Vincent (Piramide) da Indren

neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
neve (parte inferiore gita) :: umida
quota neve m :: 2200
attrezzatura :: scialpinistica
Gita in ottime condiioni già reportizzata nello stesso giorno, ci aggiungo il link del VIDEO e qualche foto
processione a piedi per i canalini noi optiamo per le roccette alte
per le roccette alte stacco obbligato ma poca gente e spettacolare
un pezzo attrezzato
Sopra il Mantova dal Gran Paradiso a sx al Monte Bianco a dx
vento da Nord sulla Vincent
Stupenda cresta del Liskamm
ultimi metri per la Piramide Vincent
bella neve anche verso il versante Sud
sempre spettacolare sotto i seracchi della Vincent
Ancora bella neve anche verso la Gnifetti

[visualizza gita completa con 10 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: altro
quota neve m :: 2900
attrezzatura :: scialpinistica
Parto di buona lena sci ai piedi alle 7.15 da Punta Indren, giusto il tempo di cominciare a scaldarsi e poi cambio di assetto - ramponi ai piedi e sci in spalla per risalire il canalone che adduce al ghiacciaio del Lys: salita tutta sulla sinistra per lasciare libere le corde attrezzate per sicurezza degli atleti, che vedo salire a grande velocità a fianco a me. Una volta guadagnato il ghiacciaio del Lys rimetto gli sci e comincio a salire in mezzo ad un fiume di alpinisti e sci alpinisti: mai viste così tante persone in zona Monte Rosa. Raggiungo la depressione tra Corno Nero e Piramide Vincent e piego ad est per andare alla Piramide Vincent, che raggiungo mentre la cima è sferzata da un vento patagonico, che quasi mi butta a terra. Poche foto con i guanti e poi lascio velocemente la cima senza nemmeno spellare. Cambio assetto pochi metri sotto la cima e poi giù a cannone: 10 cm di neve fresca ventata su fondo irregolare mi regalano una discesa splendida sino al punto in cui raggiungo la traccia Capanna Gnifetti - colle del Lys. Qui mi tengo sulla destra (faccia a valle) delle tracce di salita e mi godo curve su una leggera crosta non portante ma comunque facilmente sciabile, a patto di andare giù un pò decisi senza incidere troppo con le lamine. Come sempre dove il pendio si addolcisce prima di Capanna Gnifetti c'è il solito crepaccio che si passa agevolmente, poi altre belle curve sino all'imbocco dei canaloni, dove l'organizzazione della gara mi chiede di non passare per l'affollamento di gente sul canalone e sull'imbocco sottostante. Riesco a fare ancora qualche bella curva su firn spettacolare sin sotto il Mantova, poi breve traverso sci ai piedi, breve tratto con gli sci in spalla per passare un breve tratto di sentiero roccioso privo di neve ed infine nuovamente sci ai piedi sino a Punta Indren, dove alle 11.10 sono già sulla telecabina per tornare a Staffal
Nonostante sia ormai estate non ho saputo resistere all'occasione di andare finalmente alla Piramide Vincent in giornata approfittando dell'apertura anticipata per la AMA Sky Marathon. Alle 7.00 a Punta Indren c'è già tanta gente per assistere al passaggio degli sky runner ed incoraggiarli.
Finalmente sono riuscito ad andare sulla Piramide Vincent, dopo che per vari motivi non ero mai riuscito a passarci nonostante le numerose volte che sono transitato in zona sulle altre cime del Monte Rosa, con gli sci oppure a piedi: giornata con meteo splendido e neve fantastica, per chiudere una stagione sci alpinistica veramente ricca di gite dopo l'infortunio del 2018.
Arrivederci alla prossima stagione!!!!!


[visualizza gita completa con 9 foto]
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2500
attrezzatura :: scialpinistica
Saliti a Punta Indren in funivia e successivo pernottamento al rifugio Città di Mantova per salire la Zumstein il giorno dopo. Giornata calda e con poco vento con condizioni eccezionali per salire. Rampant utilizzati solo poco prima della vetta. Discesa su neve farinosa un po' lavorata dal vento e dai passaggi degli alpinisti. Ottimo manto primaverile da quota 3.900.fino al rifugio. Comincia a intravedersi qualche crepaccio sotto i seracchi della Piramide Vincent dove bisogna sciare con un minimo di cautela. Con Daniela, Danilo, Alberto, King, Angela, Dario e Micheline.

[visualizza gita completa con 7 foto]
attrezzatura :: scialpinistica
Splendida giornata è splendida gita. Discesa perfetta, si arriva ancora a Staffal sci ai piedi, con due brevi tratti a piedi.

[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
ha gia' scritto molto Andra, con cui ho condiviso la gita: uno "splendido" ripiego rispetto al Corno Nero ma c'era realmente troppo vento per affrontare le creste ....
comunque saliti sulla vincent fino in punta senza neppure mettere i rampant ... direi un ottimo risultato
crepacci ancora abbastanza chiusi... tutto fermo e stabile dal grande gelo
scesi per il pendio di salita (bello) poi seguendo i "paletti" che sono sul luogo (direi molto utili specie nei giorni di scarsa visibilità)
neve fantastica... dura sotto con un uno strato di 10-15 di soffice sopra poi appena sotto il canalino delle aquile (in buone condizioni di innevamento ma con tante gobbe) diventava per magia perfettamente trasformata e compatta
sci ai piedi fino al parcheggio con solo 2 brevi interruzioni di pochi metri che ti costringono al "gava e buta" primaverile

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Saliti con funivia fino a punta Indren dove abbiamo trovato vento forte e scarsa visibilità. Partiti sci ai piedi alle 8, ci siamo accodati alla processione di scialpinisti diretta verso i rifugi Mantova e Gnifetti. Nessuno invece verso la più vicina Giordani avvolta dalla nebbia mentre soltanto due coraggiosi, o incoscienti, affrontavano il canale Indren che sembrava piuttosto carico. Salendo di quota sono aumentate le raffiche di vento ma, fortunatamente, anche la visibilità. Nonostante fossimo attrezzati per l'obiettivo del Corno Nero siamo stati indotti dalle condizioni patagoniche a salire la più facile Piramide Vincent. In vetta alle 10,30; il vento fortissimo e gelato ci ha costretti a scendere con le pelli per almeno 50 metri. Poi discesa eccezionale con ampie schiarite e neve fantastica da cima a fondo con neve fresca e farinosa fino a quota 2.500 e poi ottima primaverile fino a Staffal. Complimenti ai campionati che hanno affrontato e concluso il Trofeo Mezzalama in condizioni indubbiamente difficili. Con Riccardo.

[visualizza gita completa con 7 foto]
attrezzatura :: snowboard
Approfottiamo dell apertura anticipata degli impianti( e al costo di soli 5 euro) per salire questa cima in veste invernale... Vento fastidioso da subito ma sopportabile. Meteo in netto miglioramento durante la salita. Ottima visibilità in discesa iniziata alle 11. Vento insopportabile sulla cima. Peccato. Discesa su neve spettacolare fino al mantova. Poi rovinata dai passaggi ma sempre divertente.
Ottima giornata

[visualizza gita completa]
attrezzatura :: scialpinistica
I due canali per salire/scendere dopo la fine seggiovia dell'indren sono tendenzialmente sconsigliati, seppur utilizzabili.
Lungo il percorso sono stati avvistati solo una manciata di crepacci (5/6) , tendenzialmente piccoli (20-40cm) e con ponti di neve ben portanti.
Nell'ultima parte della pala per il Vincent servono rampanti (o eventualmente ramponi). La neve in cima è ventata.
Per la discesa verso Alagna si sconsiglia di passare per il freeride paradise. La neve è pessima: crosta non portante che non permette di sciare e affatica inutilmente le gambe. Prendere piuttosto la cabinovia da indren e poi proseguire per le piste
L'ultimo weekend di Marzo la squadra ST (summer tyres) decide di puntare verso l'alto. La piramide Vincent è la meta prescelta e un folto equipaggio si palesa alla partenza. Nonostante alcune importanti assenze i membri della squadra sono 7 e con la prima seggiovia decidono di avviarsi verso le cime del Monte Rosa. Partiti da Alagna e arrivati a 3200m tramite mezzi di locomozione borghese, alcune sventure paiono manifestarsi all'orizzonte: c'è chi rischia di perdere uno sci e chi si ritrova con un bastone spezzato a metà. Una picozza e del nastro americano però permettono di riportare in vigore la racchetta perduta. Considerata la splendente giornata sarebbe stato un peccato sprecarla per un simile problema tecnico. Un membro purtroppo si fermerà a quota 4000m, sul pianoro alle pendici della piramide, mentre i restanti 6 partecipanti riescono a portare i loghi ST fino alla ridente vetta. Dopo un breve ringraziamento, una lunga e tortuosa discesa consegue alla salita. Nonostante la prolungata giornata, tutta la squadra è concorde nel celebrare il successo dell'attività che ha permesso di allargare il palmares dei partecipanti ad un nuovo 4mila con gli sci. Morale della favola: "Se ti tenta la Capanna, stai attento che t'inganna".


