Perra (Punta) da Schiaroglio

note su accesso stradale :: Nessun problema
La gran indecisione dove andare di venerdì sera, ci ha fatto scegliere la Perra, che sembrava una scelta di ripiego; invece, complice la variante discesa-salita alla “punta ovest quota 2663” e la discesa per la cresta est, hanno alzato assai il livello di interesse-difficoltà alla gita, a mio parere personale, se non è la più rognosa, è almeno una delle più rognose della Valle di Ribordone. Lo spunto per questa variante, l’abbiamo tratto leggendo la relazione dell’itinerario “322 a traversata per cresta fra le due Bocchette”, sulla Guida Gran Paradiso del CAI.
Partenza dalla piazzetta di Schiaroglio alle 7 e 15’ circa, saliti sotto un cielo cupo pieno di nubi, tanto che sembrava non venire giorno, giunti al Ciantel del Re, sempre nuvolo ma un po’ più chiaro saliamo il dorsalone della Colma, superiamo le baite e ci alziamo sul largo pendio verso la Manda, verso quota 2300 entriamo nella coltre nebbiosa, tagliamo a sinistra ad entrare nel Vallone di Perra, superiamo il cucuzzolo della Croce e l’attiguo mini-laghetto, ci alziamo nella pietraia, pieghiamo a sinistra a raggiungere la cresta sud, dove veniamo colpiti da una strana luce, un fenomeno incredibile, uscivamo dal mare di nebbia e al di sopra un panorama spaziale. Breve risalita della cresta sud e raggiungiamo la Punta Perra, m. 2683, detta anche “punta est”, con tanto di triangolino CAI Rivarolo Canavese, qualche foto di rito, poi uno sguardo alla punta ovest, localizzata poco sopra la Bocchetta di Ciaval, formata da blocchi rocciosi di colore grigiastro chiaro, decidiamo di raggiungerla. Inizio pianeggiante fra i blocchi di cresta, con alcuni passaggi facili, ma da brivido sul ciglio dei grandi strapiombi della parete nord, inevitabilmente arriviamo su un salto di una piccola barriera rocciosa che ci costringe a un non facile aggiramento lungo le magre e ripidissime cenge erbose del versante sud, tagliando più o meno in piano riprendiamo la cresta, dopo pochi passi siamo nuovamente su un salto tipo il precedente, nuovo giro, ancora più basso, per i versanti sud, traverso e leggera risalita alle rocce di vetta della quota 2663 o Punta Ovest di Perra. Ritorno alla punta est, pausa pranzo al sole, a goderci il panorama grandioso; segue variante di discesa lungo la cresta est, sicuramente molto più rognosa della cresta sud, ci abbassiamo nuovamente nel mare di nebbia e facciamo ritorno sul percorso di salita salvo una piccola deviazione al Pian d’Orgera, per fotografare un bella vasca in pietra integrale.
Oggi con l’AMICO FRANCO compagno essenziale per questo genere di esplorazioni! Grazie Franco.


si giunge nella nebbia alla Croce
Uscita dal mare di nebbia, con vista su Punte Manda
Punta Perra, cresta sud
Monte Colombo e al centro, Punta Perra ovest
Profilo cresta est di Punta Perra
Vetta con triangolino della Punta Perra est
Discesa alla Punta Perra ovest
Dalla Punta Perra ovest, cresta verso la punta est
Franco in meditazione sulla Punta Perra ovest
Discesa lungo la cresta est
Vasca in pietra integrale, al Pian d'Orgera

[visualizza gita completa con 11 foto]
Saliti per l'itinerario B. Giornata splendida e calda.Con l'Amico Carlo che ringrazio e Saluto.

[visualizza gita completa con 3 foto]
gran gitone in una delle valli meno conosciute del gran paradiso. fino al ciantel del re c'è un bel sentiero, pulito di recente, oltre si ha ancora una bella traccia fino intorno ai 1600 m, poi si salvi chi può. qualche ometto segna la via, ma le precedenti relazioni sono ben fatte e se non c'è nebbia il percorso è abbastanza logico. dalla "croce di aldo" ci siamo divisi in due "squadre", una ha seguito l'itinerario qui descritto (nessuna difficoltà rilevante) mentre l'altro è salito alla bocchetta alla base della cresta est incontrando un passaggino di roccia (II/II+). bel panorama e solitudine assicurata. discesa lunga e faticosa come la salita per l'assenza di sentiero, fino a ciantel del re.
gran gitone, un saluto ai soci di gita.


