Piccolo Altare quota 2620 a Nord-Est (Brusiccia) da Rima

neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1300
attrezzatura :: scialpinistica
Gite a sud in Val Sermenza in ottime condizioni. In 3 siamo saliti alla Brusiccia, altri 2 di noi al Colle del Vallé.
Entrambe le gite in neve trasformata con ottimo grip in salita e 5 stelle in discesa a fine mattinata.
Unico neo un nuvolone ad ora di scendere che appiattiva un po' la visibilità, ma almeno ha impedito che la neve diventasse polenta.
Neve tutta compatta, niente sfondamenti, colla o marcioni, oggi facile anche il pezzo rognoso tra Lanciole di Sotto e la confluenza dei torrenti. Parecchi camosci nei paraggi.
nuovamente aperto il varco nella valanga prima del paese dopo l'ultima nevicata
fauna locale...
pendio sotto il deposito sci

[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: molto bagnata
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 1200
attrezzatura :: scialpinistica
Già scoppiata l'estate! Non c'è stato rigelo e fuori dalla traccia si sfondava già al mattino. La prima ora non si riusciva a salire dal caldo, poi per fortuna è arrivato un venticello che ci ha permesso di finire la gita e ha rallentato leggermente lo squagliamento della neve.
Lo zero termico a 2600 metri non lo abbiamo proprio notato!
Prendendo velocità si stava a galla, le curve in qualche modo si potevano fare. Sotto Lanciole speravamo che la neve schiacciata dalle sciate precedenti tenesse ma era una pia illusione.
Sconsiglio vivamente di perdere uno sci in salita perché andarlo a recuperare scendendo a picco attaccandosi a ontanelle e rododendri in un metro di neve marcia non è poi così divertente (magari però lo è per gli spettatori...)

[visualizza gita completa con 2 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: umida
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: Nulla da segnalare
quota neve m :: 1500
attrezzatura :: scialpinistica
Neve pesante e umida anche al mattino presto,in salita molto caldo,ma i versanti a rischio hanno già scaricato. La discesa dal colle è stata comunque molto piacevole e divertente. Un grazie a Stefano , per la compagnia nella parte finale della discesa dall'alpe Lanciole a Rima, dove si riesce ad arrivare ancora sci ai piedi.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: pulita
quota neve m :: 900
attrezzatura :: scialpinistica
Mai vista tanta neve, neanche nell'annata del 'fiucùn' in cui ne erano venuti 10 metri durante l'inverno.
A Rima si traversa tutto il paese in trincea, nella piazza della chiesa il muro col segno della nevicata storica di fronte alla chiesa è coperto fino quasi al tetto. Torrente Lanciole completamente pieno e sciabile, delle baite di Lavazei sporge un pezzo di tetto. Firn da cima a fondo, bello compatto e granuloso. Ci siamo fermati sotto un tetto della parete finale, dove l'acqua di scolo dalla roccia ha creato delle forre di oltre 2 metri. Non saprei proprio dire quanta neve avevamo sotto gli sci!
Scesi alle 11, direi l'ora ottimale, neve cotta a puntino, leggermente indietro in alto e già stracotta nella parte bassa del canale.
Un'altro skialper ha fatto il Piccolo Altare in ottima condizione, la valanga scaricata dalle rocce al sole è tutta a sinistra del percorso di salita. Canale del Piglimò intatto salvo una lingua di valanga dalla cima Chiara aggirabile sulla destra orografica.
Le foto di Rima le ho fatte il giorno dopo, si notava già la diminuzione dello spessore delle neve.

[visualizza gita completa con 9 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
neve (parte inferiore gita) :: crosta non portante
quota neve m :: 1400
Pensavamo che la neve caduta nei giorni scorsi fosse migliore ed invece... è bastato un giorno di "mezzo sole" che ha completamente rovinato il tutto!! Deciso di salire su questo itinerario perchè sicuro. Salendo abbiamo deciso di fare una variante alla via normale passando molto + a destra, sotto il torrione che divide la brusiccia dal vallè (gran sassi e nient'altro). Arrivati fino a quota 2550 decidiamo di scendere poichè i pendii che portano alla quota 2627 sono troppo pericolosi e vorremmo tornare a rima con le nostre gambe. Discesa: parte alta bella con neve un po' pesante, ma sciabilissima, parte centrale con neve insufficiente (povere solette), parte finale su crosta non portante, non sciabile, orribile!! Il posto però merita sicuramente: bella vista sulla conca di Rima!!

[visualizza gita completa con 7 foto]
neve (parte superiore gita) :: crosta rigelo non portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta rigelo portante
Speravamo di trovare neve trasformata, invece le ultime nevicate hanno creato condizioni sfavorevoli su tutti i versanti: crosta maledettissima per gran parte del percorso.
Siamo saliti fino a quota 2400 circa, fino ad entrare nella nuvola che non prometteva niente di buono, prima parte della discesa abbastanza penosa, poi qualche bel pezzo di neve dura nei pendii più ripidi. Parte bassa abbastanza dura, il tempo ha tenuto fino al ritorno.

[visualizza gita completa con 1 foto]

Caratteristica itinerario

tipo itinerario: attraversa pendii ripidi
difficoltà: BS :: [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Sud-Est
quota partenza (m): 1411
quota vetta/quota massima (m): 2620
dislivello totale (m): 1210

Ultime gite di sci alpinismo

22/04/19 - Vantacul (Monte) dal ponte di Barmafreida - lorry62
Saliti con ciaspole e ramponi alla Vergia e poi via cresta (molto bella, facile, 1 solo breve passo di misto PD-) al Vantacul. In qualche punto tenersi leggermente verso la valle di angrogna per aggir [...]
22/04/19 - Demi (Pointe du) da Fontcouverte - gondolin
Gita di Pasquetta con meteo incerto: dopo una breve esplorazione in auto verso la valle Argentera (per andare al Giornalet), cambiamo completamente direzione e puntiamo verso la Francia, dove il cielo [...]
22/04/19 - Trovat (Piz) e Sass Queder per la Val d'Arlas - joevaltellina
Saliti al Sass Queder dalla val d'Arlas su neve portante (9.00) e scesi lungo il ghiacciaio del Morteratsch (12.00) su neve ancora compatta. Giornata soleggiata e calda, senza vento.
22/04/19 - Grand Etret (Testa del) da Pont Valsavarenche - luca76
Si parte sci ai piedi e neve al limite ma continua in basso. Saliti in vetta tra molte persone che scendevano. Parte centrale con vento intenso poi fortunatamente rallenta. Scesi dalla vetta con visib [...]
22/04/19 - Cimet (le) Dal Vallon de la Grande Cayolle - anna-renato
Gita in condizione con neve continua da cima a fondo a parte (per ora ) un breve pezzo su erba verso m.2400 che poi è il tratto più esposto al sole.Agevole la salita al Petit Col de Talon con breve [...]
22/04/19 - Thabor (Monte) dalla Valle Stretta - riccardobubbio
strada aperta fino alle grange (Terzo Alpini) poi portage fino al Pian della fonderia di li neve continua... Coltelli non usati,, arrivati alla chiesetta con un vento patagonico che per fortuna al m [...]
22/04/19 - Chenaille (Mont), anticima quota 2986 m da Chatelair - brusa
Salendo in auto a Champillon, ci si può sentire a disagio con gli sci in macchina perché i prati sono già tutti belli verdi. Dal parcheggio, invece, si mettono subito gli sci. Fino alle baite d [...]