[visualizza gita completa]
attrezzatura :: scialpinistica
Poca neve, e molto ghiaccio in zona. Saliti con la prima funivia, passando per il traverso basso sotto al Mantova poi si sale bene, su neve molto dura compattata dal vento. Numerosi crepacci. In discesa la prima parte sarebbe anche stata bella, ma la visibilità molto scarsa, ci ha fatto scendere piano.

[visualizza gita completa con 2 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: umida
quota neve m :: 2800
attrezzatura :: scialpinistica
Dall'arrivo della Indren seguito traversone basso sotto alle roccette, come a primavera, grazie alle ottime condizioni di innevamento. In questo modo non ho mai tolto gli sci. Si aggira il Mantova stando nelle vallette sottostanti e si sbuca nella conca tra i due rifugi. Giro lungo ma veloce che evita cambi di configurazione, portage e tribolazioni da riservare a più avanti.
Sopra condizioni spettacolari. Arrivato in cima alla Vincent e subito retrofront causa vento forte fastidioso.
Senza togliere le pelli mi sono portato al colle sottostante e ho proseguito per il Balmenhorn, dove ho trovato aria ferma sotto all'isolotto roccioso.
Discesa verso le 12.30 con neve ancora accettabile e divertente.
Attenzione che il primo rampone del ghiacciaio del Lys inizia a evidenziare buchi e la miriade di peste e neve spostata dalle sciate maschera pericolosamente alcuni crepacci che si stanno aprendo.
Se il caldo non molla bisogna fare attenzione nei prossimi giorni.
Altra grande sciata di fine stagione !
Rispetto allo scorso anno, alla partenza, quelli degli impianti hanno aperto la Indren in concomitanza dell'arrivo della prima funivia...meno male ! Alle 8.15 partivo quindi sci ai piedi.
Però alle 14.00, di rientro dal Mantova, trovavo un grumo pauroso di gente in attesa che....riaprissero la Indren dopo la pausa prazo!
Demenziale, possibile che sia così difficile tenere aperto continuativo di domenica a luglio con tutti gli alpinisiti che rientrano proprio verso quell'ora ???? Due ore per scendere ad Alagna....no comment.



[visualizza gita completa con 3 foto]
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: umida
quota neve m :: 2900
attrezzatura :: scialpinistica
Dopo il balmenhorn ci siamo diretti su questa bellissima vetta. Peccato per la discesa della pala...neve dura ma un po' ventata che faceva vibrare un po' troppo gli sci. Sotto polenta facile.

[visualizza gita completa con 6 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
saliti per il canalino che porta sopra il rif.Mantova ben segnato e facile, nessun crepaccio, fino in cima con gli sci ,meglio qualche tratto con i coltelli, oggi la neve è rimasta marmorea , vento fastidioso in vetta ma non troppo freddo, ripellato e saliti al Balmenhorn per completare la giornata.
oggi in compagnia di Daniela, Marco e JeanPierre


[visualizza gita completa con 5 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: nessun problema
quota neve m :: 1600
attrezzatura :: scialpinistica
Scialpinistica con prima parte su ovetti, da Stafal e indren, con partenza ore 8.00. Prima parte un pò scivolosa, avrei fatto meglio a mettere i rampant, tutto ok sin dopo il pianoro dopo la capanna gnifetti, poi messo i rampant per il primo strappo, con crepacci ancora tutti completamente chiusi, ottima scelta in quanto si saliva tranquilli senza scivolamenti, arrivati al bivio, la neve si presentava meno rovinata per i minori passaggi, salita ottima, partiti alle 8.52, arrivo in cima verso le 11.30, al ritorno tantissima gente negli ultimi tornanti. Discesa nella prima parte fantastica, seconda parte sino ai rifugi più che buona un po rovinata ma divertente, dai rifugi sino all'arrivo della prima seggiovia, bagnata ma scendibile, poi su pista, un po bagnata ma senza problemi. certo che con giornata di sole così si scioglierà in fretta.
Saliti con mio fratello Marco


[visualizza gita completa con 2 foto]
attrezzatura :: scialpinistica
con occasione del mezzalama, un giro ad un 4000 x fare quota, e spettatori, con soci -ivo omar e max. grandi panorami, pure al bar!

[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: perfetto fino a Staffal
quota neve m :: 2200
attrezzatura :: scialpinistica
Oggi non c’è una gita da raccontare, o meglio ce ne sono tante, una per ogni squadra del Mezzalama che ha intrapreso questo magnifico percorso fatto di fatica, freddo e vento, il tutto in una cornice di pubblico spettacolare con una giornata da cartolina nell’ambiente unico del M.Rosa, una vera festa dello sport!
Anche noi , come le centinaia di skialp presenti, abbiamo approfittato dell’apertura gratuita degli impianti e, dopo aver visto scendere le prime squadre(che distacchi han dato alle altre le prime due………) ci siamo diretti alla Piramide Vincent, obiettivo di giornata.
Una volta raggiunta la cima abbiamo fatto un veloce cambio di assetto a causa del forte vento e delle temperature rigide, prima parte di discesa molto divertente su bella neve fino alla zona dei grandi crepacci, poi un alternanza di neve dura gelata e bella primaverile fino al Mantova, punto dove le squadre terminavano la discesa legati.
Al Mantova abbiamo ripreso una temperatura corporea decente e poi giù su neve marcetta e gobbe fino al Gabiet, stando sul lato torrente per evitare la risalita, non essendoci più il raccordo nevoso fino a Staffal, cosa che ci avrebbe richiesto un 40 minuti a piedi, abbiamo preso gli ovetti per il rientro.
Le condizioni dei ghiacciai sono ottime, tutto chiuso a parte i grossi crepacci nel cambio di pendenza che precede il piano prima del Col del Lys.

Grande giornata di sport condivisa con il socio Enzo
Incontrati in salita i gulliveriani Bilcross e Fyplom.



[visualizza gita completa con 9 foto]
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1900
attrezzatura :: scialpinistica
Grande folla oggi per il Mezzalama e impianti gratis. Saliti fino a Indren in funivia, il traverso verso il Mantova e' in condizioni discrete e non da' problemi (neve non troppo dura). Al di sopra tracciatissimo, e salvo il vento un po' fastidioso nella zona della Gnifetti si sale bene. Di nuovo vento forte in vetta. Prima parte della discesa molto bella stando sulls dx della vetta, poi fondo duro ma non troppo fino in zona Gnifetti e neve mollata il giusto fino al Mantova. Al di sotto (dopo congrua sosta) condizioni che peggiorano a causa della neve molle e dei molti passaggi, tuttavia ben sciabile. Canale dell'Aquila molto segnato e un po' fastidioso. Zona piste gia' ben lisciata dal gatto, e sci ai piedi fino a circa 1.5 km dal fondo valle.
Bellissima giornata in compagnia di Franco, Bruna, Emanuela e Luca. Ce la prendiamo comoda (partenza ore 8.25, 5 minuti prima che finisca l' orario in cui gli impianti sono gratis) ma viste le temperature ancora freddine la mattina la scelta e' stata azzeccata.
Discesa lunghissima fino a fondo valle , con gambe un po' provate a fine gita....ma ne e' valsa la pena. Come sempre spettacolo meraviglioso dalle cime del monte Rosa.


[visualizza gita completa con 4 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: umida
attrezzatura :: scialpinistica
Oggi con la scusa del Mezzalama ci siamo fatti un giro alla Piramide, Roberta in super forma.. Temperatura bella fresca ma pensavo peggio, a scendere bei pendii e ultima parte sotto il Mantova piena di gobbe e neve marcetta.. Saliti anche al Balnerhon.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti da Staffal sulla pista Moos, con neve a chiazze. Abbiamo portato gli sci a spalle per circa 15'. Neve continua da 2000 mt. circa.
Rigelo potente oggi, e neve che non ha mollato nemmeno al sole delle 12,30, quando ho iniziato la discesa dalla Piramide Vincent. Dura portante, spesso irregolare, fino a quota 3200, poi, al di sotto, finalmente più gestibile nonostante i numerosi passaggi.
Canale dell'Aquila completamente a gobbe altissime!!