[visualizza gita completa con 2 foto]
Bella e poco frequentata e, praticamente, la maggior parte del percorso e’ fuori sentiero, solo qualche traccia di animali, ma per il resto e’ tutto da ricercare.
Per me il vallone di Ribordone rimane, nella sua semplicita’, uno dei piu’ belli, selvaggio ma non ostile, e comunque da non sottovalutare.
La Perra e’ una classica da amatori, che ci ha regalato uno splendido panorama su tutto il vallone di Lazin, giornata limpida e paesaggi desolati ma bellissimi.
Con Angelo


[visualizza gita completa con 12 foto]
con l'amico corrado.super gita e super giornata finalmente.dal ciantel del re abbiamo salito la cresta a dx arrivando direttamente all'alpe colma,da qui abbiamo seguito il perfetto itinerario descritto da Blin risalendo dietro all'alpe fino ai 2350m circa poi traversato a sx trovando la conca dove si trova la croce con la scritta ALDO e a sx della croce il piccolo laghetto,poi ancora a sx salendo sulla cresta sud e arrivando x ripido pendio senza problemi in cima.dalla punta gran panorama.

[visualizza gita completa con 6 foto]
Giornata splendida. Partito alle 5.30 da Schiaroglio e arrivato in vetta alle 8.45.
L'erba ancora umida era assai scivolosa.
Salito da solo. Visti un paio di camosci nel vallone della Perra e un nutrito branco di capre scampanellanti che mi guardavano dall'alto dalla cima di M. Colombo.


[visualizza gita completa con 3 foto]

Ci sono anche stati ...

  • 26/06/08 - Blin1950
  • Caratteristica itinerario

    difficoltà: EE/F :: [scala difficoltà]
    esposizione prevalente: Sud-Est
    quota partenza (m): 1360
    quota vetta/quota massima (m): 2683
    dislivello salita totale (m): 1323

    Ultime gite di escursionismo

    22/01/19 - Vaccarezza (Monte) e Cima dell'Angiolino da Letisetto - maxleva
    Partito dala frazione Banche, 910m. Ben segnata la partenza con cartelli per Cialma e Vaccarezza su sentiero che cavalca tutta la dorsale. Oggi pestato neve, poca 10-20 cm, dalla macchina fino in [...]
    22/01/19 - Bossola (Cima) da Rueglio, anello - gigi02_to
    Presente neve sulla sterrata e tratto finale; i ramponi (oggi) non servono.
    21/01/19 - Soglio (Monte) da Canischio per la Cima Mares - flavytiny
    Meteo terso temperatura freddina. Partito da Sambeila come itinerario 53643 Cima Mares anello per le Rocche di San Martino su strada poderale oggi tutta innevata dai 5 cm alla partenza fino a 25 cm in [...]
    21/01/19 - Cristetto (Monte) da Traversi; anello per i colli Ceresera e del Besso - mario-mont
    Un palmo di neve da quota 1200 metri in su. Poca ma abbastanza da rendere un po' complicata la salita dal Colle del Besso nei vari tratti sulle pietre, che abbiamo affrontato con moltissima calma.
    20/01/19 - Turu (Il o Monte) da Vallo Torinese per il Passo della Croce - fyplom
    Da vallo man mano che si saliva neve di poco spessore presente sul sentiero fino in cima. Per fortuna la neve era morbida e ben camminabile. Ci siamo fermati al passo della croce per il freddo in quan [...]
    20/01/19 - Civrari (Monte, Punta Imperatoria) da Niquidetto - nigando
    Salita su sentiero non sempre identificabile ,con 5-10 cm di neve fresca, tratti con ghiaccio o erba scivolosa sotto. Fermati in prossimità del laghetto: dopo un paio di scivolate e non tutti con r [...]
    20/01/19 - Nomaglio (Comune) da Montestrutto, anelli - erba olina
    Saliti a Bioley percorrendo l'itinerario 2 con partenza, però, da San Germano. Proseguito tenendoci sulla stradina che sale a destra a incontrare il sentiero E4 fino all'Alpe Pejla inferiore (q. 1325 [...]