Cornour (Punta) Versante Nord

osservazioni :: nulla di rilevante
quota neve m. :: 2100
Partiti da Miandette per il sentiero estivo che porta ai 13 laghi. Ormai la neve continua è presente da poco sotto la conca dei 13 laghi. Rigelo comunque ottimo. Saliti fino al colletto, per poi proseguire in vetta seguendo la cresta.
Discesa per la nord sul lato destro (faccia a valle) su neve molto dura ma liscia. Un po’ di slalom tra le rocce, qualche foto, e ci immettiamo nel canale inferiore che ci porta di nuovo nella conca dei 13 laghi.
Arrivati sotto il canale nord est del Cornourin, decidiamo di salirlo per andare fino in cima. In discesa la neve era molto molle, ma comunque ben sciabile.
Ritornati alla macchina, abbiamo festeggiato, con le giuste distanze, lo stop del lockdown con vino, birra, taralli, prosciutto e formaggio.

Un saluto ai miei compagni di ravanate.
Popino, che ha fatto sfoggio del suo fisico statuario, Fabricino poverino, forte come un contadino con la sua fidata zappa e Luis, che ci ha deliziati con la sua ultima fuoriserie tedesca.


distanziamento
Al colle, dietro la Cialancia
Si prosegue per la cresta
Cornour e Viso
Il buon Fabri batte traccia e dietro il mio prefe Popi.
Cima
Mare di nuvole verso la piana
Dalla cima del Cornourin la nord del Cornour fatta prima

[visualizza gita completa con 8 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: Con un 4x4 alto si può arrivare fino alla frazione a 1700m (alpe la sello)
quota neve m. :: 2000
Siccome la via di discesa qui descritta era tutta svalangata... Ci siamo inventati una linea alternativa che parte dalla croce di vetta, scende sul pendio-sospeso girato a nord-est (a fianco alla cresta di salita) e poi scende sulla parete nord, penso che la difficoltà non cambi, qui abbiamo trovato ottima neve liscia e ben trasformata, terminata la parete con un lungo traverso verso la destra orografica abbiamo raggiunto gli impianti da sci e grazie alla pista battuta siamo arrivati sciando fino a prali paese.

L'innevamento è continuo solo dai 2000 metri in su, infatti la via qui descritta di salita non è praticabile se non ravanando nei boschi, l'alternativa è reperire il sentiero che dovrebbe partire dalla zona degli impianti sciistici e che porta alla conca dei 13 laghi (attraversamento del rio 13 laghi abbastanza delicato) oppure sfruttare gli impianti finchè sono aperti.

La cresta non presenta particolari difficoltà se non il fatto che è molto aerea lato val pellice, ed essendo piena di neve sfonda un po' vicino alle rocce.
con Luca


[visualizza gita completa con 5 foto]
Dopo aver sceso il canale N del Peigro sono risalito sci ai piedi dal pianoro fino alla cresta NW del Cornour. Cresta tutta tranquillamente percorribile senza ramponi (una picca può tornare utile dove c'è ancora neve): è solo F+ ma sono ripide placconate o disarrampicate un po' alla cieca che con gli scarponi ai piedi non risultano banali.
Partenza in discesa direttamente dalla croce lungo un'estetica crestina, poi qualche curva e quindi lungo traverso verso dx per andare a prendere il bel pendio sospeso sotto la vetta. Cercando via via le zone di neve bella e continua ci si sposta un po' verso dx per poi tornare a sx e scendere nel bel pianoro dei 13 laghi. Si arriva senza problemi fino a q. 2200, poi da lì lungo sentiero fino alla Berg. della Torre e poi d'ignoranza giù nel bosco fitto fino a tornare alla stradina di Miande Selle (ravaning extreme).
Se non fosse per i 500m di portage non sarebbe male, l'innevamento in quota è ancora abbondante. Alla fine facendo prima il Peigro viene fuori un giro da 1550m, di cui quindi 1/3 di portage.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe lastroni esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: fino a Muande Selle con qualsiasi auto
quota neve m. :: 2000
Giornata splendida: sole, cielo blu, fresco, ottimo rigelo, e il temuto ventaccio era in realtà una brezza piacevole.
Condizioni: la neve inizia nella conca a 2000 mt. Il pendio N appare avvicinandosi molto svalangato, ma in realtà ci sono abbondanti linee di neve liscia e godibilissima per tutta la lunghezzza del pendio. E' in ottime condizioni: neve oggi dura ma con ottimo grip. Gran divertimento.Discesa veramente bellissima. Da non sottovalutare con questa neve, la gradazione se la merita tutta.
Siamo saliti dalla via normale (cresta NE) in condizioni perfette: neve trasformata portante, ottima da salire con i ramponi.
In discesa dal piano dei 13 laghi abbiamo tenuto la sx orografica e ritrovato un canale assai magro che senza togliere gli sci ci ha condotto fino al piano ro a 2000 mt.
Lo si individua salendo: è alla sx orografica della caratteristica rocciona a piramide con un pino sul cucuzzolo.
Oggi non ha mollato fino in fondo.
Tolti gli sci a mt 1950, con qualche acrobazia.Solo 250 mt di portage: si può chiedere di più?