2400 mt. D+, 28 km
Con Luca Mountain Sicks, Max e Andrea (fermatisi poco sotto)


[visualizza gita completa con 5 foto]
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
Raggiunta Indren con gli impianti, iniziamo a salire verso la meta odierna con un caldo anomalo... Saliamo nel ripido canale che in breve ci permette di raggiungere la capanna Gnifetti, da qui il meteo cambia: vento forte e qualche nuvola ci accompagneranno fino in cima... Giusto tempo di fare due foto, poi iniziamo la discesa e ci dirigiamo verso il Balmenhorn...
Con Denis

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: strade pulite
attrezzatura :: scialpinistica
pernottato al rifugio Mantova.
per arrivare al rifugio, da punta Indren seguito il traccione basso che porta sotto il costone di roccia che si aggira sulla dx e poi si punta al rifugio, al pomeriggio neve un po cotta ma che facilita la progressione.
Partiti dal mantova non prestissimo per evitare la neve ghiacciata ma è stato inutile, coltelli molto utili in particolare sulla varie rampe che s'incontrano.
tutto tracciato per tutte le vette del comprensorio.
il linea generale grandi crepacci chiusi ma poco sotto il colle Vincent tra le seraccate e vicino alle varie tracce di salite ci sono 2 bei buchi ben visibili ma in discesa se "ci si lascia andare a facili entusiasmi" possono diventare pericolosi.
discesa: anche in questo caso nonostante l'ora tarda la neve ha mollato poco quindi si scia un po su tutti i tipi a seconda delle esposizioni e della quota.
per il rientro abbiamo optato per la discesa segnata dalle paline rosse passando per il canale dell'aquila.
parte alta bella con neve trasformata poi più sotto dove il canale si stringe decisamente molto bagnata e a gobbe ma si scia abbastanza bene.
poi su pista con neve ormai alla frutta.


2 giorni fotonici in quota con ambiente superbo che regala forti emozioni.
con Save


[visualizza gita completa con 6 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: umida
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Dall'arrivo Indren ho seguito il traverso leggermente discendente per portarmi fino a sotto il Mantova e risalire i relativi pendii.
Alle 9.30 nonostante l'insolazione la traccia era ancora abbastanza gelata e scivolosa per le pelli, quindi veniva meglio stare due spanne fuori traccia. Fuori appunto la tenuta della neve anche sui pendii ripidi era ottima.
Da oltre il Mantova ottime condizioni del ghiacciaio, che è praticamente tutto chiuso, salvo percepire gli avvallamenti dove si sa che di solito più avanti nella stagione inizia ad aprirsi. La prima rampa dopo lo Gnifetti è tracciata molto più a sinistra del solito, proprio in zona tipicamente "bucata", ma apparentemente non ci sono problemi.
In discesa il ghiacciao del Lys alle 13.00 era meglio di alcune piste battute ! La polenta sotto il Mantova invece ancora bene gestibile.
Direi nel complesso una sciata inaspettatamente galattica.
Avevo appena finito in questi ultimi due anni di compiacermi che ad Alagna si sono decisi ad aprire biglietteria ed impianti un po' prima (8.00), che devo ricredermi per i Valdostani. Alle 8.30 ero ai Salati e....la telecabina dal Gabiet non funzionava ancora, ma addirittura la prima corsa per la Indren alle 9.15 !!! Tre quarti d'ora lì come il cucù ad aspettare....NO COMMENT.
Inutile avere bollettini valanghe che ci spronano a "chiudere le gite per tempo nella mattinata" se poi prima delle 9.30 non si riesce a partire (e fare traversi come me o canalini come ha fatto qualcun altro).
A parte questo "fastidio" iniziale devo dire che finalmente mi sono goduto la vetta al caldo e senza vento, contrariamente a quello che si patisce di solito in piena estate.
Un saluto a Paul e Alessandro, intraprendenti Valtellinesi arrivati in cima poco dopo di me


[visualizza gita completa con 5 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: altro
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 3000
attrezzatura :: scialpinistica
Il ghiacciaio rispetto a due settimane fa ha iniziato a mostrare avvallamenti anche se oggi si passava ancora serenamente. La parte inziale della rampa del Lys sopra lo Gnifetti, in particolare in discesa, è da fare con attenzione. Sopra un po' ghiacciata causa vento che ha lisciato e vetrato un po'.
Oggi ho fatto la ferrata. Volevo vedere la differenza eventuale di tempi col canalino, che mi è apparso un po' liscio e gelato rispetto alla volta scorsa.
Sciata come al solito ineguagliabile, nononstante un po' di duro in alto e.....il vento fortissimo sul pendio della sommità Vincent che ha regalato una strana sensazione di "paracadute".
Se non era per il vento meritava 5 stelle. In realtà rispetto alla volta scorsa le temperature erano più alte, ma il vento più violento. Meno male che era a raffiche e quindi si riusciva a riprendere il fiato tra una folata e l'altra. Se sapete cosa è la "sabbiatura" in ambiente industriale, possiamo dire che ho sperimentato la "ghiacciolatura". Le raffiche infatti sparavano addosso e in faccia granite di neve gelata.....alla fine sul Rosa si prende sempre più freddo ad agosto che a primavera!
Non ho fatto praticamente foto causa vento.....


[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: altro
quota neve m :: 3000
attrezzatura :: scialpinistica
Canalino in perfette condizioni (salito spallando con ramponi e bastoncini). Ghiacciaio poco aperto, almeno rispetto all'estate 2015. Con la splitboard sono riuscito senza rampanti ad arrivare a 10 m dalla gobba sommitale, poi spallato; con sci più stretti o con rampanti è completamente fattibile.
Raggiunta la vetta della Piramide Vincent per la prima volta con la splitboard, poi sceso sul colle Vincent e spallato senza ramponi verso il Balmenhorn, dove abbiamo passato la notte (in bivacco eravamo 11 persone).


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
Alla Indren alle 8.10! Si parte benissimo sci ai piedi dall'uscita della Indren, se si vuole fare il canalino come ho fatto io, che era in ottime condizioni di tenuta e stabilità a quell'ora. Tenuto il margine sinistro per stare il più possibile fuori dall'ingorgo di persone e...su dritto come un ascensore!
Poi sopra, sul ghiacciaio, uno spettacolo ! Quasi una pista battuta, meglio di tante altre volte. I soliti buchi e fratture, ma molto ben coperti o comunque intuibili.
Dalla conca del Balmenhorn un po' più ghiacciata salendo, causa il solito vento balordo e freddo.
Cima quindi goduta veramente poco...niente sdraio e ombrellone !
Discesa super dalla conca fino al Mantova...uno sballo veramente. lasciata la cima alle 12.
Tanta, tanta gente...ma c'è spazio per tutti.
Sempre ottime le torte al Mantova !
Super ingorgo alle 14 alla funivia per la discesa dalla Indren ai Salati.....


[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: Ok
quota neve m :: 3000
attrezzatura :: scialpinistica
Partito con gli impianti alle 7.30 tanta gente ma ne vale davvero la pena. Condizioni ottimali di neve e ghiacciaio con pochissime aperture ben visibili gran caldo e vento nullo in vetta. Il canale si percorre con i ramponi ben tracciato. Giornata memorabile dopo 18 anni dalla salita alla Gnifetti altri tempi...oggi per incorniciare la giornata salito anche alla ludwigstone...doppietta e grande soddisfazione. Discesa quasi perfetta a parte il canale un po sfondoso ma ci sta!!!

[visualizza gita completa con 4 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 3000
attrezzatura :: scialpinistica
5*: la neve un po' dura solo sotto la punta,è stata stupenda fino al r. Mantova. Di qui con due togli e metti, di cui uno un po' più lungo sulle roccette, siamo scesi ottimamente fino a Indren; più in basso ora è sconsigliabile. Il manto è continuo e, a parte i grossi crepacci , ben visibili, presenta soltanto qualche spaccatura.
La giornata è stata spaziale, un po' ventosa la mattinata, ci ha comunque concesso una buona permanenza sulla punta e una buona tenuta della neve.
Con Bruno, colgo l' occasione per fare un saluto a tutti gli amici.


[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ok a staffal
quota neve m :: 3000
attrezzatura :: scialpinistica
Alle 7.00 vi era già una piccola coda alla cassa per indren, apertura alle 7.30. Partiti verso le 8.30 da indren e fatto il canale con neve ancora portante sulla traccia con i ramponi e sci sullo zaino. Più su condizioni di neve perfette ma vento a raffiche sempre più forte prossimi alla cima. Scesi non subito per ricompattare il gruppo.A parte sul primissimo pendio che era irregolare e che non aveva mollato per il resto neve bellissima da sciare stando attenti a non infilarsi nei crepi che si stanno aprendo. Tutto il mio gruppo sceso dal canale con attenzione data la qualità della neve ormai marcia io e Andrea abbiamo preferito passare dal mantova, togliere gli sci nel sentiero e poi l'ultimo tratto con lieve pendenza fino alla funivia con gli sci.
Con Sepp, Giuseppe, Bepi, Rodo, Alberto, Giampiero e Jordi. In saluto a giumed ed Elio incontrati alla biglietteria.


