Mary (Mont) da Blavy per il Colle di Viou

Dopo essere saliti.sulla Becca di Viou abbiamo scalato anche il vicino Mont Mary. Sentiero un po' scosceso in alcubi tratti ma addirittura attrezzato in altri. Un piccolo nevaio prima della vetta non crea problemi particolari. Con Daniela.
Il cippo di vetta del Mont Mary
La Becca di Viou vista dal Mont Mary

[visualizza gita completa con 2 foto]
Utilizzato il nuovo sentiero 25, un po' monotono nella parte alta. Percorso comunque panoramicissimo su Aosta e tutte le montagne circostanti. Abbondanza di bandierine sul sentiero in vista della gara di domenica. Caldo assolutamente anomalo per il periodo, cresta di discesa verso il Colle di Viou ormai pulita, le nuove attrezzature in queste condizioni risultano inutili (difficoltà E). Concatenato con la Becca di Viou. In ottima compagnia del socio Andrea T.

[visualizza gita completa]
Dopo aver fatto la Becca di Viou lo scorso luglio, decido di tornare in zona per provare il nuovissimo sentiero 25B e raggiungere anche il Mary. Dalla partenza di Blavy all'Alpe Tsa de Viou il percorso è lo stesso per raggiungere la becca (sentiero intervallivo 105), arrivati all'alpe Tsa de Viou superiore invece di proseguire per il colle omonimo, si prende appunto il 25B (tracciato nel 2016) e già teatro di un ultratrail (e fra poco di un altra gara). Bellissimo il percorso fra conifere sempre più rade, mirtillo e ginepro, agevole e panoramico, mai troppo esposto. Grandiosa la visione su Aosta (sulla quale siamo praticamente sopra) e su Emilius e Becca di Nona di fronte a noi. Il sentiero sempre evidente e ben segnalato, supera una breve pietraia e con un ultimo strappo raggiunge la vetta. Giornata limpidissima con sole caldo ma vento abbastanza freddo. Percorso consigliato.


[visualizza gita completa con 7 foto]
Dopo aver pernottato al Biv. Penne Nere, saliti sulla vetta del Mont Mary seguendo la traccia per il Colle. Scesi poi per il sentiero (penso abbastanza nuovo) 25B che si riunisce alla salita qui descritta alla Tsa de Viou. Gran caldo e molta gente sul percorso.
Con Bubbola, Marina e Luigi.


[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: da Saint Cristophe 10 km di strada asfaltata ma spesso stretta e non protetta; parcheggio eccellente
Novemilatrecentotrentadue piedi. Salita abbinata alla Becca di Viou, da cui siamo arrivati. La via dal colle è spesso segnata da un sentiero e ometti, ma forse la scelta migliore è stare in cresta; oggi le poche lingue di neve erano aggirabili, oppure superabili con qualche sprofondamento. Panorama dalla cima molto simile alla Viou, ma un pelino più limitato...Discesa su bellissimo e panoramico sentiero, ottimamente tracciato anche con posizionamento di pietroni ad uso scalini. Una curiosità: ogni tanto compaiono (vedi foto) piccoli cartelli in legno con indicate cifre in metri (2000 metri, 2100 metri ecc): abbiamo dedotto che si riferiscono ai metri di dislivello percorsi in salita da chi sta salendo, essendo partito da circa 550 metri (credo quindi da Saint Cristophe). Poco dopo essere entrati nel bosco di larici si giunge a Tsa di Viou, in prossimità di una bella triplice vasca in pietra, chiudendo l'anello, percorribile in un totale di sei ore, con difficoltà EE limitate al tratto di cresta tra col di Viou e Mont Mary, dsl poco meno di 1500 metri.
Un tripudio di genzianelle ed anemomi ha punteggiato di blu e giallo la nostra giornata.

Con la gloriosa compagnia di Antonio e Gian Mario.

