, sentiero in ottime condizioni, tratto attrezzato decisamente migliorato,sosta culinaria al rifugio e discesa al colle senza problemi.
Gita effettuata con mia figlia Alessia (9 anni)
Complimenti Tatum proprio una bella gitarella...


[visualizza gita completa]
Giornata inizialmente bella, poi come pensabile alle 11 si è chiuso tutto. Ancora qualche pezzo innevato prima di arrivare al tratto attrezzato, ma non crea problemi. Il trtto atrezzato (molto bene) è carino e non troppo impegnativo per un normale escursionista. Parecchia gente sul percorso e al rifugio. Credo siano stati fatti diversi 4000 oggi.
con sergio e frank


[visualizza gita completa con 4 foto]
Raggiunto il Colle di Bettaforca con gli impianti di risalita ho percorso il sentiero 9 fino al Rifugio Quintino Sella. Divertente il tratto attrezzato che permette di percorrere la crestina e le roccette finali.
Partito da solo sul percorso ho incontrato Pigi e Tiziana, simpatici biellesi con cui ho condiviso la gita e che saluto


[visualizza gita completa]
Come indicato nella descrizione è molto semplice sbagliarsi nel primo tratto aggiungendo ulteriore dislivello ad una gita già lunga. Per noi 100m. Si iniziano a vedere lingue di neve dai 2700m in su ma si riescono ad evitare abbastanza. Dal passo inferiore di Bettolina invece la neve è continua e per molti tratti di pessima qualità (sfondosa). Prestare attenzione sulla cresta ancora piena di neve (in discesa abbiamo fatto il tratto di neve marcia più esposto con i ramponi).
Gita fatta (e assaporata metro per metro, spesso con la neve fino ben oltre le ginocchia) con Annalisa e Luigi.
Saluti a Bubbola a casa a lavorare :-(


[visualizza gita completa]
Peccato per il meteo che si è guastato durante la salita: il sole cocente ha lasciato posto a una fitta nevicata proprio mentre ci apprestavamo a fare i canaponi!
Poi ci si è messo il mal di montagna..
In ogni caso, tutto si è rimesso a posto.
Bella due giorni con papà.

[visualizza gita completa]
Saliti con gli impianti da Staffal al Colle Bettaforca, e da lì al Rifugio in circa 2 ore e mezza. L'ultimo tratto di cresta puo' essere delicato in caso di neve.
Con Matteo e Mauro


[visualizza gita completa]

Ci sono anche stati ...

  • 20/07/10 - enri1039
  • Caratteristica itinerario

    difficoltà: EEA :: [scala difficoltà]
    esposizione prevalente: Sud-Est
    quota partenza (m): 1824
    quota vetta/quota massima (m): 3602
    dislivello salita totale (m): 1778

    Ultime gite di escursionismo

    23/06/19 - Barbustel (Rifugio) da Mont Blanc per il Col du Lac Blanc - tenshi
    Ottima escursione per portare i piccoli alle loro prime esperienze con scarponi e zainetti, nel mio caso ho fatto lo sherpa con lo zaino porta bebé...
    23/06/19 - Ghincia Pastour (Monte) da Pian della Regina e il Monte Granè - il_dome
    Saliti come da itinerario. Dal colle Sea delle Tampe, dove arrivano gli skilift, prima siamo saliti al monte Granè, ritornati al colle abbiam salito il Ghincia Pastour, nessuno in cima. Giornata l [...]
    23/06/19 - Saut (Cascate del) e Pis del Pesio da Pian delle Gorre, anello - axlsandro
    Percorso l’anello come da descrizione , il pis è secco , però le altre cascate meritano comunque ancora questo poco impegnativo tour.
    23/06/19 - Tignaga (Pizzo) da Carcoforo per il Colle d'Egua e la Cresta E - titty79
    comoda salita fino al colle, dove si trova neve solo proprio qualche metro prima e poca... salita per cresta inizialmente faticosa su cresta erbosa...si segue la traccina per cresta e si raggiunge la [...]
    23/06/19 - Borra (Colle della) da Piamprato - pische
    In occasione del vertical, itinerario molto diretto e ripido soprattutto nel finale; qualche chiazza di neve ancora presente sotto il colle ma evitabile.
    23/06/19 - Paillasse (Mont) e Mont Blanc da Rhèmes Saint Georges - giody54
    Gita LPV con la partecipazione di oltre 200 persone.Giornata favolosa con panorami mozzafiato sulle grandi cime della Valle d'Aosta.
    23/06/19 - Arzola (Monte) da Posio - marino11
    Partito da Posio, però prima di grange Arzola siccome mi pareva ci fosse una variante sul lato destro sono salito sulla cresta che guarda sulle grange Oregge e di lì, pur in assenza di sentieri [...]