[visualizza gita completa con 7 foto]
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
Ultima gita di di ski alp della stagione 1516, ottimo ancora l'innevamento, saliti dal canalino, oggi molti ski alp, sembrava di essere al Mezzalama, l'unica nota dolente che arrivati al colle ha cominciato tirare un forte vento, delle follate che ho rischiato di cadere un paio di volte, in vetta siamo scappati subito il tempo di togliere le pelli e via, neve fantastica, ma le 5 stelle sono troppe per tutta la gita che sicuramente verrà ancora tanto gettonata, giornata al massimo splendore.
Un saluto ai compagni di gita e tutti gli ski alp che conosco, appuntamento per 16|17, speriamo in una stagione con più neve dall'inizio, un saluto ad Andrea Canobbio che ha diviso la gita con noi, cioooooooooo


[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: siamo in estate...
quota neve m :: 3000
attrezzatura :: scialpinistica
Commovente. In alto, due dita di polvere su fondo duro; da metà in giù, bellissima "cremina". Fanno eccezione solo il primo pendio dalla vetta, piuttosto duro, e il canalone, marcio e irregolare. Ma per il resto, meraviglia fino alla funivia, anche grazie al fatto che la salita diretta alla Vincent consente di ottimizzare i tempi. Molta gente a piedi (bah?), meno con gli sci, ma ben distribuiti sui vari itinerari. Tutto bello chiuso.
Fatta in giornata dal profondo sud del Piemonte è un discreto mazzo, visti i km in auto; per fortuna ho potuto contare sulla compagnia di un grande amico (peccato per la mancanza di un membro del terzetto; alla prossima, Marco!).


[visualizza gita completa con 2 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Ottimo fino a Stafal.
quota neve m :: 2800
attrezzatura :: scialpinistica
Condizioni ottime sul percorso per la Vincent, crepacci chiusi e neve molto bella. Si arriva in vetta sci ai piedi, terminale ben coperta. In discesa nel primo pendio sotto la vetta crosta dura ventata, puoi un po' di farina su fondo duro e quindi primaverile. Sceso il canale diretto su Indren alle 10:00 con neve ancora buona. Bellissima primaverile nel conoide e fino alla funivia.
Con Emily, ultima scialpinistica della stagione. I soci sono saliti alla Margherita trovando ottime condizioni ma vento freddo nell'ultima parte.


[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Bella giornata rubata al merendino del 25 aprile.... Neve eccellente anche ad alta quota, con farinella ventata morbida e ben sciabile. Poi sempre fondo duro e bello smosso dai ripetuti passaggi. Si arriva ancora a Stafal sci ai piedi sulla pista, con tre o quattro togli-metti. Crepi ben visibili ed evitabili senza difficoltà.
Noi siam saliti ieri fino a indren per dormire a Gnifetti. Qui come al solito tanta gente da tutto il mondo, e italiani in minoranza, quasi! I soci Cai ancora pagano 18€ per il solo pernottamento... Di notte c'è stata bufera e, al mattino al rifugio -15gradi!!!
Alle 8:30 si è aperto e via su; ma il fortissimo vento glaciale ci ha accompagnato tutto il tempo. Ancora che siamo arrivati in cima...
Con Ettore in vetta e Claudio e PaolaC al rifugio.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: //
quota neve m :: 3000
attrezzatura :: scialpinistica
Ottime condizioni ed ottima traccia. Tempo splendido, freddo e molto vento.
Giro molto bello: da Indren passando per il Mantova fino al colle del Lys, poi Cristo delle vette, discesa sul col Vincent e nuova risalita alla Piramide Vincent. Infine lunga discesona fino a Staffal sciando il canalino dell' Aquila.
Luoghi maeravigliosi.
Pierfrancesco Brignolo, Giovanni De Rosa. Un giorno felice.


[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: umida
quota neve m :: 3000
attrezzatura :: scialpinistica
Ancora in condizioni il canale, tutto neve, ancora in condizioni il ghiacciaio solo i grossi crepacci , giornatona per una gran sciata, solo il canale un pò marcia ( 11,15)-
Ps. ancora una volta un piccolo consiglio; avere coraggio và bene ( 23 anni) ma bisogna abbinarlo anche alla tecnica di discesa, non dico super, ma almeno discreta,questa volta i due ragazzi incontrati nel canale hanno avuta dalla loro parte anche la fortuna, ma .....................

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2800
attrezzatura :: scialpinistica
Buone condizioni qualche crepaccio comincia a vedersi ma è ancora tutto ben gelato. Al ritorno pericolosi i canalini sotto il rifugio gninfetti.
Con stefano 83


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti dall'arrivo della funivia Indren salendo il canale in ottime condizioni, ancora ottimo innevamento con qualche crepaccio che incomincia a farsi vedere. In discesa solo qualche problema nel canale finale che aveva già mollato troppo.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2900
attrezzatura :: scialpinistica
Ancora molto bella, ho iniziato la salita alle 8.45. Il canale oggi era in ottime condizioni, molto tracciato, ramponi non indispensabili. Poi bella salita fino in vetta. In cima vento fresco, discesa iniziata alle 11 su neve stupenda. Solo la prima parte del canale era un po' sfondosa. Molta gente in giro sui vari percorsi.

[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ok
attrezzatura :: scialpinistica
4* scendendo dalla punta di circa 150 m, la neve dapprima crostosa diventa sciabilissima: 5* fino al Rifugio Mantova. Purtroppo abbiamo trovato vento forte in cima. Si parte, sci ai piedi, dall'arrivo della funivia e si potrebbe arrivare fino ad esso passando dal canalino sinistro fatto salendo. Una slavina vista sul gemello a destra sempre salendo ci ha consigliato di scendere sul sentiero dal Mantova fino alla parte attrezzata con un cavo: il portage è di circa 30'. I crepacci sono abbastanza chiusi a parte 3 o 4 enormi, anche se si vedono fratture che potrebbero creare seri problemi a coloro che sono senza sci o con un rialzo di temperatura. Stranamente abbiamo incontrato pochi skialp anche se le condizioni sono favorevoli. Le funivie da domani dovrebbero funzionare regolarmente.
Con Bruno e Giulio. Ricambiando saluti a Renato63 colgo l'occasione di inviarli a tutti gli amici.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: -
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Colta l'occasione della salita gratuita e dell'apertura alle ore 4, sacrifichiamo il sonno per il Mezzalama. Causa attesa per problemi di ghiaccio alla Funifor, facciamo appena in tempo a vedere i primi al Mantova. Poi ci mischiamo al gruppone sino al passare degli ultimi sotto il Colle del Lys. Di fatto viaggiano alla velocità degli impianti. Complimenti a tutti.
Bella neve farinosa da poco sotto la vetta al Mantova, poi più pesante, ma non marcia. Si arriva a pochi minuti dal piazzale. Bel discesone. Crepacci chiusi, visti solo due buchi.

[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: libero
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Vento forte e freddo soprattutto al mattino presto, poi giornata spaziale.Discesa dalla vetta e breve risalita al Balmenhorn neve bellissima sino al Mantova nonostante i numerosi passaggi in concomitanza col Mezzalama. Neve molto molle ma sciabile dai 3000 in giu'.Con Giulia

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: nessun problema
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Sfruttati gli impianti gratuiti per il Mezzalama. Gran neve dalla vetta al Mantova. Poi polenta da 2 stelle marce da 3000 in giù. Tantissima gente come previsto. Si arriva con gli sci a 20 minuti da Stafal

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto cadere valanghe a pera
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
note su accesso stradale :: nessuna
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Con gli impianti da Staffal si può salire la Piramide Vincent tranquillamente in giornata. Sull'itinerario eravamo solo in due. In alto molto freddo e vento fortissimo; in vetta quasi impossibile stare in piedi. La neve è stata molto lavorata dal vento e poco sciabile.
Dal doppio canalino è scesa, tra le 11 e le 14, una valanga di una certa dimensione.
Si scende, alla fine su una striscia di neve artificiale, fino a Staffal, ma è più consigliabile dal Gabiet scendere con gli impianti (31 € il giornaliero, 23 € la sola salita a Indren).




[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: altro
neve (parte inferiore gita) :: altro
note su accesso stradale :: perfetto
quota neve m :: 3000
attrezzatura :: scialpinistica
A 11 giorni di distanza dal precedente post le condizioni sono cambiate radicalmente. Sotto i 3600 la neve si è asiugata e ritirata parecchio. Sopra invece la diminuzione è meno considerevole. Ma ovunque è compattata dal continuo scioglimento e rigelo. Oggi causa vento da NO teso e freddo di questi giorni era tutta dura e gelata. Dalla cima e fino alla conca Balmenhorn-Vincent saga dei sastrugi, poi via via scendendo diventava più piacevole per scioglimento dello strato superficiale.
Attenzione ! Stanno saltando fuori vari crepacci. Dalla base della rampa Lys ho passato almeno 5 ponti / fessure significative, compresa quella al bivio per la Vincent che sta facendo un bel gradino. Su un crepaccio c'è già la fessura sia all'inizio che alla fine del ponte. Credo quindi che il lusso di andare con gli sci e slegati abbia proprio i giorni contati.
Quando ero a metà della rampa Lys in salita è crollato un grosso blocco di ghiaccio dai seracchi sulla destra, ma si è fermato nella zona sottostante. In quel punto la traccia è per fortuna molto più in là.