[visualizza gita completa con 4 foto]
Saliti nuovamente a questa cima per fare il nuovo sentiero 25b ben tracciato e già senza neve che rende escursionistica la difficoltà al contrario di quella che sale dal colle di Viou.
Oggi numerosi skyrunner sul percorso....solo noi gli unici escursionisti. Tempo in rapido peggioramento che ci ha sconsigliato il giro scendendo al colle; infatti siamo stati sotto una leggera pioggerella sino al termine della dorsale.
Con la moglie Stefania e l'amico Vipi sempre presente all'appello e più allenato che mai.
Più info e foto a breve su climbandtrek.it


[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: ok
Partiti da Blavy, seguito sentiero fino alla Tsa de Viou......poi proseguito a dx sul sentiero 25B (nuovo sentiero tracciato per il MontmaryTrail...) .......percorso panoramico ...... Bella giornata , incontrato diversi escursionisti......
In compagnia di Marmottin.


[visualizza gita completa con 7 foto]
note su accesso stradale :: Ok
Sono salito partendo dal campo sportivo di San Christophe sfruttando le segnalazioni per il Vertical di domani. Parecchia neve dopo i 2000 metri anche se gli spalatori hanno fatto un gran lavoro. Quasi impossibile raggiungere la cima con mezzi tradizionali cioè scarpe da ginnastica.

[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: regolare
Scesi dalla Viou abbiamo proseguito per questa cima, raggiungendo così Marta e Piero che ci avevano lasciati al Colle. Anche se da questo punto il panorama è leggermente meno completo ( si perdono Cervino e gran parte del Rosa) valgono le stesse considerazioni fatte per la Viou. Per la discesa abbiamo optato per il sentiero 25B che, presumiamo sistemato recentemente ci ha portati, con un bellissimo e panoramico percorso, ad intercettare il sentiero 25 all'altezza della Tsa di Viou. Anche su questa cima alcuni escursionisti/corridori, saliti dal 25B. In vetta segnale Wind e Vodafone. Come detto con Fausto + Marta e Piero, sperando che non trascorra un altro anno prima di potere fare una gita insieme!

[visualizza gita completa con 2 foto]
Saliti nel pomeriggio sotto un sole cocente, fontana a Blavy e subito dopo la partenza funzionanti. Seguito buona parte della strada fino ad arrivare alle baite (ultima fontana funzionante) poi lungo il sentiero fino alla cima deviando prima verso il bivacco. Ancora qualche chiazza di neve poco prima del colle e poco prima della vetta. Tornati sui nostri passi toccato la cima della Becca di Viou prima di far cena al bivacco, nuova risalita alla stessa cima ancora una volta poco prima che facesse buio per vedere tutta la valle illuminarsi.
Con Bubbola, alcuni lungo il percorso.


[visualizza gita completa]
Sentieri in ottime condizioni che, come già detto dal socio Vipi5547, ci hanno permesso di salire le due vette senza toccare neve. La discesa dal versante sud del Mary si svolge su terreni ripidi con pietraie nella parte superiore e arbusti di bassa vegetazione e gradini erbosi nella parte bassa sino al sentiero 22: un vero "EE". Sconsigliata la discesa da questo versante con scarsa visibilità o terreno bagnato.
Alcuni escursionisti sulla Becca di Viou e nessuno sul Mary; avvistato un camoscio durante la discesa. Allego traccia del giro ad anello.
Con l'instancabile moglie Stefania e l'inossidabile Vittorio.

Più info e foto su climbandtrek.it



[visualizza gita completa con 13 foto]
Anche noi ,dopo aver raggiunto il colle di Viou col sentiero 105/25 come descritto dall'itinerario ,abbiamo prima toccato la vetta della Becca omonima dalla quale si gode di un grandioso panorama a 360 gradi ,successivamente ,ritornati al colle ,abbiamo raggiunto ,col sentiero 25 A, la vetta del Mont Mary altrettanto panoramica.
Abbiamo qui deciso di scendere ,senza percorso obbligato ,il lato Sud con deviazioni verso Sud-Ovest che comportano una lunga discesa fra pietraie, dossi erbosi e zolle di terriccio per raggiungere il sentiero 22 riconducente agli alpeggi di Viou e quindi a Blavy chiudendo un lungo anello.