4 e non 5 stelle per la neve un pelo dura(scesi alle 11.30) e per il portage. Ma ne vale ancora la pena,eccome.
Dato il portage, gita non per tutti i gusti, ma straconsigliata agli amanti del genere.A torto poco ripetuta.
Un bel modo per passare il mercoledì mattina!
Con la migliore e più classica delle compagnie: Guidooo...VINDRO!



[visualizza gita completa con 7 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
note su accesso stradale :: Con fuoristrada fino a 50 mt dal Ponte sul Rio dei 13 Laghi
quota neve m. :: 1800
Era da un bel po' che lo osservavo...oggi l'abbiamo portato a casa! 15 minuti di portage poi neve continua (in basso per lingue) fino in cima. Ottimo rigelo oltre i 2000 mt (a Giordano alle 7 c'erano 6 gradi). Saliti con gli ski fino alla base del ripido pendio che adduce alla cresta est poi ramponi fino in cima. Discesa diretta dalla croce con gli sci sul versante Nord, molto adrenalinico. Il primo tratto di cresta presentava un buon firn, poi come è cambiata l'expo (N) si è trasformato in marmo, però con buon grip. Raggiunta la conca dei 13 Laghi sciata in relax fino a 10 minuti dalla macchina (con un pò di rododendring...)
Molto consigliata, tenendo conto delle pendenze sempre sostenute (oltre la conca si è sempre sui 35° con alcuni tratti a 40°/45°) e tratti esposti.
Un saluto ai grandi soci di oggi Tano-bomber e Pit-vintage per l'ottima compagnia e la condivisione di questa magnifica avventura.


[visualizza gita completa con 6 foto]

Caratteristica itinerario

tipo itinerario: itinerario complesso
difficoltà: 4.1 :: E2 :: [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Nord
quota partenza (m): 1495
quota vetta/quota massima (m): 2868
dislivello totale (m): 1375

Ultime gite di sci ripido

24/05/20 - Gran San Pietro (Torre del) dalla Diga di Teleccio per il Canale centrale degli Apostoli - chiara giovando
Itinerario bellissimo e inedito se concepito in sci in questa stagione, ben descritto dal compagno di salita Diego; come detto già da lui, le condizioni di questa tarda primavera e l'ottimo rigelo di [...]
24/05/20 - Gran San Pietro (Torre del) dalla Diga di Teleccio per il Canale centrale degli Apostoli - lupo solitario
Un sogno realizzato!! Erano anni che volevo salire la Torre del Gran S.Pietro ma il valore aggiunto è stato poterlo fare nella stagione scialpinistica così da portare a casa anche la discesa del can [...]
24/05/20 - Monviso Parete Sud - giole
Parete magra ma tutti i passaggi sono collegati (eccetto i fornelli, in roccia viva). Entrati in parete poco dopo le 7 su neve perfettamente rigelata, saliamo la prima rampa e sbagliamo subito, tene [...]
23/05/20 - Perduto (Colle) da Ceresole Reale - umbertobado
Partiti alle 4:40 con gli sci a spalle. La neve inizia a quota 2200 circa grazie alle grandi valanghe scese nei mesi passati. Fino a quota 3000 la salita si svolge dentro e fuori dagli accumuli e d [...]
23/05/20 - Roccia Viva Canale Coolidge - rickyalp82
Portage dalla diga fino alla fine del Pian delle muande. Causa alte temperature, in basso il rigelo è stato praticamente nullo, ma comunque si sale bene, la neve è compatta. Mano a mano che si sale, [...]
14/05/20 - Serpentiera (Punta) Canale NE - popino
Come i Gulliveriani avranno già capito, di questi tempi è un buon affare andare in valle Argentera. La strada è aperta e il versante Nord ha un buon innevamento a partire dai 2000/2200 mt. Portage [...]
14/05/20 - Leccia (Cima di) Canale NE - lupo alberto
Si portano gli sci per circa 20' da Pian della Casa, poi buon innevamento nel Ciriegia, con un piccolo strato di fresca dei giorni precedenti oltre i 2400. Dal colle, crestina-dorsale per la cima puli [...]