[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Perfetto
quota neve m :: 3000
attrezzatura :: scialpinistica
Fatto il sentiero attrezzato che sbuca più sù del mantova.
Faticoso l'ultimo pezzo delle scale di legno per il peso degli sci in spalla.
Qualcuno è salito anche dal canalino che sembrava buono.
I crepacci pericolosi sono ben visibili all'inizio della rampa del Lys. Per il resto tutto tappatissimo.
In discesa si poteva zigzagare abbastanza tranquillamente intorno alla traccia di salita su ottima neve primaverile.

[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 3000
attrezzatura :: scialpinistica
Gita ancora fattibile..attenzione ai buchi che cominciano ad aprirsi..in definitiva una discesa discreta..buona estate a tutti

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Ok
quota neve m :: 3000
attrezzatura :: scialpinistica
Siamo partiti con ramponi ai piedi e sci sullo zaino (ormai questo è l' assetto che ci è piú congeniale...) salendo il canale, quindi abbiamo calzato gli sci all' uscita di quest' ultimo. Ci siamo legati al termine del falsopiano quando abbiamo visto che oltre ai crepacci ben chiusi (come da relazione di due giorni fa) c' erano in realtà anche dei bei buchi! (per cui bisogna porre molta attenzione anche in discesa) e abbiamo proceduto in cordata fino in cima.
La discesa è stata bellissima in alto su neve dura ma molto grippante, mediocre in basso dove alle 12 aveva già mollato parecchio. Ma secondo me in questi luoghi ciò che conta è l' ambiente spettacolare, lo sci è solo un dettaglio, un mezzo per scendere piú velocemente e senza farsi un mazzo cosí nella neve tipo vinavil!
Tempo spettacolare e prime avvisaglie di perturbazione intorno alle 14, come da previsioni. E molta gente (ancora parecchi con gli sci e qualcuno anche con tavola e splitboard), diretta un po' su tutti gli itinerari.

Nota: la funivia di Indren rimane chiusa dalle 12,30 alle 13,45!
Non riporto i commenti delle numerose persone presenti che (come noi) hanno dovuto attendere anche piú di un' ora per poter scendere!
Un ringraziamento a Beppe che mi ha convinto a fare ancora quest' ultima gita con gli sci, e quindi gran conclusione della stagione su un 4000, quota alla quale non salivo da parecchio tempo!



[visualizza gita completa con 13 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 3000
attrezzatura :: scialpinistica
Ottime condizioni, neve dall'arrivo degli impianti,in salita passati dal Mantova, ma con i ramponi si sale il canale, crepi chiusi e tappati, quelli grandi ben visibili, neve fantastica dalla vetta, iniziato discesa ore 12.30, il canale sotto il Mantova ben sciabile (ore 13.15).
Ottima ultima di stagione

[visualizza gita completa con 4 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
note su accesso stradale :: No problem
quota neve m :: 3000
attrezzatura :: scialpinistica
4 stelle per la fatica sennò 5 andavano bene. Battuto traccia coi ramponi dalla funivia all'uscita del canale di sinistra in vista di Gnifetti. 30 bei cm cesellati da scalini del sottoscritto. Mi ha tagliato le gambe, i 4000 si sentono, forse anche l'età. In realtà nel confronto con lo scorso anno (12 luglio) non è che ci sia poca neve, anzi: una spolverata oggi una domani. Bella neve anche in cima, disomogenea per il vento ma ben sciabile. In basso la neve caduta è marcita un po' però davvero non ci si può lamentare. Sabato e domenica sarà ancora buona. Salito dalla normale e sceso dalla ripidina passando alla destra della seraccata scendendo (più omogenea meno paranoie per i buchi). Comunque uno non l'ho visto se non a un metro. Vento gelido, faccia a terra. Troppo, occorre attenzione per i buchetti. PS NB: ho stretto troppo la curva attorno a seraccata. Basta seguire la traccia descritta da Itinerario, quella fatta anche dagli alpinisti e no problem.

[visualizza gita completa con 6 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: pulite
quota neve m :: 2700
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti da Alagna con la prima funivia dall'arrivo di indren siamo saliti per buona tracci alungo il canalino (non necessari i ramponi). Vento fresco e transiti nuvolosi con grandi nubi fanno temere quello che puntualmente è avvenuto: densa nebbia sopra i 4000 metri e visibilità nulla.
Siamo riusciti a raggiungere in ogni caso brancolando nel biancore abbagliante il colle del Lys per poi abbassarci al Balmenhorn da cui siamo scesi al colle Vincent. In presenza di forti raffiche di vento abbiano raggiunto la cima della Piramide Vincent
Buona discesa su bella neve
Ghiacciaio che presenta crepacci già molto ampi per la scarsità di neve

con Mauro e Demis

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Punta Indren
quota neve m :: 3000
attrezzatura :: scialpinistica
Oggi scendendo alle 11 splendida neve trasformata e la nebbia non ci ha mai rovinato la discesa. Canalino per scendere ad Indren cotto al punto giusto.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Dalla funivia indren
quota neve m :: 3000
attrezzatura :: scialpinistica
Non potendo salire alla capanna per le condizioni meteo, abbiamo ripiegato sulla piramide Vincent.
Molto vento con nebbia a tratti con sole.
Neve portante con polvere compressa dal vento.
Molta gente.
Un saluto alla compagnia Giorgio,Mario e Danilo!
Ci rifacciamo la prossima volta!

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: .
quota neve m :: 2600
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti da Gressoney un po' tardi per l'ultima scialpinistica dell'anno. 2 giorni con notte al Mantova.

Giornata splendida, pochi crepacci aperti e ben visibili.

Bella salita, vento forte in cima. La neve in discesa aveva già mollato un po' troppo ma comunque sciabile.


Saluto i soci: Bruna, Elsa, Beppe, Elio, Luigi, Marco Walter.




[visualizza gita completa con 4 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta non portante
note su accesso stradale :: nessun problema
quota neve m :: 3000
attrezzatura :: scialpinistica
L'inaspettata nebbia ha reso la salita una gara di orientamento, visibilità praticamente nulla, mentre a scendere al posto della powderella abbiamo trovato crostaccia!
Che dire? Una delle peggiori sciate mai fatte, se poi si aggiungono i buchi nel ghiacciaio del Lys e la visibilità nulla...
con Marco, Luca e Francesca (unica di noi che non ha sofferto la quota dando la pappa a tutti gli ometti!!!)


[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta non portante
note su accesso stradale :: nessun problema
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Crepacci ben chiusi e nessun problema. Peccato solo che ci aspettavamo la neve fresca appena caduta e invece abbiamo trovato crosta lungo tutto il percorso. Poi visibilità quasi nulla... Pazienza, capita
Io, Vittorio, Luca e Francesca


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: /
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Dalla partenza della funivia di Punta Indren abbiamo optato per il traverso, ghiacciatino ma si saliva anche senza coltelli se si è un po' pratici. A seguire buone tracce e ottima tenuta delle pelli. Crepacci abbastanza chiusi, c'è un passaggio obbligato solo poco prima del bivio per girare alla Vincent. In discesa, dalla punta fino a reimmettersi nella traccia che sale al colle del Lys neve farinosa spettacolare. A seguire, stando in parte sulla dx scendendo trovato neve trasformata con una spanna di fresca. Dal rif. Mantova fino alla macchina neve primaverile. Si arriva con gli sci all'auto, tolti solo una volta nell'ultimo pezzo di pista/stradina e per pochi metri.
Tantissimi ski alper hanno approfittato della bella giornata e delle ottime condizioni.
Con Leo e in parte Fulvio che si è fatto una bella tirata fino alla Capanna.
Panorami sempre stupendi


[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Ok fino a Staffal
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Speranzosa di ritrovare le condizioni stupende di 1 anno fa, mi sono invece fermata 100m sopra la Capanna Gnifetti x raffiche di vento freddo che mi buttavano x terra e neve ghiacciata.
La gestrice ha detto che anche il giorno successivo ci sarebbe stato vento a 45 Km/h;
sarei tornata a Torino;
il mio tenace socio ha voluto pernottare al Mantova.
Un saluto a Wolfango


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Staffal
quota neve m :: 1900
attrezzatura :: scialpinistica
Dormito alla Capanna Gnifetti , al risveglio un vento molto forte ci ha fatto ritardare la partenza di almeno un’ora. La meta era Capanna Margherita ma il vento a raffiche ed il freddo intenso ci hanno fatto dirottare verso la Piramide Vincent. Per fortuna abbiamo messo i ramponi 100 metri sotto la vetta perché in vetta facevi fatica a stare in piedi dal vento forte. Scesi su neve dura che non ha mai mollato. Crepacci ben chiusi e condizioni del ghiacciaio buone. Molta gente su tutti gli itinerari. In ogni caso fantastica discesa fino a Staffal dove per fortuna nel canale la neve era molla al punto giusto.Risalito breve tratto che permette di arrivare al Gabiet dove poi abbiamo seguito le piste senza mai togliere gli sci.(il vento farebbe togliere una stella ma l'ambiente no) In compagnia di Sara ed Andrea.