In compagnia di Stefania e Giancarlo, venuti appositamente nel weekend per effettuare le prime escursioni estive, tutti soddisfatti ,non ci sentiamo di consigliare la variante da noi effettuata per ricollegarsi al sentiero 22 per l'aspro terreno e la ripidità del tracciato che esula dalla categoria E divenendo un EE.
Seguiranno le foto di rito appena il socio di gita Giancarlo me le invierà.


[visualizza gita completa con 1 foto]
Dopo la Becca di Viou saliti anche al Mont Mary: ci siamo tenuti poco sotto il filo di cresta o sulla cresta, occorre un po' di cautela perchè le due dita di neve recente occultano qualche buco fra le pietre e rendono il terreno scivoloso, oltre a non consentire di individuare la traccia di sentiero. Ridiscesi al colle Viou per ricongiungerci con gli amici rimasti ad aspettarci. Anche da qui panorami superlativi sulle maggiori vette della VdA.
Con Matteo.


[visualizza gita completa con 3 foto]
Dal colle di Viou sono prima salita alla Becca di Viou. Tornata al colle ho risalito la cresta NO alla volta del mont Mary. Giornata spaziale e ottimo panorama da entrambe le cime. Consigliata

[visualizza gita completa]

Ci sono anche stati ...

  • 31/07/11 - Blin1950
  • Caratteristica itinerario

    difficoltà: EE :: [scala difficoltà]
    esposizione prevalente: Sud-Ovest
    quota partenza (m): 1451
    quota vetta/quota massima (m): 2815
    dislivello salita totale (m): 1364

    Ultime gite di escursionismo

    20/02/19 - Aquila (Punta dell') e Cugno dell'Alpet da Alpe Colombino - nmanlio
    Salita in notturna fino alla vecchia stazione della seggiovia. Sci e ciaspole si possono lasciare a casa. Siamo saliti con i soli scarponi. Qualche tratto ghiacciato ma gestibile. L'unica cosa utile p [...]
    20/02/19 - Freidour (Monte) da Cantalupa, anello per Colle Aragno est e Colle Ciardonet - mario-mont
    Ancora un po' di neve nei tratti non esposti al sole. Ghiacciata sotto il colle Castellar, mentre sulla dorsale è abbastanza morbida. In discesa verso colle Sperina ghiacciata, ma tutta evitabile. No [...]
    19/02/19 - Vaccarezza (Monte) e Cima dell'Angiolino da Case Picat - bus
    Mi sono fermato sull'Angiolino perchè la cresta è innevata. Il giudizio complessivo è determinato dalle difficoltà a raggiungere pian friserole per la molta neve presente soprattutto dall'alpe fon [...]
    18/02/19 - Musiné (Monte) da Caselette - maxleva
    Relaziono solo per segnalare che sono iniziate le processioni delle processionarie ne ho Incontrate parecchie sul percorso.
    18/02/19 - Sella (Rocca) da Celle, sentieri vari di Rocca Sella - maxleva
    Salito dal versante colle Arponetto. Consigliatissimii i ramponcini, parecchio ghiaccio nell'ultimo terzo della salita. Sceso dal Tramontana che essendo tutto al sole è completamente pulito. Giorn [...]
    18/02/19 - Bram (Monte) da San Giacomo - Klaus58
    Sono salito solo fino al bivacco tralasciando le cime. Fino lì tutto ben tracciato con neve dura che teneva benissimo anche in discesa tanto che le racchette sono rimaste appese allo zaino. Altre due [...]
    17/02/19 - Trubbio (Cima) da Craveggia - erba olina
    Si raggiunge il parcheggio dal centro di Craveggia svoltando prima a sn (dir. "Vocogno") poi subito a destra (per "Vasca-Blitz"), la piazzola si trova pochi metri oltre, sulla sn. Le indicazioni per [...]