[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: ok
attrezzatura :: scialpinistica
Bella gita in compagnia del gruppo CAI Pinasca, in grande forma.
Con la prima corsa degli impianti alle 8.45 salire in giornata, soprattutto in giornate calde come queste, vuol dire prenotare il “polentone” per la discesa… e così è stato, almeno dal rif. Mantova in giù (n.b. lasciato il rif. tardi, dopo le 15).
Salita prima la Vincent, poi ridiscesi al colletto e risaliti al Balmenhorn per una visitina al Cristo delle Vette (prima volta per me). Così facendo abbiamo potuto goderci in discesa il dolce pendio (espos N) dietro al Balmenhorn (ancora in farina) e ricongiungerci con la traccia di salita.
Giornata dal meteo quasi perfetto:peccato solo per quel po’ di nebbia (tutt’altro che fitta per fortuna) incontrata in discesa prima dei rifugi, tratto più delicato come detto nelle altre relazioni di oggi, dove comunque i due crepaccioni si superano ancora agevolmente.
Discesa fino a Staffal (ancora sci ai piedi, anche se in un paio di punti la neve se ne andrà presto) non particolarmente difficile, ma da non sottovalutare per la lunghezza e l’eventuale stanchezza accumulata.

[visualizza gita completa con 9 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: strade pulite
quota neve m :: 1300
attrezzatura :: scialpinistica
Meteo favorevole e ottima giornata di sci-alpinismo. Visto il notevole dislivello la consistenza nevosa è ovviamente variabile, ma sempre ben sciabile, come descritto anche nei precedenti commenti di questa bella giornata.
Siamo arrivati a Indren con la funivia da Alagna, e senza allenamento in quota, il tratto finale della salita è stato per me lento e faticoso, ma la soddisfazione di raggiungere la vetta non è mancata...
Come ho scritto prima le condizioni per la discesa sono state buone in generale, ma soprattutto favorevoli per me/noi, per la conduzione "magistrale" scandita da Franco G.: geometrie (perfette) e ritmi sempre in sintonia con la morfologia della discesa (come avevo riscontrato -e ammirato- in una precedente circostanza). Questa volta anche su tratti più lunghi: inesauribile la capacità di rilanciare la discesa dopo ogni curva...
Dal Gabiet, risalita con gli impianti (che in questa circostanza ho apprezzato molto...) fino al passo dei Salati, e quindi ancora una "discesona" su Pianalunga/Alagna.
Con il caposcuola Franco G., e con gli ottimi "allievi" Ugo e Susanna Z.: discesa/sciata "spettacolare"...


[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: umida
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: Niente di rilevante
quota neve m :: 1600
attrezzatura :: scialpinistica
Concordo con quanto detto dalla relazione precedente: la parte alta della gita su bella neve compatta (occhio ai crepacci che con il caldo di questi giorni si stanno aprendo), mentre più in basso, complice anche il gran caldo, la neve iniziava ad essere parcchio marcetta. In complesso, però una bella sciata dalla cima fin giù a Gressoney.

Gita sociale con il CAI di Pinasca: un gruppo di quattordici simpatici amici con cui condividere questa fantastica avventura sul Monte Rosa...grazie ragazzi di aver partecipato all'uscita e di aver reso fantastica questa giornata! Un saluto a tutti ed alla prossima gita.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale ::
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
Giornata stupenda, saliti a dormire alla Gnifetti per evitare la sfacchinata in giornata (viaggio incluso).
Ghiacciaio abbastanza chiuso, solo un paio di tratti obbligati su ponti di neve (ma non allontanarsi mai troppo dalla traccia, non si sa mai....).
La prima parte della discesa dalla vetta è su neve ventata, il resto neve buona, un po' marcetta (data la giornata calda) da appena prima il Canale dell'Aquila.
Un grazie a Marco, Davide, Stefano e Vittorio.
In particolare, un grazie enorme a Marco per avermi convinto a riprendere gli sci dopo tanti, tanti anni.


[visualizza gita completa con 6 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
neve (parte inferiore gita) :: altro
note su accesso stradale :: Strada per Gressoney-Staffal ottima
quota neve m :: 1600
attrezzatura :: scialpinistica
Partito dall'impianto di Punta Indren alle 10:00 con neve dura e condizioni meteo ideali: no vento, caldo ma non eccessivo. Si segue "l'autostrada" dirigendosi con ampio semicerchio verso il rifugio Mantova sulla sx degli impianti. Diversi scialp nel canale della Gniffetti. Utili in alcuni tratti verso il Colle del Lys e poi vero la salita finale alla cima. Crepacci ben chiusi ma prestare comunque attenzione. Discesa fino a Gressoney su neve di ogni tipo ma sempre ben sciabile. Canale dell'Aquila con neve dura e "gobbe" un po' fastidiose (tratto più impegnativo)
Grazie a Matteo per la compagnia e la birra al Gabiet


[visualizza gita completa con 5 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta non portante
note su accesso stradale :: libera
attrezzatura :: scialpinistica
Giornata molto bella e non troppo calda,ma il vento nei giorni scorsi ha rovinato parecchio le condizioni della neve,ghiaccio a tratti sulla rampa finale che conduce alla vetta,buchi ben chiusi dalla tanta neve di quest'anno.
con enrico


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: umida
neve (parte inferiore gita) :: umida
quota neve m :: 3000
attrezzatura :: scialpinistica
ancora ottime condizioni, gli sci si mettono e si tolgono alla funivia (a parte, ovviamente, per salire il ripido canalino)-si fa comodi in giornata, ma la discesa a mezzogiorno si fa con neve pesante faticosissima, mentre chi è sceso prima delle 11.00 ha trovato favolosa neve dura
ringrazio la meravigliosa Chiara che, pur essendo un perfetto sconosciuto, mi ha prestato gli occhiali da sole salvandomi la giornata (e la vista)


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: umida
attrezzatura :: scialpinistica
Saliti dai canali, poi fatto "curva stretta" sopra i seracchi (esposizione ovest) con piccozza e ramponi per esplorare un eventuale ripido (vedi foto su itinerario). Neve ben dura in salita e vento freddino in cima. Discesa dalla traccia di salita, prima parte a 5 stelle abbondanti (consigliabile): ampi spazi lisci come palla di biliardo. Non male fino ai canali, il Grande Marcio nel canale di destra (scendendo). Pericoloso a piedi, cioè da non fare. Gran finale, bisogna arrendersi all'evidenza dell'estate. Quasi tutti a piedi per vari itinerari.

[visualizza gita completa con 9 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2500
attrezzatura :: scialpinistica
SALITA
Purtroppo tempo peggiore delle previsioni, pioggia in anticipo già a Staffal, nevica da 2500.
Partiti da Indren alle 9.30, insieme ad alcuni altri gruppi, tutto sommato non c'è vento e la visibilità è discreta. Canalino risalito coi ramponi. Crepacci chiusissimi. Arrivati in cima alle 12 senza problemi a parte gli ultimi 30 metri con vento molto forte....permanenza in cima impossibile, poca gente in giro.

DISCESA
A parte i suddetti primi 30 metri, discesa tutto sommato bella e molto lunga...quasi fino al Gabiet. incredibile per essere quasi a luglio
Fin sui 3800 neve ventata non facilmente sciabile poi 5-10 cm di fresca che stava cadendo, fin sui 2800 m.
Canalino bello con 20 cm di neve fresca portata dal vento...peccato ci fosse gente che salisse. Il tratto più bello quello sotto Indren fin sui 2800. Poi neve sfondosa e tante spinte nei 2 pianori. Con un paio di gava e buta si arriva quasi alla strada che riporta al Gabiet (2450m). Arrivati alle 14 sotto la pioggia.
Primo 4000 con gli sci....la prossima volta speriamo in un po' più d'estate. Scendendo, già sole in bassa valle e caldo in pianura.


[visualizza gita completa con 5 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 2500
attrezzatura :: scialpinistica
Ottime condizioni, effettuabile in giornata anche senza prendere la prima funivia... Crepacci ben chiusi, tranne quelli a voragine, comunque evidenti.
Partiti 6:15 da Genova; alle 12:45 in vetta! Acclimatamento da manuale... con FraMaina zavorrato per rallentare la sua turbina!!!

pics su -vincent---23-giugno-2013.html



[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: umida
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Una festa della scialp, complice apertura e gratuità impianti di Gressoney.
Oggi molte persone,condizioni perfette,ghiacciaio in ottime condizioni,polvere in alto,neve bagnata e sfondosa sotto il Mantova, poi bagnata ma portante sulle piste battute,con gli sci fino a Staffa

[visualizza gita completa con 3 foto]
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
Giornata bellissima, nonostante il meteo non era molto ottimista. Partenza alle 4:00 da casa per prendere le prime funivie, aperte gratuitamente dalle 6.00 alla 8.00. Tantissime persone in occasione del Mezzalama, ghiacciaio ben coperto grazie alle nevicate dei giorni precedenti; 15 cm di neve fresca da urlo nella parte alta, in basso invece trasformata. E’ stata un occasione da non perdere….

[visualizza gita completa con 7 foto]
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
La mia relazione questa volta arriva in ritardo, ci hanno già pensato Flypon, C.M.S a relazionare la gita, ottima giornata per la festa dello sci alpinismo, un grazie agli organizzatori e tutti i volontari che hanno fatto si che la manifestazione si svolgesse nel migliore dei modi e senza intoppi, un BRAVISSIMO a tutti gli atleti, maschili e femminili, sicuramente è una grande soddisfazione partecipare a questa gara, un saluto a tutta la compagnia con cui condivido sempre belle gite e ottime giornate, Osvi the President, Ila, Piero, Mario, Dino, Rodo, Simona Rinaldo, Lorenza e restanti del gruppo, un'ottimo battesimo di Ila per il suo primo 4000, sicuramente lo ricorderà ogni volta che ci sarà il Mezzalama e dirà "c'ero anch'io" brava!

[visualizza gita completa con 9 foto]
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
attrezzatura :: scialpinistica
Oggi festa dello scialpinismo . Saliti Da Indren partendo alle 7.20 circa, approfittando della gratuità degli impianti, come tanti altri ( più di 700 persone dicevano sul palco della premiazione del trofeo mezzalama). Non abbiamo fatto il canalone ma passati su una traccia bassa per sbucare a destra del rifugio mantova. Verso le 9.00 quando avevamo superato il rifugio gniffetti arrivavano i primi garisti del mezzalama così veloci che non ho avuto il tempo di metterli a fuoco con la macchina fotografica. I secondi sono passati a due minuti e poi via via gli altri più sgranati. Noi abbiamo continuato per la Vincent. Giornata limpida inizialmente ma già in punta si intravedevano i nuvoloni totto intorno. Discesa dalla punta su circa 15 cm di neve farinosa recente molto bella fin quasi ai rifugi dove abbiamo fatto una pausa. Poi giù passando sul canale a destra rispetto a quello della gara su neve sempre più marcia ma ben sciabile senza mai sfondare troppo. Dal Gabbiet a destra ancora su piste chiusefino a gressoney con qualche gava e buta sulla stradina di collegamaento in basso. Arrivati in fondo ha cominciato a piovere ma poi ha smesso consendendoci un abbondante picnic e infine andare a vedere la premiazione del mezzalama.
In compagnia del mucchio con Piero C.M.S.,Sepp.,Dino,Lorenza, Osvaldo, Roberto, Simone, Gimignano, Ilaria, Simona, Rimaldo, Rudi, Stefano, Paola, Chantal...Grazie a Livio che ha battuto traccia per primo fino in punta!


[visualizza gita completa con 1 foto]
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
Condivido perfettamente il commento dell'amico Livio.
Giornata spettacolare nella cornice di un Trofeo Mezzalama
stupendo. Una festa dello sci alpinismo, e un grazie alla
Società Impianti di Gressoney che ci ha regalato una
salita fino all'Indren dalle 6 del mattino.
Mucchio selvaggio molto nutrito con Osvi the President, Sepp57
Lorenza, Fyplom, Dino Gallo, Rinaldone, SImone, Roberto, Simona
una SuperIletta oggi al battesimo del primo Quattromila.
Complimenti a tutti gli atleti del Mezzalama, soprattutto
alla sfortunata squadra del nostro amico Chri76.


[visualizza gita completa]
attrezzatura :: scialpinistica
Oggi in tantissimi a usufruire della gratuità degli impianti in occasione del Mezzalama....Anch'io ad incoraggiare figlio, nipoti e molti amici partecipanti!! Prima però saliamo su questa punta e, nonostante l'affollamento in direzione colle del Lys (e oltre...), mi trovo col socio Luciano a battere traccia ed a scendere sul pendio intonso dei primi 250 m di disivello da 5 stelle!!
Discesa interminabile sci ai piedi fino a Gressoney con neve progressivamente più cedente...
Giornata stupenda col meteo favorevole a fare da cornice ad un "Mezzalama" straordinario. - 104 -

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: umida
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Giornata spettacolare.
Prima funivia alle 7.00, ultima alle 16.15 fino al 5 maggio; riapertura impianti a fine giugno.
Biglietto obbligatorio A/R 31 euro.
Guide Alpine e bollettini danno rischio 2, in aumento a 3 nelle ore centrali; alle casse invece la scritta scorrevole minaccia rischio 4, ma x fortuna valanghe non se ne sono viste.
Per info Monterosa ski: 0125.303111, quando rispondono...
Affollamento incredibile, tanti garisti in tutine aderenti dal fisico invidiabile e skialp di tutto il Nord Italia sui vari itinerari ben tracciati e segnalati dalle paline rosse allestite per il Mezzalama, annullato.
La prima deviazione e' a dx x la Giordani, noi seguiamo la massa nel traverso a sx dove si perde un po' di quota.
Coltelli utili a inizio e fine gita.
In punta senza ramponi.
Ho fatto Vincent, Parrot, Margherita, Zumstein, Naso del Liskamm a piedi; finalmente raggiunto un 4000 del Rosa con gli sci; forse la volta che ha fatto piu' caldo, mi e' bastato uno zainetto stile Musine'.
Discesa x i miei gusti goduriosa e divertente, che in basso mette alla prova i quadricipiti.
Siamo finiti nello stretto e ripido canalino dell'Aquila; fatta una capriola sul finale, riatterrata in piedi e proseguito la discesa.
I soci con ciaspole ripreso la funivia x eccessivo sprofondamento.
Noi a Staffal con gli sci ai piedi, 2400 m dsl.
Piacevole sosta sull'assolata terrazza del bar walser " La fenice del barone" di Staffal.
Grazie ai miei inarrestabili compagni di gita : Antonio e Graziano con racchette + Giorgio e Carlo con sci, un po' diffidenti e scettici riguardo le mie valutazioni, ma alla fine penso soddisfatti x la mia scelta!


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: altro
neve (parte inferiore gita) :: umida
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Grazie all'apertura per qualche giorno della funivia alle 7 da Stafal quasi tutte le "classiche" sono fattibili in giornata. Finalmente! Un sacco di gente ma su posti così, a volte, non disturba ed è bello che la gente vada in montagna. Tempo magnifico prima dell'arrivo della bufera. Neve buona in discesa solo fino al Canalino dell'Aquila (che è già in condizioni disastrose). In generale meglio non uscire dalle tracce perchè i crepi sono tanti.Si riesce ad arrivare a Stafal con gli sci senza problemi anche se su neve marcia.
Grazie ai miei amici con cui ho potuto realizzare un sogno proprio il giorno del mio compleanno!


[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto cadere valanghe a pera
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
attrezzatura :: scialpinistica
Giornata molto calda, siamo saliti direttamente alla Gnifetti dal canale che era in buone condizioni,l'abbiamo invece evitato in discesa (al ritorno a Indren abbiamo notato come la parte destra avesse scaricato in giornata).
Niente da segnalare sulla parte alta, crepi o aperti e ben evidenti oppure completamente chiusi.
FedO, Mazzo, Marcello


[visualizza gita completa]
attrezzatura :: scialpinistica
Il fastidioso vento freddo ha spazzato la neve facendo affiorare ghiaccio, rendendo visibili diversi buchi. Oggi uno svizzero, che doveva partecipare anche lui al mezzalama, e' caduro in un crepaccio e non fara' piu' ritorno a casa. Un abbraccio alla sua famiglia. Oggi tanta gente in giro...e tanti slegati...purtroppo!!!

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: umida
neve (parte inferiore gita) :: umida
quota neve m :: 1200
attrezzatura :: scialpinistica
Grande classica, unici ad arrivare in cima. Abbiamo quindi fatto traccia.
Belle prime virgole, poi sul ghiacciaio neve rotta e umida.

Con Albi T


[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: altro
neve (parte inferiore gita) :: altro
attrezzatura :: scialpinistica
partito con il sole arrivato sulla cima con la nebbia e il vento,neve sempre dura e compatta buona per la traccia di salita, una formalità per la discesa nella nebbia. Crepacci che non davano preoccupazione e innevamento buono fino al rifugio gnifetti, poi le onde formate dalla restante neve hanno limitato la velocità anche con la visibilità.Canale ancora fattibile in salita con un occhio ai primi metri (ghiaccio) per la discesa, poi traccia evidente.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti con la prima Funivia da Alagna, siamo arrivati all'Indren intorno alle 8,20. Siamo partiti praticamente dalla Funivia sci ai piedi, abbiamo optato per il giro dal Mantova per arrivare alla Gnifetti, portando gli sci a spalla per una mezzora. Dal Rifugio Mantova copertura continua. Un paio di persone sono salite dal canale diretto. Dal rifugio Mantova abbiamo trovato qualche raffica di vento sporadica. Vento sostenuto ma non freddo o fastidioso, fortunatamente solo qualche raffica. Per il resto giornata limpidissima con un panorama eccezionale su tutto l'arco Alpino: dal Monviso al Monte Bianco. Molte cordate a piedi ma non scialpinisti, il ghiacciaio è ancora ben coperto i ponti di neve sono molto larghi, arrivati in cima con gli sci. Discesa entusiasmante con neve dura nel primo tratto per trovare successivamente polvere prima e firn dopo, con sciata superlativa fino al Rifugio Mantova.
Un saluto ad Osvaldo che ha condiviso con me questa gita e ad Assunta, Luigina e Walter incontrati ad Alagna e diretti ad un altra meta


[visualizza gita completa con 19 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
quota neve m :: 3000
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti abbastanza tardi verso le 9.00, se non si beccano le coincidenze giuste specie sull'ultimo tratto di funivia tocca spettare. Dall'arrivo della funivia dell'indren abbiamo fatto l'itinerario b) perdendo quota e passando sotto il rifugio mantova togliendo gli sci per brevi tratti tre o quattro volte e al ritorno abbiamo ripellato. Con la neve così marcia non ce la siamo sentiti di fare il canale diretto. In punta un po di vento freddo che ha mantenuto la neve dura ma scendendo di quota neve sempre più molle ma ben sciabile fino ai rifugi. Qualche crepaccio comincia ad aprirsi. Oggi primo giorno con gli impianti aperti da Gressoney. Gli impianti aprono alle 7.30 e costa 31.00 euri andata e ritorno per Indren.
Con Rinaldone.


[visualizza gita completa con 10 foto]
attrezzatura :: scialpinistica
Gruppo ristretto per l'ultima gita sa2.
Ultimi metri tempo maffo. Neve difficile da scendere nella prima parte poi polentona. Bravi gli allievi che hanno conluso questo corso alla grande.
Complimenti anche al boggi che si fa il suo primo 4.000 con il telemark.. e su una neve del genere chapeau.

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta non portante
attrezzatura :: scialpinistica
Giornata fredda, salita fatta in giornata , vento forte dal Rif. Mantova in su , non ne parliamo in vetta , rinunciato al Cristo delle vette ,parecchia neve scesa nei giorni scosi non facile da sciare, buchi chiusi, verso la Margherita nessuno in compagnia del bel gruppo di amici.

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta non portante
attrezzatura :: scialpinistica
La salita della Vincent in giornata partendo da Genova dicono che si fa, ce l'abbiamo fatta, ma a l'è dua!
Il vento ha sferzato tutto il giorno in quota, salita effettuata con il sole fino all'ultima rampa poi le nuvole, che lentamente salivano, ci hanno raggiunto limitandoci parecchio la visibilità anche in discesa. Vento molto forte in prossimità della vetta.
I crepacci cono tutti chiusi.
Neve crostosa non portante e ventata ma stabile, in discesa: un incubo! La qualità della nave rimane tale fino in fondo, anche nel canale dell'aquila.
Nonostante tutto una bella gita, anche se in condizioni severe!

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: crosta non portante
attrezzatura :: scialpinistica
Saliti col sole scesi nelle nuvole. Saliti slegati, crepi chiusi. Neve in discesa orrenda, tanta, crostosa, bagnata pesante, tranne I primi 300mt dalla cima, li bella farina.
In alcuni punti visibilita' zero abbiamo seguito la traccia di salita. Bell'ambiente. Grazie a Enrico.

[visualizza gita completa con 1 foto]
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
Gita con fede e enry perche dovevamo dire "questa è l'ultima della stagione!"
Meteo bello e discesa in buona visibilità.Parte alta 10 cm powder su fondo duro duro, poi cremina velocissima! divertiti un sacco. canali sotto il rifugio gniffetti ancora ben divertenti su neve marcia!
ciao Dax

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: umida
attrezzatura :: scialpinistica
Primo maggio sulle tracce del Mezzalama. Partito da Alagna con l'allegra compagnia al completo, non mi lascio intimidire dal forte vento presente alla Gnifetti. E sono ricompensato: in vetta bava di vento, panorama super e discesa sull'ultima polvere della stagione. Pro sit!

[visualizza gita completa con 2 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: umida
attrezzatura :: scialpinistica
seguita la processione; bellissima mattinata e bella discesa

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: umida
attrezzatura :: scialpinistica
Non siamo arrivati in cima ma ci siamo fermati poco sopra il rifugio Gnifetti per vedere passare gli atleti del mezzalama. Dopo aver visto i primi siamo scesi lungo l'tinerario della gara fino al Gabbiet, una lunga ma bella discesa!
Abbiamo incontrato diversi gulliveriani tra cui Jacolus e volevo segnalare l'ottima prestazione di "Chri76" che con la sua squadra è arrivato 71° al trofeo. Bravi tutti nonostante il gran freddo!


[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: umida
attrezzatura :: scialpinistica
..più che una gita una processione, ma c'era da aspettarselo con funivie gratis in occasione del Trofeo scialpinistico più bello e blasonato della storia...Oggi con mark, Icio e Piera per vedere dei grandi atleti nello scenario maestoso e sempre magnifico del Monte Rosa.

[visualizza gita completa con 10 foto]
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2400
attrezzatura :: scialpinistica
nella giornata del mezzalama affollamento ovunque. Gita facile e panoramica, consigliata a tutti con i dovuti accorgimenti

[visualizza gita completa con 8 foto]

Ci sono anche stati ...

  • 04/05/13 - skijjo
  • 29/07/08 - sborderzena
  • 30/05/87 - nevfres
  • Caratteristica itinerario

    tipo itinerario: ghiacciaio
    difficoltà: BSA :: [scala difficoltà]
    esposizione preval. in discesa: Sud
    quota partenza (m): 3275
    quota vetta/quota massima (m): 4215
    dislivello totale (m): 940

    Ultime gite di sci alpinismo

    06/07/19 - Fletschhorn versante NO per il Grubengletscher - pmarvi
    NOTA SULLA VIABILITA: Attualmente la strada è percorribile a pagamento (10 CHF solo in moneta al parchimetro del parcheggio di fronte all'inizio della strada) fino a 2300 m dove la sbarra (quella che [...]
    06/07/19 - Coronet Peak versante sud - Matteo Bosco
    Sgambata mattutina motivata dalla spolverata di neve caduta in nottata. In realtà le piste sono ancora in condizioni di inizio stagione, con lastre di ghiaccio e diverse pietre. Bello il panorama dalla cima.
    06/07/19 - Naso (Punta del) dal Passo dello Stelvio - joevaltellina
    Sci ai piedi dal passo dello Stelvio: cielo azzurro, temperature estive, niente vento. Saliti prima sulla Punta del Naso, poi a piedi, per mancanza di neve, sul Monte Scorluzzo.
    06/07/19 - Pers (Aiguille) da Pont de la Neige - p_dusio
    Ottimo rigelo neve molto dura. Traverso molto duro coltelli necessari Trincea scavata sul traverso , per l’arrivo in vetta di una ultra maratona di corsa di 110 km di sviluppo ! Discesa su piste praticamente perfette fino alla macchina
    01/07/19 - Marmolada, Punta Rocca dal Lago Fedaia - bomber
    Incredibile sci alpinistica ad inizio luglio in Marmolada!! Ovviamente in pantaloncini corti. Salito dai Fiacconi a Rocca su neve sempre bagnata ma mai sfondosa (17gradi al Fedaia alle 8 di mattina). [...]
    01/07/19 - Pers (Aiguille) da Pont de la Neige - bagee
    Rigelo ovviamente assente ma neve portante ormai ben assestata anche se molle; toccato prima la vicina Pointe e poi all'Aiguille lasciando gli sci a 30 m. dalla cima; discesa iniziale piuttosto sfondo [...]
    30/06/19 - Giordani (Punta) da Indren - dino.gallo
    Ancora fattibile , ghiacciaio tutto chiuso , molta gente sul percorso , pochi con gli sci , da afre con la prima funivia , dopo sconsigliabile per la neve cotta dal sole !